Giorno: 1 marzo 2018

1 marzo 2018 0

Cisterna di Latina, Capasso poteva essere fermato? Indagine interna dell’Arma

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CISTERNA DI LATINA – Una inchiesta interna per verificare se la linea di comando e le autorità sanitarie chiamate a valutare le condizioni psicofisiche di Luigi Capasso hanno fatto quanto in loro potere per evitare la tragedia di ieri.

Lo avrebbe disposto il Comando Generale dell’Arma in mewrito ai fatti di Cisterna di Latina. L’assassino suicida era un appuntato scelto in servizio presso la compagnia carabinieri di Velletri.

L’indagine interna è ulteriore e indipendente a quella giudiziaria svolta dalla procura della repubblica di Latina a cui l’Arma starebbe fornendo la massima collaborazione.

1 marzo 2018 0

Cisterna di Latina, operazione alla mandibola riuscita per Antonietta Gargiulo. Domani si valuta il risveglio

Di admin

CISTERNA DI LATINA – Antonietta Gargiulo è ancora ricoverata in terapia intensiva e, dal suo arrivo ieri mattina al San Camillo di Roma, non ha mai ripreso conoscenza. La 39enne di Cisterna di Latina è stata attinta da tre colpi di pistola esplosi dal marito, Luigi Capasso, da cui si stava separando. L’uomo, dopo averla ferita ha ucciso le loro figlie di 8 e 12 anni prima di uccidersi a sua volta.

Antonietta è stata sottoposta oggi ad un intervento di due ore per ricomporle i danni alla mandibola causatone da uno dei proiettili. L’intervento è riuscito ma resta in prognosi riservata ance se non in pericolo di vita. Domani i medici cominceranno a valutare la possibilità di ridurre il sedativo.

L’intervento più difficile, però, sarà riportarla nella giusta maniera alla terribile realtà.

Ermanno Amedei

1 marzo 2018 0

Sorpresi a rubare ruote alle macchine a Gaeta: arrestati due uomini 

Di admin

GAETA – Questa notte i carabinieri della tenenza di gaeta hanno tratto in arresto P.G., 46 enne e c.v., 47 enne, entrambi pregiudicati di napoli, per il reato di furto aggravato in concorso, in quanto sorpresi nella notte da una pattuglia dei carabinieri dopo che avevano asportato tutte le ruote da due autovetture parcheggiate. Un genere di furti che tra Gaeta e Formia si ripetono da tempo.

questa notte i militari comandati dal tenente Carmine Manzi, dopo aver notato una fiat tipo nuovo modello aggirarsi nelle zone maggiormente colpite e, in particolare nella via colle Sant’Agata.

Hanno quindi proceduto all’alt per fermarla e controllarla ma per tutta risposta gli occupanti si sono dati alla fuga.

Ne è nato un inseguimento riuscendo a bloccarla a Formia, all’altezza della rotonda, situata sotto la sede della compagnia carabinieri, grazie anche all’ausilio di una pattuglia della sezione operativa pronto impiego del gruppo della guardia di finanza di Formia che transitava in zona. a seguito di perquisizione personale e veicolare, i carabinieri hanno rinvenuto all’interno dell’autovettura le otto ruote, appena rubate a Gaeta da una fiat 500 e da un’audi A1, nonché vari attrezzi e guanti utilizzati dai due pregiudicati per mettere in atto il furto. le ruote sono state pertanto restituite ai legittimi proprietari mentre il restante materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro.

I carabinieri ora cercheranno di capire se gli autori del furto di questa notte erano soli o in compagnia di altri complici e, soprattutto, se gli stessi siano gli autori di altri furti analoghi avvenuti in zona nell’ultimo periodo.

1 marzo 2018 0

Agguato nel garage di casa, imprenditore di Latina pestato e rapinato

Di admin

LATINA – Lo hanno aspettato che rientrasse nel garage della sua villa a Latina per aggredirlo, immobilizzarlo e rapinarlo.

La vittima è un imprenditore che ieri sera alle 22.30 ha fatto ritorno a casa e ad attenderlo, non appena uscito dall’auto c’erano tre persone a volto travisato, di cui una armata di pistola, che dopo avergli legato le mani con fascette di plastica e bendato il volto con una sciarpa, lo colpivano con calci e pugni trascinandolo all’interno dell’abitazione.

L’imprenditore è stato costretto a consegnare il portafogli contenente la somma contante di 600 euro, carte di credito e documenti vari, nonché ulteriore somma contante di euro 4.500 custodita interno della propria abitazione. I malfattori si sono dati così alla fuga a bordo dell’autovettura trafugata.

Il malcapitato, solo all’1circa, dopo essersi liberato e chiesto soccorso, è stato trasportato all’ospedale civile Santa Maria Goretti e riscontrato affetto da “trauma cranico – trauma facciale con trauma piramide nasale – trauma emicostato di sx” giudicato guaribile gg. 10.

La sua auto è stata rinvenuta completamente bruciata alle 5 di questa mattina a Pomezia (Rm).

