Giorno: 9 febbraio 2018

9 febbraio 2018 0

Stop all’uso dell’ascensore al liceo “G. Carducci” di Cassino

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Sospeso l’uso dell’ascensore al liceo classico “G. Carducci” di Cassino. Il provvedimento è stato adottato con un’ordinanza comunale questa mattina, dopo che la società incaricata delle verifiche ordinarie e straordinarie ha “espresso parere sfavorevole all’uso dell’ascensore”.

È quindi scattato il provvedimento da parte del comune di Cassino che con un’ordinanza ha “fermato l’uso dell’ascensore” ai fini di tutela e salvaguardia delle persone. Il provvedimento a firma del neo segretario comunale dott.ssa Rita Riccio è stato tempestivamente comunicato all’Amministrazione provinciale, al Dirigente scolastico, alla ditta di manutenzione e a tutti gli organi competenti.

Nell’ordinanza, emessa dal Comune vengono stabiliti i criteri e le indicazioni necessarie ad informare gli utenti del provvedimento da affiggere su tutte le porte dell’ascensore.

Il normale funzionamento dell’ascensore, si legge ancora nel provvedimento emesso dall’Ente di piazza De Gasperi, sarà possibile e disposto solo dopo la presentazione di una Relazione Tecnica che attesti l’esecuzione dei lavori necessari al superamento delle verifiche negative espresse dalla società competente alle verifiche periodiche e sull’impianto.

F. Pensabene

9 febbraio 2018 0

Ignoti danno alle fiamme il portone di struttura per stranieri a Sermoneta

Di admin

SERMONETA – La porta di ingresso di una palazzina che ospita stranieri richiedenti asilo è stata data alle fiamme a Sermoneta.

L’incendio è stato appiccato da ignoti in via Monticchio utilizzando liquido infiammabile contenuto in una bottiglia di plastica.

La struttura è gestita dalla cooperativa sociale Il Quadrifoglio che ospita richiedenti protezione internazionale e sono stati proprio loro, gli ospiti, a spegnere il fuoco che ha danneggiato solamente il portone senza riuscire a superarlo. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri del reparto Territoriale di Aprilia.

Foto repertorio

9 febbraio 2018 0

Bullismo e Cyberbullismo: la Polizia di Stato incontra gli studenti

Di redazione

Nella settimana del Safer Internet Day e della seconda Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo la Polizia di Stato ha proseguito l’importante campagna di sensibilizzazione contro ogni forma di comportamento deviante e vessatorio, nonché finalizzata a rendere consapevoli i giovani dei pericoli del web. A Fiuggi l’Ispettore Capo Marco Rea della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni ha incontrato gli studenti di Fiuggi al Teatro Comunale della città termale. A Sora presso l’ auditorium dell’Istituito “Cesare Baronio” sono intervenuti il dr. Gennaccaro e l’Isp. Capo Anna Emilia Centofanti del Commissariato cittadino, mentre il Sov. Capo Erica Gasperini del Commissariato di Cassino a Pontecorvo. #Essercisempre

9 febbraio 2018 0

Armi: Cosa c’è da sapere, la nota della Polizia di Stato

Di redazione

La Divisione Polizia Amministrativa della Questura, invita a consultare il sito della Polizia di Stato al seguente link http://www.poliziadistato.it/articolo/312/ per le informazioni necessarie relative alle principali richieste per le armi comuni da sparo (fucili e pistole) per uso personale, sportivo e venatorio, come e a chi presentare la domanda, nonché la necessaria documentazione. L’esatto adempimento della normativa consente di non incorrere in sanzioni, come è accaduto ad un 41enne frusinate che non aveva provveduto, entro 72 ore, a comunicare all’autorità di P.S. il nuovo luogo di detenzione dell’arma in suo possesso, che è stata sequestrata. Bastano semplici adempimenti per essere in regola, ricorda il primo Dirigente dr.ssa Antonella Chiapparelli.

9 febbraio 2018 0

Velletri, Fede: decoro e parchi urbani nell’abbandono

Di admin

VELLETRI – “Mi capita settimanalmente di frequentare i nostri parchi giochi. Basta fare un rapido giro per rendersi conto della pessima situazione in cui sono ridotti i luoghi ludici di Velletri”.

