Giorno: 13 gennaio 2018

13 gennaio 2018 0

Rivolta in Iran, il sindaco di Coreno incontra segretario della Resistenza: preoccupati per quanto sta accadendo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CORENO AUSONIO – “Il sindaco di Coreno Ausonio, Domenico Corte, ha incontrato a Roma il Segretario del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, Mahmoud Hakamian“.

Lo si legge in una nota del Comune di Coreno Ausonio.

“Le proteste anti-regime iniziate a fine dicembre in Iran, sono stati gli argomenti illustrati e documentati, con foto e filmati, al sindaco Corte che ormai da anni partecipa alle iniziative, promosse dalla Resistenza Iraniana, non solo in Italia ma anche a Parigi dove, in più occasioni, è intervenuto a sostegno e a difesa dei diritti umani per il popolo iraniano.

“Le proteste in Iran – di cui in questi giorni si sono interessati anche i media italiani – si sono propagate molto velocemente in almeno 130 città dell’Iran – ha dichiarato nella nota il Segretario Nazionale della Resistenza – ed esistono notizie attendibili di almeno tremila persone arrestate, ma il vero numero potrebbe essere più alto. Molti sono stati arrestati al di fuori delle proteste, a casa o nei luoghi di lavoro. Gli stessi funzionari e i media iraniani controllati dallo Stato – ha aggiunto Mahmoud – hanno ammesso che almeno 1.800 persone sono state arrestate. Il regime ha anche ammesso che finora sono state uccise oltre venti persone ma altre fonti dicono che il vero numero potrebbe superare le cinquanta vittime”.

“Durante l’incontro – ha detto nella nota Il sindaco di Coreno Ausonio si è parlato anche degli arresti arbitrari che hanno visto coinvolto almeno un centinaio di studenti universitari arrestati nel corso delle proteste anti-regime e che tra gli iraniani sussistono gravi preoccupazioni per il benessere dei detenuti che potrebbero subire trattamenti molto duri, compreso la tortura, come già avvenuto in altri casi. Queste sono solo alcune delle terribili notizie di ciò che sta accadendo in questi giorni in Iran – ha dichiarato Corte – notizie che i  media italiani e di tutto il mondo preferiscono non diffondere o diffonderle solo in parte. A ciò va aggiunto che è stato anche bloccato l’accesso ad internet e vengono filtrati gli accessi ai social proprio per impedire la diffusione delle notizie relative a questa rivolta. Per onore della cronaca è giusto precisare che oltre al presidente Trump, anche alcuni leader europei hanno condannato quando sta accadendo in Iran. Infatti la libertà di espressione e di protestare, devono essere rispettate e non soppresse con la forza e con le armi”.

“Al termine dell’incontro i- si legge nella nota – l sindaco di Coreno Ausonio ha dato la sua disponibilità a partecipare alle iniziative che si terranno prossimamente a Roma e a Parigi, per proseguire il suo impegno per la difesa dei Diritti Umani in Iran e contro le repressioni che sta subendo ingiustamente il popolo iraniano. Il rappresentante della Resistenza iraniana, che in questi giorni volerà a Parigi, porterà il saluto e la vicinanza del sindaco Corte anche alla presidente eletta della Resistenza iraniana Maryam Rajavi, che, come ogni inizio anno, ha inviato, al sindaco di Coreno Ausonio, un messaggio e un dono simbolico proprio a testimonianza di questa vicinanza e solidarietà espressa da Corte in più occasioni”.

13 gennaio 2018 0

Gettano nel lago le statue del presepe e spaccano quella del Bambin Gesù: denunciati due giovanissimi italiani

Di admin

ANGUILLARA SABAZIA – Hanno fatto scempio del presepe allestito sul pontile del lago di Bracciano nel comune di Anguillara. Si tratta di due giovanissimi italiani, un 16enne e un 18enne individuati e denunciati  dai carabinieri comandati dal capitano Alessandro Papuli. Nella notte del 6 gennaio, ignoti vandali avevano danneggiato il presepe allestito sul Pontile di Anguillara, gettando alcune statuine nel lago e scaraventando a terra l’icona del Bambino Gesù.

Al termine di laboriose indagini i due ragazzi romani, di 16 e 18 anni, sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri della Stazione di Anguillara, dopo essere stati identificati quali autori del brutto gesto, con le accuse di danneggiamento e offese a confessione religiosa mediante il danneggiamento.

Le ricerche dei responsabili sono scattate subito dopo l’evento e l’attività investigativa ha consentito di  identificare rapidamente i due giovani grazie anche al monitoraggio dei più comuni social networks.

In particolare, i sospetti sono ricaduti su di loro quando i Carabinieri di Anguillara sono riusciti a rintracciare in “rete” un filmato amatoriale che li ritraeva proprio nel momento in cui stavano rompendo la statuina del Bambino Gesù.

