Giorno: 6 dicembre 2017

6 dicembre 2017 0

Roccasecca, tutto pronto per la Festa del Broccoletto dell’8 dicembre

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true }); Roccasecca – Tutto pronto a Roccasecca per uno degli appuntamenti più attesi: la festa del broccoletto, dedicata ad una delle tipicità più gustose del territorio. L’evento è in programma il prossimo 8 dicembre, in via Roma ed è organizzato dalle attività commerciali della cosiddetta piazza Longa, con il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Frosinone, del Comune di Roccasecca, della XV Comunità Montana Valle del Liri e dell’Unione Cinquecittà. La manifestazione prenderà il via alle ore 12 e saranno allestiti ben 13 stand gastronomici, dove verranno cucinate e si potranno gustare bere e proprie prelibatezze. Arricchiranno la giornata mercatini, musica, animazione, l’accensione delle luci natalizie da parte del Comune di Roccasecca e l’inaugurazione del tradizionale presepe nel Vicolo Giovinazzi. Protagonista indiscusso della giornata sarà ovviamente il broccoletto: non mancherà la famosa “frionza”, la pizzella fritta condita con broccoli, il babbà rustico con broccoli, provola e salsiccia, la zuppa di broccoli e fagioli con crostini, le lasagne con i broccoli, e infine la tipica salsiccia locale sempre accompagnata dal gustoso ortaggio. A completare l’offerta culinaria, si potranno trovare inoltre caldarroste, birra artigianale, vino novello, dolci secchi, frittelle dolci e quanto di meglio può offrire la gastronomia tipica roccaseccana. La festa che si prolungherà fino all’ora di cena e sarà l’avvio del natale per la città di San Tommaso.  “Stiamo facendo uno sforzo grandissimo – spiegano gli organizzatori che hanno dato vita all’associazione Commercianti della Piazza Longa – Antica Terra di Lavoro – abbiamo messo in piedi una manifestazione con tante novità e iniziative, proprio per valorizzare il broccoletto e un suggestivo angolo della nostra città come è appunto il Centro Storico. L’invito è quello di partecipare, sarà un modo per gustare ottimi piatti e per divertirsi”. Per chi lo vorrà, sono a disposizione le guide dell’associazione Pama per la visita guidata al Parco Archeologico dei Conti D’Aquino.
6 dicembre 2017 0

Frosinone, torna l’opera lirica: La Tosca mercoledì 13 dicembre al teatro Nestor

Di redazionecassino1

Frosinone – Il Teatro Comunale Nestor di Frosinone, per il secondo anno consecutivo, ospiterà una produzione operistica a cura di Europa Musica, organizzata in collaborazione con l’assessorato alla cultura, coordinato da Valentina Sementilli, e con il consigliere delegato ai grandi eventi, Gianpiero Fabrizi, con il sostegno della UBI Banca. La Tosca di Giacomo Puccini sarà portata in scena mercoledì 13 dicembre alle 21.

 “L’amministrazione Ottaviani è felice di poter ospitare questa straordinaria iniziativa – ha dichiarato il consigliere delegato ai grandi eventi, Gianpiero Fabrizi – Il nostro obiettivo è di poter inserire l’opera lirica, in pianta stabile, all’interno delle stagioni culturali promosse dal Comune di Frosinone, che può già contare su due apprezzate rassegne teatrali. In questo modo, la nostra città vede confermato non solo il proprio ruolo di importante polo culturale a livello regionale ma è, obiettivamente, divenuta una delle voci più autorevoli, in materia di spettacolo dal vivo, anche in ambito nazionale”. “Il Comune, del resto, continuerà a puntare sulla cultura, anche nei prossimi 5 anni – ha aggiunto l’assessore al centro storico Rossella Testa – creando opportunità di sviluppo importanti e sinergie con le eccellenze del territorio: Accademia di Belle Arti e Conservatorio ‘Refice’”. Il Maestro del coro lirico italiano, Renzo Renzi, e il segretario generale dell’ente, Angelo Scimè, infine, hanno sottolineato come l’allestimento di opere liriche sia appannaggio, in particolare, di città importanti dove, visti i volumi di maestranze e lavoro che richiede, diviene il centro della comunità. Presente alla conferenza di presentazione, il responsabile della Filiale UBI di Frosinone, Antonio Di Palo.

