Categoria: Isernia

18 aprile 2018 0

Ad Isernia la droga degli Spada di Ostia: mamma corriere con figli, arrestata la nipote di Roberto

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ISERNIA – La droga degli Spada di Ostia ad Isernia attraverso giovani mamme che aggiravano i controlli utilizzando i loro figli. Lo hanno scoperto i carabinieri del comando provinciale di Isernia che, questa mattina hanno dato esecuzione ad una Ordinanza di Custodia Cautelare, nei confronti di cinque soggetti appartenenti ad una rete criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nella provincia di Isernia.

Nel corso delle indagini, che hanno portato al sequestro di un considerevole quantitativo di stupefacenti, di diversa tipologia, nonché all’esecuzione di altri tre arresti e dodici denunce in stato di libertà, i Carabinieri hanno accertato che gli indagati si rifornivano della droga presso il litorale di Ostia e che nella conduzione dell’attività di spaccio, portavano con loro i propri figli anche in tenera età, a qualsiasi ora del giorno e della notte, per evitare i controlli.

Una delle persone arrestate, una donna, risulta legata da rapporti di parentela diretta con appartenenti al clan Spada, operante proprio nella zona del litorale di Ostia, al cui vertice vi è lo zio, Carmine Spada, mentre un altro suo zio, Roberto Spada, è salito di recente alla ribalta della cronaca nazionale per la violenta aggressione ad un inviato di una trasmissione della Rai.

Ermanno Amedei

24 ottobre 2017 Non attivi

Isernia: Scattano controlli in tutta la provincia “pentra”, tredici titolari di impresa finiscono nei guai per sfruttamento del lavoro nero e mancata sicurezza suoi luoghi di lavoro

Di redazione

Nell’ambito di un’attività finalizzata al contrasto del fenomeno dello sfruttamento del lavoro nero e più in generale per la tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro, reparti territoriali del Comando Provinciale Carabinieri di Isernia e personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro dell’Arma, hanno passato al setaccio varie località della provincia “pentra”. Tra Isernia e comuni limitrofi, sono stati sottoposti ad accertamenti cantieri edili ed altre attività di impresa, nel corso dei quali tredici persone, responsabili a vario titolo delle imprese ispezionate, sono state denunciate alle competenti Autorità Giudiziaria e Amministrativa, per violazioni alle norme connesse alla tutela dei lavoratori e per sfruttamento del lavoro nero. Tra le violazioni più frequenti riscontrate figurano la mancata presenza di adeguate impalcature o ponteggi, la mancata presenza di idonee protezioni atte ad evitare la caduta dei lavoratori, la presenza di materiali vari posizionati in maniera disordinata in modo da intralciare il passaggio con grave pericolo per gli operai, la mancata presenza di idonei dispositivi di protezione individuale e la non corretta o mancata redazione della documentazione prevista dal piano operativo di sicurezza del cantiere e la presenza di un numero complessivo di dieci lavoratori in nero. In una circostanza, i Carabinieri hanno sorpreso all’interno di un cantiere, un 40enne pregiudicato, con obbligo di dimora nella provincia di Foggia, che espletava le mansioni di operaio edile in assenza di un regolare contratto di assunzione da parte della ditta. Nel corso delle operazioni sono state inoltre contestate sanzioni amministrative per un importo pari a circa centomila euro ed emessi due provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale.

9 giugno 2017 0

Isernia: Premiati per le attività svolte sul territorio i Comandanti delle Stazioni Carabinieri di Isernia e Capracotta

Di redazione

In occasione della celebrazione del 203° Anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, tenutasi presso la Scuola Allievi Carabinieri di Campobasso, il Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, Generale di Brigata Michele Sirimarco, per l’impegno quotidiano profuso dalle Stazioni dell’Arma dislocate capillarmente su tutto il territorio, ha premiato anche due Comandanti di Stazione poste sotto la giurisdizione del Comando Provinciale di Isernia. Si tratta del Maresciallo Aiutante Michele Zampini, Comandante della Stazione di Isernia e del Maresciallo Ordinario Alfredo Abbruzzese, Comandante della Stazione di Capracotta. Nella motivazione del “premio Comandante di Stazione 2017”, consegnato materialmente dai sindaci dei rispettivi comuni, si legge che quali acuti osservatori delle dinamiche sociali, attenti custodi dei delicati equilibri che interessano il territorio di competenza, vicino ai bisogni della gente e baluardo di sicurezza delle comunità, hanno interpretato il ruolo di Comandante di Stazione con generosa disponibilità, straordinaria sagacia ed eccezionale vigore, meritando la gratitudine della popolazione e il plauso dell’istituzione.

