Giorno: 12 marzo 2018

12 marzo 2018 0

Latina, sradicano bancomat ma lo abbandonano con 50mila euro all’interno

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – Gli agenti della Squadra Mobile di Latina hanno ritrovato uno sportello bancomat sradicato dalla sede della filiale di un istituto di credito di Latina con all’interno ancora i 50mila euro che conteneva.

I ladri hanno agito velocemente nella notte tra sabato e domenica sradicando il bancomat e dileguandosi. L’allarme ha fatto scattare un piano di controllo sulle principali vie di fuga e forse questo ha consigliato ai malviventi di disfarsi del bottino. In località Borgo Montello, l’equipaggio di una Volante sulla via Pontina all’altezza del km 60 ha notato un distributore di carburante ERG in stato di abbandono; intuendo che quell’area poteva essere luogo ideale per celare eventuali veicoli e cose provento di furto, hanno deciso di estendere i controlli nell’area. Intuizione che si rilevava essere giusta, in quanto nei campi adiacenti, celato dal muro di cinta del distributore, hanno trovato un veicolo Fiat Iveco con sopra lo sportello Bancomat in questione.

Lo sportello bancomat, nonostante fosse notevolmente danneggiato, presentava il vano cassaforte ancora integro. Contattato il direttore della banca derubata, si procedeva all’apertura della cassaforte, all’interno della quale veniva rinvenuto denaro pari a circa 50.000 euro, comunque macchiatosi con inchiostro blue antifurto. L’ingente somma di denaro e lo sportello bancomat sono stati immediatamente restituiti all’avente diritto. Indagini in corso da parte di questa Squadra mobile.

 

12 marzo 2018 0

Frosinone, vuole vedere il fratello arrestato: 22enne in tribunale con bottiglia di benzina

Di admin

FROSINONE – Si è presentato in tribunale a Frosinone con una bottiglia da due litri di benzina e una sigaretta accesa generando timori tra i presenti.

E’ accaduto oggi pomeriggio poco dopo le 14 quando i vigilanti hanno notato il 22enne che è entrato dall’ingresso principale fermandolo e chiedendo cosa contenesse la bottiglia. Il giovane ha spiegato che era sua intenzione chiedere al giudice il permesso di incontrare il fratello, il 20enne arrestato questa mattina nel corso di una operazione antidroga condotta dai carabinieri di Napoli.

Il giovane sosteneva di essere preoccupato per le sorti del fratello minore e che temeva potesse togliersi la vita. La benzina che portava in mano lasciava temere che lui stesso sembrasse intenzionato a compiere gesti estremi ma grazie all’intervento di alcuni carabinieri presenti in tribunale e alla loro capacità di mediare, il giovane ha accettato di consegnare spontaneamente la bottiglia. Poi sono arrivati i carabinieri della compagnia di Frosinone e lo hanno portato via.

 

 

 

12 marzo 2018 0

Grandissima prova di carattere e la Virtus Cassino espugna anche il Pala Borrelli di Scauri

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino non tradisce le attese della vigilia dei propri sostenitori che sognavano una serata come questa ed espugna il parquet di Minturno, in provincia di Latina, in occasione della venticinquesima giornata del Campionato Nazionale di Serie B , girone D, 2017-18.

I rossoblù cassinati passano con il punteggio di 90 a 87 al termine di un match davvero molto combattuto e giocato punto a punto in specie nell’ultimo quarto, dopo che i padroni di casa avevano messo in cassaforte il risultato nel corso della terza frazione di gioco allorquando, grazie ad un assist di Richotti, Provenzani aveva realizzato la “bomba” del + 9 per i pontini per il 58 a 49.

Tutto sembrava dunque volgere a favore dei padroni di casa anche perché il gremitissimo Pala Borrelli sembrava poter essere il valore aggiunto di questa sfida esplodendo di gioia.

Ma non si erano ancora fatti i conti con la voglia degli ospiti cassinati di non mollare di un solo centimetro.

Infatti capitan Del Testa suona la carica e con un gioco da tre punti, con fallo di Longobardi sul marine rossoblù, riporta i viaggianti a sei punti di distacco nel corso del sesto minuto di gioco della terza frazione. 58 a 52.

In buona sostanza dal 58 a 49 al 65-67 per i cassinati alla sirena della terza frazione di gioco il gioco è fatto nel breve volgere di tre giri di lancetta.