La regia dell’opera in tre atti del musicista di Torre del Lago su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica è affidata a Gianmaria Romagnoli; dirige l’Orchestra Sinfonica Europa Musica, Claudio Maria Micheli, mentre le scenografie sono firmate da Giovanni Di Mascolo; Maestro del Coro Lirico Italiano, Renzo Renzi. L’allestimento dell’opera avrà un impianto classico pur avvalendosi di tecnologie video che supportano la scenografia nel riprodurre strutture monumentali, come l’interno di Sant’Andrea della Valle e di Castel Sant’Angelo. Attraverso una regia a tratti cinematografica, che renderà più fruibile la rappresentazione anche per un pubblico giovane o poco abituato a questo tipo di spettacoli, sono rappresentati i diversi piani narrativi dell’opera e le vite parallele dei protagonisti.  Le vicende di Floria Tosca (interpretata dalla voce di Paola Di Gregorio), Mario Cavaradossi (Gianluca Zampieri) e il Barone Scarpia (Giulio Boschetti), sono ambientate a Roma nel 1800 e sono intrise di amore, gelosia, passione, tradimento, intrighi.

<p class=”noscript”>This app uses JavaScript. Your browser either doesn’t support JavaScript or you have it turned off. To use this app please use a JavaScript enabled browser.</p>

6 dicembre 2017 0

In Prefettura un convegno per il 91esimo anniversario di “Frosinone capoluogo”

Di redazionecassino1

Frosinone – La Sala Purificato del Palazzo della Prefettura di Frosinone ha ospitato, stamani, il convegno “VI dicembre 1926. Frosinone capoluogo della nuova provincia: storia e prospettive a 90 anni dal decreto di istituzione”, alla presenza delle autorità civili e militari. Novantuno anni fa, infatti, Frosinone vedeva formalmente riconosciuto quel ruolo di guida che aveva assunto, già nei secoli passati, per l’intero territorio. L’iniziativa, fortemente voluta dall’assessorato al centro storico di Frosinone, coordinato da Rossella Testa, è stata aperta dal saluto di S.E. il Prefetto, Emilia Zarrilli: “La celebrazione a cui prendiamo parte oggi – ha dichiarato il Prefetto – è importante, perché è importante rafforzare legame dei cittadini nei confronti della propria storia e delle proprie radici. Anche la Prefettura, dieci anni fa, ha ricordato questa data memoranda, a dimostrazione dell’unità di intenti tra le istituzioni del territorio. Soprattutto le giovani generazioni – ha concluso – hanno il compito di custodire e mantenere vivo il senso d’identità e di appartenenza alla propria terra”. L’assessore Rossella Testa ha, quindi, ringraziato il Prefetto per “l’impegno quotidianamente profuso al servizio del territorio. L’iniziativa di oggi vuole costituire un ulteriore momento di coesione sociale e di riappropriazione del nostro vissuto storico, nel quadro degli interventi di valorizzazione della nostra identità territoriale, promossi dall’amministrazione Ottaviani e dalle associazioni culturali che operano, da anni, in questa direzione”. Il convegno ha visto la partecipazione degli studiosi Costantino Jadecola e Maurizio Federico, oltre che di Francesca di Fazio, responsabile dell’archivio storico della Provincia; il dibattito è stato coordinato da Angelo D’Agostini, direttore della biblioteca comunale “Norberto Turriziani”. Al termine del convegno, è stata apposta una targa commemorativa in piazza VI dicembre.

