Giorno: 10 aprile 2018

10 aprile 2018 0

Ricoverato in clinica a Cassino, 63enne muore in circostanze misteriose: indagini in corso

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Indagine in corso a Cassino per la morte del 63enne Tonino D’Aguanno. L’uomo, con gravi patologie, era ricoverato in una clinica privata di Cassino quando, il 26 marzo, è stato trasportato d’urgenza in ospedale con un trauma cranico e varie ecchimosi.

Il sospetto è che potesse essere caduto mentre era in affidamento alla clinica.

Un quadro complesso che ha costretto i sanitari del Santa Scolastica di trasferirlo a Roma al Sant’Andrea dove domenica è morto. I familiari che già avevano presentato denuncia in occasione del ricovero al Santa Scolastica vogliono vederci chiaro e, per questo, i carabinieri di Cassino hanno acquisito le cartelle cliniche e le hanno portate in procura a Roma dove si svolgerà l’autopsia dopo di che, quasi certamente l’indagine verrà trasferita alla procura di Cassino.

Ermanno Amedei

10 aprile 2018 0

Successo della “Carovana della prevenzione”, 169 prestazioni mediche erogate

Di redazionecassino1

CASSINO – Grande successo per la tappa della Carovana della Prevenzione promossa dalla Fondazione “Policlinico Gemelli”, da Komen Italia e dal Comune di Cassino. Il 7 aprile, infatti, in piazza Diamare donne italiane e straniere, individuate dalla Caritas diocesana e dai Servizi Sociali dell’ente di Piazza de Gasperi, si sono sottoposte, in modo assolutamente gratuito, a visite ginecologiche, senologiche, mammografie ed ecografie. Sono state 169 le prestazioni mediche erogate di cui 61 visite senologiche, 39 mammografie, 25 ecografie, 23 visite nutrizionali e 21 visite ginecologiche.

“Questo progetto promuove la prevenzione ed educa ad un corretto stile di vita. – ha detto il sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Ancora in molti sottovalutano la grande importanza della diagnosi precoce. Stiamo parlando, infatti, di uno strumento di grande efficacia per ridurre la mortalità della malattia. Un fattore determinante nel miglioramento delle possibilità di trattamento dei tumori. Con la diagnosi precoce si ottengono alte possibilità di guarigione con percorsi di cura meno invasivi. Infatti si ha una diagnosi nella fase iniziale della malattia la percentuale di guarigione supera il 90%. Ed è per questo che manifestazioni del genere vanno sostenute e appoggiate nell’interesse della salute di tutti i cittadini”.

“Un’indagine epidemiologica svolta, nel 2001, dalla Susan G. Komen Italia, su un campione di 3000 donne residenti a Roma e provincia, ha rivelato che non è tanto la disinformazione ad ostacolare la prevenzione, ma più spesso la paura di scoprire che qualcosa non va. – ha detto l’assessore alle Politiche sociali, Benedetto Leone – È per questo che non bisogna limitarsi ad informare le donne, ma è necessario renderle protagoniste della prevenzione.

L’evento Carovana della Prevenzione ha riscosso un enorme successo. Proteggere la salute delle donne, come ci insegna Komen Italia, rappresenta un atto in favore dell’intera collettività. Un mio sentito ringraziamento va a tutti coloro che hanno reso possibile una splendida giornata di prevenzione nella città di Cassino”.

10 aprile 2018 0

Rissa in centro a Cassino, D’Alessandro: massima collaborazione con forze dell’ordine per sicurezza

Di redazionecassino1

CASSINO – “Il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro si è recato, nella mattinata odierna, in Piazza Labriola per chiedere ulteriori informazioni sull’increscioso episodio accaduto nella notte tra sabato e domenica”.

Lo si legge in una nota del comune di Cassino

“Non possiamo permettere che in un luogo simbolo della nostra città possano accadere determinati episodi. Ho avuto modo di parlare con i proprietari delle varie attività commerciali presenti in Piazza Labriola. Abbiamo convenuto che il problema non è senz’altro la Movida, quella buona, ma risulta essere fondamentale che sia le istituzioni che le Forza dell’Ordine continuino ad attenzionare in modo efficace questa parte della città, il cuore della nostra Cassino. Il Comune già da tempo lavora fianco a fianco con le autorità preposte a vigilare sulla sicurezza dei cittadini, che già quotidianamente svolgono un lavoro encomiabile, in modo da garantire sempre maggior sicurezza. Cercando anche di dare, al più presto, anche un contributo sostanziale attraverso l’implementazione del sistema di videosorveglianza.

Il tema della sicurezza è per noi una priorità assoluta. Un buon rapporto e una comunicazione efficace con i servizi delle forze di polizia sono essenziali per ottenere maggiore sicurezza per i cittadini, ma anche per le attività commerciali.

Gli operatori economici osservano naturalmente la zona di riferimento nell’arco dell’intera giornata. Sono il così detto “occhio sulla strada”. Se ci sono “anomalie comportamentali”, cioè differenze dalla routine quotidiana, possono percepirlo. E di conseguenza avere un ruolo decisamente fondamentale. Con una forma di collaborazione assidua tra ente, operatori economici e forze dell’ordine, infatti, potremmo sicuramente scoraggiare e prevenire, attraverso procedure ad hoc, eventuali episodi che possono mettere a rischio l’incolumità e la salute dei cittadini”. Ha concluso nella nota il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro.

 

 

10 aprile 2018 0

Proposta indecente ad un carabiniere, sesso per chiudere occhio

Di admin

SORA – Tenta di corrompere un carabiniere proponendogli di fare sesso per evitare il controllo ma scatta l’arresto per istigazione alla corruzione. Protagonista è una 22enne nigeriana domiciliata ad Arpino presso una casa di accoglienza.

