Autore: redazionecassino1

6 dicembre 2018 0

Si aggirava con fare sospetto fra abitazioni isolate, arrestato dai carabinieri 35enne albanese

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ANAGNI – Nella serata di ieri, la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Anagni riceveva delle segnalazioni da parte di residenti nel comune di Piglio che avevano notato degli individui aggirarsi con fare sospetto nella zona bassa del piccolo centro. In particolare, un cittadino riferiva altresì di aver notato la rete di recinzione della propria abitazione tagliata ed un altro, rientrato in casa dopo una giornata di lavoro, di aver subito durante la sua assenza il furto in abitazione di monili in oro e dell’autovettura di proprietà. L’immediato intervento sul posto e le accurate ricerche effettuate dal personale del NORM, con l’ausilio di diverse pattuglie del suddetto Comando Compagnia, permettevano di intercettare un 35enne di origine albanese (già censito per reati contro il patrimonio), residente nell’hinterland napoletano, alla guida di un’autovettura, il quale alla vista dei militari tentava di fuggire, venendo però poco dopo bloccato. Sull’auto, priva di copertura assicurativa e revisione, e pertanto sottoposta a sequestro, gli operanti rinvenivano altresì vari arnesi atti allo scasso. Gli ulteriori accertamenti svolti sul conto dell’uomo, permettevano di appurare che lo stesso si identificava in PATRIA Blerim, classe1983, e che risultava destinatario di un Decreto di Fermo di indiziato, datato 17 settembre 2012, emesso dall’Autorità Giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere (CE) per i reati di “associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione”, “ricettazione” ed “estorsione”.

Al termine delle formalità di rito, l’uomo veniva quindi tratto in arresto poiché destinatario del suddetto provvedimento nonchè dei reati di danneggiamento e furto in abitazione e tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone.

Le ricerche dei complici protrattesi per tutta la notte davano esito negativo.

foto repertorio

6 dicembre 2018 0

La polizia, dalle impronte digitali, risale ad una ladra internazionale specialista in furti in appartamento

Di redazionecassino1

FONDI (LT)  – Dopo laboriose indagini, è stata individuata dagli specialisti della Polizia Scientifica di Fondi e di Roma, una ladra seriale di etnia Rom specializzata in furti in appartamento.

A seguito di un intervento per un furto avvenuto quattro anni fa a casa di un anziana donna, gli specialisti della Polizia Scientifica inviati sul posto riuscirono ad isolare su di in un porta gioie che era stato svuotato del suo contenuto, delle impronte digitali. In particolare, con la tecnica della evidenziazione delle impronte latenti attraverso l’utilizzo di polveri igroscopiche, gli specialisti della Polizia Scientifica riuscirono a rilevare alcuni frammenti di linee papillari. In seguito, tali evidenze, vennero inviate presso i laboratori di Roma, per il loro inserimento nella banca dati ove sono custodite tutte le impronte digitali dei criminali censiti in Italia. Dai primi accertamenti, tali impronte non vennero associate ad alcun delinquente e quindi il caso venne archiviato dal Sostituto Procuratore di Latina incaricato delle indagini. Ma ora grazie a nuove e più approfondite tecniche di indagini scientifiche, a distanza di 4 anni,  gli esperti del Gabinetto Interprovinciale della Polizia Scientifica di Roma, sono risaliti alla persona che aveva lasciato le sue impronte nell’abitazione della Sig.ra di Fondi. Infatti a compiere il furto non era stato un semplice ladruncolo ma bensì una vera e propria esperta, una giovane donne di origini rom, che ha al suo attivo numerosi colpi, messi a segno non solo sul territorio nazionale, ma anche in Portogallo e Svizzera. Per cercare di confondere gli investigatori, la ladra di anni 25 , forniva ogni volta che veniva  arrestata, diverse identità. Ad oggi, associate alle sue impronte digitali, risultano negli archivi della Polizia, ben 12 nomi diversi ed ben due mandati di cattura, emessi sempre per aver consumato dei furti.  Quindi le indagini sono ripartite sotto il coordinamento della Procura di Latina, che ha incaricato gli investigatori della Polizia di Fondi, di ricercare la nomade in collaborazione con gli altri Uffici di Polizia che hanno trattato gli altri casi.

6 dicembre 2018 0

Cassino, i ladri di ruote delle auto colpiscono ancora

Di redazionecassino1

CASSINO – Tornano in azione i ladri di ruote delle auto in sosta. Già più volte, in passato, questi ‘specialisti mariuoli’ si sono accaniti sulle auto parcheggiate lungo le vie cittadine dai rispettivi proprietari. Approfittando delle ore notturne i ladri smontavano le ruote lasciando le autovetture con mozzi e dischi dei freni a terra.