6 dicembre 2017 0

In due irrompono in casa di un 60enne, lo picchiano per derubarlo, ma vengono arrestati dai Carabinieri

Di redazionecassino1
Strangolagalli – Nella serata di ieri, nell’aperta campagna del paese, in una modesta abitazione, un sessantenne, è seduto sul divano davanti alla tv, quando la porta si spalanca e fanno irruzione due uomini, col volto coperto da una sciarpa e un cappello calato sugli occhi. Senza proferire parole, uno si scaglia con inaudita ferocia sull’anziano, colpendolo alla testa con un bastone; l’uomo è sorpreso, attonito, cade in terra. La belva si accanisce sulla sua vittima, gli urla di tirar fuori l’oro, mentre il complice resta sull’uscio a far da palo. Sono attimi di terrore interminabili, l’anziano non possiede nulla, non può dargli nulla, continua a ricevere colpi, finché la rabbia degli aggressori si placa. Si allontanano nel nulla così come erano arrivati. Il portone era aperto, la vittima si sentiva al sicuro nella sua modesta dimora. Riprende fiato, tenta di alzarsi, poi in un momento di lucidità chiama i Carabinieri. Arrivano sul posto, una dietro l’altra, nel giro di pochi minuti, una, due, tre pattuglie più l’Aliquota Operativa della Compagnia di Sora per i rilievi tecnici del caso. I Carabinieri di Strangolagalli, unitamente ai colleghi di Monte San Giovanni Campano, di Isola del Liri e della Radiomobile di Sora, mentre cercano di carpire più informazioni possibili dall’anziano, che peraltro ha anche delle gravi disabilità, indirizzano immediatamente le ricerche su due giovani del posto già noti. La caccia, estesa su tutti i territori circostanti, si conclude, alle 21,30 successive, quando i due malviventi vengono trovati nei pressi dell’abitazione di uno di loro, ove si erano appena cambiati d’abito, probabilmente temendo di poter essere associati all’aggressione. Nel corso di un lungo interrogatorio, avvenuto in caserma, uno dei due giovani ammette le proprie responsabilità. L’ideatore del piano, quello che si era accanito con inumana violenza, è STIRPE Alessandro, diciannovenne del luogo con una serie infinita di furti alle spalle, uscito di carcere a metà novembre e di nuovo nei guai; già noto in paese per due fatti eclatanti commessi quando ancora minorenne, il furto dell’auto del comune di Strangolagalli, con la quale – privo di patente – aveva scorrazzato per il paese, finché i Carabinieri non avevano provveduto a bloccarlo e più grave ancora, il furto di tre calici contenenti ostie, dalla chiesa di San Michele. Il complice, probabilmente soggiogato dalla personalità dell’altro, è DE VELLIS Giancarlo, altro diciannovenne del luogo, anch’egli già denunciato dall’Arma di Strangolagalli per aver rubato – ancora minorenne- il cellulare di un compagno di classe. Poco fuori l’abitazione dell’anziano venivano repertati e sequestrati i bastoni utilizzati per l’aggressione. La vittima, prontamente medicata da personale del 118, riportava una “ferita lacero contusa frontale”, rifiutando, però, il ricovero per il trauma cranico patito. I due arrestati sono stati ristretti presse le camere di sicurezza in attesa del rito direttissima.
6 dicembre 2017 0

Maltrattamenti alla madre per avere i soldi per acquistare la droga. Arrestato dai carabinieri un 27enne

Di redazionecassino1

Frosinone –  I militari della locale Stazione, procedevano all’arresto in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone di S.M., 27enne del posto, già censito per reati concernenti gli stupefacenti, contro la persona ed il patrimonio. La misura restrittiva si è resa necessaria a seguito della reiterata condotta dell’uomo che, quasi quotidianamente, al fine di procurarsi il denaro per acquistare lo stupefacente, maltrattava sua madre con minacce e percosse, costringendola a continue sofferenze fisiche e morali. I Carabinieri quindi, stante le plurime e continuative violazioni poste in essere, richiedevano ed ottenevano dall’A.G. l’ordinanza applicativa di misura cautelare personale e dopo le formalità di rito, lo traducevano presso la locale Casa Circondariale, lontano dalla congiunta. Nei suoi confronti verrà inoltre avanzata la proposta per l’applicazione della Sorveglianza Speciale.

6 dicembre 2017 0

Ispezione del NAS e della Asl in frantoio del frusinate, disposto lo stop alle attività per carene igieniche

Di redazionecassino1

Frosinone – I militari del NAS di Latina hanno ispezionato un frantoio situato nella provincia di Frosinone. Gli accertamenti hanno rivelato che lo stabilimento versava in precarie condizioni igieniche, tali da richiedere l’intervento dell’Azienda Asl del posto che, concordando con il parere dei Carabinieri, disponeva la sospensione immediata del frantoio sino ad eliminazione delle criticità riscontrate.

