Giorno: 3 dicembre 2017

3 dicembre 2017 0

Mercato settimanale, sequestrati dai carabinieri capi di abbigliamento contraffatti

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Proseguono con costanza ed impegno i servizi di prevenzione e controllo del territorio, attuati dal Comando Compagnia di Cassino, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Frosinone, al fine di imprimere una più incisiva ed efficace azione preventiva e repressiva nel contrasto dei reati in genere. Sono stati incrementati, in particolar modo, i servizi di vigilanza tesi alla captazione di soggetti di interesse operativo che si aggirano per i centri abitati e zone periferiche dei comuni di quella giurisdizione. In tale contesto i Carabinieri durante l’ultimo mercato settimanale che si tiene per le vie di quel centro, provvedevano al controllo di numerosi venditori ambulanti e della merce esposta sui banchi.

Nel corso del servizio, veniva fermato un 47enne, di origini campane, senza fissa dimora, già censito per reati contro la persona, il quale alla vista degli operanti cercava di allontanarsi al fine di eludere il controllo. Il successivo controllo permetteva di  rinvenire all’interno di una valigia in suo possesso, nr.7 capi di abbigliamento, tra cui giubbini, pantaloni del tipo jeans ed una borsa con i marchi contraffatti di griffe prestigiose italiane ed estere, appositamente confezionati senza averne la proprietà industriale. Il prevenuto, espletate le formalità di rito, oltre che ad essere denunciato in stato di libertà “commercio di prodotti con marchi contraffatti”, veniva proposto per l’irrogazione della misura di prevenzione del “F.V.O. con divieto di ritorno nel comune di Cassino per tre anni”. La merce avrebbe fruttato la somma di 500,00 euro circa, veniva inventariata e sottoposta a sequestro, per la successiva distruzione. Sempre a  Cassino, i militari del NORM della Compagnia, hanno controllato un 37enne ed un 38enne del luogo trovandoli in possesso di gr.4,530 di sostanza stupefacente del tipo hashish, pertanto, espletate le formalità di rito sono stati segnalati alla  Prefettura di Frosinone quali assuntori di stupefacenti, mentre la sostanza rinvenuta è stata sottoposta a sequestro.

Nel corso del dispositivo, che ha visto l’impiego di 6 autovetture e 12 militari, si è proceduto altresì a:

– controllare nr.5 a persone sottoposte agli arresti domiciliari;

– identificare nr.47 persone;

– controllare nr.38 veicoli;

– elevare nr.4 contravvenzioni al C.d.S.;

– eseguire nr.4 perquisizioni personali, veicolari e locali.

 

3 dicembre 2017 0

“Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità”: Per i 4,5 milioni disabili italiani ora risposte concrete

Di redazionecassino1

Oggi, 3 dicembre, è la “Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità”, istituita nel 1981, Anno Internazionale delle Persone Disabili, per promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sui temi della disabilità, per sostenere la piena inclusione delle persone con disabilità in ogni ambito della vita e per allontanare ogni forma di discriminazione e violenza. Dal luglio del 1993, poi, il 3 dicembre è diventato anche Giornata Europea delle Persone con Disabilità, come voluto dalla Commissione Europea, in accordo con le Nazioni Unite. In Italia sono circa 4,5 milioni i disabili. Dalla “Marcia silenziosa” tanto è stato fatto, soprattutto in termini di legislazione a tutela dei diritti delle persone con disabilità. Ma quanta di questa ha trovato realmente applicazione? Poca, molto poca. La disabilità ancora oggi stenta ad essere accettata sia sotto il profilo psicologico che sociale, nonostante la normativa di riferimento. Supportati da pochi servizi, mentre il peso dell’assistenza, specie in caso di disabilità gravissima, ricade quasi interamente sulle famiglie sempre più in difficoltà. Grandi gli ostacoli nel riuscire ad avere un lavoro rispetto alla popolazione generale, in città sempre più invivibili, dove le barriere architettoniche la fanno da padrone, dove la reale integrazione sociale è un’utopia. Difficile da raggiungere. Sono queste le condizioni di vita per la gran parte delle persone disabili in Italia. “Garantire alle persone con disabilità la fruizione dei loro diritti in modo pieno in tutto il Paese è la consegna che ci viene affidata dalla giornata odierna. In questo percorso, prioritari sono la ricerca scientifica a favore della disabilità e l’impegno a rendere accessibili i nostri spazi pubblici. “Garantire alle persone con disabilità la fruizione dei loro diritti in modo pieno in tutto il Paese è la consegna che ci viene affidata dalla giornata odierna. In questo percorso, prioritari sono la ricerca scientifica a favore della disabilità e l’impegno a rendere accessibili i nostri spazi pubblici”, afferma in un messaggio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Le parole, gli slogan, le giornate come quella di oggi non bastano più. Occorre cominciare a dare attuazione piena e concreta alla legislazione esistente in favore dell’integrazione sociale, ma soprattutto lavorativa delle persone con disabilità. I mezzi, le agevolazioni e le risorse economiche ci sono. Renderle partecipi del tessuto produttivo del Paese. I disabili non chiedono assistenzialismo, ma assistenza, in particolare nei casi più gravi, affinché il peso non ricada sempre e soltanto sulle famiglie. Le persone con “diversa abilità” chiedono che venga riconosciuta la valorizzazione delle loro potenzialità produttive. Chiedono città vivibili, con la possibilità di muoversi agevolmente, perché una città a misura di disabile è una città a misura di cittadino, nessuno escluso. Il disabile deve essere messo in condizione di lavorare, fare sport, viaggiare, al pari di tutti i cittadini. In altri termini bisogna cominciare a considerare seriamente la disabilità non un mondo a parte, ma una parte del mondo e della società moderna. Solo così si realizzerà la piena integrazione, l’uguaglianza fra i cittadini, principio costituzionalmente garantito, ma soprattutto una società civile. Ora i disabili non possono più attendere, occorrono fatti concreti, applicazione delle norme statali esistenti. Diversamente il 3 dicembre di ogni anno resterà solo una pura giornata sterile e celebrativa, identica alle altre, dove si continuerà, retoricamente, a “spendere” parole che, passato il momento, finiranno nel dimenticatoio, nell’oblio, come è avvenuto troppo spesso!

F. Pensabene

3 dicembre 2017 0

Rubano profilattici da un distributore automatico di una parafarmacia, arrestate dalla polizia due persone

Di redazionecassino1

Frosinone – Alle ore 22.30 di ieri giunge alla sala operativa della Questura una segnalazione di furto in danno di un distributore automatico di profilattici, posizionato presso una parafarmacia di Supino, ad opera di due persone che si sono allontanate a bordo di una autovettura VW Lupo di colore nero.

Iniziano le ricerche e poco dopo, sulla Monti Lepini all’altezza del casello dell’A1, la volante della Questura incrocia un’autovettura corrispondente a quella segnalata che procede a forte velocità e, dopo un breve inseguimento, la fermano per procedere al controllo.

A bordo un uomo ed una donna e sul sedile posteriore, all’interno di una busta di colore nero, vengono rinvenute diverse confezioni integre di profilattici, due cacciaviti e un paletto metallico, i due vengono accompagnati in Questura per ulteriori accertamenti.

Vengono visionate le immagini registrate dalla telecamera della farmacia, dove si vedono chiaramente un uomo e una donna, corrispondenti ai fermati e con lo stesso abbigliamento, che forzano il distributore automatico.

I due giovani, un trentenne del frusinate e una 25enne residente nella provincia di Roma sono stati arrestati per furto aggravato.