Giorno: 26 gennaio 2018

26 gennaio 2018 0

VIDEONOTIZIA – Pedalando nel deserto del Sahara

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VIDEONOTIZIA

Giuseppe D’alessandro,30 anni di Cassino, continua la sua avventura in bicicletta nel deserto del Sahara. Ermanno Amedei

26 gennaio 2018 0

Nas sequestrano a Frosinone prodotti fitosanitari senza tracciabilità

Di admin
FROSINONE – I Carabinieri del NAS di Latina, hanno sequestrato circa 75 chili di prodotti fitosanitari in una rivendita di prodotti chimici per l’agricoltura di Frosinone. Gli uomini del capitano Egidio Felice hanno trovato, nel corso delle verifiche, il materiale poi sequestrato che riportavano in etichetta indicazioni difformi da quelle previste dalla normativa vigente e non idonee a garantirne la tracciabilità. Quello odierno è il terzo sequestro del genere che i militari del nucleo antisofisticazione di Latina hanno compiuto nel territorio di loro competenza.
26 gennaio 2018 0

20enne sorpreso a Frosinone con 16 dosi di cocaina pronte per lo spaccio

Di redazione

I Carabinieri del NORM della Compagnia di Frosinone, nelle primissime ore della decorsa notte, hanno tratto in arresto, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, un 20enne albanese, residente nella provincia di Milano Brianza ma domiciliato in questo capoluogo. Il giovane è stato sorpreso sulle scale di un condominio cittadino e, sottoposto a perquisizione personale, trovato in possesso di sedici dosi (gr.6,08) di sostanza stupefacente del tipo cocaina pronte allo spaccio, nonché della somma contante di euro 339,00 frutto dell’illecita attività. Nel corso della perquisizione domiciliare veniva rinvenuto vario materiale per la cottura ed il confezionamento dello stupefacente. Al termine delle attività di rito, il prevenuto è stato trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando provinciale Carabinieri di Frosinone in attesa del rito direttissimo.

26 gennaio 2018 0

Cani e bambini, i consigli utili di Aidaa

Di redazione

Sono dieci milioni le famiglie italiane che vivono con gli animali domestici e in oltre due milioni di queste convivono cani e bimbi. Per questo motivo il servizio di educazione cinofila dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente- AIDAA ha messo a punto un prontuario dei comportamenti da tenere per garantire una serena convivenza tra cani e bimbi in famiglia. Consigli semplici e chiari che se seguiti possono evitare errori che in alcuni casi sfociano o rischiano di sfociare in tragedie famigliari, in cui a rimetterci sono sia i piccoli che i pelosi.

Prima del contatto diretto con il cane

Se il bambino è piccolo ed ha meno di un anno di vita prima di farlo avvicinare al cane si consiglia di farlo esercitare nelle carezze su pupazzi pelosi, insegnandogli a non tirare il pelo. Il gesto dovrà essere accompagnato da una parola che per chiarezza identifichiamo in “carezza” o coccola in modo che il bimbo (ma anche il cane) possano associare il gesto alla parola. Si invita a continuare a far esercitare il bambino sul peluche fino a quando non smette di tirare il pelo, evitando cosi che il cane diventi la cavia degli esperimenti e che possa ribellarsi magari mordendo il bimbo.

Contemporaneamente, assicurarsi che il cane si sia ambientato bene in casa e con il resto della famiglia, favorendo l’avvicinamento progressivo al bambino piccolo, sempre sotto stretta supervisione.

E’ opportuno far capire al cane chi è il capofamiglia/capobranco, e qual è il ruolo del cane all’interno del famiglia (branco) stessa, comunque subordinato a quello dei componenti umani.

I primi contatti diretti

Quando il bimbo accarezzerà il cane evitando di tirare il pelo e unendo al passaggio della mano sul pelo (evitando di tirarlo) il cane proverà una sensazione di benessere cosi come il bimbo, e non avrà paura né fuggirà a nascondersi Importantissimo da subito insegnare al bimbo a non tirare la coda e i baffi e a non far del male al cane che specialmente sul muso, sul naso e nelle orecchie ha delle parti molto sensibili e delicate

Se il bimbo è un poco più grande possiamo insegnare alcuni giochi che può fare con il cane, come lanciare un giocattolo e vedere come lo stesso lo rincorre per morderlo. Il gioco aiuta a non limitare il rapporto tra bimbo e cane al semplice tatto che a volte rischia di infastidire Fido se fatto in maniera troppo insistente, invece il lancio del gioco libera nel cane il suo istinto predatorio. Si può anche insegnare al bimbo a nascondere dei piccoli premi per poi invitare il cane a cercarli; cosi facendo il cane si darà un gran da fare a cercare fino a scovare l’ambita preda per il divertimento del bimbo e suo.

