Mese: settembre 2018

30 settembre 2018 0

Rave party ad Arce, denunciati 50 giovani

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ARCE – Cinquanta giovani sono stati identificati e denunciati questa mattina ad Arce per aver organizzato in località la Selva un rave party non autorizzato. Sul posto della festa sono intervenuti i alle 7.30 circa, oltre ai carabinieri di Arce quelli della stazione di Pontecorvo e il personale del Norm della compagnia di Pontecorvo, Cassino Sora e Frosinone, unitamente a personale della DIGOS della Questura di Frosinone. I 50 denunciati dovranno rispondere di invasione di terreno e riunione pubblica non autorizzata. Nella circostanza i militari hanno trovato sul posto i veicoli, impianti hi fi e hanno proceduto all’identifivazione dei giovani che avevano occupato l’area campestre, di proprietà privata, senza autorizzazione.

28 settembre 2018 0

Tenta due rapine in 30 minuti, uomo arrestato in centro a Cassino

Di admin

CASSINO – Ha tentato due rapine nel giro di 30 minuti finendo però arrestato dai carabinieri all’ultimo tentativo.

É accaduto oggi pomeriggio alle 17.30 circa quando un 40enne di Cassino armato di pistola, ha minacciato la dipendente di un negozio di “compro oro” in via Arigni ma sarebbe stato messo in fuga e in sella ad una bicicletta si é diretto in Corso della Repubblica dove ha tentato il colpo ad un altro negozio di “compro Oro”.

Sulle sue tracce, però, c’erano i carabinieri del capitano Ivan Mastromanno che sono intervenuti disarmandolo e arrestandolo. Con se aveva una pistola ma non é chiaro se fosse un giocattolo o vera.

Ermanno Amedei

28 settembre 2018 0

Roma Frosinone, spintona una donna e la fa cadere dalle scale dell’Olimpico (video). Arrestato tifoso

Di admin

ROMA – Ha spinto una donna facendole ruzzolare le scale dello stadio Olimpico durante la partita Roma Frosinone. A rintracciare e arrestare il tifoso violento della Roma sono stati gli agenti della Digos con l’ausilio dei colleghi del commissariato Prati. Il “romanista” all’inizio del secondo tempo della partita Roma – Frosinone ha violentemente spinto alle spalle e fatto cadere dalla scalinata di accesso alla curva nord una donna.

Il gesto sarebbe scaturito da una discussione nata a causa di un tatuaggio con lo stemma del Liverpool che il marito della donna aveva su una gamba.

L’uomo era stato infatti accerchiato con atteggiamento minaccioso da altri tifosi, tra cui l’arrestato e la donna era corsa in suo aiuto; la discussione era culminata con lo spintonamento e la successiva caduta.

Il tifoso romanista dopo il fatto era tornato tranquillamente ad assistere all’incontro di calcio mentre la donna era stata trasportata in ospedale per le cure mediche e giudicata guaribile in 30 giorni.

Attraverso una visione minuziosa dei filmati dell’impianto di sorveglianza dello stadio, è stato possibile riconoscere ed identificare l’uomo ed arrestarlo.

28 settembre 2018 0

La puntura di Ultimo… al reddito di cittadinanza

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – Trovati i soldi per il reddito e la pensione di cittadinanza. Milioni di cittadini saranno pagati per non fare niente. Da oggi, praticamente, siamo diventati tutti come i politici della prima e seconda Repubblica…..”

Ultimo

28 settembre 2018 0

Incendio appartamento a Piedimonte San Germano, evacuata famiglia

Di admin

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Appartamento in fiamme, questa notte, a Piedimonte San germano. Il rogo si è sviluppato in una palazzina su due piani in via San Pilippo, nella parte alta della cittadina.

L’appartamento era disabitato e l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Cassino è servito per domare le fiamme e per evacuare la famiglia che abitava al piano di sopra. I danni causati dalle fiamme riguardano anche la struttura e, per questo, l’intera palazzina è stata dichiarata inagibile. Al momento non si conoscono le cause dell’incendio.

Ermanno Amedei

27 settembre 2018 0

Tumore al seno metastatico, 35mila le italiane colpite. “Noi ci Siamo” chiede istituzione Giornata Nazionale

Di admin

ATTUALITA’ – “Sono 35mila le donne che convivono con il tumore al seno metastatico in Italia ed il numero è destinato a salire nei prossimi anni”.

Lo si legge in una nota dell’associazione “Noi ci Siamo”.