Se la matematica non è una opinione i cassinati appaiono come morsi dalla tarantola e mettono a segno un clamoroso 22 a 7 di parziale. Gli oltre cento tifosi benedettini al seguito sono in visibilio e si inizia così la quarta ed ultima frazione di gioco. Ed è qui che Vettese tira fuori dal cilindro la variante tattica che mette in crisi il formidabile duo Sabbatini – Pontecorva. Infatti coach Vettese toglie dal parquet l’ottimo Bagnoli ed “abbassa” il quintetto piazzando i suoi a zona, zona dispari come si dice in gergo, 3-2.

La squadra di casa fa un po’ fatica ad approcciare la variante tattica proposta e il grande coach scaurese deve chiamare i suoi a raccolta per cercare di trovare gli antidoti. Ed in effetti li trova perché ad inizio della quarta frazione i sud pontini rimettono il muso avanti raggiungendo nel corso del secondo minuto di gioco anche il + 4 grazie ad una tripla di Longobardi che realizza il 73 a 69.

Ma la Virtus Cassino ovviamente non ci sta.

Un ottimo Enzo Cena, 22 punti per lui in 37 minuti di gioco con il 67% da due ed il 40 per cento da tre punti per un 27 di valutazione finale, di gran lunga l’MVP di serata, realizza la bomba del 73 a 72 e fa esplodere lo spicchio rossoblù. Il match diventa tremendamente appassionante e la tensione agonistica cresce a dismisura ma il parossismo del pathos si raggiunge nel corso del quinto minuto di gioco allorquando Longobardi realizza l’altra bomba del controsorpasso per il 78 a 77.

Trascorrono infatti, in seguito a questo gesto tecnico, due lunghi minuti nel corso dei quali nessuna delle due formazioni riesce a violare il canestro avversario.

A tre minuti e mezzo dal termine ci pensa Bagnoli con un tiro da entro l’area ad operare il controsorpasso stavolta di marca cassinate, 78-79.

Sembra una gara motociclistica ed ogni curva è di quelle buone per piazzare la sorpresa nei confronti dell’avversario. Nessuno ovviamente vuole mollare di un centimetro e ci vuole una grande prova di squadra per portare a casa il risultato.

“Qui si è concretizzata, se mai ce fosse stato bisogno ancora, la forza emotiva della nostra squadra“ le parole a fine gara del team manager della BPC Virtus Cassino, Furio De Monaco “Una squadra che è fatta di veri uomini. Infatti non era semplice realizzare e portare a casa il risultato. Avevamo di fronte un team in grande fiducia che d’altra parte sappiamo essere allenata da due dei più grandi allenatori del girone o forse di tutta la serie B e noi, come staff tecnico, eravamo atterriti da questo scontro alla vigilia. Avevamo però studiato bene tutto con coach Vettese e con Serena Incelli ed abbiamo proposto una serie di varianti tattiche che hanno sortito i frutti sperati. Chiaramente in una situazione in cui Scauri giocava una sorta di finale per agganciare il treno play off che significa per loro post season, noi dovevamo per forza di cose salvaguardare il terzo posto raggiunto in classifica. Siamo riusciti a metterci alle spalle anche questa giornata di campionato e lo abbiamo fatto nel migliore dei modi. Doveroso fare i complimenti alla squadra. I ragazzi, uno ad uno, hanno mostrato il lato migliore della loro voglia di sacrificarsi per questo obiettivo. Dovevamo proteggere il terzo posto in classifica ripeto nel match più difficile della giornata e ci siamo riusciti. Adesso ci prepariamo alla prossima gara che sarà complicatissima (Capo d’Orlando in provincia di Messina, in trasferta, sabato prossimo alle ore 18, ndr)” conclude così il dirigente rossoblù.

Dunque la BPC Virtus Cassino rimette il muso avanti ma è Longobardi a riportare avanti Scauri grazie a due liberi con cronometro fermo,80-79. E’ Petrucci con una incursione delle sue a procurarsi il gioco da tre punti che fissa il punteggio sul tabellone sull’82 a 80. Contro sorpasso, l’ennesimo, 83 a 82 con la conclusione dalla lunga distanza di Serino, 83-82. Parità di Carrizo a 1 e 10 dal termine della gara, 84-84.

Giammò realizza il tiro libero del +1 per i pontini, 85-84. Ma il capolavoro è dell’ex di giornata Simone Bagmoli con un tap in per l’86-85. Carrizo viaggia in lunetta altre 5 volte ed è glaciale non concedendo scampo e portando in porto la nave rossoblù.

La Virtus Cassino ha vinto.

