Categoria: Comuni provincia di Caserta

11 agosto 2018 0

Sagra del Prosciutto a Rocca D’Evandro. Tutto pronto per l’ edizione 34

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROCCA D’EVANDRO – Tutto pronto a Rocca D’Evandro per l’edizione numero 34 della sagra del prosciutto.

Se in città la calura estiva non dà tregua, nel finesettimana del dopo ferragosto, una gita fuoriporta nella cittadina al confine tra Lazio e Campania permette di conciliare far conciliare la ricerca di frescura e quella dei buoni sapori.

In località Mortola, i membri del circolo Federico Fellini organizzano la tanto attesa manifestazione. A partire dalle ore 19.00 dei giorni 18 e 19 agosto sarà possibile degustare ottimo prosciutto nella bella location che offre 800 posti a sedere.

Ad allietare le due serate tanta buona musica, per trascorrere due giorni di divertimento e buon cibo. Un appuntamento assolutamente da non perdere quello previsto a Rocca D’Evandro. Il prossimo fine settimana tutti a mangiare ottimo prosciutto e a scatenarsi con la musica dal vivo.

22 maggio 2018 0

Avrebbe abusato di due sorelline inglesi, 81enne di Mignano arrestato dopo 48 anni

Di admin

MIGNANO MONTE LUNGO – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, in Mignano Monte Lungo (Ce), su segnalazione del MInistero dell’Interno – DPCP – SCIP – SCHENGEN, hanno individuato e tratto in arresto un 81enne del posto, destinatario di mandato di arresto europeo ai fini estradizionali. Il provvedimento è stato  emesso dall’Autorità Giudiziaria Britannica per abusi sessuali su minori e pedopornografia.

I reati contestati all’anziano sarebbero stati commessi in Gran Bretagna tra il 1970 e il 1974.

Le vittime, due sorelle all’epoca dei fatti minorenni, solo successivamente hanno denunciato almeno 9 episodi di gravi molestie sessuali subite. L’arrestato, dopo formalità di rito, è stato tradotto presso casa circondariale di Cassino (Fr).

3 maggio 2018 0

Si assentavano dal lavoro lasciando la Reggia di Caserta senza controllo: denunciati due addetti alla sicurezza

Di admin

CASERTA – Dovranno presentarsi ad un ufficio di polizia prima e dopo l’orario di lavoro. Questa la misura cautelare notificata questa mattina per due dipendenti del Ministero dei Beni Culturali , addetti ai servizi di vigilanza presso il complesso Vanvitelliano – Reggia di Caserta.

Lo si apprende in una nota resa pubblica dalla procura della Repubblica di Caserta.

“In data odierna, – si legge nella nota – all’esito di una accurata attività di indagine coordinata da questa Procura e delegata alla Polizia di Stato di Caserta, è stata eseguita l’ordinanza di custodia cautelare, che impone l’obbligo di presentarsi, quotidianamente, ad un ufficio di polizia, immediatamente prima dell’inizio dell’orario lavorativo e immediatamente dopo la sua conclusione.

In particolare, il suddetto provvedimento è stato applicato nei confronti di Maiale Giovanni e “Narciso Raffaele, dipendenti del Ministero dei Beni Culturali, addetti ai servizi di vigilanza presso il complesso Vanvitelliano – Reggia di Caserta, nei cui confronti si procede per i reati di truffa aggravata e continuata, nonché di false attestazioni sulla presenza in servizio (artt. 81 cpv., 640 e. 1 e 2 n.l, 61 n.9 c.p. e 493-ter cp, già art. 55 qitinquies d.lvo 165/01).

In particolare, l’attività investigativa, delegata dalla Procura alla Squadra Mobile della Questura di Caserta, fondata prevalentemente su pedinamenti ed intercettazioni video ambientali, ha consentito di raccogliere un grave compendio indiziario a carico degli indagati, per condotte di “assenteismo” dal posto di lavoro, costantemente reiterate nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2016.

Le investigazioni, infatti, hanno permesso di accertare che entrambi i destinatari della misura, Maiale Giovanni e Narciso Raffaele, si assentavano volontariamente, per diverse ore, dal posto di lavoro durante l’orario in cui avrebbero dovuto svolgere le loro, privi di qualsivoglia autorizzazione da parte della Direzione amministrativa competente, con le aggravanti di aver commesso il fatto in danno di un Ente pubblico e in violazione dei doveri inerenti il pubblico impiego svolto.

Unitamente con il Maiale e il Narciso sono state indagate altre 4 persone.

I dipendenti, agendo in tal modo, si procuravano un ingiusto profitto pari alla porzione di stipendio percepita, pur non lavorando, arrecando un pari danno all’Ente pubblico di appartenenza, che ha retribuito prestazioni lavorative non effettuate e con l’ulteriore danno patrimoniale e di immagine correlato alla mancata presen/a del dipendente, per giunta addetto ad un delicato servizio, quello di

vigilanza, all’interno della ” Reggia”, esposta così al rischio di atti di vandalismo e non solo.