“A chiedere che venga istituita una Giornata Nazionale dedicata a questa malattia cronica sono due proposte di legge depositate al Senato e alla Camera, presentate in un convegno promosso da Europa Donna Italia, al quale non è mancata la voce e la presenza di Noi ci Siamo, l’associazione nazionale fondata da Mimma Panaccione e portata avanti oggi dall’energia di Marina La Norcia e di tutte le associate. Le due proposte di legge prevedono provvedimenti specifici a supporto delle donne con tumore al seno metastatico e l’istituzione, il 13 ottobre, di una Giornata nazionale dedicata a questa speciale tipologia di pazienti oltre che le linee guida nazionali che regolamentino il percorso clinico e assistenziale, accesso facilitato e omogeneo alle terapie innovative e istituzione di un osservatorio nazionale sul tumore al seno metastatico”.

“L’evento – ha commentatonella nota Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia – testimonia la capacità aggregante di un tema drammaticamente attuale. Istituire e ufficializzare una Giornata dedicata al tumore al seno metastatico sottolineerebbe l’apertura e il riconoscimento della società civile verso le 35 mila pazienti croniche italiane”.

Marina La Norcia, Presidente di “Noi ci Siamo” ha affermato nella stessa nota che “la necessità delle pazienti è quella di avere dei percorsi diagnostico terapeutici dedicati e protetti che possano semplificare l’accesso alle cure e che sulle possibilità di sopravvivenza pesano elementi come la diagnosi precoce attraverso gli screening al quale non aderisce purtroppo un’alta percentuale di donne. L’istituzione di una Giornata dedicata, serve anche a sensibilizzare e a portare conoscenza”.

27 settembre 2018 0

Cibus Fest, fine settimana densa di appuntamenti all’Oktoberfest di Piedimonte

Di admin

ATTUALITA’ –  Si prospetta un fine settimana movimentato quello che sta per iniziare al Cibus Fest di Piedimonte San Germano (via Carlo D’Aguanno). L’iniziativa sta calamitando ogni sera nei mille metri quadrati al coperto centinaia di giovani attirati dal programma musicale che prevede l’esibizione di artisti di ogni genere musicale in un clima da Oktoberfest con cuciva bavarese e personale in costume.

Questa sera (giovedì) è “Debordante”, un calderone degli anni ’60 e ’70. Domani sera (Venerdì) si esibiscono gli OX-IN Soul funk e pop music. Sabato è di musica mediterranea con gli Aforisma Trio e domenica è serata caraibica con l’esibizione di “Cassino Salsa Eventi”. Gli appuntamenti, poi, proseguono per tutta la settimana.

“Questa programmazione nasce per essere dedicata alla musica e soprattutto agli appassionati di musica”.

Lo dichiara il direttore artistico del Cibus Fest Vincenzo Giacomi.

“I musicisti ed artisti scelti per veicolarla sono di valenza underground e i migliori rappresentanti dello strumento della nostra provincia. La programmazione è anche un viaggio che colora il Cibus Fest dove viene ospitata per 16 serate, di eclettismo musicale, dal rockabilly al cantautorato, dal blues al rock, al soul al funk. Ma la programmazione musicale del Cibus è soprattutto un linguaggio, quello della musica dal vivo in tutte le sue interpretazioni”.

27 settembre 2018 0

Padre, madre e figlio gestivano supermarket bunker per spaccio droga, cinque arresti

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e crack, questo il reato contestato a B.G., 41 anni, V.T. donna di 52 anni, B.M., 55 anni, C.F., 43 anni, S.S., 40 anni cittadino albanese, tutti domiciliato a Monte San Giovani Campano per il quale tutti sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri della Compagnia di Sora che hanno dato  esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Frosinone, su richiesta della Procura della Repubblica di Frosinone (PM Dott. Adolfo Coletta)

L’attività di indagine ha consentito di appurare che gli indagati avevano allestito in Monte San Giovanni Campano una vera e propria piazza di spaccio presso la loro abitazione, trasformandola in un “bunker” non facilmente espugnabile da parte delle Forze dell’Ordine.