Basket Scauri – BPC Virtus Cassino 87-90

Parziali 21-26, 21-18, 23-23, 22-23

Basket Scauri: Serino 21 (9/10, 1/5), Longobardi 19 (4/9, 2/3), Provenzani 19 (5/8, 3/4), Giammo 12 (2/4, 2/8), Richotti 8 (4/8, 0/1), Marzullo 3 (0/0, 1/2), Zolezzi 3 (0/0, 1/1), Manzo 2 (1/3, 0/0), Casoni 0 (0/0, 0/0), Giannetti 0 (0/0, 0/0), Varga 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 11 – Rimbalzi: 35 4 + 31 (Longobardi 9) – Assist: 18 (Richotti 13)

All. Sabbatini

BPC Virtus Cassino: Enzo Cena 22 (4/6, 2/5), Maurizio Del Testa 18 (4/6, 3/6), Simone Bagnoli 17 (8/13, 0/0), Manuel Carrizo 14 (2/7, 1/6), Niccolò Petrucci 10 (3/5, 1/5), Matteo Bini 7 (2/5, 1/4), Lorenzo Panzini 2 (1/4, 0/5), Fabrizio De Ninno 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 18 / 23 – Rimbalzi: 37 10 + 27 (Manuel Carrizo 10) – Assist: 13 (Manuel Carrizo 6)

All. Vettese Ass. Incelli

MVP : Enzo Cena

12 marzo 2018 0

Si aggira con un cacciavite tra le auto in sosta: 20enne fermato e denunciato dalla Polizia

Di redazionecassino1

CASSINO –  Gli agenti del Commissariato di Cassino, diretti dal vice Questore Alessandro Tocco, nel corso di servizi finalizzati al controllo del territorio, intercettano, nei pressi della Stazione, un giovane che, “armato” di cacciavite, si aggira tra le auto in sosta.

 

Il giovane è stato fermato ed identificato dagli agenti della volante per l’atteggiamento sospetto.

È un 20enne originario della Romania e residente a Napoli, per il quale scatta la denuncia.

Contestualmente gli è stata notificata l’ordinanza di rimpatrio emessa dal Questore di Frosinone e munito del Foglio di Via Obbligatorio.

 

 

12 marzo 2018 0

Pronti ad assaltare il bar e tabacchi a Cassino, tre malintenzionati allontanati dalla polizia

Di admin

CASSINO – Pronti a commettere un furto. Tre campani, nella notte tra sabato e domenica, sono stati sorpresi dagli agenti del commissariato di Cassino alle 3 di notte in via Di Biasio.

Il gruppo, tutti pregiudicati erano di fronte ad una attività commerciale, bar-tabacchi.

Controllati, gli uomini del vice questore Alessandro Tocco hanno trovato in loro possesso chiavi alterate e un grimaldello. Dopo una perquisizione veicolare e personale i tre sono stati proposti per il foglio di via e ritorno nel comune di Napoli.

12 marzo 2018 0

Droga della camorra a Frosinone, due fratelli coinvolti: uno arrestato l’altro ricercato

Di admin

FROSINONE – Un giovane di Frosinone, Davide Verdicchio non ancora 20enne, è stato arrestato questa mattina mentre il fratello 38enne risulta ancora ricercato. I due sono coinvolti in una operazione antidroga condotta dai carabinieri di Napoli che hanno eseguito 29 delle 31 ordinanze di misure cautelari emesse dal Gip di Napoli  per reati che a vario titolo, vanno dall’associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (artt. 73, 74 DPR 309/90), con l’aggravante dell’art. 7 della legge 203/91.

Durante le operazioni di esecuzione del provvedimento al giovane di Frosinone gli uomini del comando provinciale hanno sequestrato 54 grammi circa di hashish 212 grammi circa di marijuana e 15 grammi circa di semi di marijuana. L’arrestato è stato associato al carcere di Frosinone mentre si cerca ancora il fratello.

L’indagine, condotta dai carabinieri di Napoli dall’ottobre 2015 fino ad oggi, mediante attività tecniche e servizi di osservazione e pedinamento, ha permesso di individuare un’articolata associazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti, del tipo hashish e marijuana; documentare i molteplici canali di distribuzione del narcotico sul territorio nazionale, principalmente in Campania e nel Lazio; trarre in arresto, nel corso delle investigazioni, 4 persone, sequestrando complessivamente 80 chili circa di hashish e 1 chilo circa di marijuana. Il due fratelli ciociari sono ritenuti essere la ramificazione sul territorio dell’organizzazione.

Le investigazioni tecniche hanno evidenziato come nell’organizzazione vi fosse una pedina fondamentale nel traffico di hashish internazionale, curandone l’importazione dal Marocco a Napoli, attraverso Spagna, per conto dei clan camorristici maranesi Polverino e Nuvoletta prima, Orlando poi.