La notte scorsa a farne le spese un’utilitaria parcheggiata in via Tommaso Campanella, in pieno centro a Cassino. Il proprietario dell’autovettura ha fatto la scoperta di non trovare più le quattro ruote della sua auto, una Fiat 500. il crescente fenomeno dei furti di autovetture o di parti delle stesse (come ruote o altri componenti), che ha interessato di recente il centro di Cassino e non solo, non è nuovo alle cronache ed ha, probabilmente, un mercato fiorente.

Del resto i malviventi approfittano delle ore notturne per mettere a segno indisturbati i loro colpi nonostante i serrati controlli delle forze dell”ordine.

Felice Pensabene

6 dicembre 2018 0

Strisce blu; grattini esauriti stop ai controlli, ma restano quelli sugli abbonamenti

Di redazionecassino1

CASSINO – Non sembra esserci pace per il sistema dei parcheggi a pagamento a Cassino. Il metodo dei ‘grattini’ si è rivelato una ennesimo flop per il Comune. Un boomerang che se da un lato garantiva soldi alle casse dell’Ente sempre più in rosso, dall’altro ha innescato un’altra figuraccia per l’amministrazione D’Alessandro. Da qualche giorno, infatti, i grattini non si riescono a trovare nei punti vendita abilitati, andati a ruba nel primo periodo di emissione, con buona pace al pagamento delle strisce blu. In altre parole, un clamoroso stop al pagamento dei parcheggi. Le strisce blu resteranno, quindi, gratuite fino a quando i commercianti non saranno riforniti dei nuovi ‘grattini’. I controlli dunque, riguarderanno solamente le strisce arancioni dedicate agli abbonamenti. Una decisione controversa quella presa dall’Amministrazione, che sbaglia i conti quando si tratta di rifornirsi di ticket per la sosta a pagamento. I 12mila grattini ordinati dal Comune sono andati in esaurimento a sole 24 ore dal ripristino delle strisce blu. Neanche una seconda fornitura, avvenuta una decina di giorni fa, ha messo l’Ente al riparo dalle critiche visto che comunque i ticket distribuiti agli oltre 40 esercenti cassinati, sono stati venduti in un battibaleno. I tagli più piccoli, quelli da 30 e 60 minuti, sono ormai una rarità in alcune zone di Cassino. Ieri mattina alcuni vigili urbani, cui spetta il controllo e ai quali si erano rivolti degli automobilisti nella disperata ricerca dei grattini, hanno fatto sapere che i controlli ieri non sarebbero stati effettuati proprio per la carenza di ticket. Insomma, un ennesimo pasticcio. L’Amministrazione, tuttavia, è corsa ai ripari, ordinando altri 80mila grattini, ed altri 250mila in vista del Natale. Resta, inoltre, sempre aperta la questione del bando per l’assegnazione dell’appalto alla gestione dei parcheggi, ancora in alto mare che preoccupa non poco i trentacinque ausiliari da mesi a casa e senza stipendio.

F. Pensabene

6 dicembre 2018 0

Decapitato Miglio 48 della Borbonica e Consolare Strada Regia Napoli Sora

Di redazionecassino1

CASSINO – Un bene culturale è e resta una traccia che sancisce il tempo passato. Spesso un bene culturale viene elevato a simbolo di una indefinita età dell’oro, di un tempo sospeso tra il presente avvilente ed un futuro non più anelato ma spesso nascosto tra le linee di una onirica apnea. La visione spesso distopica del futuro è causata da quanto viene ogni giorno prodotto e soprattutto dalle azioni superficiali che ognuno di noi compie in virtù di un quotidiano quanto necessario correre senza mai fermarsi. Di ciò, e di altro ancora, diviene oggi simbolo il decapitato Miglio 48 della Borbonica e Consolare Strada Regia Napoli Sora. Chi ha ispezionato quel monco e non più monolite in calcare ha potuto constatare che una striscia gialla di vernice industriale decora (mi si passi l’eufemismo) la parte alta del del cippo ora a terra. Parrebbe frutto di un contatto tanto efficace quanto evitabile. Qualcuno, e non qualcosa, ha cagionato ciò. Qualcuno, perso nella veloce e fugace consapevolezza ed autodeterminazione del proprio io, ha di fatto portato il Cippo 48 alla rottura ed al crollo. Quel qualcuno, ormai distratto e distante dal senso civico e di comune appartenenza al nostro patrimonio culto (heritage direbbero gli anglosassoni), ha in modo infantile e furbesco pensato bene di darsela a gambe. Questi potrebbero essere i fatti. Altri fatti sono ancora ben rappresentati dal Cippo 48 che ancora a terra giace. Cosa impariamo dal Cippo 48 che oggi, 5 dicembre 2018 alle ore 9.00, ancora mozzato giaceva tra l’asfalto ed il cemento? È divenuto simbolo di una frenetica e cinetica vita che scivola tra la Casilina ed il fiume? Nessuna risposta potrebbe ora essere inserita tra le poche riche di questo racconto. Quel che è certo è che il Miglio 48 diviene simbolo di un comune e alieno senso di autodeterminazione che tempo non ha per scarsi novanta centimetri di calcare, polvere e storia.