La ragazza, insieme ad un senegalese 18enne anche lui ospite di una centro accoglienza, sono stati notati in una zona nota per attività di spaccio a Sora.

Quando i militari si sono avvicinati, i due sono scappati in una boscaglia ma sono stati rintracciati poco dopo reagendo in modo diverso: il giovane ha scalciato il militare che lo inseguiva, la donna ha proposto all’altro militare un rapporto sessuale se l’avesse lasciata andare.

Entrambi i metodi sono fallite e i due sono stati arrestati.

Ermanno Amedei

10 aprile 2018 0

Piste da sci bianche e cucine nere, sette ristoranti multati a Guarcino e Filettino

Di admin

FILETTINO – Bianco fuori, nero dentro. È quanto accertato dai carabinieri del Nas di Latina nelle zone sciistiche di Campo Catino a Guarcino e Campo Staffi a Filettino.

I militari comandati dal capitano Egidio Felice, in collaborazione con i loro colleghi delle stazioni di Filettino e Guarcino comandati dal maggiore Gabriele Argirò, hanno fatto visita alle cucine di sette ristoranti nella zona dei due impianti. In tutti i casi sono state rilevate irregolarità e, pertanto, sono stati tutti sanzionati. La tanto agognata polenta e salsiccia veniva cucinata in ambienti e con alimenti considerati non regolari.

In un caso a Filettino, dove nella cucina del ristorante controllato sono state riscontrate, irregolarità igienico sanitarie ritenute gravissime, i militari hanno proceduto con la chiusura del locale e il sequestro di alimenti oltre alla denuncia per il responsabile.

Ermanno Amedei

10 aprile 2018 0

Ladri di scooter a Roma, sgominata banda che faceva razzie di Honda Sh

Di admin

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone misure cautelari nei confronti di 8 persone: 6 arrestate (4 in carcere e 2 agli arresti domiciliari) e 2 sottoposte all’obbligo di presentazione in caserma con obbligo di dimora nel comune di Roma e di permanenza in abitazione in orari notturni. Gli indagati, in totale sono 12, ai quali sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere finalizzata al furto, ricettazione e riciclaggio di motoveicoli, nonché spaccio di sostanze stupefacenti.

L’ordinanza è stata emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma, a conclusione di una complessa attività investigativa denominata “GRAND THEFT MOTO”, con il costante coordinamento della Procura della Repubblica di Roma – Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti – diretto dal Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti, che ha consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di tutti gli indagati a vario titolo emersi dalle investigazioni.

L’indagine, avviata nel mese di dicembre del 2016, dai Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, è scaturita dall’analisi delle denunce acquisite aventi come oggetto il furto di motoveicoli e da alcuni arresti in flagranza di reato eseguiti dagli stessi Carabinieri nel centro storico di Roma.

Nello specifico, le numerose denunce di furto presentate dalle vittime ai Carabinieri di San Lorenzo in Lucina, avevano come comune denominatore luogo (il centro storico), fascia oraria (dalle 10.00 alle 12.00) e soprattutto il modello di moto (Honda SH).

Gli immediati approfondimenti, partendo inizialmente dall’analisi dei tabulati del traffico telefonico, incrociando i dati estratti con le denunce di furto acquisite, hanno consentito di individuare in breve tempo il potenziale ladro di almeno 11 moto.

I successivi sviluppi investigativi, resi possibili grazie anche alle attività tecniche di intercettazione telefonica nonché dai tradizionali servizi di osservazione, controllo e pedinamento svolti, hanno consentito di disarticolare l’odierno gruppo criminale, composto dai 12 indagati, 6 dei quali agivano in stabile associazione tra di loro, nel furto, ricettazione, smontaggio e quindi riciclaggio dei motoveicoli asportati mediante l’utilizzo di transponder, centraline modificate e chiavi alterate.

Nel corso delle indagini è poi emerso il coinvolgimento dei complici e di altri soggetti gravitanti attorno agli stessi, dediti allo spaccio al dettaglio di cocaina e hashish.

Nel corso delle indagini, i Carabinieri hanno arrestato altre 7 persone, in flagranza di reato (6 per spaccio di stupefacenti e 1 per furto di motoveicolo); denunciate in stato di libertà 2 persone per ricettazione e riciclaggio di motoveicoli; segnalate al Prefetto altre 2 persone, in qualità assuntori di stupefacenti; denunciate in stato di libertà 2 persone per ricettazione e riciclaggio di motoveicoli; sequestrato centinaia di dosi di hashish e cocaina; sequestrato e restituito moto e parti di esse rubate.

In solo 3 mesi di indagine, si è proceduto ad investigare su decine e decine di furti di moto, quasi tutti commessi nel centro storico della Capitole.

10 aprile 2018 0

Terremoto, sequenza di scosse nelle marche: la più violenta di magnitudo 4.7

Di admin

MACERATA – Una sequenza sismica sta interessando da questa mattina una vasta area del centro Italia e in particolare nelle Marche.

In una nota diffusa da dipartimento di protezione civile si legge: “Una scossa di terremoto è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Macerata. Dai dati forniti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il terremoto di magnitudo 4.7 è stato registrato tra i Comuni di Muccia, Pieve Torina e Pievebovigliana alle 05.11. La Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile è in costante contatto con le strutture regionali. Dalle prime verifiche effettuate al momento non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

Ma la sequenza sarebbe di una quindicina di scosse tre delle quali con magnitudo superiore al 3.