Autore: admin

25 Luglio 2009 1

Guidare l’auto con sandali infradito

Di admin

Non esiste più alcun divieto dal 1993 circa l’uso di calzature di tipo aperto (ciabatte, zoccoli, infradito) durante la guida di un veicolo nè è vietato guidare a piedi nudi. Il conducente deve autodisciplinarsi nella scelta dell’abbigliamento e degli accessori al fine di garantire un’efficace azione di guida con i piedi (accelerazione, frenata, uso della frizione).

25 Luglio 2009 0

“Scacco alla Rocca”, maxi operazione dei Carabinieri

Di admin

E’ stata portata a termine oggi una importantissima operazione di polizia giudiziaria a Giulianova. Dopo l’esecuzione di numerose misure di prevenzione patrimoniali eseguite lo scorso mese di gennaio che portò al sequestro di diverse abitazioni ed autovetture di proprietà di zingari residenti a Giulianova e zone limitrofe, ritenute il frutto di attività criminali legate all’usura, al riciclaggio nonché allo spaccio di sostanze stupefacenti, si può tranquillamente affermare che con l’operazione odierna è stata senza mezzi termini smantellata l’attività criminale posta in essere dai rom del posto. “Scacco alla Rocca”, questa è la denominazione convenzionale dell’operazione, concretizzatasi nella mattinata odierna con la notifica di ben 14 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere in ordine al reato di detenzione al fine di spaccio in concorso richieste dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Teramo, Dott.ssa Laura Colica che ha concordato pienamente l’esito delle risultanze investigative acquisite dai militari operanti, avallata dal GIP del Tribunale di Teramo Dott.ssa Marina Tommolini che ha firmato il provvedimento definitivo. Dal mese di ottobre 2008, i Carabinieri del dipendente Nucleo Operativo agli ordini del Luogotenente Antonio Longo, collaborati da quelli della locale Stazione, iniziavano ad espletare una serie di servizi in Giulianova Paese, nella zona denominata “La Rocca” (da cui nasce la denominazione dell’operazione), avendo fondato motivo di ritenere che le famiglie ROM ivi dimoranti avessero posto in essere una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti da cedere a numerosi acquirenti provenienti da tutta la provincia di Teramo. Nel corso dei servizi si accertava effettivamente l’attività di spaccio posto in essere dagli arrestati, nel corso dei quali i militari controllavano e fermavano in più circostanza numerosi giovani, a volte trovati in possesso della dose appena acquistata, altre in procinto di effettuare tale acquisto, altri con acquisti non andati a buon fine per varie ragioni (mancanza di denaro ovvero constatata la presenza dei militari da parte dei cessionari). Tali servizi sono stati particolarmente difficili da eseguire sia perché i militari operanti erano ben conosciuti dai ROM, sia per la particolare conformazione del quartiere ove avveniva lo spaccio, con vicoli stretti, quindi un vero e proprio labirinto ove di fatto era impossibile potersi nascondere per sorvegliare, paragonabile pertanto ad alcuni quartieri di ben più note e grandi città. Nonostante l’assenza di collaborazione della popolazione residente e l’utilizzo di minori sia come vedette sia per lo spaccio delle dosi ai tossici del posto i Carabinieri sono riusciti a portare a termine l’indagine. Si è trattato di una indagine basata su pedinamenti, osservazioni e recupero dello stupefacente, con ausili tecnici limitati al minimo e frutto soprattutto dell’esperienza professionale degli operanti, perfetti conoscitori dei pregiudicati e del territorio. L’indagine ha visto il coinvolgimento nell’attività di spaccio di interi nuclei familiari rom con un ruolo prioritario delle donne che in più circostanze sono state pronte ad inscenare vere e proprie “tragedie” pur di creare confusione e distogliere l’attenzione dei militari dagli episodi criminosi accertati. Con gli arresti di oggi è stato smantellato il “dominio” a 360° di tutto il quartiere “La Rocca”, di fatto ostaggio di queste famiglie ROM che avevano basato l’intera economia familiare sull’attività di spaccio di stupefacenti tramutando di fatto il quartiere stesso nella loro “azienda”, attraverso la ben nota tracotanza, arroganza verbale e gestuale, atteggiamenti sintomatici dell’assoluto mancato inserimento nel tessuto sociale. Nel corso dei servizi sono state recuperate numerose dosi di stupefacente e diversi assuntori sono stati segnalati alla Prefettura per violazione dell’art. 75 del D.P.R. 309/90. L’operazione ha registrato la partecipazione di 100 Carabinieri, con l’ausilio di unità cinofile e di un Elicottero dell’Elinucleo di Falconara Marittimo. Tutti gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati alla Casa Circondariale di Teramo a disposizione dell’A.G. mandante, fatta eccezione per DI ROCCO Monica, agli arresti domiciliari. Inoltre all’atto dell’arresto di uno dei rom nel corso della perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto un involucro contenente 75 grammi di eroina e 15 grammi di cocaina, il tutto sottoposto a sequestro.

25 Luglio 2009 0

Tentano furto in un cantiere, arrestati dai Carabinieri

Di admin

I Carabinieri del NORM della Compagnia di Cassino, unitamente ai colleghi della Compagnia di Pontecorvo, nell’ambito di servizi preventivi tesi a contrastare il fenomeno dei furti in genere e di quelli nelle abitazioni private in particolare, hanno arrestato per tentato furto aggravato in concorso MAGGIO Santo, di anni 45 e VERDE Giuseppe, di anni 46, entrambi della Provincia di Napoli. I predetti, sorpresi all’interno di un cantiere edile di Piedimonte San Germano dove si erano introdotti furtivamente, si sono dati alla fuga a piedi e successivamente a bordo di un’autovettura furgonata. Inseguiti dai militari sono stati bloccati in prossimità del casello Autostradale di Cassino e, pertanto, assicurati alla giustizia. All’interno del veicolo sono stati rinvenuti e sequestrati arnesi atto allo scasso. I due sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino.

