Giorno: 1 ottobre 2018

1 ottobre 2018 0

Gara per la vigilanza nel tribunale di Cassino sospesa dal Tar, carabinieri sostituiscono le guardie giurate

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – I carabinieri della compagnia di Cassino, da questa mattina, sostituisco le guardie particolari giurate che prestano servizio di sicurezza presso il Tibunale di Cassino.

La gara d’appalto per affidare il servizio ad una ditta privata sarebbe stata vinta da una società di Frosinone ma l’aggiudicazione e l’avvicendamento tra la ditta uscente e quella entrante sarebbe stata sospesa da un ricorso al Tar del Lazio. Questa mattina ci sarebbero stati i primi effetti dato che il tribunale sarebbe rimasto senza sorveglianza. I carabinieri sono stati quindi chiamati a risolvere il problema sostituendosi per il tempo necessario alle guardie giurate.

Ermanno Amedei

1 ottobre 2018 0

L’impegno di Matteo Salvini nella vicenda delle Marocchinate

Di admin

LATINA – “Sabato scorso a Latina davanti a migliaia di persone si è tenuta la festa della Lega, ribattezzata la “Pontida del Sud””.

Lo si legge in una nota dell’associazione vittime delle marocchinate.

“Sul palco il segretario del carroccio nonché vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. Nell’occasione il presidente dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate (A.N.V.M.) Emiliano Ciotti e la segretaria Anna Mula hanno donato a Salvini una copia del libro “Le Marocchinate. Cronaca di uno stupro di massa”, che lo stesso Ciotti sta presentando per l’Italia. I due rappresentanti dell’associazione hanno portato alla conoscenza del ministro la vicenda storica e della richiesta di una commissione parlamentare d’inchiesta. Matteo Salvini ha dato sin da subito la sua disponibilità rispondendo che era venuto a conoscenza della vicenda grazie ai parlamentari del carroccio Francesco Zicchieri, Gianfranco Rufa e Francesca Gerardi, anche loro rassicurando nel portare in parlamento e in tutte le sedi opportune questa pagina orrenda che ha interessato le province di Frosinone, di Latina e di molte altre zone italiane. Copia del libro è stato donato sabato sera anche ad altri esponenti politici tra cui l’Onorevole leghista Barbara Saltamartini, presidente della Commissione Attività Produttive, anche lei dando massima disponibilità e invitando a Roma i rappresentanti dell’Associazione”.

1 ottobre 2018 0

Cassino, incendio in un deposito-laboratorio di telefonia

Di redazionecassino1

CASSINO – Incendio poco fa in un laboratorio deposito di materiale di telefonia di Cover Yammo in via Parini a Cassino.  Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato, diretti dal vice Questore Raffaele Mascia, e una squadra del Distaccamento dei vigili del fuoco di Cassino che hanno provveduto a spegnere le fiamme. Nessun problema per le abitazioni sovrastanti il locale in cui si è verificato l’incendio, solo un denso fumo ha invaso la zona circostante.

Le indagini affidate agli uomini del Commissariato della Città Martire dovranno stabilire le cause dell’incendio, non si escludono tutte le ipotesi.

 

1 ottobre 2018 0

La puntura di Ultimo… allo “spread” controllato

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “C’è una cosa che nessun economista ha spiegato in questi giorni in cui si fa un gran parlare, quasi sempre a sproposito, dello spread.

Se lo spread sale perché gli investitori sono preoccupati per i conti pubblici e di conseguenza pensano che sia più rischioso che l’Italia non ripaghi il suo debito, perché gli stessi investitori non danno fiducia ad una borsa Italiana in cui le aziende del listino dovrebbero avere più mercato, visto che il reddito di cittadinanza permetterà a larghe fasce di cittadinanza di poter spendere e consumare di più?

La borsa ha invece risposto negativamente alle manovre del governo e ciò indica che le dinamiche sono emotive o controllabili da qualcuno. E di scientifico c’è veramente poco….”

Ultimo

1 ottobre 2018 0

AM. Castelnuovo e Amatori Aquino in vetta alla classifica dei rispettivi gironi di Promozione

Di redazionecassino1

Secondo turno di campionato Csi che in Eccellenza cinque squadre a guidare la classifica nonostante si sia trattato di una giornata di pareggi. Pareggiano, infatti, molte formazioni di testa. Unica vittoria, esterna, quella ottenuta da DS Dodici, 1 a 2, sul terreno di Cervaro 2012. Da recuperare l’incontro fra Canceglie e Atletico Pontecorvo. Diversa la situazione nei due gironi di Promozione. Nel girone ‘A’ Amatori Aquino con la vittoria ottenuta sul campo di Cerreto per 3 a 0, guida da solo la classifica a punteggio pieno dopo due giornate. A due lunghezze Janula che non va oltre il pareggio a reti inviolate contro Amatori Pignataro e Felcese Pignataro che in casa supera, 2 a 0, Villa Santa Lucia. Nel girone ‘B’ è una delle due formazioni aurunche a guidare a punteggio pieno la classifica, dopo la seconda giornata. AM Castelnuovo (nella foto), infatti, è a punteggio pieno dopo la vittoria, 3 a 1, su Viticuso. Tre le formazioni a due lunghezze di distacco dalla capolista. Belmonte batte i padroni casa del Real Castelnuovo per 1 a 4; S. Ambrogio City supera 3 a 1, fra le mura di casa, AM Monticell e AM Piedimonte che pareggia, 3 a 3, con S. Giorgio.

Certamente è presto per delineare qualsiasi pronostico, il torneo è solo alle battute iniziali ed è ancora molto lungo e ricco di insidie per tutte le formazioni in competizione. Solo le prossime giornate potranno confermare se l’andamento attuale potrà essere quello delineato. Vedremo.

F. Pensabene

1 ottobre 2018 0

incendio distrugge due mezzi meccanici in cava a Coreno, indagini in corso

Di admin

CORENO AUSONIO – Due mezzi meccanici di cave estrattive a Coreno Ausonio sono stati distrutti ieri sera da un incendio che si è sviluppato poco prima delle 23.

L’incendio ha riguardato un escavatore e una palala gommata e la cava in cui il rogo è avvenuto è in contrada Iagnia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Cassino e i carabinieri della compagnia di Pontecorvo. Si indaga sulle possibili cause dell’incendio battendo ogni pista. Quella che appare ovviamente più probabile è anche quella più temuta: quella dolosa.

Le cave di Coreno sono da sempre considerate aziende a rischio per le infiltrazioni malavitose dal Casertano le cui cosche hanno spesso fatto sentire nella zona la loro influenza. Ecco anche perché ogni episodio, com e quello di ieri sera, viene trattato con particolare attenzione.

Ermanno Amedei

FOTO REPERTORIO