Categoria: Alvito

26 aprile 2018 0

Si schianta con lo scooter contro un tasso, 17enne di Alvito in gravi condizioni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ALVITO – Era in sella al suo ciclomotore e stava percorrendo la strada provinciale 237 nel territorio di Alvito quando, all’improvviso, un tasso gli è comparso davanti.

Il 17enne nato in Francia ma residente a Gallinaro non ha potuto evitare l’impatto con l’animale selvatico che è rimasto ucciso.

Il giovane, invece, soccorso dagli operatori del 118, è stato trasportato d’urgenza all’Umberto I di Roma in codice Rosso. Sul posto i carabinieri della stazione di Alvito e i carabinieri Forestali che hanno recuperato la carcassa dell’animale.

17 aprile 2018 0

Auto con tre giovani si schianta contro un albero ad Alvito, il conducente aveva bevuto

Di admin

ALVITO – Guida sotto l’effetto di alcool in compagnia di altri due giovani e si schiantano contro un albero. E’ accaduto ad Alvito nella notte tra sabato e domenica lungo la Strada provinciale 94 al km. 4+200.

Dopo l’impatto la Mercedes Classe A si è ribaltata più volte ove. Alla guida del mezzo si trovava un 24enne di Alvito, trasportato in codice rosso da personale del 118 all’Ospedale Civile di Sora insieme ad uno dei due passeggeri, mentre il terzo, in condizioni più critiche, è stato elitrasportato presso il Policlinico Umberto I di Roma.

Il ragazzo alla guida, sottoposto ad ulteriori accertamenti sanitari come previsto dalle normative vigenti, è risultato avere un tasso alcolemico pari a 1,00 g/l (superiore al limite consentito). Pertanto, lo stesso, dovrà rispondere di guida in stato di ebbrezza, aggravata dall’aver provocato un incidente ed aver causato lesioni a terzi, fortunatamente in via di miglioramento, con contestuale ritiro immediato del documento di guida.

 

15 gennaio 2018 0

Sospensione Idrica a Sant’Ambrogio Alvito e Ferentino, Acea Ato 5: necessaria per lavori su rete

Di admin

SANT’AMBROGIO SUL GARIOGLIANO – “Si comunica che per lavori di bonifica idrica da effettuarsi sulla rete in via Chiaia a Sant’Ambrogio sul Garigliano, il giorno 16 gennaio (martedì) dalle ore 8:00 a tardo pomeriggio si verificherà una sospensione del flusso idrico su tutto il territorio comunale. L’intervento di manutenzione straordinaria è finalizzato al miglioramento della qualità del servizio del Comune di Sant’Ambrogio sul Garigliano.

Il regolare ripristino del servizio è previsto nella stessa giornata (salvo imprevisti). Acea Ato 5 SpA si scusa per i disagi”.

Lo si legge in una nota di Acea Ato 5.

ALVITO – Acea Ato 5 comunica inoltre che “per lavori di manutenzione programmata da effettuarsi sulla rete finalizzati al miglioramento del servizio idrico del Comune di Alvito, il giorno 16 gennaio 2018 (martedì) dalle ore 8:30 al primo pomeriggio si verificherà una sospensione del flusso idrico. In particolare le zone interessate sono le seguenti:

via San Giovanni via Mario Equicola via Silvio Castruccio via Tiravento traverse interne

Il regolare ripristino del servizio è previsto nel primo pomeriggio (salvo imprevisti)”.

Lo si legge in una nota di Acea Ato 5.

FERENTINO – “Si comunica che per lavori da effettuarsi su reti e impianti del servizio idrico del Comune di Ferentino, nei giorni 16 e 18 gennaio 2018 (martedì e giovedì) si verificheranno sospensioni del flusso idrico in alcune zone della città.  In particolare, dalle 14:00 alla tarda serata, le sospensioni riguarderanno il centro storico e la parte alta del comune.

Il regolare ripristino del servizio è previsto nella stessa giornata (salvo imprevisti)”.

Lo si legge in una nota di Acea Ato 5.

9 gennaio 2018 0

Camion nel fosso ad Alvito, automobilista in gravi condizioni

Di admin

ALVITO – Il conducente di un camion è rimasto gravemente ferito in un incidente stradale avvenuto nel primo pomeriggio di oggi, poco dopo le 14, in via Frassoneta, in località San Leonardo ad Alvito.