Le indagini hanno permesso di accertare che il giro di affari connesso alla commercializzazione della sostanza stupefacente da parte del sodalizio criminale si aggirava sui 100mila euro a settimana.

12 marzo 2018 0

Movimento “Rifiutiamoli” di Colleferro blocca un Tir di rifiuti austriaci destinati all’inceneritore

Di redazionecassino1

COLLEFERRO – Al centodiciottesimo giorno di presidio, mentre si definiscono gli esiti della contesa elettorale, il movimento Rifiutiamoli si prepara al confronto col futuro governo regionale. Prima ancora di aprire la discussione tuttavia ci siamo dovuti confrontare con un maldestro tentativo di portare agli inceneritori di Colle Sughero i materiali necessari al ‘revamping’. Il 6 marzo, alla guida di un TIR proveniente dall’Austria, un autista cercava a tentoni la strada per gli impianti, manovrando davanti al presidio del movimento Rifiutiamoli. E’ stato subito intercettato dalle persone presenti, a cui l’autista chiedeva indicazioni; accertata la destinazione del mezzo e la natura del carico, venivano raggiunti dal sindaco, prontamente informato da alcune decine di persone, assessori e consiglieri comunali, dal sindaco ed attivisti di Genazzano. Invitato a ritornare sui propri passi, il TIR faceva retromarcia, andando a sostare nella vicina stazione di servizio, evidentemente in attesa di ulteriori indicazioni da parte dei dirigenti della società Lazio Ambiente spa, che lo raggiungevano sul posto; la vicenda si concludeva con l’allontanamento definitivo del mezzo. Così è stato fermato questo goffo tentativo della direzione aziendale, in un momento di vuoto politico. Da informazioni acquisite, risulta che dalla regione sia arrivata alla dirigenza di Lazio Ambiente spa l’indicazione di fermare ogni attività relativa al revamping, in attesa dell’insediamento della nuova giunta regionale e della conseguente apertura di un tavolo di confronto con le amministrazioni locali e le forze sociali, nel quale Rifiutiamoli intende partecipare. Si conferma la necessità e l’efficacia del presidio, anche di fronte a questo surreale tentativo di riavviare l’attività di revamping: nelle prossime settimane si rafforzerà tanto la funzione di controllo nei confronti della ripresa del revamping quanto quella di punto di riferimento della discussione del movimento Rifiutiamoli. La discussione riguarda non solo il destino degli inceneritori, ma anche e soprattutto le scelte strategiche di un futuro piano regionale dei rifiuti, da cui dipenderà la sorte degli impianti di Colleferro – inceneritori e discarica. Ci apprestiamo quindi a una mobilitazione per giungere a una svolta radicale nella pianificazione del futuro sistema del ciclo dei rifiuti. Vogliamo arrivare al promesso tavolo di confronto con il massimo di informazione e condivisione nel nostro territorio, ricercando la partecipazione di tutti i cittadini e richiedendo chiare prese di posizione alle amministrazioni e alle rappresentanze politiche locali. La posta è immediatamente in gioco sul piano regionale e per questo il movimento Rifiutiamoli e il suo presidio costituiscono un punto di riferimento per tutti i comitati che si mobilitano sui temi della difesa dell’ambiente e del ciclo dei rifiuti in particolare. Consapevoli di questo ruolo lavoreremo alla creazione di un movimento regionale capace di incidere sulle scelte strategiche che l’amministrazione regionale deve prendere. Abbiamo già avuto una preziosa opportunità di discussione in occasione dell’attribuzione alle donne di Rifiutiamoli del Premio Donne Pace Ambiente Wangari Maathai, istituito dall’Associazione A Sud Onlus in collaborazione con la Casa Internazionale delle Donne: un confronto con le esperienze di altre situazioni di lotta ambientale che ha aperto l’orizzonte in cui si colloca la lotta del movimento Rifiutiamoli: obiettivi comuni sul piano nazionale che maturano in diversi contesti territoriali, su diversi terreni di lotta ambientale. Proseguiremo ricercando e costruendo momenti di confronto e coordinamento sempre più ampi sul tema dei rifiuti e più in generale sulle criticità ambientali del nostro territorio, cuore di un Sito di Interesse Nazionale. Nella nostra città apriremo il confronto con i cittadini, quartiere per quartiere.