Nel momento del gioco il bimbo dovrà utilizzare sempre giochi che permettano di interagire con Fido tenendo comunque sempre le mani lontano dalla bocca del cane, evitando cosi magari dei morsi involontari

Nella scelta del gioco si cerchi sempre di favorire dei giochi che possano essere impugnati come una canna da pesca al quale legare topolini di plastica, palline o piume colorate, questo stimolerà Fido e farà divertire moltissimo il bimbo. Ovviamente occorre che i genitori controllino che questi

giochi siano utilizzati in maniera corretta, evitando che “la canna da pesca” possa trasformarsi ad esempio in una frusta.

Il bimbo inoltre può invogliare il cane a scoprire in casa gli oggetti con il quale il cane stesso può giocare, dai vecchi cuscini alle ciabatte in disuso di papà. Questo oltre a far divertire immensamente il Fido servirà a fare sviluppare a fantasia e lo spirito di osservazione del bimbo. Il cane durante il gioco rischia di ingerire alcuni materiali (plastica, pietre, giocattoli). Prestare quindi attenzione a che questo non accada. Insegnare al bambino prestare anch’esso attenzione e ad avvertire un adulto se si notano comportamenti di questo genere (spiegare chiaramente che non si deve ASSOLUTAMENTE infilare la mano in bocca al cane anche se si

ha la sensazione che stia per ingerire qualcosa che non deve).

Ed ora … per crescere insieme …

Ricorda che il cane non è un giocattolo, ma un essere vivente, come te prova gioia e dolore,cerca sempre di capirlo e di prenderti cura di lui con amore

Non disturbarlo mentre dorme, anche a te non piacerebbe essere svegliato mentre stai facendo un bel sogno! Non cercare di rubargli dalla bocca un osso o un giocattolo, fate invece il gioco dello scambio: tu gli dai un premietto e vedrai che lui ti darà quello che ha in bocca. Se invece è lui che vuole rubarti un gioco o qualsiasi altra cosa tu abbia in mano, non arrabbiarti, lasciaglielo e poi fai il gioco dello scambio con l’aiuto di un adulto

Quando mangia lascialo tranquillo, anche lui ha diritto a mangiare la sua pappa con calma Parlagli sempre con calma, ricorda che i cani hanno un udito più forte del nostro e possono spaventarsi se urli

Non tirargli le orecchie o la coda, ma accarezzalo delicatamente, proprio come piacerebbe anche a te Non rincorrere il cane, cerca sempre di essere tu a chiamarlo e quando viene dagli sempre una carezza gentile e digli che è bravissimo

A volte il cane ha voglia di giocare da solo o di starsene un po’ per i fatti suoi, non disturbarlo, lascia che sia lui a decidere quando tornare a giocare insieme a te Se il cane si allontana da te o se ti mostra i denti o ringhia, lascialo tranquillo e chiedi ad un adulto di aiutarti a capire come mai il cane fa così Come per te che devi crescere, anche per il tuo cane è importante una buona alimentazione che lo aiuti a restare sempre sano e in forma. Evita quindi di dargli: ossa di qualsiasi genere (alcuni veterinari consigliano al massimo l’osso del ginocchio), cioccolato, dolci, fritture, cibi molto conditi o molto grassi. Sono tutti cibi molto calorici e dannosi per il tuo amico a quattro zampe.

26 gennaio 2018 0

Regina Coeli, agenti aggrediti da gruppo di detenuti: tre feriti

Di admin

ROMA – Attimi di tensione, poco dopo le 16 di mercoledì, nella seconda sezioni del carcere di Regina Coeli di Roma dove, quando cinque agenti si sono trovati a fronteggiare una ventina di detenuti. Tutto sarebbe nato da una prima aggressione subita da un agente ad opera di un carcerato. In soccorso al collega sono arrivati tre dei quattro penitenziari di un vicino corridoio che hanno lasciato sedici detenuti con un solo agente. Alcuni dei sedici, intenzionati a dare man forte al detenuto primo aggressore, hanno assalito l’unico agente rimasto a sorvegliarli con l’intenzione di costringerlo ad aprire il cancello. Immobilizzato per alcuni alcuni minuti l’agente avrebbe aperto il varco permettendo ad un folto gruppo dei suoi aggressori, di dare sostegno all’altro detenuto. Una volta liberato, però, l’agente è riuscito a dare l’allarme. In pochi minuti sono arrivati i rinforzi e l’ordine è stato ristabilito. Tre agenti, sono stati però costretti alle cure ospedaliere dell’ospedale Santo Spirito per prognosi di alcuni giorni.

26 gennaio 2018 0

Cade sui binari al passaggio della Metro, donna estratta viva da sotto al convoglio

Di admin

ROMA – Alle 13 circa di oggi, alla stazione metro Eur Fermi, direzione Rebibbia, una donna di nazionalità straniera è caduta sui binari al passaggio della metro. Sul posto due squadre dei vigili del fuoco del comando di Roma con ausilio del carro sollevamento.

La donna, seppur gravemente ferita, è stata estratta viva dai vigili del fuoco e affidata agli operatori del 118. Al momento sono chiuse tre fermate della metro. al momento non si conoscono le cause di quanto accaduto, cioè se la caduta della donna è accidentale o voluta.