5 maggio 2017 0

Isernia- Rubano nella casa di una 90enne, incastrati badante e compagno, amanti di scommesse e shopping

Di redazione

I Carabinieri della Stazione di Isernia, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Isernia, per il reato di furto aggravato, una 45enne ed un 40enne, entrambi di origine rumena. Secondo quanto accertato dai militari, la donna, badante di una 90enne di Isernia, con la complicità del suo compagno, in più occasioni aveva sottratto dall’abitazione dell’anziana donna denaro contante e oggetti di valore. Il passo falso che ha consentito i Carabinieri di incastrare la coppia, è stato il furto di una carta di credito, con la quale i malfattori avevano fatto acquisti per circa duemila euro presso vari negozi del centro cittadino e avevano anche acquistato giocate presso una sala scommesse.

11 aprile 2017 0

Isernia: Operazione Pasqua sicura, anche un calciatore nei guai

Di redazione

Continuano i servizi a largo raggio predisposti dai Carabinieri in provincia di Isernia, finalizzati a prevenire reati predatori ed altre attività illecite, quali il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’ambito dell’operazione Pasqua sicura, che prevede l’impiego di tutte le Stazioni dell’Arma dislocate nei vari comuni della provincia, dei Nuclei Operativi e Radiomobile delle Compagnie territoriali, del Nucleo Investigativo provinciale e dei reparti speciali, coordinati dalle Centrali operative, in queste ultime ore sono scattate nuove denunce, sequestri e misure di prevenzione. Ad Isernia, un 18enne di origine campana, calciatore nel ruolo di attaccante di una squadra di calcio che milita nel campionato juniores nazionali, è stato trovato in possesso di un involucro contenente dosi di marijuana. La droga è stata sottoposta a sequestro, mentre il giovane calciatore è stato segnalato per detenzione illegale di sostanze stupefacenti. Sono in corso ulteriori indagini per accertare se la droga era per uso personale o se era destinata ad altre persone. Sempre ad Isernia, un 20enne del luogo, è stato trovato in possesso di alcune dosi di hashish, anche per lui è scattato il sequestro della droga e la segnalazione per detenzione illegale di stupefacenti. Ancora altre dosi di hashish sono state rinvenute e sottoposte a sequestro durante un controllo all’interno dei bagni di un locale pubblico di Fornelli. A Cantalupo nel Sannio, invece, un 30enne isernino, è stato denunciato per furto aggravato, in quanto aveva asportato dalle pertinenze di una abitazione privata due portali in pietra antica, del valore di svariate migliaia di euro. La refurtiva è stata interamente recuperata e sottoposta a sequestro, in attesa di essere restituita al legittimo proprietario. Infine, la proposta di una misura di prevenzione che prevede il rimpatrio con foglio di via obbligatorio è stata avanzata nei confronti di tre persone, un 48enne, un 28enne ed un 27enne, tutti di Melito di Napoli, con a carico numerosi precedenti per furto aggravato, sorpresi ad aggirarsi nei pressi di alcune abitazioni isolate nella zona di Capracotta.

27 marzo 2017 0

Droga, controlli a tappeto dei Carabinieri nella provincia di Isernia con unità cinofile

Di redazione

Isernia: Spaccio di stupefacenti, furto ed altri reati, controlli a tappeto dei Carabinieri, scattano perquisizioni, denunce e sequestri. Impiegate anche unità cinofile. Controlli a tappeto dei Carabinieri in varie zone della provincia di Isernia al fine di contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, quello dei furti e di altri reati di particolare allarme sociale. Ad agire pattuglie dei Nuclei Operativo e Radiomobile e delle Stazioni territorialmente competenti, dipendenti dalle Compagnie di Isernia, Venafro e Agnone, congiuntamente al Nucleo Cinofili dell’Arma, con cani altamente addestrati per la ricerca di droga, armi ed esplosivi. Ad Isernia, è stato fermato e denunciato un 40enne del luogo, trovato in possesso di diciannove involucri contenenti sostanze stupefacenti del tipo marijuana, alcune banconote in contanti da piccolo taglio e altro materiale per il confezionamento delle dosi. La droga, il materiale per il confezionamento ed il denaro contante, quale presunto provento dell’attività di spaccio, sono stati sottoposti a sequestro. Stessa sorte anche per un 25enne di Isernia, trovato invece in possesso di numerose dosi di hashish. A Castelpetroso, un 35enne del luogo è stato denunciato per il furto della cassetta delle offerte nonché di due cesti contenenti generi alimentari asportati all’interno di una chiesa, mentre ad Agnone, una 50enne del posto dovrà rispondere del rifiuto di indicazioni sulla propria identità, in quanto a seguito di una violazione commessa alle norme del codice della strada, rifiutava di fornire le proprie generalità ai militari operanti. Infine a Venafro, un 40enne, infermiere del luogo, è stato denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale, essendosi rivolto in modo minaccioso ai Carabinieri che avevano proceduto al suo controllo nei pressi di un locale pubblico. Numerosi i posti di blocco istituiti nei punti nevralgici della provincia, nel corso dei quali sono stati eseguiti accertamenti su centodieci veicoli in transito, identificate centotrentacinque persone tra conducenti e passeggeri, e nei casi sospetti si è proceduto ad effettuare perquisizioni per la ricerca di armi, droga e refurtiva. Venti in tutto i pregiudicati sottoposti agli arresti domiciliari o a misure di prevenzioni nei cui confronti sono stati eseguiti controlli sul rispetto delle prescrizioni imposte dalle competenti Autorità Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza.

