Giorno: 7 dicembre 2017

7 dicembre 2017 0

Il Natale nel Lazio al tempo dei social, fra novità e tradizioni irrinunciabili

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Natale è la festa più attesa dell’anno, ma come è cambiato il modo di viverla con l’avvento dei social e come è cambiata fra i residenti nel Lazio? È quello che ha chiesto in un’indagine Doxa*, commissionata da un’azienda leader nel settore degli acquisti online, agli abitanti del Lazio. I risultati sono singolari, ma nel solco delle tradizioni,alcune delle quali restano  ben salde nei residenti della nostra Regone La ricerca, infatti, rivela come gli italiani ed in particolare i laziali vivono il Natale al tempo dei social, tra scambi di auguri, preparativi, scelta dei regali e nuovi modi di condividerli.

Per quanto riguarda gli auguri sette laziali su dieci vivranno il prossimo Natale sui social e dichiarano di sentirsi a proprio agio con questo nuovo modo digitale di festeggiare. In occasione del Natale i laziali, infatti, le chat su whatsapp diventano utili strumenti per organizzare serate e festeggiamenti. Il 60% lo utilizzerà quando bisogna decidere i regali da fare per il 60%. Il 56% per organizzare il pranzo ed il 27% per far sapere cosa desidera ricevere. La classica letterina a Babbo Natale, insomma, si è trasformata in una chat whatsapp. Soltanto il 6% dichiara di non sopportare le classiche chat natalizie di auguri. Whatsapp, inoltre, rappresenta anche un nuovo mezzo per scambiarsi auguri natalizi. Stando ai dati forniti dalla ricerca,3/4 degli italiani sono infatti favorevoli all’idea di creare gruppi e chat dedicati allo scambio di foto e auguri, e solo il 25% si dichiara contrario o non le usa. Perché le amano così tanto? Perché sono comode e fare gli auguri. In ogni caso, il giorno di Natale il telefono sta sul tavolo durante il pranzo ed il 12% fra i laziali che dichiara di inviare fino a 50 messaggi di auguri. L’atmosfera natalizia che fine ha fatto secondo laziali? Sostanzialmente resta una magia molto speciale. Secondo il 55% dei loro esiste ancora al tempo dei social. Solo il 35% crede che questa magia possa presto perdersi insieme alle tradizioni più classiche, mentre il 10% sostiene che purtroppo il mondo digitale abbia già cancellato il fascino del Natale. In generale l’atmosfera natalizia 2.0 viene percepita in maniera positiva da 7 laziali su 10, che ne apprezzano l’allegria, la festosità e il suo essere smart. E per quanto riguarda le tradizioni? Il Natale è una ricorrenza che vive di tradizioni, ma anche la routine cambia e si evolve: quali tradizioni restano e quali i laziali vorrebbero eliminare? L’atmosfera natalizia, grande protagonista delle chat e delle gallery social, si conferma tradizione irrinunciabile per tutti. Al primo posto l’albero di Natale (89%), seguito al secondo dalla decorazione della casa con gli addobbi (85%) e dalla preparazione della tavola con la classica tovaglia natalizia (83%). I laziali si confermano poi amanti della buona cucina: il 72% ama il pranzo con i parenti, che da tradizione deve durare fino al tardo pomeriggio, con portate che sembrano non avere fine – alla dieta penseranno poi dopo le feste! Vince ancora lo spirito di bontà: 7 laziali su 10 a Natale dichiarano che siamo tutti più buoni e solo il 15% non crede in questo classico modo di dire. Se la tradizionale atmosfera natalizia è un must have per tutti gli italiani, non solo nel Lazio, le usanze più classiche si vedono oggi affiancare da nuove tradizioni digitali. Ma il Natale come è cambiato sotto l’aspetto affettivo? Il Natale resta sinonimo di famiglia e affetti: la maggior parte dei laziali lo festeggia infatti in compagnia di parenti e amici (97%), scambiandosi regali e pensieri scelti con cura – una tradizione a cui 8 laziali su 10 non sono disposti a rinunciare. Ma come è cambiato il modo di fare i regali? Rispetto a cinque anni fa, un laziale su due dichiara di regalare più esperienze, che non vengono vissute come alternativa al bene fisico, perché regalare un’esperienza significa principalmente: personalizzare di più il pensiero; creare un momento di condivisione. In generale, emerge che oggi esperienze e regalo fisico vanno di pari passo e hanno lo stesso livello di considerazione agli occhi degli italiani e dei laziali. Anche la caccia ai regali è cambiata nel tempo: oggi le vetrine dei negozi sono fonte di ispirazione per il 71% degli italiani tanto quanto internet e i social media (73%), con un picco dell’83% nella fascia 18-24 anni, più abituata a confrontarsi quotidianamente con il mondo digitale. Continua, tuttavia, a piacere l’effetto sorpresa sotto l’albero a sette laziali su dieci, preferendo scegliere il regalo di testa propria, navigando in Internet o girando per negozi, senza chiedere suggerimenti direttamente al destinatario. In buona sostanza il natale nel Lazio risente dei socal, ma il rapporto umano e la convivialità restano ancora ben saldi nello spirito natalizio dei cittadini della nostra regione.  E allora, buon Natale a tutti!

