Categoria: Mozzagrogna

12 gennaio 2013 0

Aggrediscono e rapinano un bar a Mozzagrogna, due lancianesi in manette

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Due pregiudicati di Lanciano di 22 e 24 anni, la scorsa notte, hanno danneggiato un bar del centro abitato di Mozzagrogna rompendo numerose bottiglie di birra contro il bancone e gli arredi del locale. In quel momento all’interno dell’esercizio commerciale vi erano il gestore, un 41enne del posto, e la titolare, una 66enne, che hanno cercato di bloccare i due malviventi venendo però, a loro volta, aggrediti e picchiati. Solo l’intervento dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Ortona e di quelli della Stazione di Torino di Sangro ha impedito conseguenze peggiori. I militari sono riusciti a bloccare i due pregiudicati traendoli in arresto con le accuse di concorso in rapina, lesioni personali, danneggiamento. Gli uomini dell’Arma hanno accertato che i due arrestati si erano impossessati anche del denaro presente nel registratore di cassa, circa 175 euro. Il gestore e la titolare del bar, a seguito delle ferite riportate, sono state giudicate guaribile in dieci giorni dalla locale guardia medica che li ha visitati. Le due vittime hanno spiegato ai carabinieri che i malviventi erano entrati nel bar mentre loro stavano effettuando le pulizie del locale, prima della chiusura e, dopo essersi impossessati delle bottiglie di birra, avevano iniziato a romperle contro gli arredi del bar senza alcuna ragione. Denunciato per resistenza a pubblico ufficiale anche un minorenne che era in compagnia degli arrestati ma che non si è reso loro complice. Il giovane si è però rifiutato di seguire i carabinieri in caserma. Il 22enne ed il 24enne si trovano ora nel carcere di Lanciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

8 novembre 2012 0

Sistema Automotive Abruzzo: tavolo di confronto con Confindustria a Mozzagrogna

Di redazione

Il Presidente Enrico Di Giuseppantonio ha convocato per domani, 9 novembre 2012 alle ore 17.00 presso la sede di Confindustria a Mozzagrogna in località Castel di Septe, un Tavolo di confronto per un monitoraggio delle attività svolte finora, e un aggiornamento approfondito della situazione attuale sul Sistema Automotive Abruzzo. Ciò in riferimento al sottoscritto lo scorso 7 agosto. All’incontro sono stati inviati i sottoscrittori del Documento ovvero il Sindaco di Atessa e Presidente dell’Associazione tra gli enti locali per l’attuazione del Patto territoriale Sangro Aventino, il Sindaco di San Salvo e Presidente dell’Associazione tra gli enti locali per l’attuazione del Patto territoriale Trigno Sinello, il Sindaco di Chieti e Presidente dell’Associazione dei Comuni del Chietino Ortonese; i Sindaci di Casoli, Lanciano, Mozzagrogna, Ortona, Paglieta, S. Maria Imbaro; il Presidente di Confindustria Chieti; i Presidenti delle Comunità Montane Maielletta, Montagna Sangro Vastese, Aventino Medio Sangro; le Segreterie provinciali e di categoria di Cgil, Cisl, Uil, Ugl.

22 luglio 2011 0

Schianto mortale, riaperta la Superstrada Fondovalle del Sangro

Di redazione

Solo nel tardo pomeriggio di oggi, è statta riaperta al traffico la superstrada Fondovalle del Sangro rimasta chiusa per alcune ore a causa dell’incidente mortale avvenuto poco dopo le 15 nel tratto che attraversa il comune di Mozzagrogna. La tragedia si è consumata quando la Fiat Punto guidata da Antonio D’Aguanno di Casalanguida di 59 anni si è scontrata con un tir che procedeva in direzione opposta. Inutile ogni tentativo fatto dai soccorritori per salvare la vita all’uomo; il 59enne è deceduto sul colpo a causa dei numerosi traumi. Gli operatori 118 delle Croce Rossa non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. Strazianti le grida dei parenti che, giunti sul posto informati dell’incidente, hanno dovuto scoprire il drammatico epilogo. [nggallery id=310]

22 luglio 2011 0

Frontale contro un camion, perde la vita un 59enne

Di redazione

In un terribile schianto frontale con un camion è morto, oggi pomeriggio poco prima delle 15, Antonio D’Annunzio, 59 anni di Casalanguida. Il sinistro è avvenuto sulla superstrada fondovalle del Sangro nel territorio di Mozzagrogna. L’uomo era alla guida di una Fiat Punto e, per cause ancora al vaglio dei carabinieri della compagnia di Ortona, si è schiantato contro il mezzo pesante che procedeva in direzione opposta. Inutili i soccorsi degli operatori 118 della Croce Rossa di Lanciano e dei vigili del fuoco, il 59enne è morto sul colpo. Sul posto per veicolare il traffico anche una pattuglia della guardia di Finanza di Lanciano.

