Giorno: 27 gennaio 2018

27 gennaio 2018 0

Usava ospedale a piacimento e manipolava concorsi, sospeso neurochirurgo di Latina

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – I Carabinieri del N.A.S. di Latina,nell’ambito di articolata attività investigativa, coordinata da Valerio De Luca,Sostituto Procuratore dalla Procura della Repubblica di Latina, hanno notificato il provvedimento cautelare personale della “sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio” emesso dal G.I.P. del Tribunale, Giuseppe Cario,nei confronti di un primario f.f. dell’U.O.C. di Neurochirurgia di una struttura sanitaria di Latina. Nel provvedimento cautelare, il G.I.P. ha disposto l’allontanamento dall’attività lavorativa del sanitario, per un periodo di 12 mesi, al fine di impedire eventuali ingerenze nelle indagini o inquinamento delle fonti di prova. Le investigazioni, iniziate nel febbraio 2017,grazie anche al ricorso ad attività tecniche di intercettazione audio/video, hanno fatto emergere molteplici condotte illecite di natura penale (compatibili con le ipotesi di reato di peculato, truffa, abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio) che hanno riguardato, in primis, l’attività medica che il professionista svolgeva, in modo illecito, presso il Reparto di Neurochirurgia e presso altre strutture sanitarie private. Nello specifico,in violazione del contratto di esclusività che lo vincolava alla A.S.L. di Latina (per il quale percepiva un incremento stipendiale), effettuava visite specialistiche ed interventi presso studi medici privati (in Aprilia, San Felice Circeo e Nettuno). Sotto la lente degli investigatori, inoltre, è finito anche l’utilizzo irregolare e utilitaristico della struttura pubblica da parte del sanitario. La sua preferenza all’esercizio dell’attività operatoria libero professionale intramoenia (da cui discendeva un evidente vantaggio economico) è finita per andare a discapito dei pazienti inseriti nella pubblica lista di attesa ovvero di quelli ricoverati in reparto, la cui dimissione in tempi brevi poteva anche servire per far posto ai pazienti privati del sanitario. Il medesimo, inoltre,nella sua qualità di componente della commissione di un concorso pubblico per titoli ed esami in detto dall’A.S.L. di Latina (finalizzato alla formazione di una graduatoria di Dirigenti Medici a tempo determinato nella Disciplina di Neurochirurgia), aveva pianificato e poi attuato, unitamente a tre dei suoi collaboratori medici neurochirurghi, già in servizio presso lo stesso reparto, una particolare strategia finalizzata a favorirli nelle fasi concorsuali per la formazione della graduatoria finale, naturalmente a detrimento di altri concorrenti. In particolare, ha assunto significativo rilievo il fatto che il sanitario sia arrivato a fornire anticipatamente ai propri collaboratori le domande a cui i tre, nelle successive prove da sostenere, avrebbero dovuto rispondere. Continua incessante, dunque, l’impegno dei Carabinieri del N.A.S.:da sempre a tutela della salute e costantemente impegnati a corrispondere con adeguatezza alle tante sollecitazioni che provengono dai cittadini ed alle loro crescenti istanze di sicurezza sanitaria, certezza e correttezza delle pratiche mediche erogate dal S.S.N..

27 gennaio 2018 0

Causa un incidente ad Alatri e in stato di alterazione si scaglia contro i carabinieri

Di admin

ALATRI – Di primo mattino si mette alla guida da ubriaco e causa un incidente, poi si scaglia contro i carabinieri. A finire in manette per resistenza e violenza a pubblico ufficiale è stato un 48enne di Alatri che verso le 9, a bordo della propria autovettura, mentre percorreva la SS 155 per Fiuggi, in località Tecchiena, ha provocato un incidente stradale andando a collidere frontalmente con un altro veicolo. L’impatto è stato violento ma fortunatamente con soli danni ai veicoli e senza conseguenze per i conducenti. Immediatamente sul posto sono giunti i soccorsi del 118 e i carabinieri, i quali hanno subito constatato anche lo stato di alterazione dell’uomo che si era messo alla guida del veicolo in evidente stato di ebrezza alcolica per la quale sono in corso i previsti accertamenti. Mentre i militari si prestavano ad aiutare i sanitari nel primo intervento, accertandosi delle condizioni fisiche delle persone coinvolte, l’uomo si è scagliato contro i militari, aggredendoli. Quest’ultimi, una volta che, con non poche difficoltà sono riusciti a riportare tutto alla calma, lo hanno dichiarato in stato di arresto per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari ed in attesa del rito per direttissima.

