Mese: maggio 2018

31 maggio 2018 0

Picchia e maltratta il padre, 24enne arrestato ad Aprilia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

APRILIA – Ha malmenato il padre e si è scaghliato contro i carabinieri.

Per questo i militari della compagnia di Aprilia hanno arrestato, nella flagranza dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, minacce e porto di arma da taglio un 24enne del luogo, per aver ripetutamente maltrattato, minacciato e malmenato il padre convivente 54enne, cagionandogli un trauma cranico commotivo giudicato guaribile, dal personale medico della locale casa di cura in 5 giorni.

Nel corso delle operazioni di perquisizione lo stesso veniva trovato in possesso di un coltello a serramanico che, all’atto del sequestro, opponeva resistenza nei confronti dei militari operanti.  L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di latina, come disposto dall’a.g.

31 maggio 2018 0

Cento metri di tappeto di fiori nell’abbazia di Casamari per il Corpus Domini

Di admin

VEROLI – “In questi giorni nell’abbazia di Casamari come ogni anno in questo periodo, si sta preparando il tappeto di fiori di quasi 100 metri quadri per la festa del Corpus Domini”.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“Il tema di quest’anno si svolge attorno la figura di San Bernardo e la sua devozione alla Madonna. Non può mancare una veduta dell’abbazia che celebre 800 anni dalla consacrazione e la bellissima e particolare croce santa di Casamari (l’originale è conservata nel tesoro della cattedrale di Veroli, una copia è stata recentemente appesa sopra l’altare della basilica di Casamari).

Il progetto viene elaborato dalle progettiste Laura Vitaterna e Maria Magliocchetti, su indicazione del padre abate Eugenio Romagnuolo, nella realizzazione si avvale della collaborazione artistica della pittrice Agnes Preszler nonchè del lavoro svolto da monaci e fedeli. Si tratta di un’infiorata unica nel suo genere in quanto c’è molta improvvisazione durante il processo di realizzazione, sia perché bisogna adeguarsi ai materiali disponibili, rigorosamente organici, ma anche perché emergono sempre nuove idee.

Sono molti i fedeli che vengono a visitare l’infiorata, inoltre la pagina Facebook dedicata all’abbazia pubblica foto scattate durante la realizzazione; l’anno scorso la galleria di immagini ha registrato più di 40 mila visitatori in una settimana.

L’nfiorata va terminata entro sabato sera, infatti la stessa verrà attraversata dalla processione della messa delle ore 18 di domenica”.

31 maggio 2018 0

Sovraffollamento, aggressioni e poche ferie: la Fns Cisl protesta davanti al carcere di Frosinone

Di admin
FROSINONE – “Oggi si è svolto un sit-in di protesta davanti al carcere di Frosinone per tornare a far sentire forte la voce del dissenso contro il sovraffollamento e le aggressioni ai danni degli agenti, ma anche per protestare contro i pochi giorni di ferie concessi al personale di Polizia Penitenziaria”.  Lo si legge in una nota di Massimo Costantino, Segretario Generale Aggiunto CISL FNS.  “Al personale con 25 anni di servizio spettano 20 congedi ordinari ma si intende dare loro solo 15 giorni.  Iniziative del genere si erano già svolte a Velletri e Roma ed avevano anche sortito i loro effetti: il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha infatti inviato dieci unità di polizia negli istituti di Frosinone e Velletri. La Fns Cisl Lazio sottolinea come la notizia sia positiva, ma non possiamo ritenerci soddisfatti in quanto dieci unità sono relativamente poche. Ed è qui che salgono in auge i due problemi principali: aggressioni e sovraffollamento. Nelle carceri laziali ci sono 1046 detenuti in esubero, a Frosinone 89 in più e a Cassino 72. Molti di questi detenuti hanno problemi psichiatrici nelle carceri e sono loro a creare maggiori problemi. Criticità che comunque esistono anche nelle REMS. Altro problema è quello legato alla vigilanza dinamica: in quei momenti di libertà avvengono gran parte delle aggressioni. In totale le violenze nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria nel Lazio si aggirano intorno ai 40 eventi: a Frosinone le aggressioni sono state due con sei agenti coinvolti, a Cassino due con due agenti vittime. A Frosinone e Viterbo sono state quattro le aggressioni avvenute in meno di un mese. Una situazione che per i sindacati non è più sostenibile. Alla manifestazione erano presenti il Segretario generale Fns Cisl Frosinone Angelo Massaro unitamente al segretario territoriale Leandro Patriarca e la responsabile sas Cristina Celani. Per la Fns Cisl occorre far il possibile affinché giungono più personale negli istituti e ciò è possibile solo scorporando il personale delle sedi extra moenia dagli istituti affinché sia assegnato personale effettivo”.
31 maggio 2018 0

