Giorno: 5 aprile 2018

5 aprile 2018 0

Consales: “D’Alessandro perde anche i finanziamenti per il “centro di conferimento collettivo’ in via Agnone”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Con la perdita del finanziamento riguardante le isole ecologiche concesso dalla Regione Lazio va in fumo anche l’ultima speranza di vedere lo spostamento del centro di conferimento collettivo presso altri siti e in particolare nella località di via Agnone nei pressi del depuratore comunale. Questo è la prova certificata che questa amministrazione ha dormito in questi due anni e le promesse fatte nel corso della riunione al parco del Rondò servivano solo per prendere ulteriore tempo e non decidere nulla. Di fatto si è preclusa la possibilità di investire su tutte le infrastrutture propedeutiche al centro di conferimento collettivo e che potevano servire, eventualmente, per dotare delle opere di urbanizzazione, l’area proposta nei giorni scorsi dalla minoranza consiliare nei pressi del depuratore comunale.

Come evidenziato negli art. 5 e 6 del bando il contributo era totalmente a fondo perduto per la copertura del 100% delle spese ammissibili, come ben descritto al punto 3 commae) realizzazione e allestimento area di gestione dell’isola ecologica-centro di raccolta (opere strutturali ed infrastrutturali, impiantistica accessoria, ecc.): spesa massima ammessa anche nella misura del 100% dell’importo complessivo dell’intervento, nel limite massimo del contributo complessivamente concedibile a ciascun soggetto proponente ai sensi di quanto disposto dal successivo articolo 6 del presente Bando;

Addirittura venivano coperte le spese di progettazione e la campagna di comunicazione/formazione che poteva coinvolgere tutta la cittadinanza per pubblicizzare il nuovo servizio da attivare.

La regione Lazio offriva un’altra opportunità che poteva essere seguita dall’amministrazionecomunale quella di acquisire un terreno privato. Al punto 3 commaa) acquisizione di terreni nell’area di cui eventualmente il soggetto proponente ancora non disponga, da destinare alla realizzazione del centro di raccolta e/o dell’isola ecologica prevista nel progetto presentato nella misura massima del 30% dell’importo complessivo del progetto;

Nemmeno questa strada è stata seguita dalla giunta D’Alessandro.

 

Poteva essere sfruttato anche l’incentivo che veniva dato alle amministrazioni pubbliche che stavano già progettando ed eseguendo isole ecologiche con altri contributi pubblici o privati. Come è bene evidente all’art 6 del bando comma 2 L’incentivo riconosciuto è cumulabile con altri contributi o finanziamenti pubblici o privati, fino alla concorrenza massima del 100% delle spese sostenute per la realizzazione dell’iniziativa.

Quindi anche questo terzo aiuto importantissimo non è stato sfruttato. Al di là dell’isola ecologica e del centro di conferimento ancora bloccati e al palo da due anni, il finanziamento poteva essere sfruttato per dotare un quartiere periferico di questo importante servizio permettendo ai cittadini di avere a pochi metri un punto di raccolta che poteva aiutare le famiglie a migliorare la raccolta differenziata.

Ma la cosa ancora più grave è aver perso l’occasione del secondo bando per progettare eco isole con il compostaggio di comunità. Aree periferiche dove magari non è possibile usufruire dello spazio per le compostiere domestiche ma che avrebbero permesso a numerosi cittadini di conferire l’organico anche nei giorni come il week end lungo di pasqua, dove il servizio è stato sospeso, e nello stesso tempo usufruire dello sconto sulla tariffa. Allargando in questo modo gli incentivi già previsti per le compostiere domestiche. Penso ai quartieri di San Bartolomeo, Caira, San Michele-Sant’Antonino-Selvotta, Sant’Angelo, Panaccioni, Andridonati, Solfegna Cantoni, San Pasquale, Colosseo solo per fare alcuni esempi. Poteva essere sfruttato il finanziamento a fondo perduto di 600.000 euro previsti da questo bando e potenziare in maniera diffusa la raccolta differenziata porta a porta. Purtroppo resterà un sogno per i cittadini di Cassino vedere sia realizzati questi progetti e sia vedere ridotte le proprie bollette nei prossimi anni.

