Giorno: 11 giugno 2018

11 giugno 2018 0

La cronaca della giornata – Salvini chiude i porti italiani ai migranti, la Spagna li apre… almeno per oggi

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LA CRONACA DELLA GIORNATA – Il ministro degli Interni Matteo Salvini ha chiuso i porti Italiani alla nave Aquarius che aveva caricato dalle coste libiche 629 migranti tra cui sette bambini ed alcune donne incinte. Salvini rivendicava l’obbligo di far sbarcare i migranti a Malta considerata primo porto sicuro.

Le autorità dell’isola hanno rifiutato sostenendo che il soccorso nelle acque libiche era stato effettuato dagli uomini della Guardia costiera italiana e che quindi lo sbarco sarebbe dovuto avvenire in un porto italiano.  Si tratta del primo provvedimento preso (a dire il vero ieri) dal neoministro che ha, a suo dire (ed è vero), cominciare ad affrontare il problema migranti convolgendo tutte le autorità, soprattutto quelle europee. Ma l’iniziativa ha innescato una serie di diverse reazioni con chiavi di lettura politiche e giornalistiche, soprattutto in Italia.

Fronte comune con M5S e con il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli, al cui ministero spetta la competenza sui porti e sulla Guardia Costiera; Centrodestra ricompattato con appoggio di Fratelli d’Italia e di Forza Italia; bordate dalla sinistra e dal centro sinistra; porti aperti, almeno negli annunci dei sindaci, a Napoli e Palermo e, solo inizialmente, anche a Livorno dove il sindaco M5s aveva dato la disponibilità con un post su un social subito dopo rimosso.

Mentre per una notte e la mattinata di oggi l’Aquarius, battente bandiera di Gibilterra, girovagava tra Malta e la costa italiana, nel primo pomeriggio, con un messaggio annunciato sui social, il premier spagnolo annunciava di essere disposto ad accogliere i migranti nel porto di Valencia. Un gesto definito da molti di grande umanità e solidarietà che è stato accompagnato dagli echi di altri che invece hanno sospirato un liberatorio “finalmente”. In molti ricorderanno, ed ancora senza comprenderlo, le navi della guardia civil spagnola entrare nei porti Italiani per sbarcare migranti salvati nel Mediterraneo.

Di fronte a questa soluzione Salvini non ha perso tempo e in una conferenza stampa ha rivendicato il raggiungimento del risultato: far arrivare meno immigrati in Italia. Piaccia o non piaccia, a favore o contro, elettori o non elettori della Lega: parole della campagna elettorale che diventano concrete.

Tutto questo in attesa di scoprire cosa accadrà con il prossimo barcone di disperati.

Ermanno Amedei

11 giugno 2018 0

Università di Cassino, il Tar “salva” il concorso per la selezione di un professore

Di admin

CASSINO – Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso presentato da un ricercatore con il quale si chiedeva l’annullamento degli atti del concorso per un posto di professore di seconda indetta dall’Università di Cassino.

Il partecipante al concorso, ovviamente risultato non vincitore indicava presunte irregolarità ed omissioni nell’iter conclusivo della sezione.

L’Ateneo Cassinate, difeso dall’avvocato Sandro Salera, ha dimostrato l’inammissibilità dell’istanza in quanto non sussisteva il pericolo per un pregiudizio grave ed irreparabile per il ricorrente che lamentava un pregiudizio per la propria posizione accademica ed economica.

Con la decisione del Tar di respingere il ricorso si è scongiurato il doversi ripetere della selezione.

11 giugno 2018 0

Minaccia a mano armata davanti al seggio elettorale a Pignataro, arrestato

Di admin

PIGNATARO INTERAMNA – Una foto postata su facebook da un candidato sindaco con il genitore di un candidato consigliere comunale avversario a Pignataro Interamna ha innescato una furibonda lite davanti al seggio, terminata con la minaccia a mano armata e, conseguentemente, con un arresto.

Tutto è accaduto alle 16 circa di ieri pomeriggio davanti all’unico seggio di Pignataro allestito nel plesso della scuola elementare. I due per quella foto hanno iniziato a litigare, passando poi alle minacce verbali fino a che, uno dei due, si è recato a casa ed è tornato poco dopo armato di una pistola.

Con quell’arma ha intimorito l’altro uomo, senza preoccuparsi neanche della presenza dei carabinieri i quali, sono intervenuti, e lo hanno disarmato di quella pistola che pii si è rivelata un giocattolo. Per lui, comunque, è scattato l’arresto.

