Frosinone, 2 arresti 2 denunce e 750 gr di cocaina sequestrati in operazione dei carabinieri

Frosinone, 2 arresti 2 denunce e 750 gr di cocaina sequestrati in operazione dei carabinieri

20 gennaio 2018 0 Di admin

FROSINONE Due persone sono state arrestate e altre due sono state denunciate questa notte dai carabinieri di Frosinone al culmine di una operazione antidroga con cui i militari comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo, hanno sgominato  una fiorente attività dispaccio ricavata in un appartamento in viale Roma.

Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati circa 750 grammi di cocaina e materia utilizzato per il confezionamento delle dosi. In manette sono finiti due uomini, un 37enne di origini campane domiciliato a Frosinone ed un 28enne del capoluogo e denunciato altri due individui anch’essi residenti nel capoluogo ciociaro.

Nella tarda serata di ieri, dopo un pedinamento, i militari hanno deciso di fermare, all’uscita autostradale di Frosinone, proveniente da Napoli, una Toyota Aygo con due giovani a bordo che, anticipando di qualche centinaia di metri gli altri complici, fungevano da staffetta ad una Citroen C3 nel tentativo di avvisare di eventuali controlli delle forze dell’ordine. Una precauzione che è stata aggirata dal coordinamento proprio degli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile che hanno materialmente bloccato la marcia dei due mezzi ponendosi di traverso lungo la strada con le auto di servizio. A seguito delle perquisizioni d’iniziativa eseguite sui veicoli, sono stati ritrovati nascosti all’interno del tunnel della leva del cambio della Citroen, oltre 730 grammi di cocaina pura e, dalla successiva perquisizione domiciliare, ulteriori 20 grammi della stessa sostanza, due bilancini elettronici di precisione, materiale per il taglio dello stupefacente e per il confezionamento delle dosi, nonché denaro contante. I carabinieri hanno inoltre scoperto che l’appartamento dello spaccio era dotato di un sistema di video sorveglianza a circuito chiuso per il controllo dell’esterno e che all’altezza della porta d’ingresso era stato praticato un foro alla parete utilizzato per lo scambio di droga e denaro con gli acquirenti.

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, secondo quanto disposto dall’Autorità Giudiziaria del capoluogo, sono stati portati presso la locale casa circondariale mentre i due giovani sorpresi sull’auto “staffetta”,  un 27enne ed un 29enne incensurato, sono stati denunciati. Sul conto dei quattro verranno avanzate proposte per l’applicazione di idonee misure di prevenzione. Lo stupefacente sequestrato, secondo i carabinieri, acquistato per circa 40mila euro, avrebbe fruttato, una volta “tagliato”, almeno 250mila euro, cioè circa sei volte in più.