Riccardo Consales

Foto di repertorio

5 aprile 2018 0

Ceccano, due giovani fidanzati arrestati per droga, nell’auto avevano 1 kg di hashish

Di redazionecassino1

CECCANO – Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio coordinati dalla Compagnia di Frosinone e finalizzati alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Ceccano, unitamente ai colleghi del NORM, traevano in arresto per“detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente” un 21enne del luogo ed una 20enne residente a Pofi, entrambi gravati da precedenti specifici.

La giovane coppia, controllata mentre viaggiava a bordo della piccola utilitaria di lei, dava segni di nervosismo nonostante si trattasse di semplici accertamenti per eventuali violazioni al Codice della Strada . Lo stato di agitazione non passava però inosservato ai militari che decidevano di perquisire il veicolo.

Un anomalo rigonfiamento del tappetino poggiapiedi lato passeggero attirava l’attenzione degli operanti che, dopo averlo sollevato, vi trovavano occultato ben 1 kg di hashish. L’involucro, una volta aperto, mostrava una suddivisione in panetti da 100 grammi l’uno. L’intero stupefacente, al dettaglio, avrebbe fruttato circa 12.000 euro. La successiva perquisizione domiciliare consentiva poi di rinvenire, a casa della donna, ben nascosta tra la biancheria, una busta con all’interno la somma contante di oltre 15.000 euro, provento dell’illecita attività.

La droga ed il denaro rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro. Al termine delle fomalità di rito, in attesa del giudizio direttissimo, l’uomo veniva tradotto presso il carcere di Frosinone, mentre la donna veniva posta agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Per gli arrestati verrà altresì proposta l’applicazione della misura di prevenzione dell’avviso orale.

5 aprile 2018 0

Nel weekend torna il “Rally Nazionale Città di Cassino 2018”

Di redazionecassino1

CASSINO – Weekend all’insegna dei motori nella Città Martire, torna XI edizione del “Rally Nazionale Città di Cassino” Lirenas – Eco Liri. Entra nel vivo la stagione sportiva di HP Sport Rally Racing Team, la scuderia dopo l’esordio con Trevisani nel CIR in questo fine settimana è impegnata nella gara di casa, il rally LIrenas-Eco Liri, prova d’apertura dell’edizione 2018 del IRCup, dove schiera Pierluigi Di Vito De Vito fisioterapista del Frosinone Calcio, ma grande appassionato di automobilismo in particolare di rally, il quale dividerà l’abitacolo della Clio Rs seguita in assistenza dal Team D’Avelli con Loris Chiarlitti.

La gara di Cassino entrerà nel vivo sabato pomeriggio con la disputa delle prime quattro prove speciali delle nove previste. La competizione è articolata su due lunghezze chilometriche, la prima riguarda la gara internazionale l’IRCup dove i chilometri di prova speciale sono complessivamente 124,10, mentre la gara nazionale, denominata “11° Rally Nazionale Città di Cassino” si disputerà su un percorso ridotto che comprende le ps.1 e ps.2 del sabato e le prime 4 prove speciali della domenica, per un chilometraggio di prove speciale di 75,60 km.

Partenza primo concorrente alle ore 15:30 di sabato da Cassino in Corso della Repubblica. PROVE SPECIALI Sabato 7 aprile PS 1: 16:10 Belmonte Castello Km 3,00 – PS 2: 16:50 Terelle Km 15,00 – PS 3: 19:15 Belmonte Castello Km 3,00 – PS 4: 19:55 Terelle Km 15,00. 20:55 Ingresso Riordino Notturno a Cassino Domenica 8 aprile 7:30 Uscita riordino notturno. PS5: 8:30 Viticuso Km 13,80 – PS6: 9:00 Vallerotonda Km 15,00 – PS7: 11:30 Viticuso Km 13,80 – PS8: 12:00 Vallerotonda Km 15,00 – PS9: 14:15 Super Sector Selective 30,50 Km. Ore 15:30 Arrivo a Cassino corso della Repubblica.

foto edizione 2017

5 aprile 2018 0

L’amministrazione D’Alessandro perde 800mila euro di finanziamenti regionali per la raccolta differenziata

Di redazionecassino1

CASSINO – Il sequestro e la conseguente chiusura dell’Isola ecologica di via Pescarola infiamma le polemiche fra l’amministrazione D’Alessandro e i consiglieri di opposizione Petrarcone, Salera, Terranova e l’ex assessore all’ambiente Riccardo Consales. Proprio l’opposizione denuncia la perdita di 800 mila euro di finanziamenti regionali per la raccolta differenziata, impedendo ai cittadini di vedere abbassata la TARI.