Minacciata dall’ex che la voleva sposare per ottenendo la cittadinanza, allontanato a Latina 29enne nigeriano

Di admin

LATINA – Gli agenti della Seconda Sezione della Squadra Mobile, hanno dato esecuzione all’ordinanza del divieto di avvicinamento alla casa famigliare ed alla convivente, emessa dal gip del Tribunale di Latina dr. Pierpaolo Bortone, come da richiesta del Procuratore aggiunto dr. Carlo La Speranza, a carico di O.N.D. cittadino nigeriano 29 anni, residente a Latina.

Il provvedimento è stato emesso a seguito dell’attività investigativa scaturita dalla denuncia formalizzata dell’ex convivente italiana, nel corso della quale sono state raccolte e documentate prove circa l’esistenza dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate ed estorsione, poste in essere in più circostanze dal prevenuto a carico della convivente, anche per costringerla a contrarre matrimonio al fine di ottenere la cittadinanza italiana.

31 maggio 2018 0

A caccia del covo dei ladri, trovato a Frosinone il magazzino del malaffare

Di admin

FROSINONE – I carabinieri della Compagnia di Anagni è di quella di Frosinone hanno setacciato la zona industriale di Frosinone per contrastare iul fenomeno dei furti e per individuare i covi dei ladri.

Nel corso delle verifiche, i militari comandati dal colonnello Cagnazzo, hanno fatto irruzione in un capannone della zona Asi dove è stato rinvenuto materiale oggetto di furto in danno di commercianti della Provincia. Nella stessa struttura c’era attrezzatura e arredamenti per bar gelaterie e ristoranti del valore di 150 mola euro.

Sul posto anche i Carabinieri forestali, L’Arpa Lazio, l’ispettorato carabinieri del lavoro e personale della Guardia di Finanza di Frosinone. Nel corso della perquisizione domiciliare del titolare del capannone è stata rinvenuta inoltre una pistola illegalmente detenuta.

31 maggio 2018 0

Anagni; “YouPol”: l’app della Polizia di Stato presentata agli studenti dell’I.I.S. “Guglielmo Marconi”

Di redazionecassino1

ANAGNI – Oggi il tour informativo della Questura di Frosinone  ha fatto tappa ad Anagni: presentata l’innovativa app agli studenti  dell’I.I.S. “Guglielmo Marconi”.

Facile da scaricare, YouPol  consente di  segnalare, anche in forma anonima, episodi di  spaccio di droga e di  bullismo.

La Polizia di Stato, da sempre impegnata nella formazione civica dei ragazzi, con YouPol desidera infatti coinvolgere e responsabilizzare gli adolescenti  sul rifiuto del consumo della droga e di ogni forma di violenza.

Con l’occasione il Dr. Flavio Genovesi, Portavoce della Questura, nonché Dirigente dell’UPGSP e responsabile in ambito locale del progetto, ha invitato la giovane platea a riflettere sull’importanza del rispetto delle regole e di una “sicurezza” partecipata e condivisa.