Non è un caso, d’altronde, che l’inchiesta abbia preso le mosse proprio dalla commissione di un furto, agevolato, evidentemente, proprio dalla mancanza della sorveglianza che Maiale e Narciso avrebbero dovuto assicurare”.

28 aprile 2018 0

Insegnante muore a soli 27 anni. Sgomento a Cassino

Di redazione

Cassino-Caserta: Una tragedia, un fatto così triste che ha lasciato tutti senza parole. La giovane Chiara Terracciano, di appena 27 anni, docente di italiano presso la scuola Diamare di Cassino è venuta improvvisamente a mancare per un malore nella notte. Viveva a Caserta con la sua mamma ed il fratello. Purtroppo per lei è stato inutile ogni soccorso. Sgomento nella sua città e a Cassino dove invece lavorava. Stimata ed apprezzata insegnante, Chiara si dedicava con passione ed impegno alla sua professione e alla formazione dei giovanissimi alunni. Una notizia, quella della sua scomparsa improvvisa che getta nel dolore la sua famiglia, il fidanzato, i parenti e le tantissime persone che le volevano bene.

17 febbraio 2018 0

Bellona (CE) , Carabinieri Forestali sequestrano area in costruzione per violazione dei vincoli paesaggistici

Di redazionecassino1

Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Caserta hanno proceduto, in comune di Bellona (CE), alla località “Triflisco”, sulla base del versante collinare denominato “Palombara” in adiacenza alla Strada Provinciale nr. 333, al sequestro preventivo d’iniziativa a carico di: G.D. dell’età di anni 39, di un’area di sua proprietà sulla quale erano in corso di realizzazione, in area sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale in assenza della prescritta autorizzazione paesistica:

–       un muro di contenimento in calcestruzzo cementizio armato della lunghezza di circa 85 mt. circa, dell’altezza del paramento in elevazione di circa 3,65 mt. ed uno spessore di circa 30 cm.;

–       interventi di sbancamento e riconfigurazione del terrapieno retrostante il muro di sostegno anche al fine di realizzare un accesso carraio lungo la S.P. nr. 333.

L’area interessata dagli interventi in argomento è risultata essere vincolata paesisticamente per l’inclusione nella fascia di rispetto dei 150 mt. dalla sponda dx del fiume Volturno.

La proprietà dell’area interessata dagli interventi è stata denunciata all’A.G. per deturpamento di bellezze paesaggistiche.

Le operazioni tecniche di sopralluogo sono state coadiuvate anche da un funzionario della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Caserta e Benevento.

La convalida del sequestro emessa dall’Autorità Giudiziaria è stata eseguita nella stessa giornata.

 

 

 

16 gennaio 2018 0

Falsi incidenti per frodare le assicurazioni, 20 misure cautelari

Di admin

CASERTA – Da questa mattina, nella provincia di Caserta, i Carabinieri del Nucleo Investigativo stanno eseguendo un’ordinanza di misure cautelari, emessa dal GIP presso il Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di 20 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla frode assicurativa, alla falsa testimonianza, alla corruzione in atti giudiziari e all’evasione dell’iva .

L’indagine ha consentito, tra l’altro, di accertare l’esistenza di un sodalizio criminale, composto principalmente dai titolari di un’agenzia di infortunistica stradale, i quali, grazie alle false attestazioni di periti assicurativi compiacenti, sono riusciti a simulare incidenti stradali con danni a persone e cose, ottenendo dalle compagnie assicurative indennizzi per diversi milioni di euro.

(Foto repertorio e non riferita all’indagine)

12 gennaio 2018 0

Quarantacinquenne di Cassino arrestato a Teano, spacciava droga in casa nonostante fosse ai domiciliari

Di admin

TEANO – Era monitorato da tempo. Le informazioni acquisite sul suo conto risultavano tutte univoche e concordanti: spacciava cocaina, ricevendo i clienti presso la propria casa di Teano, nonostante la sua condizione di sottoposto agli arresti domiciliari per reati analoghi, e nonostante fosse stato scarcerato dalla Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere per il nuovo regime detentivo in agosto. Risulta essere questo lo scenario cristallizzato nella tarda serata di ieri dagli agenti del Commissariato di Sessa Aurunca.

Gli agenti, infatti, hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio Alessandro Gagliardi 45 anni nato a Cassino e residente a Teano. L’uomo, a seguito di  perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di circa  30 grammi di cocaina pura, 70 grammi di lidocaina, sostanza utilizzata per il taglio dello stupefacente, 10 grammi di marijuana, un bilancino per il confezionamento delle dosi, 3mila euro in banconote in contanti di vario taglio sicuro provento dell’attività di spaccio.

