Categoria: Larino

28 gennaio 2013 0

Rubano tubi per l’irrigazione, tre foggiani finiscono in manette

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella mattinata odierna, nell’agro di Rotello, tre italiani di origine foggiana (D.C. classe ’50, B.G. classe ’72 e B.L., classe ’47), sono stati sorpresi mentre asportavano materiale ferroso, prevalentemente costituito da tubi per irrigazione, da un’azienda agricola ed arrestati.

L’attività è scaturita nel contesto dei mirati servizi di controllo del territorio che quotidianamente vengono dispiegati per contrastare i reati di natura predatoria, compresi i furti in aziende ed aree industriali. Nel caso odierno, quando i tre, tutti già noti alle Forze dell’Ordine, sono stati individuati dal personale dell’Aliquota Radiomobile di Larino nell’atto di caricare il materiale sul loro furgone ed hanno inizialmente tentato di allontanarsi a bordo del mezzo. Uno di essi, inoltre, si è dato alla fuga a piedi, subito raggiunto e fermato. Gli operanti, quindi, hanno eseguito un immediato riscontro per vedere se tale materiale fosse stato asportato, rendendosi subito conto che era stato rimosso da aziende agricole della zona. I militari hanno rinvenuto anche vari attrezzi, verosimilmente usati per lo scasso, che sono stati sottoposti a sequestro. Il valore stimato della merce recuperata si aggira intorno ai duemila euro e verrà reso ai legittimi proprietari a completamento delle formalità di riconoscimento.

Inoltre, già nella notte appena trascorsa, un’altra persona è stata deferita in stato di libertà per l’ipotesi di ricettazione poiché colta a trasportare, a bordo di un furgone, numeroso materiale ferroso risultato oggetto di pregressi furti, verosimilmente effettuati in arco notturno. L’uomo (S.G., classe ’64) è stato fermato sempre da personale dell’Aliquota Radiomobile sulla SS 647 in territorio di S.Martino in Pensilis mentre trasportava vario materiale zincato, tubi ed altro, del tipo in uso presso le serre fotovoltaiche. Oltre alla denuncia, nei suoi confronti è stato proposto il provvedimento del rimpatrio con foglio di via obbligatorio alla Questura di Campobasso.

Infine, nel decorso fine settimana, in Bonefro, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà, per porto abusivo di strumenti atti all’offesa, e a sua volta proposto per il provvedimento del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, un cittadino rumeno (D.V., classe ’66) trovato a trasportare un grosso martello di cui non poteva giustificare il possesso a bordo della propria autovettura. L’oggetto è stato sequestrato.

6 dicembre 2012 0

Accoltella la figliastra, 52enne arrestato a Larino

Di redazione

Ieri pomeriggio i carabinieri della Stazione di San Martino in Pensilis hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Larino, arrestando un cittadino rumeno residente in quel centro P.G., 52 anni, per lesioni aggravate. Tutta l’attività è scaturita dalla denuncia della figlia della convivente dell’uomo che, nello scorso mese di ottobre, si era presentata in ospedale con una vistosa ferita da taglio al collo. Gli approfondimenti dei militari della Stazione, che avevano ottenuto copia del referto, hanno presto permesso di comprendere come la ragazza avesse effettivamente riportato la lesione. Sentita dai militari, infatti, la giovane è riuscita a dire che il taglio era stato generato da un colpo di coltello che il suo patrigno le aveva inferto in seguito ad un litigio famigliare nelle mura domestiche. I riscontri acquisiti, poi, grazie ad un’approfondita attività informativa dei militari e con l’escussione di altre persone che erano venute a vario titolo a conoscenza del fatto, hanno permesso di definire compiutamente la vicenda. Peraltro, da quanto appurato è stato ritenuto ragionevole il pericolo di reiterazione di condotte altrettanto violente da parte dell’uomo. Egli si trova ora custodito presso la casa circondariale di Larino.

22 ottobre 2012 0

Il Capitano Alessandro Dominici è il nuovo Comandante della Compagnia Carabinieri di Larino

Di admin

Si è insediato negli scorsi giorni il nuovo Comandante della Compagnia Carabinieri di Larino (CB), Capitano Alessandro DOMINICI che sostituisce il Maggiore Antonio ANDRIULLI trasferito ad altro incarico presso il Comando della Legione Carabinieri Molise. Il Capitano DOMINICI, nativo di Sesto San Giovanni (MI), ha 38 anni ed è sposato; proviene dal comando del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia (OT), incarico che ricopriva dal 2009. L’Ufficiale ha iniziato la carriera nell’Arma nel 1994 arruolandosi come allievo Maresciallo; conseguita la promozione a Maresciallo è stato destinato nel 1996 presso la Stazione Carabinieri di Scano Montiferro (OR). Nel 1998 ha partecipato alla missione T.I.P.H. (Temporary International Presence in Hebron). Nello stesso anno, al rientro dalla missione, è stato ammesso ai corsi regolari dell’Accademia Militare di Modena quale Allievo Ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, venendo promosso Sottotenente del Ruolo Normale in servizio permanente effettivo al termine del biennio d’istruzione ed intraprendendo il successivo triennio presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma. Nel settembre del 2003, al termine dell’intero ciclo di formazione durante il quale ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” di Roma, è stato destinato al III Battaglione Allievi Carabinieri di Iglesias (CA) quale Comandante della 6^ Compagnia nel grado di Tenente. In tale periodo, precisamente nel 2004, ha conseguito dapprima la laurea di I livello, quindi quella di II livello in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna presso l’Università “Tor Vergata” di Roma. Nel settembre del 2005 è stato trasferito per assumere l’incarico di Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Quartu Sant’Elena (CA). Dall’ottobre 2006, sino al novembre 2009, è stato Comandante della Compagnia Carabinieri di Mondovì (CN).

