Giorno: 9 ottobre 2018

9 ottobre 2018 0

Le Marocchinate e la vergogna. Se ne parla sabato al Liceo Scientifico di Ceccano

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CECCANO –  “Sabato 13 Ottobre alle ore 11.00 presso l’aula magna del Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano le Associazioni Nazionali Vittime delle Marocchinate (A.N.V.M.) e l’Associazione Pensiero e Tradizione di Mantova, presieduta dalla signora Barbara Spadini, organizzano la presentazione del libro di Emiliano Ciotti “Le Marocchinate. Cronaca di uno stupro di massa”. Occasione di dibattito per discutere di questa attuale tematica che sta facendo parlare di sè sulle cronache nazionali, sui social”.

Lo si legge in una nota della Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate.

“Parteciperanno all’evento: Emiliano Ciotti, autore del libro e presidente dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, l’Avvocato Luciano Randazzo, legale dell’associazione e presidente associazione “Il Cenacolo delle idee” che parlerà della denuncia presentata alla Procura Militare di Roma dando le ultime novità. Massimo Lucioli, ricercatore e autore del libro “La Ciociara e le altre”, il Dottor Davide Caluppi, responsabile comunicazione stampa A.N.V.M. studioso-ricercatore che modererà i lavori.

Interverranno inoltre l’Avvocato Mauro Sabetta socio dell’Associazione che per anni si è interessato dei risarcimenti per le vittime, e l’Avvocato Antonella Cassandro Professoressa di Diritto del Lavoro presso l’Università E-Campus che parlerà della parte giuridica relativa ai risarcimenti e delle responsabilità dirette.

L’Associazione invita tutti quanti a partecipare affinché si possa apprendere e conoscere meglio questa vicenda orrenda che ha avuto il suo picco maggiore nella nostra provincia e in molti altri territori dell’Italia toccati da stupri, violenze e morte”.

9 ottobre 2018 0

Pubblica sicurezza, cinque denunce durante controlli di polizia

Di admin

FROSINONE – Due equipaggi del reparto volanti sono intervenute su richiesta di un responsabile del Cotral in quanto due cittadini extracomunitari richiedenti asilo, gambiani, rispettivamente di 23 e 25 anni si rifiutavano di fornire il documento di identità a seguito di controllo scaturito perchè sprovvisti di biglietto.

Alla vista degli agenti i due hanno continuato nella reticenza, dichiarando addirittura una identità che insospettiva il personale operante, il quale accompagnandoli presso gli uffici della Questura ne accertavano la falsa identità dichiarata.

Nella stessa giornata a seguito di indagini, gli agenti della questura hanno denunciato due giovani 25enni residente nel comune di Ceccano, responsabili, all’uscita di un locale della parte alta del capoluogo, durante la movida delle scorse settimane, di una violenta aggressione per futili motivi ai danni di un altro giovane. La denuncia è scattata in seguito all’acquisizione delle testimonianze dei presenti e alla visone dei filmati.

Sempre nella giornata odierna, infine durante il capillare controllo del territorio, laddove è sempre alta l’attenzione nel monitoraggio dei soggetti destinatari di misure restrittive della libertà personale,  gli uomini delle volanti hanno fermato per le vie cittadine un individuo sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, procedendo al suo deferimento all’A.G.

9 ottobre 2018 0

Svaligiavano negozi a Pontecorvo, Ceprano e Cervaro: denunciati due campani

Di admin

PONTECORVO – I Carabinieri di Pontecorvo hanno denunciato due persone, un 41enne ed un 25enne , entrambi di Napoli e gravati da vicende penali  per reati contro la persona e il patrimonio, poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro dei reati di “furto aggravato e ricettazione”.

Si è arrivati all’identità dei due grazie ad una indagine che ha permesso di stabilire che nei mesi di gennaio e febbraio del 2018, hanno perpretato 4 furti commessi in danno di esercizi commerciali:

–       un negozio di telefoni cellulari sito in Pontecorvo, ove asportavano trenta telefoni, pc , tablet e la somma in contante dieuro 2.500;

–       un negozio di elettrodomestici, sito in Ceprano, ove asportavano la somma in contante di euro 500;

–       un’attività assicurativa ed un esercizio commerciale siti in Cervaro,  ove asportavano rispettivamente la somma in contante di euro 350 ed Euro 300.