11 giugno 2018 0

Rapina in chiesa ad Alatri, donna delle pulizie rinchiusa in bagno per svuotare cassetta delle elemosine

Di admin

ALATRI – Ha raccontato di essere stata aggredita alle spalle, bloccata e chiusa nel bagno della canonica da un ignoto che poi ha fatto man bassa nella cassetta delle elemosine.

La donna, l’addetta alle pulizie della chiesa delle Dodici Marie ad Alatri (e non a Fumone come precedentemente scritto), è stata liberata poco fa dal sacrestano e subito è stato lanciato l’allarme.

Secondo la ricostruzione, il malfattore avrebbe atteso l’apertura della chiesa per le pulizie approfittando della sola presenza della donna, per rinchiuderla e rubare i circa 40 euro contenuti nella cassetta. La sera prima, nella contrada c’era stata la festa e, probabilmente, il malvivente si aspettava un bottino più sostanzioso.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Alatri che hanno iniziato ad indagare per verificare il racconto e raccogliendo gli elementi per individuare il responsabile.

Ermanno Amedei

(Notizia aggiornata e corretta)

 

11 giugno 2018 0

Denuncia un sequestro di persona per nascondere “impicci” su una Porsche, finisce denunciato insieme a due complici

Di admin

FROSINONE – Hanno cercato di piazzare una Porsche soggetta a sequestro preventivo e hanno rimediato una denuncia per riciclaggio. Si tratta di tre persone, un 60enne frusinate e due pontini, coinvolte in quello che sembra essere un “intrigo” internazionale, con al centro una Porsche Cayenne

Il ciociaro, in sede di denuncia presso gli uffici della Questura, ha dichiarato di essere stato vittima di un sequestro di persona a scopo di estorsione ed usura.

Il reato si era consumato in Marocco e nella circostanza era stato costretto, sotto minacce, a vendere la costosa auto.

Scattano le indagini, nel corso delle quali è emersa un’altra verità.

L’uomo aveva stipulato, per la citata autovettura, un leasing, rendendosi però inadempiente alle obbligazioni contrattuali.

La società danneggiata aveva presentato formale denuncia ed al malfattore era già stato notificato il decreto di sequestro preventivo.

Consapevole dell’illegalità della transazione, il 60enne aveva “piazzato” comunque la Porsche, con l’aiuto di due giovani residenti nella confinate provincia di Latina.

Ad avvalorare la tesi investigativa i riscontri testimoniali e tecnici. Per i tre scatta la denuncia per riciclaggio.

11 giugno 2018 0

Elezioni 2018, i sindaci eletti in provincia di Frosinone

Di admin

PROVINCIA DI FROSINONE – Ad Amaseno il sindaco eletto è Antonio Como ad Aquino il sindaco uscente Libero Mazzaroppi ha ottenuto la riconferma, così come Renato rea ad Arpino.

Ad Atina è stato eletto sindaco Adolfo Valente, Enzo Perciballi a Boville Ernica, mentre Gianni Taurisano è il sindaco di Filettino e Alioska Baccarini è sindaco a Fiuggi.

A Pico l’ha spuntata Ornella Carnevale, mentre a Pignataro Interamna vince Benedetto Murro e a Serrone Giancarlo Proietto. A Torrice il sindaco si chiama Mauro Assalti, Luigi Rossi a Villa Latina e Antonio Iannarelli a Villa Santa Lucia.

Ad Anagni, le poche schede scrutinate danno il ballottaggio (provvisorio) tra Daniele Natalia e Daniele Tasca. A Ferentino, Antonio Pompeo viaggia verso la riconferma al primo turno.

Ermanno Amedei

(fonte Ministero dell’Interno ore 7.48)

11 giugno 2018 0

La puntura di Ultimo… alle ambizioni della Germania

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Al G7 che si è svolto in Canada il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ribadisce la propria politica sui dazi, utile per riequilibrare i rapporti di forza tra le nazioni e porta allo scoperto la manovra di Angela Merkel: un fronte comune antiamericano per elevare la sua Germania a superpotenza mondiale.

La Merkel ultimamente parla sempre anche a nome dell’ Europa. Qualcuno dovrebbe dirle, invece, che non abbiamo alcuna voglia di farci rappresentare dai tedeschi”.

Ultimo