11 luglio 2012 0

Veicolo in fiamme sulla strada statale 647 Fondo Valle del Biferno, chiuso il tratto a Larino

Di admin

L’Anas comunica che, a causa di un veicolo in fiamme, è stato provvisoriamente chiuso al traffico il tratto della strada statale 647 “Fondo Valle del Biferno”, all’altezza del km 64,300, nei pressi di Larino in provincia di Campobasso.

Sul posto è giunto personale dell’Anas, della Polizia stradale e dei Vigili del Fuoco per ristabilire al più presto le normali condizioni di viabilità.

L’evoluzione della situazione in tempo reale è consultabile attraverso il sito http://www.stradeanas.it/traffico oppure con l’applicazione ‘VAI’, disponibile gratuitamente per Android, Ipad e Iphone http://www.stradeanas.it/vaiapp

L’Anas invita gli automobilisti alla prudenza nella guida, ricordando che l’informazione sulla viabilità e sul traffico di rilevanza nazionale è assicurata attraverso il sito www.stradeanas.it e il numero unico “Pronto Anas” 841.148.

2 aprile 2012 0

Ladri di grondaie (in rame), denunciati quattro giovani a Larino

Di redazione

A Larino i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno deferito in stato di libertà per il reato di furto aggravato in concorso quattro giovani di Larino e Guglionesi, di età compresa tra i 15 ed i 21 anni, a seguito di un controllo notturno nel corso del quale i quattro venivano sorpresi a bordo di una autovettura Fiat Punto all’interno della quale sono stati rinvenuti vari tubi di rame, utilizzati come grondaie, asportati poco prima da civili abitazioni del luogo. La refurtiva, del valore di circa 1500 euro, veniva restituita agli aventi diritto. A Campolieto i militari della locale Stazione hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica un 40enne di Matrice il quale, alla guida della propria autovettura, mentre percorreva la SS 87, per cause in corso di accertamento perdeva il controllo del mezzo uscendo fuori strada, ribaltandosi; trasportato presso l’ospedale di Campobasso, il predetto veniva sottoposto all’esame alcolemico dal quale risultava un tasso di 1,90 grammi per litro di sangue. Il veicolo veniva sottoposto a sequestro e la patente ritirata. A Termoli i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno: controllato due rumeni di 22 e 21 anni, già censiti e residenti a Francavilla al Mare (CH) e Ortanova (FG) i quali, non essendo in grado di fornire valide giustificazioni circa la loro presenza nel centro adriatico, venivano segnalati alla Questura di Campobasso per l’eventuale emissione del foglio di via obbligatorio con inibizione al ritorno in Termoli; denunciato tre minori termolesi, resisi responsabili di furto perpetrato all’interno di un bar sito in quella via Madonna delle Grazie.

29 ottobre 2011 0

Trasportavano materiale ferroso senza autorizzazioni, abruzzesi denunciati a Larino

Di redazione

A Larino i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia , durante un servizio di controllo del territorio sulla SS 87, hanno fermato e controllato due autocarri, un Fiat Ducato ed un Ford Transit, condotti da due rumeni entrambi pregiudicati, C.P., 24enne da Montesilvano (PE) e D.C., 20enne da Silvi Marina (TE); i mezzi trasportavano, senza le prescritte autorizzazioni, materiale ferroso, carcasse di elettrodomestici, pneumatici, componenti elettrici ed altro. Pertanto i due venivano denunciati per gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi e segnalati alla Questura di Campobasso ai fini dell’emissione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio. A Campobasso i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno controllato un 38enne pregiudicato di Bojano, M.F., il quale, alla guida di una autovettura Fiat 500 in evidente stato di ebbrezza alcolica, si rifiutava di sottoporsi al test etilometrico, risultando altresì privo di patente di guida perché revocatagli dalla Prefettura del capoluogo in data 23 settembre 2009; il mezzo veniva sottoposto a fermo amministrativo e l’uomo denunciato.