6 dicembre 2017 0

Nelle stazioni della rete ferroviaria nazionale diventa più semplice accedere al Wi-Fi e connettersi al web

Di redazionecassino1

Roma – Da oggi, nelle 32 stazioni (di cui 9 nel Lazio) in cui è attivo il servizio Wi-Fi Station, è sufficiente inserire il proprio numero di telefono e il codice di conferma a quattro cifre ricevuto via SMS per entrare nel portale dedicato e collegarsi gratuitamente alla rete.

Nel Lazio il servizio Wi-Fi Station è presente nelle stazioni di Roma Termini, Roma Tiburtina, Roma San Pietro, Roma Ostiense, Fiumicino Aeroporto, Roma Trastevere, Roma La Storta, Cesano di Roma e Ferentino-Supino.

Sempre attiva anche la possibilità di registrarsi tramite social login, collegandosi direttamente con i propri account Facebook, Twitter e LinkedIn.

Si tratta di un’ulteriore azione di Rete Ferroviaria Italiana per permettere a passeggeri e cittadini di essere sempre connessi, con accesso anche a informazioni utili per il viaggio e sui servizi disponibili nei dintorni delle stazioni ferroviarie.

La nuova modalità di accesso al portale Wi-Fi Station rientra tra le azioni di Digital Transformation messe in campo da RFI per far diventare le stazioni luoghi da vivere, funzionali alle esigenze di una mobilità integrata e sostenibile, attraverso soluzioni innovative dedicate al viaggiatore, in linea con quanto previsto dal Piano industriale 2017-2026 del Gruppo FS Italiane.

Il servizio Wifi-Station sarà progressivamente esteso entro il 2026 a circa 620 stazioni su tutto il territorio nazionale e, con un impatto su 27 milioni di cittadini e circa 600 milioni di esperienze di viaggio l’anno, diventerà la principale infrastruttura digitale italiana e un fattore abilitante per costruire il futuro del nostro Paese, con città connesse tra loro grazie a stazioni completamente digitalizzate, sostenibili sotto il profilo energetico e accessibili a tutti.

6 dicembre 2017 0

Rubano capi di abbigliamento in un’attività commerciale, denunciate dalla polizia due donne

Di redazionecassino1

Cassino – A seguito di laboriose indagini, svolte in relazione al furto con destrezza in una nota attività commerciale della Città Martire, gli investigatori del Commissariato di Cassino hanno identificato e denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, una 44enne cassinate, già sottoposta agli arresti domiciliari.

A dare avvio alle indagini il furto di alcuni capi di abbigliamento di pregio, messo in atto da due donne; mentre una delle due, accompagnata da una bambina, distraeva i titolari dell’attività, l’altra si occupava di scegliere con cura gli abiti migliori e di sottrarli.

A condurre gli investigatori sulle tracce della 44enne, la capillare conoscenza del territorio, da parte degli agenti che, visionate le immagini del sistema di videosorveglianza, non hanno avuto dubbi sulla identità della malfattrice; sono invece tuttora in corso accertamenti per individuare la complice.

Esito positivo anche per le indagini finalizzate ad identificare la persona che nella serata di sabato, era riuscita a sfuggire al controllo della pattuglia della Polizia di Stato che gli aveva intimato l’Alt.

L’uomo, noto alle Forze dell’Ordine, si aggirava, con fare sospetto, in compagnia di un complice nella zona della stazione di Cassino.

Intercettati da personale del Commissariato però, si davano alla fuga, costringendo gli operatori di Polizia ad un rocambolesco inseguimento a piedi, tra i palazzi popolari di Via Garigliano.

Uno di loro veniva bloccato poco dopo, mentre il secondo, è stato identificato successivamente.

Un 31enne ed un 43enne, entrambi partenopei, con numerosissimi precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati invece segnalati all’Autorità Giudiziaria per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale in concorso.