GrEg

5 dicembre 2018 0

Questura Latina, controllo del territorio: un arresto per evasione e una denuncia per porto di armi

Di redazionecassino1

LATINA – Un nuovo Servizio straordinario di controllo del territorio della Polizia di Stato si è svolto nella giornata di ieri nel capoluogo pontino, interessando le zone “calde” della città, con particolare attenzione al Quartiere Nicolosi e all’area delle nuove Autolinee Cotral .

Continua quindi incessante l’attività di prevenzione e controllo intensificata dal Questore Belfiore. In particolare, a seguito delle segnalazioni pervenute ed esposti presentati da cittadini.

Nella mattinata di ieri, due equipaggi della Squadra Volante e due pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine provenienti dalla capitale, hanno perlustrato il territorio interessato con posti di controllo, utilizzando anche il sistema di bordo Mercurio per la lettura automatica delle targhe .

Nel corso dell’attività, un equipaggio della Squadra Volante effettuava il controllo di una persona sottoposta agli arresti domiciliari in via Londra, che, senza alcuna autorizzazione ad allontanarsi dal predetto appartamento, veniva rintracciata fuori dall’abitazione e pertanto veniva tratta in arresto per il reato di evasione. L’evaso, identificato per D.S.A., italiano, del 1\980, annoverava svariati precedenti penali.

Un altro equipaggio della Squadra Volante, durante l’attività di pattugliamento e prevenzione, nel percorrere questa Via Tagliamento, angolo piazza Col di Lana, nel quartiere Nicolosi, notava un uomo extracomunitario che si aggirava  con atteggiamento sospetto .

Il soggetto veniva prontamente sottoposto a controllo; alla richiesta degli operatori di esibire i documenti si mostrava visibilmente nervoso ed infastiditi dal controllo; alla luce del suo comportamento i poliziotti procedevano alla perquisizione personale che dava esito positivo; infatti all’interno della tasca anteriore destra dei pantaloni, veniva rinvenuto un coltello, di cui non sapeva giustificare la presenza.

La persona, accompagnata presso gli uffici della Questura, identificata per H.J, cittadino tunisino del 1978, pluripregiudicato,  veniva denunciato in stato di libertà per il reato di porto di armi od oggetti atti all’offesa.

 

Di seguito si riassumono i risultati conseguiti.

Persone arrestate Nr. 1 Persone denunciate in stato di libertà Nr. 1 Persone identificate Nr. 294 Persone sottoposte ad obblighi controllate Nr. 21 Posti di blocco e/o controllo effettuati Nr. 7 Contravvenzioni elevate ai sensi del C. d. S. Nr. 9 Veicoli controllati Nr. 95

 

3 dicembre 2018 0

Basket Serie C SILVER : Veroli supera Pallacanestro Lazio, 82-68

Di redazionecassino1

Nel match disputatosi ieri la Pallacanestro Veroli si impone sulla Pallacanestro Lazio 1932 chiudendo con il risultato di 68-82. Avvio prepotente per i ciociari che spiazzano gli avversari. Solo nel terzo periodo i padroni di casa girano l’inerzia a proprio favore e rimontano lo scarto in doppia cifra ma nell’ultimo quarto i ciociari allungano il passo portando a casa una gran vittoria.

Fondamentale il trio Marco Fiorini-Alessandrini-Frusone che ha tenuto in piedi l’attacco dei verolani, in aggiunta anche un ottimo Iannarilli. Una settimana molto proficua questa per la Pallacanestro Veroli 2016 che è scesa in campo in tutte le sue vesti con l’Under20, la CSilver e con l’esordio dell’Under 13 sperimentale.

Prossimo appuntamento domenica 9 dicembre alle ore 18 contro Nova Basket Ciampino. Ultima partita di campionato in casa, prevista la presenza di un caldo pubblico.

