Giorno: 27 marzo 2018

27 marzo 2018 0

Cervaro: una perdita d’acqua, segnalata ad Acea da mesi, crea danni, disagi e pericolo ai residenti

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CERVARO – Una situazione che ha dell’incredibile e che accentua la sfiducia nei confronti del gestore Acea da parte dei cittadini di Cervaro. Da mesi i residenti via Acqua Candida, nel comune cassinate, segnalano ripetutamente una copiosa perdita d’acqua che crea disagi e danni alla strada e alle abitazioni della zona. “È da mesi – ci dicono alcuni residenti – che segnaliamo ad Acea questa perdita, ma senza risultato”. Le forti piogge dei giorni scorsi, poi, hanno fatto il resto creando una buca che ha determinato seri danni e pericoli per le auto. In quel tratto della strada, infatti, una buca piena d’acqua ha rischiato di inghiottire l’auto di un residente. Immancabili i danni alla vettura e che solo per puro caso non si sono estese al conducente. Ma non basta, perché alle rimostranze dal proprietario dell’auto al servizio guasti sull’accaduto, come ci riferisce, si è sentito sbattere il telefono in faccia dagli operatori.

Molti dei residenti denunciano che alcune cantine sono state invase dall’acqua proveniente dalla perdita e l’umidità ha raggiunto parte delle stanze nelle abitazioni. Al momento l’unico intervento effettuato per mettere in sicurezza la strada è stato il posizionamento di un paletto, peraltro privo dell’adeguata segnaletica diurna e, soprattutto, notturna.

Speriamo che non si debbano verificare incidenti ben più gravi di quello occorso al nostro lettore, ampiamente documentato dalle foto inviateci, per risolvere una volta per tutte il problema!

F. Pensabene

 

27 marzo 2018 0

Giuda turistica dei Fori imperiali arrestata dai finanzieri, era Narcotrafficante

Di admin

ROMA – Era ricercato dal 7 settembre 2016 il trentenne romano Alessandro SATTA, residente a Phoenix (USA), uno dei vertici – secondo la Corte distrettuale della Pennsylvania – di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio negli Stati Uniti di considerevoli quantitativi di marijuana provenienti dal Messico, trasportati attraverso la California e distribuiti nell’area di Filadelfia. Il latitante è stato arrestato nei giorni scorsi dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma nei pressi del Colosseo. Lo stesso si era sottratto al provvedimento di cattura emesso nel settembre del 2016 all’esito di un’indagine della D.E.A. statunitense, dalla quale era emerso il suo diretto coinvolgimento nella distribuzione di 450 kg di marijuana, per un valore di oltre 2,8 milioni di dollari. L’individuazione del SATTA, ricercato dall’ufficio Interpol di Washington, è avvenuta grazie alla quotidiana attività di monitoraggio svolta, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, dagli specialisti del G.I.C.O. (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Roma, finalizzata a verificare la presenza nella Capitale di elementi di consorterie criminali dedite al narcotraffico. Nell’occasione, sfruttando la conoscenza degli ambienti e delle dinamiche delinquenziali e, soprattutto, analizzando i social media, i militari del G.I.C.O. – in sinergia con il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale e con il II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza – hanno scoperto che il narcotrafficante lavorava saltuariamente come guida turistica nell’area dei “Fori Imperiali” e, dopo qualche giorno di osservazione, lo hanno arrestato mentre dava indicazioni ad alcuni turisti americani. Quello di SATTA è solo l’ultimo di una serie di arresti di latitanti internazionali effettuati dalle Fiamme Gialle di Roma. Meno di due mesi fa era stato individuato e fermato, perché destinatario di un mandato di arresto europeo spiccato dal Tribunale di Barcellona, il cittadino pakistano ASHRAF Mohammad, ritenuto dalla Policia Nacional catalana il leader di un agguerrito gruppo criminale responsabile dell’importazione nel territorio iberico di oltre 15 kg di eroina. Il pakistano, fuggito dalla Spagna nell’aprile del 2017, era stato riconosciuto dai Finanzieri mentre passeggiava tra le bancarelle del mercato di via Anagnina. Negli ultimi due anni, la stessa “squadra” del G.I.C.O. ha arrestato altri latitanti di notevole spessore criminale che avevano scelto la Capitale come luogo in cui far perdere le tracce. Comando Provinciale Guardia di Finanza Roma 00141 Roma, Via Nomentana 591 Tel  06.87022372 Fax  06.87022265 2 Tra questi: ● il quarantacinquenne Angelo ROMEO, considerato esponente di spicco della nota cosca di ‘ndrangheta “Alvaro” di Sinopoli (RC), che era latitante dal maggio del 2015; ● il sessantunenne Marco Torello ROLLERO, inserito dal dicembre 2013 nella lista dei 100 latitanti più pericolosi, ritenuto uno dei principali broker mondiali della droga, legato a diverse cosche di ‘ndrangheta e al centro di interessi illeciti di ogni tipo sull’asse Sud America-Marocco-Italia; ● suo nipote Andrea ROLLERO, considerato uno dei membri di un sodalizio criminale collegato alle temute cosche calabresi “Pelle-Nirta-Giorgi” alias “Cicero” di San Luca (Reggio Calabria).