F. Pensabene

7 dicembre 2017 0

Controlli antidroga: la Polizia arresta un 34enne

Di redazionecassino1

Cassino – Nell’ambito di servizi finalizzati alla prevenzione ed al contrasto di sostanze stupefacenti, gli agenti del Commissariato di Cassino fermano e controllano un 34enne.

L’insofferenza dell’uomo genera sospetto nei poliziotti che decidono di procedere a perquisizione .

Nella tasca laterale del giubbino vengono rinvenuti 3 involucri di cellophane contenenti eroina, per un peso complessivo di 10.13 grammi.

L’uomo viene dichiarato in stato di arresto: dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

7 dicembre 2017 0

Allerta il 113 per furto, ma la Polizia lo denuncia per ricettazione

Di redazionecassino1

Frosinone – Una voce maschile segnala sulla linea di emergenza 113 della Questura di essere stato derubato di 550 euro, dopo un  incontro d’ “amore”.

Gli agenti della Squadra Volante, giunti sul posto, accertano la dinamica dei fatti ed identificano i “protagonisti” della vicenda: lei è una giovane nigeriana,  munita di regolare Permesso di   Soggiorno , lui un 40enne del capoluogo.

L’uomo giustifica il possesso di quella somma di denaro con il fatto di aver venduto monili d’oro della nonna ad un “compro oro” di zona.

Da accertamenti effettuati emerge che quegli oggetti non sono un “tesoro” di famiglia: scatta la denuncia per ricettazione.

 

7 dicembre 2017 0

Bonnie & Clyde in una frutteria, arrestati dalla polizia

Di redazionecassino1

Frosinone – Il titolare di un frutteria della zona bassa del capoluogo allerta il 113 della Questura: due ladri si sono introdotti, armati di bastone, all’interno dell’esercizio commerciale.

Vistisi scoperti i due malviventi si danno alla fuga, ma vengono intercettati  dagli agenti della Squadra Volante. Identificati “Bonnie e Clyde”: lei una 35enne romana, lui un 40enne dell’hinterland frusinate. Scatta la denuncia.

7 dicembre 2017 0

Rubano in una giocheria, due donne arrestate dalla polizia

Di redazionecassino1

Frosinone – Il titolare di una giocheria segnala  che  due donne avevano appena messo in atto un furto in danno della sua attività commerciale, asportando un game.

Gli agenti, accertata la dinamica dei fatti e ricostruito l’identikit, si mettono sulle tracce delle ladre.

Intercettate, le due donne  tentano una breve quanto inutile fuga.

Bloccate ed identificate: sono una 43enne del cassinate ed un 25enne di Roma.

All’occhio attento dei poliziotti non sfugge il maldestro “stratagemma” di occultare la refurtiva sotto un’auto in sosta. Scatta l’arresto.

7 dicembre 2017 0

Stop a bullismo e cyberbullismo con la polizia fra gli studenti di Sant’Elia

Di redazionecassino1

Sant’Elia Fiumerapido – Sicurezza in rete, bullismo e cyberbullismo sono le tematiche analizzate dagli esperti della Polizia di Stato con i giovani e numerosi – 150 – studenti dell’Istituto Comprensivo di Sant’Elia Fiumerapido.

Il  Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi ed il Responsabile della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni Sostituto Commissario Tiziana Belli, in  un confronto empatico, hanno interagito con la scolaresca,  interessata e partecipe, che ha raccontato anche  “tristi” esperienze di vita.

A tutela delle giovani vittime, i grandi hanno l’obbligo di intervenire: il bullo o il cyberbullo va fermato, con tutti gli strumenti che la normativa vigente mette a disposizione.

7 dicembre 2017 0

Due finti Babbo Natale rapinano l’ufficio postale di Frosinone

Di admin
FROSINONE – Rapinatori “babbo Natale” a Frosinone. In due, alle 10.20 circa, indossando il vestito rosso e la barba bianca di Santa Claus, si sono introdotti nell’ufficio postale nei pressi della stazione ferroviaria e, armati uno di pistola e l’altro di taglierino, si sono fatti consegnare dal personale circa 3mila euro. Ottenuto ciò che volevano, sono usciti scappando e dileguandosi in pochi minuti. Dei due si sa solamente che sono quasi sicuramente italiani e che la pistola potrebbe essere un giocattolo. Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Frosinone che stanno indagando per risalire agli autori del colpo.
7 dicembre 2017 0

Omicidio Mollicone, indagato altro carabiniere per l’uccisione di Serena

Di admin

ARCE – Quarto indagato per l’omicidio Serena Mollicone. Si tratta di un carabiniere in servizio nella caserma di Arce nel 2001, quando la studentessa 18enne venne uccisa e il suo corpo venne fatto ritrovare legato e imbavagliato nel bosco dell’Anitrella.

Il militare, indagato per concorso in Omicidio, è stato ascoltato questa mattina in procura a Cassino, e si è avvalso della facoltà di non rispondere. Al momento presta servizio a Cassino, ma si sta valutando la sua sospensione dal servizio.

Gli altri indagati sono il maresciallo al comando della Caserma di Arce nel 2001, il figlio e la moglie.

Ermanno Amedei