Categoria: L’Aquila

10 dicembre 2015 0

L’Aquila, omaggio a Pierpaolo Pasolini con un concerto spettacolo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

L’Aquila – L’appuntamento è per sabato 12 dicembre alle ore 18.00 presso il teatro “Il ridotto” della città de L’Aquila. Un evento speciale dedicato allo scrittore Pierpaolo Pasolini scomparso quarant’anni fa in maniera tragica.

Si tratta di un concerto spettacolo che si terrà per la quarantunesima Stagione ISA. Piera degli Esposti interpreterà alcune emozionanti pagine di Pierpaolo Pasolini. Accanto a lei i musicisti Alexander Gadjiev al pianoforte e Matteo Pippa al violino. N.Costa

14 gennaio 2015 0

Truffa aggravata e turbativa d’asta negli appalti per la ricostruzione a L’Aquila, sequestrati beni per 2,5 milioni di euro

Di admin

In esecuzione di un provvedimento del Giudice per le indagini preliminari Giuseppe Romano GARGARELLA, su richiesta della Procura della Repubblica di L’Aquila, i finanzieri del Comando Provinciale di L’Aquila stanno eseguendo il sequestro di beni per un valore di 2,5 milioni di euro. Il provvedimento ablativo è in pregiudizio di due imprese edili aquilane, cui i finanzieri stanno sequestrando beni immobili ubicati in città e nella provincia di Teramo. Il provvedimento è stato emesso dalla Magistratura all’esito di indagini complesse riguardanti la ricostruzione post-terremoto della caserma aquilana PASQUALE CAMPOMIZZI (attualmente sede degli Alpini) che hanno rivelato fatti di turbata libertà degli incanti, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, abuso d’ufficio, reiterate falsità ideologiche commesse da pubblici ufficiali e da privati ed emissione/utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per 600 mila euro. Indagate dodici persone tra cui i vertici pro tempore del Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche di Roma e della sede aquilana, dirigenti e tecnici dello stesso ufficio periferico oltre agli imprenditori coinvolti. Secondo l’accusa dirigenti e tecnici del Provveditorato Opere Pubbliche sedi interregionali di Roma e coordinata di L’Aquila, hanno adottato procedure e soluzioni tutte finalizzate a far eseguire l’intera realizzazione delle opere previste alla Caserma CAMPOMIZZI, ad opera delle imprese aquilane del Consorzio Federico II. 2 Tale associazione di imprese, sorta appena un mese dopo la scossa del 6 aprile 2009, divenne nota all’opinione pubblica nel 2010, con una inchiesta della magistratura fiorentina nei confronti di una cosiddetta “cricca” di imprenditori che, con l’aiuto di politici e dirigenti pubblici sperava di accaparrarsi importanti commesse pubbliche sfruttando conoscenze e rapporti con la Protezione Civile Nazionale ed i Provveditorati delle Opere Pubbliche. Le due imprese aquilane, facenti parte del Consorzio, rispondono anche ai sensi del D.l.vo 8/6/2001, n° 231 che prevede la responsabilità amministrativa degli Enti. L’ingiusto vantaggio patrimoniale conseguito dalle due importanti imprese aquilane è stato quantificato dai periti tecnici, incaricati dalla Procura della Repubblica, in 2,5 milioni di euro e configura l’ipotesi di truffa aggravata consumata ai danni del Provveditorato Opere Pubbliche e della Protezione Civile. Per tale importo, in relazione all’ipotesi truffaldina, il G.I.P. di L’Aquila ha emesso il provvedimento di sequestro in esecuzione. Le operazioni di sequestro riguardano tre appartamenti, un villino ed un box nel complesso residenziale “Il Castello” a Tortoreto (TE), mentre a L’Aquila si riferiscono ad un capannone ad uso commerciale, sede dell’impresa indagata, tre appartamenti a Pettino, un altro a S. Antonio ed un box nei pressi di Viale Corrado IV.