13 gennaio 2018 0

Tentano un colpo in una scuola. Presi due ladri di 19 e 20 anni a Ceccano

Di redazione

Nella scorsa notte a Ceccano, i Carabinieri della locale Stazione, traevano in arresto in flagranza di reato di “tentato furto aggravato in concorso” un 19enne ed un 20enne di origini rumene, entrambi residenti a Supino. Gli operanti, nel corso del servizio di perlustrazione, inviati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale carabinieri di Frosinone presso l’Istituto d’Istruzione Superiore sito in quella via Gaeta, dove era scattato l’allarme antintrusione, intercettavano e bloccavano i due giovani mentre tentavano di dileguarsi dopo aver tentato di consumare un furto. Le perquisizioni personali consentivano di rinvenire un trapano a batteria, un cacciavite di grosse dimensioni e due passamontagna, sequestrati. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, venivano condotti presso il Tribunale del capoluogo ciociaro in attesa della celebrazione del rito direttissimo fissato per la giornata odierna. Inoltre, nei loro confronti, verrà proposta l’applicazione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio dal comune di Ceccano.

13 gennaio 2018 0

Frosinone, pubblicato il bando per la prenotazione dei nuovi loculi

Di admin

FROSINONE – “L’amministrazione Ottaviani, mediante l’ufficio ambiente-servizi cimiteriali, ha pubblicato il bando per la concessione, in prenotazione, dei nuovi loculi da realizzarsi nel civico cimitero del capoluogo”.

Lo si legge in una nota del comune di Frosinone.

“La giunta infatti, nel 2015, aveva disposto di autorizzare l’appalto di lavori di realizzazione di 1.528 nuovi loculi presso l’area di Colle Cottorino, articolandolo in due tranche distinte in 832 e 696 unità. La prima fase dei lavori, relativa alle 832 unità, è in via di ultimazione; sono state, quindi, attivate le procedure per la realizzazione degli ulteriori loculi. L’amministrazione intende così assegnare in concessione, per la durata di 30 anni, con il sistema della prenotazione, una parte dei 696 loculi in batteria, realizzati in zona C2 del vigente piano regolatore cimiteriale. Il corrispettivo totale da versare per la concessione è, attualmente, definito dalla deliberazione di giunta n. 552 del 9 dicembre 2015, che ha permesso l’applicazione di tariffe calmierate grazie all’introduzione dello strumento della prenotazione, assimilabile allo schema della vendita su carta che è applicabile per le residenze civili, permettendo, in tal modo, al singolo utente di abbattere i costi, evitando l’emergenza dell’ultimo minuto e, dall’altra parte, dando la possibilità all’amministrazione comunale di reperire le risorse anticipate per la realizzazione delle nuove infrastrutture cimiteriali. Nel bando, già disponibile all’indirizzo http://hosting.soluzionipa.it/frosinone/albo/albo_dettagli.php?id=29005, presso gli uffici ubicati in via de Carolis e quelli in via Fabi del settore ambiente, sono specificati i requisiti richiesti per la partecipazione, che va effettuata mediante la compilazione del modulo. La domanda, redatta su carta semplice secondo il modello da allegare, va indirizzata all’ufficio servizi cimiteriali del Comune di Frosinone e presentata a mano all’ufficio protocollo. È possibile presentare la documentazione anche tramite raccomandata A/R indirizzata a: Comune di Frosinone, Ufficio servizi cimiteriali, via Armando Fabi, 03100 Frosinone. L’assegnazione dei loculi avverrà tenendo conto, unicamente, dell’ordine cronologico di arrivo stabilito dal protocollo.

Per informazioni, o per prendere visione del bando e della modulistica, è anche possibile rivolgersi agli uffici siti nel cimitero (dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 12.30; 0775/1893360) o a quelli del settore ambiente, ubicati nell’ex Mtc, in via Fabi (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.30, il lunedì e il mercoledì anche dalle 15.30 alle 17.30; 0775/2656231)”.

13 gennaio 2018 0

Tentano la truffa dello specchietto all’auto civetta dei carabinieri: arrestati uomo e donna

Di admin

OSTIA – Hanno scelto come vittima della loro truffa la macchina civetta dei carabinieri della compagnia di ostia. Si tratta di un uomo e una donna romani che in pieno giorno hanno tentato di mettere a segno la cosiddetta truffa dello specchietto a un’auto in transito in via della Scafa a Fiumicino. I due, rispettivamente di 30 e 24 anni, non potevano sapere che l’auto era civetta e che a bordo vi erano due Carabinieri del Nucleo Investigativo che li hanno subito smascherati e arrestati.