31 maggio 2018 0

Pontecorvo, rubava telefonate per 7mila euro al mese: arrestato 59enne

Di admin

PONTECORVO – Rubava il segnale telefonico facendo ricadere il costo delle telefonate su un ignaro utente. Per questo i carabinieri di Pontecorvo, hanno tratto in arresto per il reato di truffa, un 59enne della Repubblica Ceca, ma di fatto domiciliato a Pontecorvo, già censito per reati contro il patrimonio.

Tutto ha inizio da una denuncia presentata ai Carabinieri di Pontecorvo ove la vittima ha riferito che gli venivano recapitate delle salatissime bollette Telecom, per un totale di euro 7.000, nonostante lo stesso avesse un regolare contratto con la società telefonica, pertanto, esasperato e non riuscendo a risolvere il problema direttamente con la società telefonica, ha presentato regolare denuncia. Gli operanti, insospettiti dall’ammontare delle bollette hanno effettuato un controllo con gli operatori della Telecom e all’interno di una cabina, ove sono posizionati tutti i cavi delle diverse utenze telefoniche, hanno notato la presenza di un dispositivo, volgarmente detto “ponticello”, in grado di collegare una rete telefonica con un’altra e che permetteva all’arrestato di usufruire della linea dell’ignara vittima.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio mentre la linea telefonica è stata ripristinata dai tecnici Telecom.

31 maggio 2018 0

Festa del 2 Giugno, a Frosinone 22 onorificenze “schierate” in Prefettura

Di admin

FROSINONE – “Sabato 2 Giugno p.v., alle ore 10.00, si svolgerà, in questa Piazza della Libertà, la manifestazione celebrativa del 72° Anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana”.

Lo si legge in una nota della Prefettura di Frosinone.

“In particolare è previsto lo schieramento del Reparto di Formazione a cura del Comando Presidio Militare 72° Stormo, alla presenza delle massime Autorità religiose, civili e militari della provincia, per la resa degli onori a S.E. il Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli.

Seguirà la deposizione di una corona di alloro al Monumento dedicato a Nicola Ricciotti e la lettura del tradizionale messaggio del Capo dello Stato.

La cerimonia proseguirà sul Terrazzo Belvedere di questo Palazzo del Governo con la consegna da parte del Prefetto di 22 onorificenze al Merito della Repubblica Italiana, conferite dal Presidente della Repubblica a nostri concittadini distintisi in modo significativo per il loro impegno professionale e sociale e resisi particolarmente benemeriti nei confronti della Repubblica.

Da ultimo avrà luogo la concessione di 5 Medaglie d’Onore conferite alla memoria di cittadini della nostra Provincia “deportati ed internati nei lager nazisti””.

Di seguito i destinatari delle 22 onorificenze:

CAVALIERE – ABATECOLA QUIRINO – PICO CAVALIERE – CONTENTE ANTONIO IN SERVIZIO C/O GRUPPO CC. FRASCATI CAVALIERE – CORVINO CARLO – PIEDIMONTE S.GERMANO CAVALIERE – D’AMICO GUIDO – CASSINO CAVALIERE – DE LELLIS DANIELE – PASTENA CAVALIERE – DEL BROCCO GIOVANNI BATTISTA – CECCANO CAVALIERE – FALENA BRUNO – CEPRANO CAVALIERE – FASOLINO GIUSEPPE – FROSINONE CAVALIERE – FIORINI FABIO – ALATRI CAVALIERE – GIOIA FABRIZIO – CASSINO CAVALIERE – IAFRATE LIANA – ARPINO CAVALIERE – LOLLI MASSIMO – PATRICA CAVALIERE – MINGARELLI ANTONIO – CECCANO CAVALIERE – MONTONI GIULIO – TORRICE CAVALIERE – PETRILLI EMILIO – ROCCASECCA CAVALIERE – QUARESIMA MARIO – RIPI CAVALIERE – ROMANO GIAMPIERO – PONTECORVO CAVALIERE – SANTANGELI PASQUALE – PATRICA CAVALIERE – SAVA’ MARGHERITA – FROSINONE UFFICIALE – CUPINI GIANLUCA – FROSINONE UFFICIALE – VACCA GUIDO – CASSINO COMMENDATORE – MANDARELLI MARIO – FROSINONE