17 giugno 2014 0

Tangenti per ricostruire beni culturali dopo il sisma a L’Aquila, 5 arresti

Di admin

Nell’ambito dell’operazione “BETRAYAL”, su disposizione della Procura della Repubblica di L’Aquila, Polizia e Guardia di Finanza stanno eseguendo cinque ordinanze di custodia cautelare (due in carcere e tre agli arresti domiciliari), emesse dal Giudice delle Indagini Preliminari Giuseppe Romano Gargarella, nei confronti di un funzionario del Ministero dei Beni e delle attività culturali, di un professionista e di tre imprenditori, per i reati di corruzione, falso, turbativa d’asta, millantato credito ed emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. I provvedimenti in corso di esecuzione costituiscono l’esito di una complessa indagine sulle procedure inerenti la ricostruzione e il consolidamento di alcuni edifici ecclesiastici e di altri beni culturali, di particolare rilievo storico-artistico, ubicati nel centro storico del capoluogo abruzzese, gravemente danneggiati dal terremoto del 6 aprile 2009. L’attività investigativa, coordinata dal Procuratore della Repubblica Fausto Cardella e dai sostituti Antonietta Picardi e David Mancini, è stata svolta, congiuntamente, dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza e dalla Squadra Mobile della Questura di L’Aquila.

24 settembre 2013 0

Centrale a biomasse: quadro ambientale e rischi sanitari. Sabato 28 settembre convegno in piazza Duomo a L’Aquila

Di admin

Sabato 28 Settembre 2013, alle ore 17.00, presso il tendone di Piazza Duomo a L’Aquila, si terrà il Convegno pubblico organizzato dal Movimento 5 Stelle L’Aquila per informare la cittadinanza sul tema dei rischi per la salute legati alla realizzazione di un impianto industriale fortemente impattante anche dal punto di vista  ambientale. Saranno presenti i cittadini al Senato:   Enza Blundo e Luigi Gaetti ( Medico, anatomopatologo ).

Interverranno: Dott.Gabriele Curci (Fisico dell’atmosfera ) ; Prof.Francesco Carlei ( Medico,anatomopatologo) ; Dott.Emiliano Petrucci ( Medico in formazione in Anestesia e  Rianimazione).

L’argomento verra’ trattato anche sul piano fisico-chimico e medico-sanitario, fornendo un quadro documentato delle specifiche emissioni gassose  e delle principali malattie conseguenti a problematiche di inquinamento, con riferimento a situazioni ambientali gravose già esistenti nell’Aquilano e che concorrono a incrementare i danni che la messa in funzione della centrale andrebbe a creare.

Al dibattito contribuiranno rappresentanti istituzionali di Comune, Provincia e Regione invitati a presenziare.

La cittadinanza è invitata a partecipare.

24 settembre 2013 0

Celebrata a L’Aquila la Santa Messa in onore di San Matteo, patrono della Guardia di Finanza

Di admin

Nella chiesa di San Bernardino di L’Aquila è stata celebrata oggi la Santa Messa in onore di San Matteo patrono della Guardia di Finanza. La celebrazione eucaristica è stata officiata dall’Arcivescovo di L’Aquila Monsignor Giuseppe Petrocchi ed ha visto la presenza delle più alte cariche istituzionali della città tra cui il Presidente della Regione Abruzzo – Dott. Gianni Chiodi, il Presidente del Consiglio Regionale Abruzzo – Dott. Nazario Pagano, il Prefetto di L’Aquila – Dott. Francesco Alecci, il Presidente della Provincia di L’Aquila – Dott. Antonio Del Corvo, il Procuratore Capo della Repubblica presso il Tribunale di L’Aquila – Dott. Fausto Cardella e numerose altre Autorità. La folta rappresentanza di finanzieri di ogni ordine e grado composta da militari in servizio sia presso il Comando Regionale che presso la Scuola ispettori e Sovrintendenti oltre che quelli in congedo, ha dimostrato la sentita devozione di tutti gli appartenenti al Corpo nei confronti del Santo, i cui principi e gli ideali ispirano la vita professionale delle Fiamme Gialle al servizio dei cittadini. Nel corso della sua omelia, il Vescovo dopo aver lumeggiato la figura di San Matteo, ha avuto delle parole di ringraziamento per la quotidiana attività che i finanzieri svolgono al servizio e a beneficio dei cittadini, a tutela dell’economia sana della Provincia e della Regione, ricordando altresì i Finanzieri caduti nell’adempimento del dovere. Al termine dell’evento religioso, che ha rappresentato un momento di intenso raccoglimento spirituale, il Comandante Regionale della Guardia di Finanza, Gen. B. Francesco Attardi, ha ringraziato tutti gli intervenuti e ha sottolineato quanto sia sentita la celebrazione del Santo Patrono tra le Fiamme Gialle, le quali, nell’attuale contesto di crisi economico – finanziaria che il Paese sta vivendo, quotidianamente svolgono un compito con incondizionata dedizione a tutela della legalità economica e fiscale, condizione indispensabile per un sano e solidale sviluppo della società, orgogliosi del proprio ruolo e del “consenso” che la popolazione dà al Corpo, guadagnato proprio attraverso le molteplici attività operative svolte al servizio di tutti i cittadini.