 

PALLACANESTRO LAZIO 1932 68 – PALLACANESTRO VEROLI 2016 82

Veroli: Fiorini M. 22, Frusone 19, Alessandrini 17, Iannarilli 12, Frasca 5, Calicchia 3, Renzi 4, Igliozzi, Lella, Fontana, All. De Rosa.

3 dicembre 2018 0

Gaeta: Festa di Santa Barbara Patrona della Marina Militare

Di redazionecassino1

GAETA – “A consolidamento dei profondi legami tra la città di Gaeta e la Marina Militare, domani martedì 4 dicembre alle ore 09.30 nella Basilica Cattedrale in Gaeta, S. E. Rev.ma Mons. Luigi VARI, Arcivescovo della diocesi di Gaeta, officerà la Santa Messa per la festività di Santa Barbara – Patrona della Marina Militare -.

Ad esprimere partecipazione agli uomini della Marina Militare e di quanti operano per essa, che si ritroveranno, in occasione dei solenni festeggiamenti della Santa Patrona, per festeggiare le comuni origini e valori, saranno presenti oltre ai Sindaci dei Comuni del Compartimento marittimo, i Rappresentanti delle Forze Armate, delle Forze di Polizia nonché delle Associazioni d’Arma.

Santa Barbara nacque nel III secolo D.C. in Asia minore, in quella che è l’attuale Izmit, porto della Turchia, a quei tempi Nicomedia, per poi trasferirsi a Scandriglia, in provincia di Rieti. La leggenda vuole che  suo padre Dioscuro, di religione pagana, l’avesse rinchiusa in una torre per proteggerla dai suoi pretendenti. Inoltre, per evitare che utilizzasse le terme pubbliche, gliene fece costruire di private. Barbara, vedendo che nel progetto vi erano solamente due finestre, ordinò ai costruttori di aggiungerne una terza, con l’intenzione di richiamare il concetto di Trinità. Quando il padre vide la modifica alla costruzione intuì che la figlia poteva esser diventata cristiana e decise allora di denunciare sua figlia al magistrato romano che, in quei tempi di persecuzione, la condannò alla decapitazione. Era il 4 dicembre dell’anno 306. Secondo la leggenda, Dioscuro procedette all’esecuzione dopo averla torturata col fuoco, ma subito dopo venne ucciso da un fulmine, interpretato come punizione divina per il suo gesto. Ella fu prescelta perché rappresenta la serenità del sacrificio di fronte al pericolo senza possibilità di evitarlo, e fu eletta a patrona “di coloro che si trovano in pericolo di morte improvvisa.”

 

3 dicembre 2018 0

L’Unione Cinquecittà fra le prime ad avviare le procedure telematiche per le gare di appalto

Di redazionecassino1

I Comuni sono all’anno zero per gli appalti di lavori con gare telematiche, recitava qualche giorno fa un articolo di stampa su una nota e specializzata rivista di settore.

Alcune pubbliche amministrazioni, invece, va sottolineato, rappresentano delle eccellenze assolute.

Tra queste occupa un posto di rilievo l’Unione Cinquecittà, di cui fanno parte i Comuni di Aquino, Colle San Magno, Piedimonte San Germano, Roccasecca e Villa Santa Lucia, guidata dal Presidente Libero Mazzaroppi.

L’Ente di Piazza Sturzo a Piedimonte S.G. è un caso positivo in quanto ha avuto la lungimiranza di dotarsi, da lunghissimo tempo, di una piattaforma sistemica che, fin dall’entrata in vigore della nuova normativa di settore che, di fatto, ha stravolto i sistemi di accesso, valutazione e affidamento delle gare, è stata utilizzata dai Comuni aderenti e da ben altri cinque amministrazioni in regime di convenzione.

Da pochi giorni il sistema, egregiamente gestito e condotto dai funzionari dell’Ente, che hanno ben assimilato le modalità di impiego e di utilizzo, è assolutamente operativo tant’è che, fin da subito, è stata rispettata l’obbligatorietà dell’uso delle piattaforme telematiche facendo registrare l’aggiudicazione della prima gara in assoluto.

Il Presidente dell’Unione e Sindaco di Aquino Libero Mazzaroppi, senza mezzi termini, ha espresso il proprio entusiasmo e si è voluto complimentare con la struttura organica interna ponendo l’attenzione ed il suo plauso, in particolare, sull’operato della Segretaria Valentina Lepore e su quello degli “storici” ed esperti funzionari Fordellone e Staci.