Lo si legge in una nota di Paolo Fede, Candidato consigliere comunale nella lista “con Voi per Velletri” per Giorgio Greci sindaco.

“Giochi per bambini distrutti, altalene rotte, panchine e giochi imbrattati da scritte volgari, e presi d’assalto da alcuni giovani studenti che marinano la scuola ritrovandosi ad esempio presso la Villa Comunale o i giardinetti di Viale Marconi (giusto per citarne due) per fumare, rompere giochi ed urlare frasi poco ripetibili, noncuranti della presenza di bimbi piccoli e genitori/nonni al seguito. Vi invito a fare questa prova: andate una mattina infrasettimanale, con le scuole aperte, presso uno dei due luoghi sopracitati, cosi da rendervi conto che quanto scritto in queste poche righe non è frutto di immaginazione, ma è la pura verità, senza esagerazioni. Mi piacerebbe ripristinare un dignitoso decoro urbano, ridare sicurezza e pulizia ai nostri parchi, cosicchè i nostri figli possano giocare in maniera tranquilla in queste strutture, senza la paura che possano farsi male a causa di un gioco rotto. Molte panchine di questi parchi sono diventate anche dormitori a cielo aperto per persone meno fortunate che, non sapendo dove andare, si ritrovano con bottiglie di birra di vetro (altro potenziale grosso pericolo), a poca distanza da bimbi e genitori, lasciando poi i rifiuti ed i segni del loro passaggio a terra. Altri esempi di degrado cittadino si potrebbero fare. Insieme al dottor Greci andremo ad introdurre un assessorato al decoro urbano. Perchè anche l’immagine di una Velletri sicura e pulita deve essere importante, sia per noi che ci viviamo e sia per chi viene a visitare la nostra bellissima Città!”
9 febbraio 2018 0

Cassino, Santa Scolastica: Carnevale in corsia con il Cosilam

Di redazione

I colori, i suoni e l’allegria tipica del carnevale irrompono nel reparto di pediatria dell’ospedale “Santa Scolastica” di Cassino. Questa mattina, venerdì 9 febbraio, il Cosilam ha realizzato il progetto “Carnevale in corsia” che, per l’edizione 2018, si è arricchito della collaborazione del Centro Commerciale “Le Grange” di Piedimonte San Germano sponsor dell’evento. Stamattina Francesco Borrelli e Beatrice Di Pippo (giovani di Azione Cattolica) hanno intrattenuto tutti i bambini del reparto di pediatria con una festa realizzata in tema “carnevale”. Tra coriandoli, stelle filanti e maschere i piccoli pazienti hanno trascorso momenti di divertimento e spensieratezza culminati con i regali messi a disposizione dal centro commerciale “Le Grange”. “La malattia di un bambino colpisce tutto il nucleo familiare – ha affermato il Presidente del Cosilam Pietro Zola che ha partecipato all’iniziativa con il Direttore Generale avv. Annalisa D’Aguanno – I piccoli pazienti che si trovano ricoverati in ospedale devono affrontare non solo la malattia, ma anche il distacco dalla propria casa e dai propri affetti. Per questo motivo dallo scorso anno stiamo realizzando il progetto “Carnevale in corsia” che ha come unico scopo quello di far tornare il sorriso sui volti dei bambini. Perché il sorriso di un piccolo illumina tutto e rende ogni cosa più bella. Quest’anno l’iniziativa è ulteriormente cresciuta grazie all’impegno messo in campo dal Centro commerciale “Le Grange” che, attraverso il suo direttore Fabio Carrassi, ha dato subito la propria disponibilità a partecipare al progetto mettendo a disposizione i regali che questa mattina abbiamo consegnato ai bambini. Ci tengo a ringraziare, oltre ai ragazzi che hanno animato la giornata, anche il commissario straordinario dell’Asl di Frosinone Luigi Macchitella e tutto il personale sanitario per l’accoglienza e l’appoggio che ci hanno fornito. Uno staff di vera eccellenza che svolge un lavoro di altissimo livello”. Presenti all’iniziativa anche il vicesindaco di Pontecorvo Moira Rotondo e il consigliere di amministrazione dell’Azienda Speciale Multiservizi di Pontecorvo Gaetano Spiridigliozzi.