12 marzo 2018 0

Basket Veroli espugna il parquet di Gaeta, 68-65

Di redazionecassino1

La gara fra Basket Serapo Gaeta e Pallacanestro Veroli 2016, termina con il risultato di 68-65 per la formazione ciociara. Avvio di gara equilibrato. Al 5’ la Pallacanestro Veroli 2016 prova ad allungare grazie ad un gioco corale e ad un’ottima circolazione di palla.

Serapo non ci sta e all’uscita dal primo Time-Out recupera portandosi sul + 3 a fine secondo quarto: spinta da buone azioni in contropiede e alle bombe di Porfido e Leccese. Alla ripresa la Pallacanestro Veroli 2016 recupera e a 3′ dalla fine raggiunge il +4 andando al riposo lungo sul 33-37. In avvio del secondo tempo la difesa della Pallacanestro Veroli 2016 cala di intensità e Serapo ne approfitta per sorpassare e provare il primo allungo sul + 5, ma una bomba di Fiorini G. riaccende le speranze per i ciociari. A 6′ dal temine della gara il punteggio è di 40 pari e si procede punto su punto. Celani chiama il terzo time out e alla ripresa una bomba di Velocci riporta la Pallacanestro Veroli 2016 sul 56 pari.  Celani con un recupero sotto canestro e un contropiede segna il +4 a 6′ dalla fine (58-60).  Nell’attacco successivo Gaeta costruisce dalla rimessa lato ma la difesa di Veroli non si fa trovare impreparata: recupera il possesso e con una manciata di secondi sul cronometro mette il punto esclamativo sulla partita con un tiro libero di Fiorini G. che chiude la gara sul 65-68 per i giallorossi. Veroli porta a casa la vittoria su un campo ostico affidando i palloni più delicati ai giocatori di maggiore esperienza ma continua a soffrire l’assenza pesante di Fiorini Marco e le precarie condizioni fisiche di alcuni giocatori fondamentali come Iannarilli. Tutto questo rende la vittoria di oggi ancora più preziosa a dimostrazione ancora una volta della serietà con cui questa giovane Società da neopromossa sta affrontando un campionato impegnativo come la CSilver. Prossimo appuntamento mercoledì 14 Marzo, alle ore 20.00, presso la Tensostruttura di Casamari: Pallacanestro Veroli 2016 vs Bracciano Basket.

 

BASKET SERAPO GAETA 65 – PALLACANESTRO VEROLI 2016 68

Veroli: Tabellini: Fiorini G. 11, Frusone 10, Vinci 10, Velocci 21, Celani 8, Mauti 8, Lella, Igliozzi, Lauretti, Fiorini M., Coach. Celani.

 

12 marzo 2018 0

Armi, la Polizia di Frosinone “sequestra” una carabina

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella rete dei controlli della Polizia Amministrativa è finito il proprietario di una carabina Flobert Cal.9, che è  stata “sequestrata”.

La detenzione, come accertato dagli uomini del Primo Dirigente dr.ssa Antonella Chiapparelli, non era regolare:  contestata infatti la mancanza dei requisiti psicofisici prescritti per il rilascio ed il mantenimento delle autorizzazioni di Polizia in materia di armi.

La Questura, pertanto, rinnova l’ invito al puntale rispetto della normativa vigente e ricorda che una  guida utile per  tutte le informazioni riguardanti le principali richieste relative alle armi comuni da sparo (fucili e pistole) per uso personale, sportivo e venatorio – come e a chi presentare una domanda, nonché  i documenti necessari da produrre – è consultabile sul sito della Polizia di Stato, nella home page, alla voce “ARMI” .

12 marzo 2018 0

“Lady-rolex” in azione a Frosinone, donna spagnola maestra nello sfilare orologi

Di redazionecassino1

FROSINONE – Una giovane si avvicina ad una donna residente nel capoluogo per chiedere informazioni: ringrazia della cortesia ricevuta stringendo le mani della sua interlocutrice. Le strade delle due si dividono.

All’improvviso la frusinate si accorge che al suo polso non c’è  più il prezioso orologio: è stata appena derubata.

Le sue urla attirano l’attenzione di alcuni passanti, che contattano immediatamente la linea di emergenza 113 della Questura.

Gli agenti delle Volanti, giunti sul posto, acquisiscono informazioni utili per identificare la ladra.

Da tempestivi accertamenti emerge che con lo stesso modus operandi era stato messo a segno un altro colpo, in danno di  un ragazzo di Ceccano.

Il luogo dove è stato consumato il fatto è monitorato dal sistema di videosorveglianza: le immagini “incastrano” la ladra, il cui volto è stato riconosciuto dalle vittime.

Scatta la denuncia: la ragazza, nativa della Spagna, dovrà rispondere di furto con destrezza.