 

26 gennaio 2018 0

Fca, Confermati a tempo indeterminato i 300 contratti in scadenza a fine mese

Di redazione

Piedimonte San Germano- Buone notizie per i 300 nuovi assunti in Fca nello stabilimento automobilistico pedemontano. I contratti sono in scadenza il prossimo 31 gennaio, ma è giunta la notizia del rinnovo per i 300 ragazzi che erano stati già “salvati” dalla scrematura dei mesi scorsi, quando in 530 furono non confermati. Quindi ben 300 assunzioni a tempo indeterminato dal 1 febbraio. La notizia ha dato una ventata di ottimismo ed ora il pensiero va anche all’esercito di giovani rimasti fuori lo scorso ottobre. Intanto dalle principali sigle sindacali sono state comunicato a tutti gli operai le fermate collettive con utilizzo di ferie, 2/9/16/23 febbraio e 2 marzo. Presse hot lavorano sempre.

26 gennaio 2018 0

Regionali 2018: Via alla campagna elettorale per Fardelli e Caparrelli con Zingaretti e i big del Pd

Di redazionecassino1

 Cassino – Partita la campagna elettorale per le elezioni regionali di Marino Fardelli e Barbara Caparrelli, candidati nelle liste del Partito Democratico. La kermesse si è svolta ieri sera in un noto albergo di Cassino. A sostegno dei due candidati del territorio tutti big del partito, il senatore Scalia, Antonio Pompeo, la senatrice Spilabotte ed il Presidente uscente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Inizia, quindi, da Cassino la corsa di Marino Fardelli e Barbara Caparrelli verso le elezioni regionali del prossimo 4 marzo,  un cammino lungo ricco di tappe. Il sostegno alla campagna elettorale dei due esponenti locali del Partito democratico è stato dato dallo stesso Nicola Zingaretti che è arrivato a Cassino non solo per dare sostegno ai due candidati, ma anche per incontrare i cittadini della Città Martire zona strategica e grande bacino di voti di ogni competizione elettorale. Un territorio, tuttavia, di grave crisi occupazionale e produttiva, con un gran numero di aziende in crisi, basti pensare alla vicenda Ideal Standard e Alfa Romeo di Piedimonte. Zingaretti nel suo intervento, ha evidenziato gli obiettivi raggiunti in questi cinque anni, che sembravano inizialmente irraggiungibili come il superamento del commissariamento della sanità regionale, ha più volte richiamato l’attenzione sui momenti decisivi del percorso verso le elezioni regionali fatto di tante adesioni alla coalizione che lo sostiene, come quelle di Emma Bonino e Piero Grasso.  Un sostegno, insomma, in grande stile ai due candidati che si sono detti soddisfatti della numerosa presenza di pubblico e di sostenitori carichi di entusiasmo. Fardelli ha evidenziato, nel suo intervento, la capacità di “risolvere i problemi delle persone, non di cavalcare le paure del popolo”.

F. Pensabene

     

26 gennaio 2018 0

Usurai dell’alto Lazio, confiscati beni per 100 milioni

Di admin

LAZIO – Il Centro Operativo D.I.A. di Roma e i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno eseguito dei provvedimenti diconfisca, disposti dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma, nei confronti di MASSARIA Patrizio (cl. 53),D’ALPINO Giuseppe (cl. 45), RISSO Carlo (cl. 65), LOMBARDI Angelo (cl. 61), NASEDDU Francesco (cl. 66), residenti a Ladispoli (RM), ritenuti i responsabili, a vario titolo, di una consorteria criminale, che nel tempo ha consentito loro di accumulare illecitamente un ingente patrimonio, frutto principalmente di un articolato sistema di usura ai danni di cittadini e imprenditori locali in crisi economica, molti dei quali anche con il vizio del gioco d’azzardo.

La D.I.A. di Roma, attraverso complessi approfondimenti investigativi, ha ricostruito le dinamiche del sodalizio che, costituito da un nutrito numero di soggetti di origine campana radicatasi da tempo a Ladispoli (RM), era riuscito a trasferire in quel territorio il modus operandi della “camorra” napoletana per la diffusione e la gestione di traffici illeciti, come testimoniato, tra l’altro, anche in diverse sentenze emesse a loro carico.

Il Tribunale di Roma ha quindi confermato in pieno, con le odierne pronunce, l’impianto accusatorio sostenuto dalla D.I.A., disponendo non solo la confisca del patrimonio delle persone coinvolte, ma anche la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno, a carico di quattro di loro.

Il patrimonio confiscato, il cui valore ammonta ad oltre 100 milioni di euro, consiste in:

–     49 immobili di pregio, riguardanti anche ville con piscina, appartamenti di lusso ed appartamenti, tutti ubicati nei territori dei comuni di Ladispoli e Civitavecchia;

–     8 veicoli;

–     23 rapporti bancari e finanziari;

–     5 società e relative quote aziendali.