25 Luglio 2009 0

Ruba una borsa in spiaggia, arrestato

Di admin

Potenza Attilio, 36enne di Mosciano Sant’Angelo (TE), già noto alle Forze dell’Ordine per fatti di giustizia, alle ore 18.00 di ieri, ha pensato bene di portarsi nei pressi di uno stabilimento balneare ubicato sul Lungomare Zara di Giulianova, asportando una borsa da sotto un ombrellone mentre la proprietaria stava prendendo il sole. La donna, resasi immediatamente conto del furto, non si è persa d’animo e con il cellulare di un’amica d’ombrellone (il suo era nella borsa asportata) ha chiamato immediatamente i Carabinieri fornendo nell’immediatezza una dettagliata descrizione delle caratteristiche somatiche dell’uomo e come era vestito. Immediatamente è scattato il collaudato piano di cinturazione della zona e poco dopo il Potenza è caduto nella rete della giustizia, venendo prontamente bloccato e tratto in arresto proprio mentre tentava di guadagnare la fuga. La borsa contenente cento euro in contanti ed il telefonino della donna sono stati recuperati ancora nella materiale disponibilità del malvivente e restituiti alla legittima proprietaria. Potenza Attilio è stato quindi arrestato con l’accusa di furto aggravato e tradotto alla Casa Circondariale di Teramo in attesa dell’Udienza di Convalida in Tribunale.

24 Luglio 2009 0

Tir in fiamme sulla Cassino-Sora

Di admin

Stava percorrendo la superstrada Cassino Sora quando all’altezza della galleria nel territorio di Belmonte Castello il mezzo è stato avvolto dalle fiamme. E’ accaduto questa notte intorno alle due, le fiamme non hanno risparmiato nè il carico di mobili che stava trasportando, nè la motrice dell’autotreno. L’autotrasportatore che è riuscito a mettersi in salvo sulla piazzola di sosta adiacente all’uscita della galleria, è tuttora ricoverato presso il nosocomio cassinate per intossicazione, le sue condizioni non sembrano preoccupanti. Sembra che l’incendio si sia sviluppato a causa di un guasto nell’impianto frenante del mezzo e il conducente abbia anche riportato alcune ferite al volto in seguito all’esplosione di uno pneumatico. Immediati i soccorsi del commissariato di polizia di Cassino e dei Vigili del Fuoco che dopo aver domato le fiamme sono stati impegnati nello sgombero dell’area fino alla tarda mattinata.

23 Luglio 2009 0

Guido con prudenza: “La chiave dell’auto dalla a Bob”

Di admin

“La chiave dell’auto dalla a Bob” e ” Frena lo sballo accelera la vita” con questi slogan si apre anche quest’anno la sesta edizione di “Guido con Prudenza”. A partire dal fine settimana del 25-26 luglio fino a quello del 22-23 agosto e in più a Rimini nella serata del 24 agosto, verrà presentata la campagna di sicurezza stradale realizzata dalla Polizia stradale d’intesa con l’Ania (Fondazione dell’associazione delle compagnie di assicurazione) e il Silb (Associazione imprenditori locali da ballo) per sensibilizzare i giovani al rischio che corrono mettendosi alla guida dopo aver bevuto o aver assunto droga. La novità di questa edizione è l’animazione di giorno sulle spiagge. Per diffondere in modo più incisivo il messaggio di sicurezza stradale, un team di “Guido con prudenza” sarà presente, sulle spiagge delle località designate distribuendo materiale informativo e organizzando giochi sul codice della strada; al vincitore verrà consegnato un premio. Non mancheranno le pattuglie della polizia Stradale che saranno presenti, in particolar modo, a ridosso delle strade più utilizzate dai giovani per raggiungere le discoteche. Se all’uscita, i ragazzi fermati risulteranno sobri, riceveranno dagli stessi poliziotti un ingresso gratuito in discoteca per il weekend successivo. Anche per quest’anno, all’ingresso delle discoteche, hostess e steward – vestiti come Guido e Prudenza – distribuiscono una chiave in cartoncino al “guidatore designato” cioè a colui che si prende l’impegno di non bere per far si che il ritorno a casa sia sicuro. Se, alla fine della serata, il possessore della chiave risulta negativo all’alcol test viene premiato con dei gadget.

I luoghi dell’iniziativa Le discoteche interessate all’iniziativa sono quelle della riviera romagnola in particolare di Rimini, quelle di Brescia, del salento e del litorale pontino, zone sicuramente più esposte alle stragi del sabato sera.

I dati Le cifre delle stragi sulle strade fanno riflettere. Ogni giorno in Italia si verificano 633 incidenti stradali, con 893 feriti e 14 morti, per un totale di 5.131 persone che perdono la vita nell’arco di un anno (dati Istat). L’alcol e la droga sono tra le cause principali di questa strage: secondo una stima dell’Istituto superiore di sanità, gli incidenti provocati da conducenti in stato psicofisico alterato corrispondono al 30% del totale degli incidenti che avvengono nel nostro Paese. Inoltre, gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovani. Nel 2007 nel nostro Paese si sono registrate 1.752 vittime di età compresa tra 18 e 34 anni e gli incidenti nelle notti del weekend, avvenuti tra le 22 e le 6 del mattino, hanno provocato ben 621 morti (dati Istat).