9 febbraio 2018 0

Lotta dei poveri a Cassino, denuncia mendicante per sottrargli posto davanti supermercato

Di admin

CASSINO – Denuncia il suo “collega” per sottrargli il “posto di lavoro” abusivo davanti al supermercato. E’ accaduto a Cassino che un 44enne nigeriano è stato denunciato a sua volta dagli agenti del commissariato cittadino per simulazione di reato.

Lo straniero, ospite di un centro di accoglienza della zona aveva accusato un connazionale di averlo minacciato in seguito a vicende risalenti la sua permanenza in Nigeria. Vicende che, a suo dire false, avrebbero potuto compromettere la sua permanenza in Italia.

Da accertamenti effettuati dagli inquirenti è emerso, invece, che il 44enne ha inventato quel racconto per vendicarsi di una discussione avuta per le gestione della “postazione lavorativa” davanti ad un supermercato. Per questo è scattata la denuncia.

Ermanno Amedei

9 febbraio 2018 0

Camera da letto attrezzata per confezionare dosi di hashish e marijuana, arrestato 40enne ad Arce

Di admin

ARCE – Nascondeva in camera da letto Hashish e marijuana. Per questo, i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo hanno arrestato un 40enne di Arce.

I militari. I militari della locale stazione, a seguito di una perquisizione eseguita presso l’abitazione dell’uomo già noto per episodi legati allo spaccio di droga, hanno rinvenivano all’interno della camera da letto 87 grammi di hashish, 42 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi.

Dopo le formalità di rito l’uomo è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida che sarà celebrata presso il Tribunale di Cassino.

9 febbraio 2018 0

Corpo sulle rotaie del Cassino Roma, si ipotizza suicidio di 50enne. Traffico in tilt

Di admin

CASSINO – Il corpo senza vita e dilaniato di un uomo è stato ritrovato questa mattina poco dopo le 9.40 sui binari della linea ferroviaria Roma Frosinone nei pressi della stazione Colonna.

I due treni in transito in quel momento sono stati fermati e retrocessi a Zagarollo e su tutta la linea, in direzione Roma, è stato interrotto il traffico.

Viaggiavano solamente i convogli in direzione Cassino. Alle 11.25 è stato predisposto il senso unico alternato sul binario non interessato dall’episodio. Sul probabile suicidio sta lavorando la polizia Ferroviaria di Roma. La vittima è un uomo italiano di circa 50 anni.

Ermanno Amedei

9 febbraio 2018 0

Ricettari medici e timbri di dottori della Als per prescrivere farmaci, arrestato infermiere

Di admin

TIVOLI –  Un infermiere dipendente della Asl è stato arrestato perchè trovato in possesso di ricettario e timbri di medici della Azienda Sanitaria presso cui lavora.

I Carabinieri della Stazione di Tivoli, coordinati dal Comando Compagnia, hanno arrestato, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica ed inerente l’utilizzo di ricette mediche false per l’acquisto di medicinali vietati, un 61enne, infermiere presso la Asl, con le accuse di ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di medicinali contenenti oppioidi.

I Carabinieri hanno fermato l’uomo a bordo del suo veicolo ed hanno eseguito un accurato controllo, rinvenendo tre scatole contenenti 84 pasticche da 80 mg di “oxicodone sandoz”, e una scatola contenente 28 pasticche da 20 mg di “depalgos”, potenti antidolorifici contenenti l’ossicodone, una sostanza oppiacea,

La successiva perquisizione a casa dell’infermiere, a Vicovaro, ha permesso ai Carabinieri di trovare 5 ricettari medici, vari timbri riportanti intestazioni ed emblemi dell’azienda sanitaria, dove il 61enne lavora, e timbri con nominativi di medici impiegati presso la citata struttura.

I militari sono riusciti quindi ad accertare che l’arrestato, venuto illecitamente in possesso dei ricettari medici, al fine di trarne un profitto mediante la vendita di medicine altrimenti vietate, compilava falsamente le ricette per potersi assicurare le sostanze vietate presso le farmacie dell’area tiburtina.

Il materiale rinvenuto è stato sequestrato unitamente ai medicinali che saranno sottoposti ad analisi tossicologiche.

L’arrestato è stato accompagnato presso la propria abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicato con rito direttissimo dall’Autorità Giudiziaria competente.