27 gennaio 2018 0

Vandali nel parco Baden Powell di Cassino, distrutto il trenino in legno

Di admin

CASSINO – Perché? È l’unica domanda che viene alla mente quando ti imbatti in una scena del genere: la giostrina di un parco pubblico distrutta volontariamente. Una di quelle poche cose che, semmai venissero riparate, non sarà in tempi rapidi. Così, qualcuno, ha ridotto il trenino in legno nel parco Baden Powell di Cassino. Un’area destinata a tutti, ma in particolare ai bambini che possono giocare senza il rischio di essere investiti dalle auto. Qualcuno si sarà sentito molto forte nello spaccare le tavole in legno che facevano da sedile. Ma che bravo. La giostrina danneggiata, ovviamente non è utilizzabile e non lo sarà fino alla riparazione. Ma seppure la giostrina potrà essere riparata, ciò che appare irriparabile è quella testa bacata che l’ha danneggiata.

Ermanno Amedei

27 gennaio 2018 0

Concerto con le musiche di Mozart, grande attesa a Piedimonte San Germano

Di redazione

Grande attesa per domani, domenica 28 gennaio, per il grande Concerto Classico previsto nella chiesa parrocchiale Santa Maria Assunta di Piedimonte San Germano in piazza municipio. L’appuntamento è per le ore 18.30 ed è stato organizzato dal parroco Don Tonino Martini in occasione del ciclo di festeggiamenti in onore del patrono della città Sant’Amasio. Con nota, apprezzata e straordinaria perizia, il Quartetto d’Archi dell’orchestra Daniele Paris, con il maestro e clarinettista Vincenzo Mariozzi, farà ascoltare le musiche di Wolfgang Amadeus Mozart. Un evento, dunque, da non perdere per vivere alcune delle meravigliose opere di uno dei geni più versatili dell’arte musicale, l’indimenticabile Mozart. N.C.

27 gennaio 2018 0

Contratti Fca, Ferdinandi e De Bernardis soddisfatti, ma con il pensiero ai non confermati dei mesi scorsi

Di redazione

Piedimonte San Germano – La lieta notizia che ieri ha rassenerato gli animi, per quanto riguarda il lavoro, è la decisione di Fca di assumere i 300 lavoratori con contratto a tempo indeterminato. Dopo quello che accadde ad ottobre scorso, con il taglio di ben 532 operai in servizio mediante contratti di somministrazione, il timore per il destino lavorativo della restante parte di quel folto gruppo era tanta. Finalmente però una notizia che fa ben sperare. A tal proposito registriamo una nota stampa congiunta del sindaco di Piedimonte San Germano, Gioacchino Ferdinandi, e l’assessore alle politiche del lavoro, Vincenza De Bernardis. “Fca ha deciso di assumere i 300 giovani operai con contratto a tempo indeterminato. Il gruppo di lavoratori vedrà il loro contratto, in scadenza il 31 gennaio, modificarsi in modo decisamente migliore a partire dal 1° febbraio.  La notizia – affermano in una nota congiunta il sindaco di Piedimonte San Germano, avv.Gioacchino Ferdinandi, e l’assessore alle politiche del lavoro, Vincenza De Bernardis – rincuora e soprattutto offre un segnale importante alla nostra economia. Non possiamo, pertanto, nascondere la nostra soddisfazione per la scelta dei vertici Fca di assumere con un contratto a tempo indeterminato questi giovani, anziché aver optato per una semplice proroga di pochi mesi che avrebbe generato ulteriori dubbi e paure. Con questo​, tuttavia non possiamo altrettanto dimenticare il destino dell’altra parte di questo gruppo di operai, ovvero gli oltre 530 che purtroppo sono stati lasciati a casa ad ottobre con forte delusione e preoccupazione. Saremmo lieti di vedere un’accelerazione produttiva che induca  l’ azienda automobilistica a riassumere i ragazzi esclusi dal piano in precedenza e a favorire anche il reinserimento delle tante unità dell’indotto, anch’esse vittime di tagli ingenti. Come amministrazione comunale continueremo – concludono nella nota – a mantenere alta l’attenzione sulla vicenda e soprattutto ad elaborare ogni iniziativa valida tesa allo sviluppo economico e sociale del territorio”.

27 gennaio 2018 0

Giornata della Memoria: ricordo della barbarie e non dimenticare l’esistenza dell’unica razza: quella umana!