L’uomo, una volta arrestato, ha lasciato trapelare parole di apprezzamento per la professionalità dimostrata nella circostanza dagli agenti, atteso che già in passato nel corso di altri controlli da parte delle forze dell’ordine, era riuscito a eludere l’arresto disfacendosi in tempo dello stupefacente.

14 novembre 2017 0

Laurito e Zanicchi, “Due donne in fuga” al teatro Ricciardi di Capua

Di admin

CAPUA – La stagione 2017/2018 dello storico teatro Ricciardi sarà inaugurata giovedì 16 novembre, alle ore 21, con “Due donne in fuga”, uno spettacolo di Pierre Palmade e Cristophe Duthuron, nell’adattamento di Mario Scaletta e per la regia di Nicasio Anzelmo. Protagoniste assolute della serata Marisa Laurito e Iva Zanicchi: fuori discussione, dunque, notorietà ed esperienza artistica delle interpreti. La showgirl Laurito si lascia apprezzare da sempre per una straordinaria verve che cattura, in qualunque circostanza, la simpatia del pubblico. In parallelo si sa che la grande grinta e la passionalità dell’Aquila di Ligonchio sono all’origine dei suoi tanti successi. Entrambe s’incontrano stavolta per questa pièce “gradevole, intelligente, ricca di spunti ironici” che il regista Anzelmo ha già messo in scena in Italia, nel 2009, col titolo “Le fuggitive”, affidate alla forte interpretazione di Valeria Valeri e Milena Vukotic. Sul palcoscenico del Ricciardi, Marisa ed Iva danno volto e voce a due donne in fuga dai loro vissuti precedenti (“Margot da 30 anni di vita di casalinga, moglie e madre repressa, Claude dalla casa di riposo il Baobab, dove il figlio l’ha parcheggiata dopo la morte del marito”). Per caso si ritrovano insieme di notte su una strada mentre fanno l’autostop. Il luogo e l’ora aprono ovviamente i varchi ad equivoci da cui sgorgano divertenti malintesi. “Claude ha un temperamento forte e, nonostante l’età, non si lascia intimidire da Margot, più giovane” e inevitabilmente più sprovveduta. “E’ l’inizio di un’avventura che vede le due donne viaggiare in autostop, interpretando una commedia dalle battute felici che non sono mai fini a se stesse, ma servono a costruire con ironia i caratteri diversissimi” a dialettico confronto. “Mentre le due donne si avventurano nelle più varie situazioni (dalla strada provinciale al cimitero, dalla fattoria alla casa di estranei nella quale entrano come due ladre), dalle quali scaturiscono” frangenti e dialoghi divertentissimi, ogni scena aggiunge un tassello alla vita e alla psicologia delle due protagoniste mostrando allo spettatore il nascere di una vera amicizia. Si ride di gusto per l’ironia e l’arguzia delle battute e si sorride nel riconoscere, in Margot e Claude, alcuni aspetti della nostra vita, a volte pavida, altre più temeraria, in un perfetto equilibrio niente affatto retorico tra commedia e vita (vera)”. E così ciascuno di noi potrà ritrovare un po’ di se stesso nei personaggi che si raccontano fino in fondo, durante uno spettacolo tutto da vedere e che sa accarezzare il cuore. Info: 0823.96.38.74. Raffaele Raimondo

20 ottobre 2017 Non attivi

Assassinarono l’agricoltore Guarino per gli incassi della vendita di frutta, arrestato il basista

Di admin

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su conforme richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Roland Turshilla, 34 anni albanese ritenuto responsabile, in concorso, delle condotte delittuose di rapina (art. 628 c.p.) ed omicidio (art. 575 c.p.) .