18 marzo 2017 0

Fermarono due rapinatori. Premiati i carabinieri del comando provinciale di Isernia

Di redazione

Isernia: Arrestarono una coppia responsabile di rapine agli anziani, premiati i Carabinieri del Comando Provinciale. Riconoscimento anche per il soccorso prestato alla cittadinanza nel periodo dell’emergenza neve e saluto di commiato al Comandante della Centrale Operativa, che ha lasciato il servizio attivo. Presso la sala convegno del Comando Provinciale Carabinieri di Isernia, alla presenza degli Ufficiali, Marescialli, Brigadieri, Appuntati e Carabinieri in servizio presso la sede, questa mattina sono state consegnate lettere di apprezzamento a cinque militari che con ruoli diversi hanno partecipato alla cattura di una coppia di pregiudicati autori di una rapina verificatasi nello scorso mese di gennaio, ai danni di un anziano nei pressi di Pietrabbondante, recuperando anche la refurtiva consistente nella pensione della vittima, pari a circa millenovecento euro, che aveva poco prima ritirato presso l’Ufficio Postale. Per questi motivi all’Appuntato Scelto Luigi Ponzetto e all’Appuntato Vincenzo Troiso, addetti alla Stazione di Carpinone, è stato conferito l’Apprezzamento del Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, Generale di Brigata Michele Sirimarco, mentre all’Appuntato Scelto Gianluigi Cocorocchio, addetto alla Stazione di Pietrabbondante e all’Appuntato Scelto Donato Di Criscio, addetto alla Centrale Operativa della Compagnia di Agnone, è stato conferito l’Apprezzamento del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Isernia, Tenente Colonnello Marco Cuccuini. Per il soccorso ad una famiglia, con bambini in tenera età, nel periodo della grave emergenza neve che ha colpito anche il territorio di questa provincia, è stata invece conferita una lettera di Compiacimento del Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, all’Appuntato Scelto Nico Di Tullio, addetto alla Stazione di Castel del Giudice. Infine saluto di commiato al Luogotenente Massimo Laboccetta, Comandante per diversi anni della Centrale Operativa del Comando Provinciale di Isernia, che dopo oltre quaranta anni ha lasciato il servizio attivo nell’Arma, al quale è stato rinnovato l’Apprezzamento per le sue qualità professionali e la sua dedizione al servizio della collettività.

14 marzo 2017 0

Sequestrate 6 discariche abusive e denunciate 10 persone. Maxi operazione dei Carabinieri in tutta la provincia di Isernia

Di redazione

Isernia: Vasta operazione dei Carabinieri a tutela dell’ambiente, dieci persone denunciate, sei discariche abusive sottoposte a sequestro, cinque violazioni amministrative accertate ed eseguite quaranta notifiche per la bonifica di aree demaniali.