I carabinieri indagano per risalire agli autori del fatto.

1 marzo 2018 0

Cassino: Emozione per la Prima giornata delle Vittime Civili delle Guerre e dei conflitti nel mondo

Di redazione

Emozionante la prima giornata delle Vittime Civili delle Guerre e dei conflitti nel mondo che si è tenuta a Cassino. Una giornata straordinaria quella che si è tenuta domenica, 25 febbraio, presso l’Aula Pacis di Cassino. L’associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, sezione provinciale di Frosinone, insieme al Comune di Cassino ha realizzato la prima edizione della Giornata delle Vittime Civili delle Guerre e dei Conflitti nel mondo, istituita grazie ad una legge dello Stato su iniziativa dell’Anvcg. La manifestazione ha visto la partecipazione, al fianco del presidente provinciale, il cavaliere Giovanni Vizzaccaro, del sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, del vicepresidente nazionale dell’Anvcg Aurelio Frulli e del prefetto di Frosinone, sua eccellenza Emilia Zarrilli. Una giornata in cui si sono susseguite testimonianze, appelli alla costruzione di una cultura di pace senza mai scendere nella retorica. I rappresentanti delle istituzioni hanno saputo toccare la complessità dell’argomento con parole vere, autentiche e non impastoiate di frasi fatte. La cerimonia è stata inaugurata dalla rappresentazione teatrale della Filodrammatica don Bosco, della Parrocchia di San Pietro Apostolo, curata da Patrizia Velardi. Poi, attraverso le parole del presidente della sezione provinciale, Giovanni Vizzaccaro si è entrati nel vivo della giornata. Alle parole del presidente Vizzaccaro ha risposto con forza il sindaco D’Alessandro che si è fatto promotore di un progetto di recupero della storia locale insieme agli studenti di ogni ordine e grado. Per far comprendere meglio chi sono le vittime civili di guerra è stato proiettato un filmato, documentato da Antonio Nardelli, che raccoglie alcune testimonianze con il coordinamento del presidente Vizzaccaro. La parola è passata al prefetto Zarrilli che è stata toccante nel suo intervento. Le conclusioni sono state affidate al vicepresidente nazionale Aurelio Frulli che ha voluto omaggiare il prefetto con un simbolo dell’Anvcg. Una giornata intensa, ricca di emozioni, resa ancora più toccante dallo scambio generazionale con gli studenti dell’istituto San Benedetto che hanno collaborato alla manifestazione. La giornata è stata moderata da Pierluigi Di Raddo e da Paola Caramadre. Tante le autorità civili e militari che hanno preso parte alla manifestazione testimoniando la vicinanza all’Anvcg. Al termine della manifestazione, dall’Aula Pacis si è mosso il corteo verso il monumento alle Vittime Civili di Guerra in piazza Marconi dove hanno sfilato il gonfalone della città di Cassino e i labari delle associazioni combattentistiche. Il Comune e l’associazione hanno deposto una corona in memoria di tutte le vittime. Il momento è stato reso ancora più solenne dalla preghiera officiata da don Gabriele della parrocchia di Sant’Antonio e dal sottofondo musicale della banda Don Bosco – Città di Cassino diretta dal maestro Marcello Bruni e dal picchetto d’onore dell’80esimo Rav.

1 marzo 2018 0

Nas chiudono un locale a Fondi e sequestrano alimenti a Terracina

Di admin

FONDI – I carabinieri del Nas di Latina, durante i controlli alle attività commerciali, hanno rilevato la non conformità e carenze strutturali relative ai requisiti igienici nei due locali adibiti rispettivamente a laboratorio cucina e deposito alimenti di una macelleria e gastronomia a Fondi (Lt).

Irregolarità che si sono aggiunte anche alla mancanza delle apposite autorizzazioni sanitarie, hanno fatto si che i militari comandati dal capitano Egidio Felice, adottassero il provvedimento di chiusura immediata e cessazione delle attività fino alla risoluzione delle problematiche igienico-strutturali rilevate.

Nel corso di controlli effettuati presso un ristorante di Terracina (Lt), gli stessi carabinieri del Nas, hanno sottoposto a sequestro amministrativo oltre 35 chili di  prodotti alimentari vari (carni, prodotti ittici e preparazioni gastronomiche) congelati e detenuti in un frigorifero a temperatura negativa idoneo alla sola conservazione e non anche alla loro trasformazione in alimenti congelati, che sono risultati oltretutto privi di valida documentazione utile a certificarne l’origine e la provenienza a riprova della loro salubrità. Inoltre per le violazioni amministrative rilevate, saranno erogate, a carico dei responsabili delle due attività ispezionate, sanzioni amministrative per una cifra complessiva che supera i 2.500 euro.

1 marzo 2018 0

Cassino, l’ex ospedale “G. De Posis” ospiterà il Consultorio Famigliare

Di redazionecassino1

CASSINO – il vecchio ospedale di Cassino, il “G. De Posis” ospiterà, dopo i lavori di ristrutturazione  del piano terra, appaltati di recente, il Consultorio Famigliare. Prosegue la ristrutturaione del vecchio ospedale di Cassino, da anni dismesso ed in stato di abbandono.