I consiglieri si scagliano sull’operato dell’Amministrazione in un comunicato in cui fanno il punto sulla questione.

“L’onda lunga di questa campagna elettorale nefasta per il centrodestra di Cassino sembra non finire più. E purtroppo l’assenza totale in questi mesi del sindaco, della sua giunta e dei suoi consiglieri (impegnati nelle cene elettorali per il proprio candidato alla camera dei deputati) si sta dimostrando ancora più negativa per i cittadini di Cassino. Purtroppo per noi infatti il Comune di Cassino ha perso due finanziamenti che erano stati messi a bando lo scorso luglio 2017 dalla regione Lazio per la costruzione di isole ecologiche e per il compostaggio di comunità. Una vera iattura che complessivamente ci è costata la perdita complessiva per il comune di Cassino di 800.000 euro. Fondi che oltre a potenziare la raccolta differenziata vanno a colpire ancora una volta le casse comunali. Ma andiamo con ordine il 26/07/2017 la giunta Zingaretti dopo anni difficili mette a bando risorse cospicue per potenziare la raccolta differenziata emanando due bandi distinti. Il primo riguardante la costruzione di isole ecologiche con a servizio anche centri del riuso: un bando molto articolato dove si prevede anche l’aiuto economico di parziale cofinanziamento di acquisto di terreni non di proprietà del comune, e che prevede anche la copertura di qualsiasi infrastruttura presente nelle isole ecologiche, da l’informatizzazione degli ecocentri fino ad arrivare ai cassonetti intelligenti e a scomparsa. In particolare un punteggio alto è dato a quelle amministrazioni che stanno già procedendo con la progettazione delle isole ecologiche. Su questo punto fa ancora più male constatare che il comune di Cassino avrebbe avuto anche questi requisiti se solo avesse avuto un interesse politico per queste azioni previste dal bando. Questa è la dimostrazione che in questi mesi la costruzione del centro di conferimento collettivo e della nuova isola ecologica non sono state una priorità per l’amministrazione D’Alessandro.

L’altro bando prevedeva due interventi volti al potenziamento del compostaggio domestico e del compostaggio di comunità. Su questo bando avremmo avuto la disponibilità di un totale di  600.000 euro. Si potevano richiedere in particolare altre compostiere domestiche ma soprattutto più di una compostiera di comunità che potevano essere messa a disposizione di interi quartieri oppure per  i rifiuti organici prodotti nelle mense scolastiche. Ma l’obiettivo di questo bando era quello di abbassare la tassa sui rifiuti dei cittadini coinvolti nel progetto. Quindi oltre al finanziamento sono andati in fumo migliaia di euro per i cittadini.

Purtroppo osservando le determine n. G01404 del 06/02/2018 e n. G01332 del 05/02/2018 della regione Lazio, riguardanti l’approvazione delle graduatorie dei progetti,  sono presenti numerosi comuni della regione Lazio che hanno sfruttato questa occasione ma inesorabilmente manca del tutto il nostro comune. Per la precisione circa 84 comuni per il primo bando e 135 comuni per il secondo bando. Al 99,9 % tutti finanziati.

Per il primo tutti i comuni hanno avuto un finanziamento di 200.000 euro e per il secondo in base alla popolazione avevamo diritto ad un finanziamento di 600.000 euro. Un fatto gravissimo viste le numerose polemiche nate in queste settimane sulla mancata costruzione dell’isola ecologica e del centro di conferimento previste dal contratto. Un altro obiettivo mancato!! In campagna elettorale avevano promesso di far arrivare Cassino i finanziamenti europei e invece non riescono nemmeno a prendere quelli regionali”.