ELENCO INSIGNITI MEDAGLIE D’ONORE BROCCOLI RAFFAELE – S.AMBROGIO SUL GARIGLIANO FARGNOLI PIETRO – FROSINONE FRANCONE ANTONIO – FROSINONE MAZZOCCHI FERRUCCIO – CECCANO RICCARDI ANGELO – S.AMBROGIO SUL GARIGLIANO

31 maggio 2018 0

Piedimonte S. Germano: Pericoli del web, la Polizia incontra i genitori

Di redazione

Si è tenuto ieri pomeriggio un importante incontro presso l’aula magna dell’istituto comprensivo, Don Minzoni, di via Milazzo a Piedimonte San Germano. A tenere il dibattito con i genitori degli alunni, l’ispettore della Polizia postale di Frosinone, Marco Rea. Argomento trattato i pericoli del web ed il corretto uso degli strumenti telematici da parte dei minori, gli innumerevoli rischi, bullismo e cyberbullismo e la possibilità di chiedere aiuto agli organi di Polizia in caso di necessità. Innanzitutto l’ispettore Rea ha invitato i genitori a riflettere sulle modalità di individuazione di un disagio che può interessare i propri figli. Il comportamento del bambino o adolescente è indice importante dello stato psicologico e consente di comprendere se ci sono disagi o problemi da affrontare prontamente. Due i principali campanelli di allarme che i genitori non devono sottovalutare: l’isolamento sociale e l’utilizzo eccessivo del pc o della rete Internet, che tenda a superare un determinato numero di ore quotidiane. L’ispettore Rea ha spiegato come i ragazzi e bambini possono cadere nelle trappole del web architettate per esempio da pedofili o truffatori. Ha inoltre mostrato dei video dai contenuti fortemente esplicativi nei quali sono emersi argomenti di discussione. Primo fra questi evitare di lasciare libero accesso alla rete a bambini di età inferiore a 14 anni e monitorare con attenzione le attività seguite. Ricordiamo che in questi mesi anche gli alunni dell’istituto hanno incontrato la Polizia Postale e a loro sono stati illustrati i delicatissimi argomenti che consentono di riflettere e prestare attenzione su come utilizzare la rete e come imparare a difendersi dai pericoli degli sconosciuti o degli stessi compagni di scuola. C’è stato spazio anche per parlare del problema del bullismo e cyberbullismo con le conseguenze che ne possono scaturire, talvolta anche tragiche. È necessario intervenire prontamente per arginare fenomeni estremamente pericolosi e i genitori devono essere consapevoli della possibilità di chiedere aiuto agli organi competenti perché ci sono azioni legali che talvolta è necessario intraprendere. Fondamentale anche il contributo della scuola e dei docenti che quotidianamente sono a contatto con gli alunni e sanno individuare con gli opportuni mezzi disagi e problematiche che necessitano approfondimento. L’ispettore Rea ha poi risposto alle domande dei genitori e ha dispensato consigli fondamentali. Ha preso parte all’incontro di ieri, la professoressa Monia Persechini, responsabile del progetto sul bullismo e cyberbullismo “Regoliamoci” e promotrice degli incontri di approfondimento sulla tematica. Presenti molti genitori, il sindaco di Piedimonte San Germano, Gioacchino Ferdinandi, l’assessore Marialisa Tomassi e la consigliera comunale e presidente del Consiglio di istituto Ermelinda Costa. Al termine del dibattito le docenti dell’istituto che hanno curato il progetto ed i relativi incontri hanno omaggiato con una targa ricordo l’ispettore Rea. N.C.