L’Unione Cinquecittà che, come anticipato, associa i Comuni di Aquino, Colle San Magno, Piedimonte San Germano, Roccasecca e Villa Santa Lucia, quindi, è stata tra i primi Enti in Italia ad avviare in maniera autonoma e, va sottolineato, al proprio interno, la prima procedura aperta di affidamento telematico.

Siamo molto soddisfatti – aggiunge Mazzaroppi – perché, come sempre, agiamo in ossequio e in linea con la norma, senza far registrare ritardo alcuno, perfettamente in sintonia con i tempi imposti dalla nuova legge.

Vantiamo – continua il Presidente – l’utilizzo di una piattaforma all’avanguardia e, soprattutto, un team di dirigenti e di addetti saltamenti specializzati, fattori che ci consentono di invitare, le amministrazioni interessate, a valutare, ai sensi di una delibera che abbiamo approvato in Giunta con i colleghi Ferdinandi, Sacco, Iannarelli e Di Nota, la possibilità di utilizzare il nostro sistema in regime regolato da apposita stipula di convenzione che accorda un’offerta economica, in assoluto, tra le più competitive e vantaggiose sul mercato.

Abbiamo puntato moltissimo sulla leva formativa e sulla qualità del personale – conclude Libero Mazzaroppi – perché ci consentono sia di rispettare le norme che di erogare servizi efficienti.

I nostri dipendenti sono altamente in grado di governare le procedure diventando risorse preziose allo scopo di azzerare o ridurre al minimo i margini di errore e di assicurare ottime perfomance gestionali.

Siamo certi – e lo dico anche a nome degli altri Sindaci- di non aver generato ulteriori costi ma di aver investito bene per il futuro della nostra gente e delle Città che amministriamo.

3 dicembre 2018 0

Promozione: Belmonte vince, ma Caffè Reale e Piedimonte non mollano

Di redazionecassino1

Restano saldamente in testa le due capolista del torneo di Eccellenza, la Longobarda che supera agevolmente il fanalino di coda, padroni di casa, Tibia e Peroni per 2 a 5 ed il Borussia che batte i padroni di casa del Moscuso per 0 a 2. Vittoria anche per Tordoni che si gode, dopo l’undicesima giornata, il terzo posto in solitario, dopo aver sconfitto, 2 a 0, DS Dodici. Ancora una battuta d’arresto per Collecedro che esce sconfitto dal confronto con i padroni di casa di Isotopi per 2 a 0. Nove le reti segnate nel match che vedeva opposte Caira e Atletico Pontecorvo. La formazione ospite, Caira, riesce nell’impresa di aggiudicarsi i tre punti con un 4 a 5 sulla formazione pontecorvese. Torna alla vittoria, dopo la brutta sconfitta della settimana scorsa, Cervaro con un bel 3 a 2 inflitto a Canceglie. Il prossimo turno vedrà il derby fra la capolista Longobarda e Isotopi, mentre il Borussia sarà impegnato contro l’Atletico che sulla carta risulta più agevole.

In Promozione, girone “A”, solo un punto conquistato dalla capolista Janula con il pareggio 2 a 2 nel match contro Terzo Tempo, che consente alla formazione leader del torneo di mantenere cinque lunghezze con la sua diretta inseguitrice, Amatori Aquino. La formazione della Città di San Tommaso, infatti, supera 2 a 1 Autoricambi Daniele. Nello scontro di mezza classifica, fra Niemoslive e Sordella, sono i padroni di casa a conquistare i tre punti, battendo la formazione ospite, Sordella, per 2° 1. Il prossimo turno sarà particolarmente insidioso per Aquino che dovrà scontrarsi con un Friends for Football reduce da una vittoria, nell’undicesima giornata, su Villa Santa Lucia e a caccia di punti.

Il girone “B” sembra, al momento, quello più equilibrato. Tre le formazioni in lotta per il primato in classifica, ora occupato da Belmonte reduce dalla vittoria casalinga contro Monticelli per 2 a 1. Le dirette inseguitrici, AM Piedimonte e Caffè Reale, tuttavia, non mollano. Proprio Piedimonte conquista tre punti importanti battendo i padroni di casa AM Castelnuovo per 1 a 2, mentre Caffè Reale (nella foto) supera i padroni di casa di S. Ambrogio City per 1 a 3. Sconfitta anche l’altra formazione aurunca, Real Castelnuovo, ad opera degli ospiti di Viticuso per 1 a 2 che consente alla formazione di allontanarsi, se pur di poco, dalla parte bassa della classifica del torneo.