Di redazionecassino1

Giorno della Memoria, quello che ricorda l’ingresso dell’Armata Rossa nel campo di concentramento di Auschwitz, che liberò i prigionieri superstiti del campo di sterminio mostrando al mondo la barbarie nazista, l’Olocausto degli ebrei, ma anche quello degli oppositori politici, omosessuali, intellettuali, disabili, rom, anziani, malati, accomunati da una sola differenza: non appartenere alla razza ariana, quella suprema, che andava salvaguardata, secondo la mente criminale di Hitler e dei suoi gerarchi nazisti. Quella barbarie che toccò anche il nostro Paese nel 1938 nel Ventennio fascista di Mussolini. Il ricordo di quel periodo infausto ed oscuro in cui la barbare umana non conobbe limiti. Giornata della Memoria 2018 con una valenza maggiore per l’Italia, quella che ricorda gli ottanta anni delle leggi razziali varate dal fascismo in ossequio alla follia nazista. Una delle pagine più tristi della storia che l’uomo abbia mai potuto scrivere. Quella che nazisti e fascisti realizzarono nel loro patto criminale, in nome di una non dimostrata superiorità di razza, costruendo e deportando nei campi di concentramento e sterminio quella che era la “razza impura” ebraica, ma non solo. La superiorità di razza che non trovava allora, e non trova oggi, una spiegazione scientifica, ma soprattutto morale. Eppure essa era validamente teorizzata, come appare dalle pagine scritte dal fautore di questa grande e folle tragedia umana, Adolf Hitler, ne “La mia battaglia”, in cui non si credeva nell’uguaglianza delle razze, ma si teorizzava che esse «sono diverse e quindi hanno un valore maggiore o minore». La Volontà che il più forte abbia la meglio sul più debole, in cui lo Stato diventa «un mezzo per raggiungere un fine, il fine della conservazione dell’esistenza razzista degli uomini». Le drammatiche conseguenze le conosciamo: milioni di persone persero improvvisamente casa, lavoro e famiglia; furono deportate in massa verso i campi di concentramento, dove trovarono la morte oppure lavorarono come animali. La loro vita che dipendeva da un cenno di testa del comandante nazista. Quando bastava un niente perché uomini, donne, bambini, anziani, malati venissero fucilati, mandati nelle camere a gas o arsi vivi nei forni crematori. Ricordare è il modo giusto per non dimenticare quegli anni scellerati di barbarie, per evitare che fenomeni di razzismo, di intolleranza, di prevaricazione, in cui il più forte prevalga sul più debole, sul diverso, su chi pensa in modo diverso dal nostro, possano tornare a ripetersi. Una giornata per ricordare chi in questi anni ancora fugge da guerre, carestie, povertà, dittature, malattie, cercando rifugio da noi, in Europa, negli altri Paesi del mondo, nella speranza di una vita e un mondo migliore. Ricordare a chi vive in una tiepida casa e a chi trova il piatto pronto a tavola quando rincasa la sera, esortandolo a chiedersi se si possano considerare uomini coloro che lavorano nel fango per un misero pezzo di pane e che muoiono per un sì o per un no, oppure donne quelle che sono rimaste senza nome, violentate e che non hanno nemmeno più la forza di ricordare. Ricordare chi ha subito le pulizie etniche, le foibe, in forza di una inesistente supremazia di una razza sull’altra. Ricordarlo a chi in questi anni ha riproposto la cultura “del diverso” alimentando paure, incomprensioni, differenze, xenofobia.  Ricordare per non dimenticare che non esistono razze diverse, con un colore di pelle diversa dalla nostra, che non esistono uomini e donne più o meno importanti, migliori o peggiori di altri, che abbiano o meno il diritto di vivere e di vivere in pace, nel rispetto delle loro culture, tradizioni, fedi religiose, colore della pelle. Ricordare a tutti noi, soprattutto alle giovani generazioni, che una razza esiste è vero, una soltanto però, ed è la razza umana!

Felice Pensabene

27 gennaio 2018 0

Spacciatori in trappola a Cassino, arrestati due stranieri con un etto di hashish

Di admin

CASSINO – Due spacciatori sono finiti nella rete della polizia del commissariato di Cassino. Gli agenti diretti dal vice questore Alessandro Tocco, unitamente alle unità cinofile di Nettuno, hanno effettuato numerosi controlli e perquisizioni.

I due arrestati entrambi di origine egiziana sono stati sorpresi in pieno centro, via XX Settembre, con a dosso 50 grammi di hashish in dosi pronte per essere vendute.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di sequestrare altri 50 grammi, bilancino e materiale per confezionamento. Gli arrestati sono stati messi a disposizione dell’autorità giudiziaria. Attualmente si trovano agli arresti domiciliari.

Ermanno Amedei

27 gennaio 2018 0

La puntura di Ultimo… ai leaders europei anti Trump

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “I leaders europei hanno subito fatto quadrato criticando la decisione di Trump di imporre dazi. Ma nessuno di loro è mai stato visto fuori ai cancelli delle fabbriche chiuse per delocalizzazione a spiegare agli operai licenziati perché è giusto importare prodotti sottocosto. È facile dire buffonate in TV quando poi giri con la scorta…”.

Ultimo