È stata, infatti, appaltata la ristrutturazione del piano terra nei cui locali troverà sede il Consultorio Familiare. I lavori sono stati affidati ad un’impresa della Capitale con il sistema della gara d’appalto secondo il criterio del prezzo più basso. L’importo totale dei lavori era fissato, dal bando di gara, in poco più di 128mila euro, di cui 3400 euro per oneri di sicurezza.

La società romana si è aggiudicata il lavoro con un ribasso del 31,01%. In sostanza la ristrutturazione dei locali è costata, quindi, poco più di 89.500 euro e durerà cinquanta giorni.

La struttura dell’ex “G. De Posis” riacquisterà un volto nuovo e, soprattutto, cesserà lo stato di abbandono in cui è rimasto per tutti questi anni con l’entrata in fumzione del “Santa Scolastica”. I lavori sono terminati da poco nei tempi previsti e nelle prossime settimane si potrà trasferire il nuovo Consultorio Famigliare.

La progressiva ristrutturazione dei locali dell’ex ospedale, inoltre, consentirà di raggruppare tutti gli uffici e laboratori della Asl di Frosinone presenti a Cassino, in un’unica struttura con notevole risparmio sui costi di affitto al momento versati per locali privati.

F. Pensabene  

 

1 marzo 2018 0

“Safety car 2”: l’operazione della Polizia contro il fenomeno di furti autovetture e motocicli

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella nostra provincia sono stati controllati 92 veicoli e “scansionate” oltre 10.000 targhe, con il sequestro di 3 autovetture e 16 contestazioni al Codice della Strada.

101 arresti in tutta Italia, 352 denunce in stato di libertà, 618 veicoli rubati restituiti ai legittimi proprietari:  questo è il bilancio dell’operazione della Polizia di Stato “Safety car 2”, coordinata dal Servizio Controllo del Territorio, contro il fenomeno di furti autovetture e motocicli.

L’attività ha coinvolto tutte le Questure,  con il supporto di equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine, della Polizia Stradale e della Polizia di Frontiera negli ambiti di loro competenza, con l’impiego di 9.416 equipaggi complessivi e, per la prima volta, con il concorso delle Polizie Locali.

Con l’utilizzo contemporaneo, su tutto il territorio nazionale, del tecnologico Sistema Mercurio, sono stati controllati 983.427 veicoli e 65.396 persone.

Il valore complessivo degli automezzi recuperati è stato di oltre 5,5 milioni di euro.

Nella nostra provincia sono stati controllati 92 veicoli e “scansionate” oltre 10.000 targhe, con il sequestro di 3 autovetture e 16 contestazioni al Codice della Strada.

I servizi sono stati coordinati dal dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico dr. Flavio Genovesi: impiegate le unità operative della Squadra Volante del capoluogo e dei Commissariati, con il prezioso ausilio delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Roma

 

 

1 marzo 2018 0

Alla Pallacanestro Veroli arriva coach Giovanni Celani

Di redazionecassino1

La Società Pallacanestro Veroli 2016 annuncia un cambio alla guida della squadra: arriva Coach Giovanni Celani.

La Società ringrazia infinitamente Fabrizio Rotondo che, per impegni personali, ha deciso di interrompere questo percorso e dà il benvenuto al tecnico alatrense Celani.

Tra gli obiettivi del nuovo Coach ci sarà quello di arrivare tra le prime otto in questa seconda fase per poter disputare i play-off.

Negli anni Settanta contribuì, nelle vesti di giocatore, alla promozione in serie C (all’epoca esistevano solamente serie A/B/C) del Veroli Basket. .

 

 

1 marzo 2018 0

Tradito dalla chiave, 30enne di Cassino conservava in soffitta 400 grammi di cocaina

Di admin

CASSINO – Era già ai domiciliari per aver picchiato un ristoratore durante un banchetto di famiglia ma, con quella misura cautelare, evidentemente, riusciva meglio a controllare il deposito della sua azienda dello spaccio.

Gugliemo Morelli abita nel quartiere San Bartolomeo di Cassino e da tempo gli agenti del commissariato di polizia diretto dal vice questore Alessandro Tocco lo avevano sotto controllo. La perquisizione della soffitta del palazzo in cui vive con altri condomini, ha confermato i loro sospetti. All’interno, protetti da un massiccio lucchetto, grazie anche al fiuto dei due cani Neki ed Enduro della squadra cinofili di Nettuno, i poliziotti hanno trovato circa 400 grammi di cocaina, una pistola calibro 22 e la “cassa” dell’azienda dello spaccio, circa 9mila euro.

Quella roba, però, trovandosi nella mansarda, poteva essere ricondotta a chiunque abitasse nel palazzo. A tradire Morelli è stato il mazzo di chiavi di casa che conteneva anche quella che apriva il lucchetto. Per lui, quindi, è scattato l’arresto e si sono aperte le porte del carcere San Domenico di Cassino.

Ermanno Amedei