9 ottobre 2018 0

Rapina in villa a Ferentino, anziani aggrediti per circa 8mila euro

Di admin

FERENTINO – Hanno agito poco dopo l’una di notte nella casa in via Tofe Pistone a Ferentino dove abitano solamente il 68anne ex dipendente Videocon e la moglie 65anne.

I cinque malviventi erano armati, tre con pistole due con cacciaviti. Dopo essersi impossessati di circa 1800 euro in contati e 5 o forse seimila euro in oggetti preziosi, sono fuggiti lasciando imbavagliata la coppia. Solamente alle 4, i due sono riusciti a sciogliere i nodi e a lanciare l’allarme.

I carabinieri giunti sul posto hanno raccolto la testimonianza dei due, entrambi sotto shock ma illesi. Le ricerche dei cinque sono estese a tutto il territorio. Si indaga a 360 gradi.

Ermanno Amedei

9 ottobre 2018 0

Lo sfogo di Guglielmo Mollicone sulla copertina di Cronaca Vera

Di admin

ARCE – Gli omicidi di Emanuele Morganti di Alatri e Serena Mollicone di Arce sono tra i fatti di cronaca più eclatanti e dolorosi avvenuti nella provincia di Frosinone.

Il settimanale nazionale Cronaca Vera ne sta dando ampio spazio sulle proprie pagine. La settimana scorsa il giornale diretto da Giuseppe Biselli ha dedicato la copertina allo sfogo della madre del 20enne ucciso ad Alatri. Questa settimana l’ha dedicata invece a Guglielmo Mollicone che, nei giorni in cui sono emerse sostanziali novità nell’indagine sulla morte della figlia Serena, ha fatto appello a due degli indagati perché raccontino ciò che sanno.

Papà Guglielmo ha sempre sostenuto il coinvolgimento di alcuni carabinieri in servizio ad all’epoca dei fatti ad Arce nell’omicidio della figlia; il tempo, la sua caparbietà, e finalmente anche la giustizia, sembra che stiano per dargli ragione. 

9 ottobre 2018 0

Assalto in villa a Ferentino, anziani legati e imbavagliati. Indagini a tutto campo

Di admin

FERENTINO –  Sono stati sorpresi nel cuore della notte dai rapinatori che li hanno legati, imbavagliati e derubati di soldi ed oggetti preziosi.

Quella di svegliarsi nel cuore della notte e trovarsi malviventi in casa è la paura di tutti. A viverla, loro malgrado, sono stati due anziani di Ferentino che nella notte appena trascorsa, sono stati svegliati da rumori e si sono ritrovate le pistole puntate.

In cinque, pare con accento straniero, si sarebbero avventati contro di loro minacciandoli con armi da fuoco e cacciaviti per ottenere ciò che cercavano: soldi e oggetti preziosi.  Aperta la cassaforte, i malviventi si sono impossessati di svariate migliaia di euro oltre a gioielli con cui sono fuggiti lasciando gli anziani imbavagliati.

Non appena liberi hanno lanciato l’allarme e sul posto sono arrivati i carabinieri coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo che hanno iniziato ad indagare a cominciare dalla descrizione dei malviventi e dall’accento straniero, un traccia che spesso è forviante dato che i malviventi spesso adoperano falsamente dialetti o lingue straniere proprio per depistare gli investigatori. Inoltre, certamente, sarà di interesse investigativo scoprire anche chi era informato della presenza in casa della cassaforte e dei soldi.

9 ottobre 2018 0

La puntura di Ultimo… alle concessioni della Regione Lazio

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “La Regione Lazio ha approvato un emendamento per il quale, per costruire nelle aree protette, basterà il silenzio assenso.

Quindi, se non sarà emesso uno specifico parere, chiunque potrà costruire nelle aree sottoposte a vincolo.

Ci si chiede il perché di questa modifica, che bisogno c’era? I motivi verranno evidentemente a galla quando i primi soggetti beneficiari inizieranno ad alzare i pilastri e scopriremo a chi bisognava fare il favore…. Pare che il Vaticano sia già in pole position”.

Ultimo