27 marzo 2018 0

Gioielleria assaltata nella notte a Ceprano, bottino da 20mila euro

Di admin

CEPRANO – Hanno agito nel cuore della notte facendo man bassa di ciò che di prezioso era contenuto nelle vetrine. I ladri sono entrati in azione alle 2.30 circa a Ceprano e a farne le spese è stata una gioielleria in via Casilina.

Probabilmente puntavano alla cassaforte dell’attività commerciale che conteneva i pezzi più pregiati ma, non riuscendo ad aprirla, si sono accontentati di ciò che avevano a portata di mano, i monili esposti. Hanno così arraffato materiale per un valore di circa 20mila euro e sono fuggiti. Sul posto sono arrivati i carabinieri che, coordinati dal tenente Tamara Nicolai hanno dato inizio alle indagini.

Ermanno Amedei

27 marzo 2018 0

Monumento distrutto, il gruppo di estrema destra Rivolta Nazionale ne rivendica la distruzione

Di admin

PONTECORVO – Il gruppo di estrema destra Rivolta Nazionale ha rivendicato la distruzione del monumento a ricordo ai soldati francesi e nordafricani di Sant’Esdra a Pontecorvo avvenuto tra sabato e domenica.

Lo fa con una mail a IlPuntoaMezzogiorno.it. Una breve nota di poche righe in cui si fa riferimento alla mancata inaugurazione del monumento ai “gloriosi ragazzi tedeschi nazionalsocialisti – si legge – venuti a morire per salvare l’Italia dall’invasore”.

La nota continua con: “nella nostra Madre Terra trovi posto un monumento a quei marocchini della divisione francese che si macchiarono di enormi violenze verso le nostre donne, verso bambini e anziani, collaborando con gli americani che intanto dall’alto bombardavano senza pietà le nostre città. Contro quel monumento sono state fatte piccole seppur giuste azioni, adesso però era giunto il momento di metterci altro tipo di mano! Per tale motivo lo abbiamo distrutto! Ristabiliamo una volta per tutte la VERITÀ: non siamo in alcun modo disposti a vedere tacitamente riconoscimenti verso stupratori e pedofili, così come quel Pasolini di cui il monumento fu giustamente in passato distrutto. Gloria eterna agli eroi, disprezzo per i servi sciocchi del capitale! Ora e per sempre, per l’onore d’Italia”. Firmato: Rivolta Nazionale.

I carabinieri che indagano sul caso avrebbero ricevuto anche altre rivendicazioni e nessuna di esse, al momento, viene scartata.

27 marzo 2018 0

Collecedro e Ducato sempre più vicine al titolo nei rispettivi gironi

Di redazionecassino1

Prosegue la marcia solitaria in vetta alla classifica di Eccellenza, per Ducato di Sora a quota 53 punti. La formazione volsca vince di misura, 1 a 0, fra le mura domestiche contro San Giorgio consolidando il primato. A cinque lunghezze l’altra formazione di Sora, il Canceglie, che non va oltre il pareggio a reti inviolate nel confronto con i padroni di casa di Tibia e Peroni. si riavvicina alle posizioni di testa della classifica Caira, ora a quota 44 punti, la vittoria casalinga contro Cervaro per 2 a 0 consente alla formazione cassinate di portarsi in terza posizione allontanandosi ancora dalla Longobarda, fermata dal pareggio casalingo contro Cerreto. Torna alla vittoria Tordoni, 3 a 1, sul terreno di Viticuso. Vittoria esterna anche per Isotopi (nella foto)che si aggiudica i tre punti con un 1 a 3 rifilato ai padroni di casa di DS Dodici. Proprio la formazione di Pontecorvo nel prossimo turno sarà impegnata con la capolista Ducato di Sora. Più agevole il confronto di Canceglie che dovrà vedersela con DS Dodici. In Promozione sembra, ormai, non avere rivali il Collecedro forte dei dieci punti che lo separano da Moscuso a quota 42 punti. La capolista, infatti, vince il confronto con i padroni di casa di Colfelice per 3 a 1, mentre la formazione campana, Moscuso, conquista i tre punti battendo, 2 a 0, Real Castelnuovo. La vittoria di Moscuso consente alla formazione campana di superare in classifica Labbirra battuta in casa dal Belmonte per 1 a 3. Vittorie anche per Janula, 3 a 1, contro Terelle e Amatori Piedimonte contro Drink Team Duff. Alcuni cambiamenti in classifica potranno ancora verificarsi con il recuoero degli incontri non disputati per il maltemo, ma la corsa delle capolista, Collecedro e Ducato, sembra non lasciare dubbi sull’ipoteca di conquista dei rispettivi tornei.

F. Pensabene

 

27 marzo 2018 0

La puntura di Ultimo… all’Italia che si accoda

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Guerra di spie. L’Italia si accoda ed espelle due diplomatici russi. L’Italia si accoda sempre, anche quando non le conviene. Come nella guerra a Gheddafi, nell’embargo alla Russia e nell’invasione dell’Iraq”.

Ultimo