Una vasta operazione per la tutela dell’ambiente è stata portata a termine dai Carabinieri in tutto il territorio della provincia di Isernia. Negli ultimi giorni un capillare monitoraggio predisposto dal Comando Interregionale Carabinieri Ogaden di Napoli, è stato eseguito in tutte le zone della provincia pentra, tra le più sensibili sotto il profilo del patrimonio ambientale e paesaggistico. L’Arma dei Carabinieri, con la recente istituzione da parte del Comando Generale del Comando Unità Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare Carabinieri, può senza dubbio definirsi attualmente una forza di Polizia ambientale dalle dimensioni e potenzialità senza pari in Europa e non solo. Da qui il salto di qualità e l’impegno ulteriore nel delicato settore, dove negli ultimi giorni i militari delle Stazioni territorialmente competenti, quelli dei Nuclei Operativi e Radiomobile e del Nucleo Investigato Provinciale di Isernia, hanno eseguito controlli in ogni angolo del territorio, riscontrando un quadro comunque soddisfacente, grazie proprio alla costante attività di prevenzione che nel tempo ha fatto si che il territorio venisse preservato dai fenomeni di inquinamento ambientale. Alcune criticità e l’accertamento di reati ambientali che comunque non sono mancati, sono stati prontamente intercettati e bloccati sul nascere. Dieci infatti sono state le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria per smaltimento illecito di rifiuti speciali, sei le discariche abusive sottoposte a sequestro dove venivano illecitamente sversati rifiuti speciali, consistenti in parti di eternit di diverse dimensioni, materiali di risulta del tipo inerti provenienti da attività di demolizione di fabbricati, batterie esauste, pneumatici, elettrodomestici in disuso, carcasse di veicoli, parti di arredi, bombole di gpl, fusti contenenti residui di solventi, rottami ferrosi ed altro materiale inquinante. Cinque in tutto le violazioni di tipo amministrativo contestate, mentre a carico dei sindaci di ventuno comuni della provincia, venivano notificate complessivamente quaranta richieste di emissione di ordinanze di bonifica di aree demaniali interessate da deposito incontrollato di rifiuti solidi urbani e rifiuti speciali di ogni genere, in totale stato di abbandono. Quella conclusa oggi può essere considerata una delle operazioni più significative eseguite negli ultimi anni dai Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia a salvaguardia dell’ambiente e del patrimonio naturalistico.

28 gennaio 2017 0

Stalking ed estorsione, due persone finiscono in manette ad Isernia

Di redazione

Ennesima operazione anticrimine portata a segno dai Carabinieri in provincia di Isernia. Questa volta a finire in manette due persone, la prima responsabile di stalking e l’altra di concorso in “estorsione”. Ad Isernia, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato un 35enne del posto che aveva attuato una vera e propria forma di persecuzione nei confronti di una giovane donna, anchessa del luogo. Atti persecutori condotti attraverso una serie innumerevoli di molestie e gravi minacce, mediante linvio di sms, telefonate e a mezzo utilizzo social network a tutte le ore del giorno e della notte, contenenti frasi oscene ed offensive, che avevano cagionato nella vittima un perdurante e grave stato di ansia e di paura, ingenerando nella stessa un fondato timore per la propria incolumità, infatti la giovane donna aveva finito per maturare la convinzione di non poter uscire da sola da casa, in quanto il 35enne attuava anche degli appostamenti sotto la casa della vittima, aspettandola alluscita ed al rientro. I Carabinieri hanno messo la parola fine alla vicenda eseguendo lordine di arresto emesso dalla competente Autorità Giudiziaria. A Cerro al Volturno invece i Carabinieri della Stazione di Castel San Vincenzo hanno arrestato su mandato dell’Autorità Giudiziaria una donna, 49enne originaria del napoletano, che insieme al marito già arrestato lo scorso mese di luglio, è stata riconosciuta responsabile di concorso con il medesimo dei reati di usura ed estorsione commessi anni addietro in provincia di Isernia, ai danni di titolari di alcune attività commerciali. Entrambi gli arrestati, dopo le formalità di rito sono stati sottoposti alla detenzione domiciliare.

14 gennaio 2017 0

Isernia – Due infermiere denunciate per esercizio abusivo della professione sanitaria

Di Antonio Nardelli

Isernia – Alle tradizionali attività di contrasto alla criminalità condotte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia, si affiancano quotidianamente quelle dei reparti speciali dell’Arma, che in perfetta sinergia con i reparti territoriali operano su tutta la provincia “pentra”, per garantire altri aspetti della sicurezza ai quali è sempre più sensibile e attenta l’opinione pubblica.

Dal Nucleo Antisofisticazioni e Sanità impegnato nella tutela della salute dei cittadini al Nucleo Operativo Ecologico per la tutela dell’ambiente e attività di controllo sullo smaltimento dei rifiuti nonché di prevenzione delle violazioni connesse con le attività produttive, fino al Nucleo Ispettorato del Lavoro che garantisce la tutela della sicurezza sui luoghi di lavoro e il contrasto allo sfruttamento del lavoro nero.

Nel contesto di tali attività si inquadra l’operazione condotta nelle ultime ore dai Carabinieri del N.A.S., che hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria due infermiere, una originaria dell’alto casertano e l’altra isernina, per esercizio abusivo della professione sanitaria. Le due infermiere, dipendenti di strutture sanitarie pubbliche dell’ASL di Isernia, secondo quanto accertato dai Carabinieri, non risultavano iscritte all’albo professionale “IPASVI”, Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici di Infanzia, così come prescritto dalle normative vigenti.