 

Riccardo Consales

I Consiglieri comunali

Giuseppe Golini Petrarcone

Enzo Salera

Edilio Terranova

foto di repertorio

5 aprile 2018 0

Cassino, scontro tra due auto fra corso della Repubblica e via Verdi, abbattuto il semaforo

Di redazionecassino1

CASSINO – Avrebbe potuto avere conseguenze ben più serie e gravi per gli occupanti delle due auto che questa notte si sono scontrate in pieno centro a Cassino.

L’impatto fra un’Audi e una Golf con a bordo dei giovani si sono scontrate fra corso della Repubblica e via Verdi a Cassino intorno alle ore 1.30. di questa notte.

L’impatto violento ha provocato danni alle auto, ma fortunatamente, per i giovani a bordo nessuna conseguenza. Sono rimasti tutti illesi.

A farne le spese, però, il semaforo che si trova all’incrocio in cui è avvenuto lo schianto. Il semaforo, nell’impatto fra le due auto è stato completamente abbattuto. Non è la prima volta che quell’incroci è teatro di incidenti anche molto seri, come non è la prima volta a farne le spese sono  semafori. Qualche tempo fa è successo all’altro semaforo posto sul lato opposto a quello di ieri.

La dinamica dello scontro e le responsabilità sono al vaglio delle forze dell’ordine.

5 aprile 2018 0

Il sindaco D’Alessandro controlla i lavori in via Sant’Angelo

Di redazionecassino1

CASSINO – Il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, si è recato presso via Sant’Angelo per verificare lo stato dei lavori in corso e relativi alla costruzione del marciapiede che collegherà la rotonda realizzata in prossimità della clinica San Raffaele con il Campus Universitario La Folcara.

“I lavori della rotatoria tra via Di Biasio e Viale Bonomi proseguono a ritmo sostenuto e presto consegneranno alla città un’opera importante in grado di migliorare la viabilità e la sicurezza dell’intera zona. – ha dichiarato il primo cittadino D’Alessandro – Ho dato disposizioni al dirigente dell’Area tecnica di proseguire il marciapiede su via Sant’Angelo fino al parcheggio del Campus universitario Folcara, per dare, finalmente, un percorso pedonale sicuro ai tantissimi studenti che ogni giorno percorrono quel tratto di strada.

Una volta ultimati i lavori potremmo riaprire il doppio senso di marcia che permettere di raggiungere il centro città dalla Valle dei Santi con maggior sicurezza e minori disagi.

Inoltre, ho contattato il responsabile del Cimitero del Commonwealth per concordare i dettagli operativi dell’intervento in corso. Sarà infatti realizzato una nuova banchina ai lati del sito in questione con un attraversamento pedonale. Ci scusiamo con i cittadini per i piccoli disagi che i lavori in corso possono causare, ma siamo certi che l’opera è indispensabile e funzionale al corretto sviluppo della nostra città.

Stiamo lavorando per riuscire a dare a Cassino e a tutti i cittadini il futuro che meritano, soprattutto attraverso interventi di riqualificazione urbana e strutture sicure ed innovative dedicate all’istruzione delle nuove generazioni”. Ha concluso il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro.

 

5 aprile 2018 0

Finanziamento di oltre 4 mln di euro dalla Regione Lazio per la realizzare un Polo scolastico Innovativo

Di redazionecassino1

CASSINO –  “Cassino avrà il polo scolastico innovativo di cui avevamo parlato qualche tempo fa. – ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Il finanziamento di 4.150.000,00 è stato confermato e la nostra città è risultata, dopo le verifiche, prima nella graduatoria regionale. Un risultato molto importante che testimonia, ancora una volta, che la buona progettazione che stiamo mettendo in campo paga, e anche bene

Siamo fieri di questo risultato che consegnerà a Cassino scuole belle e sicure in cui far crescere i nostri figli. C’è ancora maggior soddisfazione da parte nostra, perchè nella graduatoria relativa alla selezione delle manifestazioni di interesse il nostro Comune, in un primo momento si era piazzato al secondo posto per quanto concerne il territorio regionale sia per il punteggio ottenuto e sia per le risorse messe a disposizione e necessarie alla realizzazione dell’opera. Ora, dopo i dovuti controlli da parte della Regione siamo addirittura primi in tutto il Lazio.