Dopo aver visto transitare l’auto dei Carabinieri in via della Scafa i due truffatori l’hanno inseguita invitando il conducente a fermarsi, accusandolo di avere poco prima urtato la loro auto e per cui volevano essere risarciti. Quando i Carabinieri a bordo si sono qualificati, i due C.S., 30enne di Acilia e la donna, T.M. 24enne, del quartiere Borghesiana di Roma, entrambi già noti alle forze dell’ordine, hanno tentato di fuggire ma sono stati raggiunti e ammanettati a Ostia.

Attualmente sono in corso ulteriori accertamenti per appurare le eventuali responsabilità della coppia in ordine ad altre similari truffe perpetrate nell’ultimo periodo, atteso che uno di questi annovera a suo carico numerosi reati con analogo “modus operandi”.

13 gennaio 2018 0

Controlli antidroga a Cassino, passati al setaccio i luoghi dello spaccio: coppia in manette

Di admin

CASSINO – I Carabinieri della Compagnia di Cassino, comandati dal capitano Ivan Mastromanno, con l’ausilio di Unità Cinofile del Nucleo Carabinieri Cinofili di Ponte Galeria (Roma), hanno effettuato un controllo a vasto raggio nella città di Cassino per contrastare il fenomeno dello spaccio della droga.

La loro attenzione si è concentrata sui luoghi solitamente frequentati da tossicodipendenti e spacciatori ed in particolare la villa comunale, il tratto pedonale che costeggia il fiume Gari, nonché effettuavano perquisizione domiciliari di soggetti sospettati di detenere stupefacenti presso i rispettivi domicili.

Nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita a carico dei coniugi M.A., di anni 47 e S.S., di anni 41, entrambi già censiti per reati in materia di riciclaggio, furto ed associazione per delinquere, i carabinieri hanno rinvenuto 24,875 grammi di cocaina suddivisa in tre involucri ed un bilancino di precisione nonché la somma contante di 3.085 euro in banconote di piccolo taglio, ritenute provento dell’attività delittuosa, che i due celavano all’interno di lenzuoli appositamente cucite e nascoste in un grosso armadio.

Quanto rinvenuto è stato  sottoposto a sequestro. Stante la flagranza di reato i due coniugi sono stati tratti in arresto e, dopo aver espletate le formalità di rito, sono stati ristretti in regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione  Nell’ambito dello stesso servizio i Carabinieri della Stazione di Cassino, con l’ausilio di personale del NAS di Latina procedevano al controllo di due attività di ristorazione,  site in pieno centro di Cassino, trovate in regola sulle norme igienico – sanitarie.

L’intera attività di P.G. ha consentito di identificare 37 persone, sospettate di fare uso di sostanza  stupefacente e nei cui confronti si stanno svolgendo opportune verifiche; eseguire 3 perquisizioni domiciliari e 4 personali; sottoporre a controllo 25 autovetture; elevare n. 4 contravvenzioni al Codice della Strada.

13 gennaio 2018 0

Parcheggio abusivo a Veroli, Forestali sequestrano manufatto e denunciano responsabile

Di admin

VEROLI – Un parcheggio abusivo di alcune centinaia di metri quadrati è stato sequestrato dai carabinieri forestali a Veroli. Il piazzale è stato individuato in via Colle Capito dove il cantiere per relizzarlo non era stato ancora chiuso.

Le dimensioni sono di circa 70 per 35 metri lineari. I militari hanno constato che l’opera era priva di qualsiasi autorizzazione urbanistica, pertanto al fine di non portare il reato ad ulteriori conseguenze, il piazzale parcheggio è stato posto sotto sequestro giudiziario.

 

Al responsabile è stata contestata l’infrazione del Codice dell’Ambiente poiché il manufatto erano stati ammantato con rifiuti quali: fresato d’asfalto, rifiuti provenienti da attività di demolizione edile, plastiche e vetri. Il reato su menzionato, è stato notiziato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone.

Al fine della corretta regimazione delle acque, verificato che la terra è sottoposta a vincolo idrogeologico è stato altresì elevato verbale amministrativo poiché per la realizzazione del piazzale/parcheggio è stato effettuato un notevole movimento di terra senza il prescritto nulla osta.

13 gennaio 2018 0

Al San Raffaele di Cassino, aboliti i parcheggi per disabili all’interno del piazzale

