Giorno: 18 novembre 2017

18 novembre 2017 0

Report ambientale sul Cosa, in mano alla Provincia “le gioie e i dolori” del fiume

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – “Dopo l’approvazione della Cabina di Regia, il report ambientale del Contratto di Fiume per il Fiume Cosa è stato consegnato ufficialmente al Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo dal Rettore dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale prof. Giovanni Betta e dal professor Rudy Gargano. Si tratta del documento di ricognizione ambientale che fotografa le criticità e i punti di forza del territorio su cui insiste il bacino del fiume. Un lavoro meticoloso e puntuale, in cui è stato acquisito ed elaborato tutto il materiale necessario all’indagine, punto di partenza verso la fase successiva che sarà quella della progettazione degli interventi. Un lavoro scientifico di grande qualità che pone il Contratto di Fiume per il Fiume Cosa all’avanguardia nell’intero territorio regionale. Presenti alla consegna del documento, oltre al Presidente Pompeo, al Rettore Betta e al prof. Gargano, il consigliere provinciale Maurizio Bondatti, Eugenio Monaco per la Regione Lazio e il dirigente della Provincia, ingegner Secondini”. Lo si legge in una nota della Provincia di Frosinone. “Il nostro territorio – hanno spiegato nella nota il Presidente Pompeo e il consigliere Bondatti – sta dimostrando grande capacità nel recepire uno strumento di intervento innovativo come il Contratto di Fiume. Siamo alla conclusione della fase ricognitiva, ora occorre accelerare sulla programmazione degli interventi così da farci trovare pronti rispetto ai possibili finanziamenti. Un ringraziamento a tutti i componenti di questo tavolo di lavoro, in particolare all’Università di Cassino e del Lazio meridionale, ancora una volta attore imprescindibile rispetto a progetti di grande qualità e validità scientifica”.

18 novembre 2017 0

Nella sorgente del Gari “asciugata” dalla siccità, solo macerie e scarichi domestici

Di admin

CASSINO – Le sorgenti del Gari sono in secca o meglio le sorgenti sono scomparse da questa estate e scese a profondità maggiori. È davvero desolante l’aspetto che ha ora la polla d’acqua più importante di Cassino; la mancanza d’acqua ha messo in luce i detriti presenti sul fondo del laghetto evidenziando anche rottami di edilizia e blocchi non proprio naturali. Le cause di tale situazione sono da ravvisare nella forte siccità estiva che ha letterarmente asciugato le rocce carbonatiche imbrifere. Come una spugna al sole in sostanza. Quindi i suoli perdono acqua e si generano oltre che questi eventi anche i fastidiosi boati di assestamento. In sostanza ciò che si vede in superficie è quanto in profondità accade in continuazione. Purtoppo la vasca che ospitava il primo tratto del Gari è anche in parte infestata da una folta vegetazione palustre che sembra prender forza da scarichi domestici. Dalle foto pervenute si evidenzia un malsano acquitrino alimentato da un tubo seminascosto. Oltre al danno conseguenziale anche la beffa dunque. Sarebbe opportuno, in questa fase di siccità, provvedere alla bonifica del sito e alla verifica degli eventuali ed inopportuni scarichi domestici nella sorgente del fiume di Cassino. GrEg

18 novembre 2017 0

Premio Sergio Danella a Pontecorvo, ecco i vincitori

Di admin

PONTECORVO – Premio Sergio Danella, ecco i vincitori: Primo Maria Stella Delli Colli (Istituto Comprensivo 1) che ha realizzato un tema sulla storia di Pontecorvo, secondo Francesco Castaldo (Comprensivo2) con un disegno e terzo Annarita Frallicciardi (Comprensivo1) con un video. Menzione speciale per Giorgia Romano (Comprensivo 2) che ha realizzato il ponte in 3d e Giovanni Iacobucci (Comprensivo1) che ha realizzato un video sulle eccellenze pontecorvesi. Sessantanove in totale gli elaborati tra testi, foto e disegni che la giuria (composta da Adriano Danella, Luigi Danella, Vincenzo Caramadre, Stefano Gerardi e Angelo Nicosia) ha valutato. Il Premio Pontecorvo nella Storia e nella Tradizione, rivolto agli alunni degli istituti Comprensivi di Pontecorvo, è stato ideato dalla famiglia Danella, dal fratello Luigi e dai nipoti Adriano, Ester e Andrea, in memoria di Sergio Danella, professore, preside e cultore di storia locale. La premiazione si è svolta giovedì mattina nella sala consiliare del comune di Pontecorvo alla presenza del sindaco Anselmo Rotondo, delle dirigenti scolastiche e di tanti genitori. “Ha vinto Pontecorvo che, vista dagli occhi degli alunni che hanno partecipato al concorso, è più bella e più viva di quanto s’immagina. Hanno vinto tutti i ragazzi, ma soprattutto ha vinto l’idea che aveva Sergio: valorizzare e diffondere la cultura e la storia locale. Abbiamo onorato la sua memoria e aperto un solco attraverso un’iniziativa che intendiamo migliorare e cristallizzare. Ringraziamo quanti hanno collaborato alla manifestazione. A breve con la collaborazione delle scuole e del comune sarà allestita una mostra con tutti i lavori realizzati”. Hanno comunicato i familiari di Sergio Danella.

18 novembre 2017 0

Scippata ad 85 anni, donna di Cassino in gravi condizioni. Arrestato 48enne

Di admin

CASSINO – Una donna di 85 anni di Cassino è ricoverata in ospedale a Cassino in prognosi riservata a causa delle ferite riportate durante lo scippo subito giovedì. Qualcuno gli aveva strappato la borsa che conteneva il cellulare e 50 euro facendola cadere rovinosamente al suolo. Il malvivente sarebbe stato identificato dai carabinieri della compagnia di Cassino grazie alle immagini registrate da telecamere. Si tratterebbe di Michelangelo Pontone, 48 anni di Cassino, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è in stato di fermo, indagato per il reato di rapina impropria. Ermanno Amedei