Ci è dispiaciuto vedere qualcuno, per fortuna in pochi, addirittura esultare per la possibile perdita di questo finanziamento, dopo la sospensione in autotutela della delibera da parte della Regione Lazio. Forse non hanno minimamente pensato che avere un nuovo plesso scolastico sicuro e all’avanguardia nella nostra città è senza dubbio un risultato straordinario.

La mia amministrazione lavora quotidianamente per raccogliere tutte le opportunità di sviluppo per la nostra città e lo dimostrano gli oltre 6 milioni di euro che siamo riusciti a intercettare in nemmeno due anni di mandato. E’ inutile che i nostri detrattori continui a puntare il dito segnalando agli organi di informazione questo o quel bando a cui il comune non ha partecipato o il finanziamento non ricevuto. Il comune può anche valutare, infatti, l’ipotesi di non presentare manifestazioni di interesse qualora ci siano criteri e modalità non sostenibili da un ente in pre-dissesto finanziario. Come un alta quota di compartecipazione ad un ipotetico finanziamento.

La realtà che qualcuno vuole nascondere è un’altra invece. Il centrodestra sta facendo arrivare a Cassino quello che nella precedente legislatura è mancato: le risorse necessarie per migliorare la qualità della vita nella nostra città”.

 

5 aprile 2018 0

Piedimonte S.Germano: Oggi il riconteggio delle schede di due sezioni. Cresce l’attesa

Di redazione

Nel pomeriggio di oggi a Frosinone presso la Prefettura si procederà, come predisposto, al riconteggio delle schede relative a due sezioni. L’operazione scaturisce dal ricorso proposto dal dottor Ettore Urbano dapprima davanti al Tar poi al Consiglio di Stato. Ricordiamo che a spuntarla nella competizione elettorale 2017 per l’elezione del sindaco fu l’avvocato Gioacchino Ferdinandi con 1945 voti con una percentuale del 47.7. Per la compagine capeggiata da Urbano i voti furono 1913 con una percentuale di 46.92. Appena 32 voti avevano dunque deciso l’esito della competizione. La terza lista, guidata da Rosa Maiuccaro ottenne il 5.37. Le schede verranno dunque riverificate alla luce delle osservazioni poste dal dottor Urbano che ha messo in discussione la presenza di alcuni elementi che porterebbero ad identificare l’appartenenza ad un determinato gruppo, ovvero dei segni di riconoscimento su circa 80 schede. In serata probabilmente verrà chiarito ogni dubbio.

5 aprile 2018 0

Cassinate: Ordine di carcerazione per un 29enne

Di redazione

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato della Città Martire hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione di un 29enne del luogo. Il ragazzo, già noto alle Forze dell’Ordine per reati correlati allo spaccio di sostanze stupefacenti, nel 2012 fu tratto in arresto dalla Polizia di Stato di Castel Volturno, dove si era recato insieme ad altri due complici, per prelevare un carico di droga destinato al mercato cassinate ed associato al Carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove scontò parte della pena. Ieri l’epilogo ed il “conto” finale con la Giustizia: il giovane è stato ricondotto in carcere per una pena definitiva di quattro anni. Foto d’archivio

5 aprile 2018 0

Roma – Velletri: Circolazione ferroviaria sospesa a causa del ritrovamento di un ordigno bellico

Di redazione

Roma – Velletri: Ritrovamento ordigno bellico, circolazione ferroviaria sospesa. Fra Ciampino e Pavona servizio sostitutivi con bus. Circolazione ferroviaria sospesa dalle 10.10, fra Pavona e Ciampino, linea FL4 Roma –Velletri, per il ritrovamento di un ordigno bellico inesploso della seconda Guerra mondiale in prossimità della stazione di Ciampino, lungo una scarpata. Per garantire la mobilità Trenitalia ha istituito un servizio sostitutivo con bus fra Ciampino e Pavona. La circolazione potrà riprendere solo dopo la rimozione dell’ordigno e il nulla osta dell’autorità giudiziaria. Foto d’archivio