Di redazionecassino1

 Cassino –  Cambiano le regole nel parcheggio della casa di cura San Raffaele. Il fatto potrebbe essere normale, in realtà a farne le spese sono persone già con problemi di salute e disabili. Da qualche tempo, infatti, i parcheggi riservati ai disabili all’interno del piazzale della casa di cura di Cassino sono stati “bloccati” da vasi con piante che ne impediscono l’uso ai disabili che si recano quotidianamente per cura o per le sedute di fisioterapia. Neppure l’accesso dal parcheggio a pagamento è possibile, il passaggio, infatti, è impedito da grosse fioriere. Una decisione della direzione della casa di cura che lascia sbalorditi, non soltanto per la immediatezza del provvedimento adottato, ma perché a farne le spese sono i disabili, molti dei quali bambini, le cui auto verrebbero dirottate altrove da un ingresso laterale. Molte sono state le proteste dei genitori che hanno provato a chiedere spiegazioni sull’improvvisa e, sicuramente, inopportuna decisione. Purtroppo dalla direzione della casa di cura nessuna giustificazione è arrivata. Ad alcuni genitori è stato proposto di entrare dal lato di via Di Biasio per riprendere i propri famigliari. Questa soluzione oltre a non essere idonea è estremamente pericolosa per il caos su quella strada ad alto traffico ed ora ulteriormente penalizzata dal cantiere di lavoro della rotatoria. Viene da chiedersi se sia sensata una decisione del genere, soprattutto nelle giornate fredde o di pioggia. Molti dei pazienti che effettuano le sedute di fisioterapia dovrebbero attendere di poter entrare in macchina sotto la pioggia o al freddo. La direzione forse dimentica che predisporre parcheggi per i disabili rappresenta un preciso obbligo di legge e che gli stessi devono essere disposti in zone facilmente accessibili e fruibili in modo che non comportino disagi alle persone che li utilizzano. Non si comprende, quindi, per quale motivo i parcheggi per le auto del personale dirigenziale siano rimasti al loro posto mentre quelli per disabili siano stati “bloccati” da grossi vasi di piante anche davanti al cancello principale d’ingresso. È vergognoso questo modo di trattare gli utenti che si rivolgono alla nota casa di cura non certo per divertimento, ma per motivi estremamente seri e di salute. Come sempre a rimetterci sono sempre i più deboli persino nei luoghi deputati alla loro cura e riabilitazione!

F. Pensabene

 

13 gennaio 2018 0

Sparatoria a Formia tra carabinieri e latitante, ferito malvivente

Di admin

FORMIA. – Gli hanno intimato l’alt e lui ha estratto una pistola ma il carabiniere lo ha preceduto e gli ha sparato ferendolo ad una spalla.

E’ accaduto ieri sera a Formia In piazza Sant’Erasmo nel quartiere di Castellone dove il ferito risponde al nome di Filippo Ronga 41enne di Sant’Antimo, esponente del clan Ranucci, latitante dal 2013. I militari della compagnia di Giuliano in Campania stavano segue alcuni suoi parenti quando se lo sono trovati davanti.

Il 41enne per nulla intimidito avrebbe estratto la pistola ma prima di usarla è stato raggiunto dai colpi esplosi da un militare campano. Ferito alla spalla è stato arrestato e trasportato in ospedale a Formia dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Fermati i due suoi presunti fiancheggiatori. All’operazione hanno dato supporto i carabinieri della compagnia di Formia..

Ermanno Amedei

Foto Giuseppe Miele

13 gennaio 2018 0

La Provincia abbandona il trasporto disabili, la Regione Lazio lo finanzia con 28mila euro

Di redazionecassino1

Cassino – Il comune di Cassino- Assessorato ai servizi Sociali e della Famiglia ha ottenuto ulteriori due finanziamenti da parte la Regione Lazio per quanto concerne il trasporto dei disabili.

“Un anno fa ricevemmo improvvisamente la comunicazione da parte dell’ente Provincia di Frosinone dei tagli ai trasporti scolatici per i diversamente abili. – ha detto l’assessore alle Politiche sociali e della famiglia, Benedetto Leone – Non potevamo come Amministrazione lasciare da soli questi ragazzi speciali. Da lì l’idea, avendo due pulmini in affidamento con la PMG grazie agli sponsor, di rendeteli ancor più utili alla nostra Comunità. Abbiamo, quindi, presentato un progetto al Consorzio dei servizi sociali per il trasporto dei ragazzi.

Ieri ci è arrivata la notizia, anzi la doppia notizia, di un primo rimborso del progetto da parte della Regione Lazio che ha valutato positivamente l’idea proposta dall’amministrazione D’Alessandro, assegnando quasi 28 mila euro per l’anno appena concluso. Ma c’è di più. La seconda bella notizia è, infatti, legata al fatto che ci è stato comunicato il finanziamento del progetto anche per l’anno in corso con l’assegnazione della prima rata già in questo periodo.

Da Assessore ai Servizi sociali avevo preso un impegno con le famiglie di questi ragazzi straordinari. Nessuno li lascerà soli, oggi fa piacere che la nostra scelta progettuale sia stata valutata positivamente e rimborsata al Comune. Continuiamo su questa strada, come dico sempre, pancia a terra a lavorare per la Città, con l’obiettivo di valorizzare, passo dopo passo, il senso di comunità”. Ha concluso l’assessore alle Politihe Sociali e della Famiglia, Benedetto Leone.