6 settembre 2011 0

Due persone arrestate per atti persecutori dai Carabinieri del Comando Provinciale di Campobasso

Di admin

A Larino i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per atti persecutori un 27enne del luogo, R.L., in esecuzione di una ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal GIP del locale Tribunale; il provvedimento scaturiva dalle indagini avviate dall’Arma in relazione alle continue minacce e molestie avvenute dal mese di aprile a quello di giugno del 2011 e denunciate da una 24enne albanese residente a Larino con la quale l’uomo aveva avuto una relazione sentimentale poi terminata. Medesima vicenda a Mafalda (CB) ove i Carabinieri della locale Stazione traevano in arresto per atti persecutori, tentata estorsione, violazione di domicilio continuata ed aggravata un 19enne del luogo, F.F., già censito, in esecuzione di una ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal GIP del locale Tribunale; anche in questo caso i Carabinieri avevano rappresentato all’autorità giudiziaria una situazione di sopraffazione e di persecuzione messa in atto nel mese di agosto 2011 dal giovane nei confronti del nonno 74enne, tale da instaurare un clima di terrore nel nucleo familiare del pensionato.

25 febbraio 2011 1

Truffe online, denunciate due persone

Di admin

I Carabinieri di Larino ed Ururi hanno denunciato in due distinte operazioni due persone responsabili di truffa tramite vendita via web: si tratta nel primo caso di L.D.C., 42enne romano, che si era fatto ricaricare sulla sua carta postepay la somma di 210 euro da una estetista 34enne di Larino, in cambio di materiale cosmetico mai spedito e di M.S., 37enne da Penne (PE) che aveva operato la stessa truffa ai danni di un 29enne di Ururi il quale aveva effettuato una ricarica di 200 euro in attesa di un televisore che non è mai arrivato. Per questo tipo di commercio on-line si consiglia di seguire alcune semplici regole prima di procedere all’acquisto: – Reputazione sui siti di aste e annunci online Se state consultando un sito di aste online tra privati verificate sempre la reputazione del venditore e soprattutto la data d’iscrizione. Se la data è troppo recente il rischio d’incappare in un venditore fasullo è maggiore; – Vendita in contrassegno Se state consultando un sito e-commerce finora sconosciuto verificate sempre la possibilità di acquistare la merce in contrassegno; – Siti su domini italiani E’ preferibile dare maggiore credibilità ai siti e-shop su domini con estensione .IT i quali a differenza dei domini internazionali (.com, .net ecc) necessitano di una iscrizione formale presso l’ente di registrazione domini italiano e sono più agevolmente individuabili sotto il profilo della responsabilità legale; – Cercare informazioni sui motori di ricerca Fare una breve ricerca sui motori di ricerca può aiutare a comprendere meglio se il sito e-shop che state consultando ha una storia passata. Se il sito e-shop risulta poco conosciuto dai motori di ricerca e non sembra avere una storia passata è consigliabile adottare un atteggiamento di prudenza; – Verificare la presenza di un telefono fisso sul sito web. In caso di problemi è molto importante avere la reperibilità telefonica del venditore. E’ preferibile un numero di telefonia fissa, facendo attenzione che non sia un telefono voip. Del resto non c’è ragione perché un venditore si nasconda dai propri clienti; – Verificare la presenza della partita iva sul sito web. Le attività commerciali online sono obbligate per legge a pubblicare il proprio numero di partita iva. L’assenza del numero di partita iva è un altro indizio di scarsa serietà del sito e-commerce.

14 febbraio 2011 0

Materiale ferroso e rifiuti pericolosi, denunciato 22enne

Di admin

A Larino i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno denunciato per gestione di rifiuti pericolosi ed inosservanza dei provvedimenti dell’autorità T.V.R., 22 rumeno residente a San Severo, sorpreso dai militari mentre sulla SS 87, in agro di Larino, si trovava alla guida di un autocarro trasportante materiale ferroso ed altri rifiuti pericolosi, in violazione della misura cautelare dell’obbligo di dimora nella Regione Puglia emesso a suo carico dal Tribunale di Vasto. Il mezzo è stato sottoposto a sequestro.

9 febbraio 2011 0

Giro di vite allo spaccio, 30enne in manette per eroina e hashish

Di redazione

I Carabinieri della Compagnia di Larino hanno messo a segno questa notte un nuovo colpo contro lo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona bassomolisana. Dopo una lunga serie di appostamenti, pedinamenti e riscontri effettuati negli ultimi giorni gli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno fermato un pregiudicato trentenne, M.T., larinese, ritenuto dagli inquirenti una importante figura nel giro dello spaccio locale. Nelle conseguenti perquisizioni personali e domiciliari effettuate a carico del predetto venivano recuperati e sequestrati, già suddivisi in dosi, circa 90 grammi di eroina e 80 grammi di hashish, nonché un bilancino di precisione e l’occorrente per il taglio ed il confezionamento delle dosi; veniva altresì sequestrata la somma contante di 200 euro, provento dell’attività illecita. L’uomo veniva pertanto tratto in arresto ed associato presso la locale casa circondariale. Nel medesimo contesto operativo è stato fermato un 49enne pregiudicato di Casacalenda (CB), G.F., il quale è stato trovato in possesso di grammi 1,10 di eroina; nei confronti del predetto scattava la segnalazione all’autorità amministrativa quale assuntore di sostanze stupefacenti.