23 luglio 2013 0

Trovato senza vita Colantoni, disperso da mercoledì sulle alture tra L’Aquila e Arischia

Di admin

Il corpo senza vita di Arcangelo Colantoni è stato ritrovato ieri sera poco dopo le ore 18 sulle alture tra L’Aquila e Arischia. Le ricerche erano iniziate mercoledì mattina dopo che Colantoni era stato visto una ultima volta nella zona di San Giuliano, nell’immediata periferia del capoluogo. In stato confusionale aveva fatto una telefonata ai familiari e di lui poi si sono perse le tracce. Le ricerche sono state coordinate dalla Prefettura dell’Aquila ed hanno coinvolto, oltre a Polizia e Carabinieri, anche il Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzese, la Polizia Provinciale, la Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Protezione Civile dell’Aquila, con il supporto degli elicotteri del SUEM 118, dei Vigili del Fuoco e della Polizia di Stato. I tecnici di soccorso del CNSAS e gli altri soccorritori hanno perlustrato le alture che partono dalla periferia nord della città, con l’utilizzo di unità cinofile, squadre a terra, osservazioni dall’elicottero Ieri è arrivata la segnalazione di un ciclista che ha riferito di aver visto Colantoni giovedì mattina su una strada sterrata che dalla valle di San Giuliano conduce ad Arischia, avendolo riconosciuto dalle foto pubblicate su internet. Le squadre di soccorso hanno quindi concentrato le ricerche in quella zona e, poco dopo le ore 18, un medico del CNSAS ha rinvenuto il corpo dello scomparso in una scarpata ad una ventina di metri dalla strada sterrata e non molto distante dal luogo dell’ultimo avvistamento di giovedì mattina e ne ha constatato sul posto il decesso. Dopo le necessarie autorizzazioni del caso il corpo è stato recuperato con il verricello dall’elicottero del 118 su cui opera lo staff sanitario e il tecnico di elisoccorso del CNSAS.

22 giugno 2013 0

Fondazione del corpo della Guardia di Finanza, a L’Aquila la celebrazione del 239° anniversario

Di admin

Il giorno 25 giugno 2013, alle ore 10,30 si svolgera’ presso la caserma “s. Ten. M.A.V.M. Tito giorgi” di l’aquila sede del comando regionale abruzzo della guardia di finanza la celebrazione del 239° anniversario della fondazione del corpo, con una cerimonia a carattere interno, che vedra’ lo schieramento di una rappresentanza di finanzieri del comando regionale abruzzo, dei reparti alla sede, nonche’ di allievi marescialli della scuola ispettori e sovrintendenti, oltre alla partecipazione delle rappresentanze delle sezioni provinciali dell’associazione nazionale finanzieri in congedo, sara’ letto il messaggio augurale del presidente della repubblica e del ministro dell’economia e delle finanze, e dopo una breve allocuzione del comandante regionale, generale di brigata francesco attardi, saranno consegnate le ricompense di carattere morale ad alcuni militari particolarmente distintisi nel corso di operazioni di servizio. L’evento costituirà l’occasione anche per fare il punto dei risultati conseguiti dai reparti del comando regionale abruzzo nell’ esecuzione delle attività d’istituto, nel corso dei primi cinque mesi dell’anno.