Il provvedimento odierno riflette gli esiti di un’articolata attività investigativa (dal settembre 2015 al dicembre 2016), coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che ha consentito di far luce sul grave fatto di sangue consumato, in data 23 settembre 2015, ai danni dell’imprenditore agricolo Pasquale Guarino. L’analisi dei fatti e dei contributi investigativi raccolti ha consentito di effettuare un’univoca ricostruzione della complessa vicenda delittuosa che è culminata con l’assassinio dell’imprenditore di Santa Maria Capua Vetere. In particolare, secondo la prospettazione operata dagli inquirenti e integralmente condivisa dal GIP, il TURSHILLA Roland, approfittando del rapporto d’impiego che all’epoca lo legava alla vittima, ha fornito ad altri complici determinanti informazioni sugli spostamenti e sulle abitudini del Guarino, affinchè questi potessero perpetrare, ai suoi danni, una rapina finalizzata all’appropriazione di una cospicua somma di danaro, dallo stesso incassata, poco prima, presso il mercato ortofrutticolo di Maddaloni. L’uomo di origine albanese, agendo, pertanto, da autentico “basista”, ha accuratamente segnalato ad altri connazionali gli spostamenti del Guarino tra il mercato ortofrutticolo maddalonese e il fondo agricolo, sito in località Cuparella del comune di Santa Maria Capua Vetere, ove l’imprenditore sammaritano – a seguito della reazione perpetrata nei confronti di rapinatori – è stato attinto, alla presenza dei suoi operai e dello stesso TURSHILLA, da due colpi di pistola. L’impianto indiziario, integrante i presupposti cautelari, è stato edificato attraverso elaborate attività tecniche di natura intercettiva, nonché mediante un accurato lavoro di analisi sia delle immagini immortalate da alcune telecamere insistenti sulla vasta area dell’evento omicidiario, oltre che delle informazioni raccolte attraverso i tabulati di traffico telefonico pregresso, il tutto avvallato, poi, dalle dichiarazioni rese da alcune persone informate sui fatti. Il G.I.P., concordando con la richiesta di misura coercitiva avanzata da questo Ufficio, anche per quanto riguarda la sussistenza di concrete ed attuali esigenze cautelari, ha disposto, per TURSHILLA Roland, la misura restrittiva della “Custodia cautelare in carcere”. Anche ulteriori soggetti – allo stato irreperibili – sono stati attinti da provvedimenti cautelari in relazione alla vicenda in esame.

21 settembre 2017 0

Grazzanise: al 9° Stormo seminario sulla sicurezza in volo

Di admin

 

GRAZZANISE – Si è concluso, presso il 9° Stormo “F.Baracca” comandato dal col. pil. Pasquale Di Palma, il seminario di Sicurezza Volo ricadente nell’ambito dell’accordo di collaborazione fra la nostra Aeronautica Militare e l’Aero Club d’Italia (AeCI): un’intesa finalizzata al miglioramento degli standard di sicurezza e ad una sempre maggiore sensibilizzazione sulle tematiche connesse alla Sicurezza del Volo (SV).

L’attività formativa – riservata ai piloti e agli operatori del settore dell’aviazione generale, commerciale, da diporto e sportivo (VDS) e agli appassionati del volo – ha permesso, a chi ne ha fatto richiesta, la possibilità di atterrare direttamente sulla pista della base Nato di Grazzanise.

Il seminario è stato aperto dal comandante Di Palma che, dopo aver ha dato il benvenuto agli oltre 120 partecipanti, ha ringraziato le autorità intervenute tra cui il gen. Giulio Cacciatore (direttore generale Ae.C.I), l’ing. Gennaro Bronzone (direttore Enac della  Direzione aeroportuale della Campania), il t.col. Filippo Conti (dell’Ispettorato Sicurezza Volo) e il cta Rosario Mangone (responsabile della funzione Safety di Enav-Caav di Napoli). Fra i relatori anche il prof. Michele Buonsanti (docente di Ingegneria meccanica presso l’Università di Reggio Calabria), che nel corso del suo intervento, in qualità di esperto dell’analisi di incidenti aeronautici, ha messo in evidenza tutti gli aspetti legati allo “Human Factor”.

Per il 9° Stormo, oltre al comandante, sono intervenuti il t.col. Ernesto Esposito ed il t.col. Giuseppe Esposito, rispettivamente ufficiale SV di Stormo e del Servizio Traffico Aereo, i quali, presentando alcuni briefing attinenti alla geografia ATS (Air Traffic System), hanno illustrato la regolamentazione aeronautica e l’analisi del fattore umano nelle dinamiche complesse del volo, con particolare riferimento alla prevenzione degli inconvenienti.

I lavori, che si sono protratti per un’intera giornata, sono stati chiusi dal medesimo col. Di Palma, che ha  evidenziato l’importanza della diffusione di un’adeguata cultura nel campo della Sicurezza del Volo, sottolineando lo stretto legame esistente con le associazioni che operano e volano nello stesso spazio aereo.

Il seminario ha suscitato notevole interesse da parte dei partecipanti per i quali è stata allestita anche una mostra statica degli assetti di volo presenti al 9° Stormo visitata.

Il 9° Stormo con i suoi assetti di volo su elicotteri HH-212 svolge operazioni di supporto alle Operazioni Speciali nonché di ricerca e soccorso di personale sia in Italia che nell’ambito delle missioni internazionali, fornendo il supporto aereo alle forze di superficie e intervenendo, in presenza di feriti, con l’attività di evacuazione sanitaria d’emergenza.

Il Reparto inoltre, attraverso gli Enti ATS dipendenti , assicura la regolare fornitura dei Servizi della Navigazione Aerea nello spazio aereo di giurisdizione e controlla nel contempo la sicura condotta dei voli sia civili che militari.

Raffaele Raimondo