Cresce il fenomeno dell’abbandono dei pesciolini rossi, l’Aidaa lancia l’allarme

Cresce il fenomeno dell’abbandono dei pesciolini rossi, l’Aidaa lancia l’allarme

20 agosto 2018 0 Di admin

DALL’ITALIA – Al drammatico fenomeno degli abbandoni dei cani, dei gatti, dei rettili o degli animali esotici in genere, si aggiunge anche quello dei pesciolini rossi.

L’allarme che a molti può sembrare esagerato, lo lancia l’Aidaa, l’associazione animalista, che fa proprie le preoccupazioni di chi tiene alle sorti dei piccoli, silenziosi ed indifesi pesciolini che vivono come soprammobili in acquari spesso non più grandi di un vaso di vetro per la marmellata.

Nella Nota l’Aidaa scrive:

“Il problema degli abbandoni estivi questa estate ha creato un nuovo inquietante fenomeno, quello dell’abbandono dei pesci rossi, si proprio i pesci che teniamo nel vaso in casa e dei quali spesso ci dimentichiamo prima di partire per le vacanze ritrovandoli morti stecchiti nel vaso dove li abbiamo lasciati senza accorgerci di loro quando uscendo di casa abbiamo chiuso la porta per andare in vacanza. La questione dei pesci rossi ora torna a fare parlare di se, in quanto questi pesci che sono stati addomesticati oltre 800 anni fà dai cinesi, insieme alle tartarughe d’acqua sono diventati in questa estate l’altra faccia degli abbandoni estivi, infatti si calcola che mentre per le tartarughe d’acqua con la nuova normativa che ne ristringe la vendita gli abbandoni siano in calo, diversa la questione è per i pesci rossi i quali sono abbandonati a migliaia nelle vasche  nei parchi pubblici e nei fiumi dove ovviamente non sopravvivono in quanto animali addomesticati e non capaci di procurarsi il cibo. Da qui la proposta di AIDAA che chiede alle amministrazioni locali delle grandi città dove esistono degli acquari civici di realizzare delle vasche di raccolta dove le persone che non si sentono più in grado di tenere questi pesciolini possano lasciarli sapendo che saranno custoditi e sfamati.

“La nostra proposta va nella direzione di quanto succede a Parigi dove una grande vasca ha raccolto oltre 600 pesci rossi che altrimenti sarebbero stati abbandonati o scaricati nei lavandini dei bagni di casa – Dice nella nota Lorenzo Croce presidente di AIDAA – per questo rivolgiamo l’appello a tutte quelle amministrazioni locali che hanno un acquario pubblico chiedendo loro di attivarsi per realizzare delle vasche di raccolta per i pesci rossi a rischio abbandono, siamo sicuri che ci ascolteranno, i pesci potranno poi essere messi in grandi vasche messe a disposizione del pubblico”.