5 marzo 2013 0

Il Consiglio Regionale delibera il sostegno alla flotta peschereccia e il blocco della “Ombrina Mare 2”

Di redazionecassino1

Il Consiglio regionale, nella seduta odierna, ha approvato all’unanimità un progetto di legge a sostegno della flotta peschereccia di Pescara e i criteri di erogazione dei contributi all’Associazione Regionale Allevatori (Ara). Per la marineria vengono stanziati complessivamente 428mila euro (attingendo a uno specifico capitolo già esistente nel bilancio della Regione, che aveva una dotazione di circa 23mila euro, e utilizzando per la differenza una quota della procedura di liquidazione dell’Arssa), che serviranno a far fronte al periodo di fermo biologico che durerà fino al 30 aprile. All’Ara, invece, per garantire la continuità gestionale, viene anticipata una quota pari alla metà del contributo regionale già stanziato in bilancio. Successivamente l’Assemblea ha approvato, sempre all’unanimità, una risoluzione che impegna il Presidente della Regione Gianni Chiodi a porre in essere tutte le iniziative “intervenendo presso i Ministeri competenti e ricorrendo in via giudiziaria” per bloccare l’insediamento dell’impianto di estrazione petrolifera “Ombrina Mare 2”, che dovrebbe sorgere al largo del litorale di San Vito Chietino.

9 febbraio 2013 0

Arrestato in un cantiere a L’Aquila, esponente del Clan dei Casalesi

Di redazione

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta lo hanno raggiunto e arrestato a L’Aquila dove, titolare di una ditta edile, stava lavorando in un cantiere. Fabio Monaco, 39 anni, originario di Casal Di Principe (Ce) ma da anni residente a Sant’Agata Bolognese (BO),  era ancora armato di pistola quando i militari lo hanno fermato, bloccato e arrestato eseguendo una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli su richiesta della Dda. Stesso provvedimento è stato preso nei confronti di Alessandro Cirillo, 37 anni, conterraneo di Monaco detenuto presso la Casa Circondariale di Cuneo.  I due sarebbero personaggi vicini al clan “dei casalesi” gruppo Bidognetti. Il reato contestato ad entrambi è il tentato omicidio e detenzione illegale di armi in concorso, con l’aggravante di aver agito al fine di agevolare il predetto sodalizio camorristico. Il provvedimento cautelare è il risultato di approfondimenti investigativi, corroborati anche da dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia GRASSIA Luigi, in ordine al tentato omicidio nel febbraio 2001 di PANARO Francesco cl.’61 alias “o’scagnato”, esponente del contrapposto gruppo criminale “Cantiello-Tavoletta” costituito da affiliati fuoriusciti dalla fazione Bidognetti. In particolare, il supplemento di indagine ha permesso di far emergere, tra i protagonisti dell’agguato, anche le figure degli odierni arrestati, rispettivamente: –       il CIRILLO, in qualità di mandante, essendo all’epoca reggente della fazione bidognettiana del clan “dei casalesi”; –       il MONACO, in qualità di “specchiettista”, avendo ricevuto ed effettivamente realizzato il compito di individuare la vittima, incarico che, se conseguito, gli avrebbe garantito l’affiliazione al  predetto gruppo camorristico. Per la medesima vicenda, sono stati già: –       arrestati il 21 ottobre 2010 e successivamente giudicati DI MAIO Francesco cl.’68, PAGANO Gaetano cl.’52, LETIZIA Giovanni cl.’80, PAGANO Esterina cl.’57, CESARANO Alfonso cl.’79 e DI CATERINO Emilio cl.’68; –       arrestati il 12 ottobre 2012, PAGANO Gaetano cl.’52 e CATERINO Vincenzo cl.’64. Il preventivo arresto del killer designato, DI MAIO Francesco, consentì di evitare l’agguato ai danni del PANARO, che rimase tuttavia vittima di altro attentato il 10 settembre 2001, per il quale sono stati arrestati nel mese di gennaio u.s. PAGANO Gaetano cl.’52, LETIZIA Giovanni cl.’80 e LETIZIA Franco, cl.’77. Er. Amedei

26 dicembre 2012 0

Terremoti, lieve scossa in provincia de L’Aquila

Di admin

Un evento sismico è stato avvertito dalla popolazione in provincia dell’Aquila. Località prossime all’epicentro: Pizzoli, Scoppito e L’Aquila. Dalle verifiche effettuate dalla “Sala Situazione Italia” del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone e/o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’evento sismico si è verificato alle ore 14.06 con una magnitudo di 2.1.