19 aprile 2011 0

Doppia rapina in farmacia, arrestato l’autore dei colpi

Di redazione

Oggi, personale della Compagnia Carabinieri di ortona, hanno notificato a Sergio Caccese, 37enne di San Giovanni Teatino (CH), l’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Lanciano che, nel condividere appieno le risultanze dell’attività investigativa svolta dai militari operanti, riteneva l’uomo responsabile delle rapine perpetrate in data 15 e 19 marzo 2011 in danno di una farmacia di Mozzagrogna (CH), nonché della ricettazione dell’autovettura, provento di furto, con la quale lo stesso Caccese, dopo aver compiuto una delle due rapine, si era allontanato unitamente ad un altro uomo in via di identificazione. Il provvedimento è sato notificato all’interessato presso la Casa Circondariale di Pescara ove è ristretto per altra causa. Le immediate e articolate indagini svolte subito dopo le rapine, eseguite anche attraverso la visione delle telecamere di sorveglianza presenti nei pressi della farmacia, hanno permesso al personale dipendente di individuare rapidamente l’autore dei colpi compiuti presso la stessa farmacia con lo stesso modus operandi, ovvero brandendo un taglierino con il quale costringeva i farmacisti presenti a farsi consegnare l’incasso che, in entrambe le circostanze, permetteva al malvivente di appropriarsi di una somma complessiva pari a 314 euro.

7 gennaio 2011 0

Ruba nella notte di San Silvestro e la Befana gli porta… le manette

Di redazione

Aveva fatto razzia in un casa durante la notte di San Silvestro e la Befana non gli porta cenere e carbone, ma le manette. Un periodo festivo particolare quello trascorso da Federico Sanmartin 31enne di Mozzagrogna (Ch). Il 6 gennaio 2011, i carabinieri della stazione di Fossacesia, comandati dal capitano Gianfilippo Manconi, lo hanno arrestato, in esecuzione di una duplice ordinanza emessa in data 5 gennaio 2011 dal G.I.P. del Tribunale di Lanciano, di cui una di aggravamento di misura cautelare con conseguente sostituzione degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in carcere e l’altra di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere. L’uomo, già agli arresti domiciliari, è ritenuto responsabile del furto di orologi, monili in oro e soldi in una abitazione di Mozzagrogna la sera del 31 dicembre 2010. L’arrestato, dopo le formalità di rito, e’ stato associato presso la Casa Circondariale di Lanciano, a disposizione dei giudici inquirenti.

22 settembre 2010 0

Scarica acido sulla strada, circolazione bloccata

Di redazione

Acido sulla strada provinciale a Mozzagrogna. Nella tarda mattinata di oggi, un’autocisterna che trasportava un liquido tossico e pericoloso, lo ha perso lungo la strada che dalle provinciale Lanciano Fossacesia, conduce verso il piccolo comune. All’atezza del semaforo, la cisterna ha iniziato a perdere il liquido e, solo dopo circa tre chilometri, l’autista deve essersi accorto di cosa stava accadendo. Il tratto di strada, quindi, è stato chiuso al traffico per evitare incidenti dato che l’asfalto è stato reso viscido dal liquido. Poi mezzi di aziende private hanno messo in sicurezza il tratto stradale. Er. Amedei

5 maggio 2010 0

Casa del sesso gestita da cinesi, un arresto e 4 denuncie

Di redazione

Una casa d’appuntamento cinese è stata scoperta dai carabinieri di Ortona a Mozzagrogna (Ch). I militari agli ordini del capitano Gianfilippo Manconi hanno indagato su uno strano via vai in quell’appartamento ed hanno scoperto che era il luogo in cui, F.K una ragazza di 27 anni di origine cinese riceveva e soddisfava le voglie sessuali dei suoi clienti. La sua attività, però, era agevolata da un enturage composta da altri quattro cinesi e da un residente di santa Maria Imbaro. In manette è finito Airong Zhou nato in Cina e residente in Miglianico, per il reato di favoreggiamento della prostituzione. L’uomo accompagnava la 27enne e la prelevandola dall’appartamento utilizzato esclusivamente per l’esercizio della prostituzione e traeva vantaggi economici dalla suddetta attività ricevendone somme in contanti. Nel corso di perquisizione personale a carico dell’arrestato i militari operanti hanno rinvenuto e sequestrato 5.700m euro in contanti verosimilmente provento dell’attività della prostituzione. Contestualmente venivano denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lanciano H.Z. 40enne; Q.S. 40enne e Z.S. 18enne, tutti di nazionalita’ cinese e F. B. 56enne da Santa Maria Imbaro, per concorso in favoreggiamento della prosituzione.