L’operazione conclusa questa mattina con l’esecuzione di 5 misure di custodia cautelare agli arresti domiciliari e numerose perquisizioni, rappresenta il risultato di una complessa e articolata attività d’indagine, condotta con l’ausilio di strumenti tecnici e l’esecuzione di numerosi servizi di O.C.P.,   iniziata da qualche tempo dalla Compagnia Carabinieri di Sora, finalizzata a disarticolare il sodalizio, radicato a Monte San Giovanni Campano e dedito allo spaccio di sostanza stupefacente. I carabinieri hanno accertato che presso l’abitazione di tre degli arrestati (coniugi e figlio) in Monte San Giovanni Campano si svolgeva da mesi una continuativa attività di “vendita al minuto di stupefacenti”, localizzando una vera e propria “base di spaccio” munita di videosorveglianza, presso la quale gli assuntori delle sostanze illecite avevano agio di recarsi a qualunque ora del giorno e della notte, senza necessità di preventivi contatti o quantomeno “appuntamenti”, per acquistarvi dosi di cocaina, crack ed hashish, dietro pagamento di danaro in contante. La gestione del “supermarket” era curata principalmente dai coniugi, già tratti in arresto a febbraio 2018 nella flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti poiché trovati in possesso di 33 dosi già confezionate di cocaina e 31 di crack, mentre il figlio e glia altri due collaboravano fattivamente alla “fiorente attività” (uno degli arrestati aveva compiti di intermediario e fornitore delle sostanze proibite destinate allo spaccio al minuto).

L’indagine rientra in una vasta attività di monitoraggio disposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, tesa ad individuare anche attraverso un capillare controllo del territorio tutti quei soggetti dediti allo spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

In totale nel corso dell’attività sono stati tratti in arresto in flagranza di reato nr.6 persone, segnalati alla Prefettura quali assuntori nr.18 persone, sequestrati complessivamente grammi 360 di sostanze stupefacenti del tipo “marjuana, hashish, crack e cocaina”, nonché bilancini di precisione e materiale atto al confezionamento.

27 settembre 2018 0

Sorpreso con 625 grammi di marijuana, arrestato a Fondi giovane di Terracina

Di admin

FONDI – I Finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Fondi, coadiuvati dalle unità cinofile “Bam e Dafil” del Gruppo di Formia, nell’ambito del “Dispositivo di Contrasto ai Traffici Illeciti” predisposto dal Comando Provinciale di Latina, e finalizzato, tra l’altro, anche alla repressione dei reati in materia di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un cittadino italiano residente a Terracina, T.T., di anni 26, per possesso ai fini di spaccio di gr. 625 di marijuana amnesia e hashish. La pattuglia delle Fiamme Gialle, appostata nei pressi dell’intersezione tra la via Flacca e via Sant’Anastasia in Fondi, dopo aver sottoposto a fermo per un normale controllo un’autovettura SMART, notando del “nervosismo” negli atteggiamenti del conducente alla vista dei militari, decideva di intensificare il controllo del mezzo sul quale veniva rinvenuto un quantitativo di sostanza stupefacente pari a gr. 53,150, nonché n. 4 spinelli confezionati. L’operazione proseguiva quindi con la successiva perquisizione domiciliare, ed il rinvenimento di ulteriore gr. 572 di sostanza stupefacente, suddivisa in “panetti di hashish” e bustine della pericolosissima marijuana amnesia, nonché materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente, denaro contante, probabilmente profitto dell’attività illecita. I militari della Compagnia di Fondi, dopo aver contattato il PM di Turno presso la Procura della Repubblica di Latina, Dott. Giuseppe Miliano, procedevano a trarre in arresto il giovane ai sensi dell’art. art.73, comma 1, DPR 309/90 e, quindi, a tradurlo presso la Casa Circondariale di Latina, a disposizione dell’A.G.. La sostanza psicotropa, pari circa gr. 625 grammi, il denaro contante ed il materiale idoneo al confezionamento, venivano sottoposti a sequestro.

27 settembre 2018 0

Rottura alla condotta idrica a Cassino, si alza colonna d’acqua

Di admin

CASSINO – Una colonna d’acqua alta circa 10 metri si è alzata questa mattina in via Riccardo Da San Germano a Cassino. Il getto è fuoriuscito dal marciapiedi sotto cui passa la condotta idrica ad alta pressione che serve i rubinetti di buona parte della città.

Non è chiaro se al causare la rottura fossero dei lavori in corso, fatto sta che il getto d’acqua è stato improvviso, violento e alto tanto da raggiungere i piani alti dei palazzi circostanti.

Si sta procedendo in questi minuti a chiudere la line per permettere ai tecnici di riparare la rottura e, quasi certamente, ciò provocherà l’interruzione idrica in diversi punti della città.

Ermanno Amedei