Le indagini per stabilire il motivo per il quale il mezzo pesante è finito in un fossato sono ancora in corso di accertamento. Il materiale che trasportava è finito sull’asfalto e nella campagna mentre per estrarre l’uomo dalle lamiere della cabina è stato necessario far intervenire i vigili del fuoco.

Una volta liberato è stato affidato alle cure degli operatori del 118.

Ermanno Amedei

24 novembre 2015 0

Formare personale competente per rilanciare il settore agricolo, se ne parla ad Alvito

Di redazione

Alvito – Riparte un nuovo percorso dedicato all’alta formazione nel settore agricolo. Se ne è discusso nell’incontro presso l’Università di Cassino tra il Rettore Betta, il vicepresidente della Provincia Amata, il sindaco di Alvito Martini e il dirigente scolastico Pellegrini. Obiettivo della sinergia tra i vari enti formare personale con specifiche competenze da utilizzare in un settore strategico per il rilancio dell’economia del territorio e che abbia come baricentro la Valle di Comino, dove già c’è ad Alvito un Istituto omnicomprensivo con indirizzo agrario. Il recentissimo incontro segue quello con il Rettore Attaianese dei mesi scorsi. Dalla provincia il consigliere Andrea Amata si è fatto portavoce per riavviare l’iter già iniziato precedentemente. Tale percorso formativo risponde alle istanze del territorio e alla necessità di puntare sulla formazione più di ogni altra cosa.  Soddisfazione per l’esito dell’ incontro è stata espressa anche dal sindaco di Alvito Duilio Martini. “Il Rettorato dell’Università di Cassino- fa sapere Amata- ha già formalizzato l’interesse per il progetto formativo, dimostrando grande lungimiranza in una prospettiva di sinergia con le istituzioni locali. Può essere l’agricoltura – conclude Amata – il settore su cui innestare un nuovo modello produttivo locale, più funzionale alla storia e alla vocazione del nostro territorio. Un modello però che non può essere quello tradizionale, ma che ha bisogno di figure e di professionalità specifiche. Ecco perché la formazione diventa fondamentale, soprattutto quando si innesta in questo percorso l’Università di Cassino e l’Università del Molise””. N.Costa

10 agosto 2015 0

Tragedia della strada sulla Sora Cassino, un morto nello schianto tra auto e tir

Di admin

Tragedia della strada questa mattina poco dopo le 6.30 sulla superstrada Sora Cassino nel territorio di Alvito. Nello schianto tra un camion e un’auto, il conducente della vettura ha perso la vita. Il corpo è ancora incastrato nel groviglio di lamiere della macchina. Sul posto stanno lavorando i vigili del fuoco e gli operatori del 118. Er. Amedei

28 marzo 2014 0

Esche avvelenate, unità cinofile della Forestale setacciano il territorio tra Campoli Alvito e Pescosolido

Di admin

Ieri nel territorio di Campoli Appennino, Pescosolido e Alvito in Zona di Protezione Esterna del Parco Nazionale D’Abruzzo- Lazio e Molise, sono state inviate in ispezione le unità cinofile del Nucleo Antiveleno del Corpo forestale dello Stato presenti nel Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Al fine di individuare le eventuali esche avvelenate a protezione di esemplari di fauna selvatica protetta quali lupi e orsi, è stato richiesto l’intervento delle suddette squadre cinofile dal Comando Provinciale di Frosinone del Corpo forestale dello Stato sulla base delle segnalazioni del personale forestale del Comando stazione di Sora che negli anni ha ivi accertato la morte per avvelenamento di diversi animali selvatici. L’uso illegale del veleno è una pratica diffusa in tutta Europa che colpisce animali selvatici e domestici. A tutt’oggi, oltre ad un pericolo per l’uomo e per gli animali d’affezione, rappresenta la più rilevante minaccia per la sopravvivenza di alcune specie selvatiche di interesse comunitario quali orso bruno, lupo e diversi rapaci. Proprio allo scopo di fronteggiare una simile minaccia ambientale è nato il progetto LIFE ANTIDOTO attuato dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga in Italia oltre che in Andalusia e in Aragona. Le azioni principali previste dal Progetto sono l’impiego di Nuclei Cinofili Antiveleno (NCA) per la ricerca di bocconi e carcasse avvelenati oltre che la sensibilizzazione della popolazione sulle conseguenze dell’uso illegale del veleno.

5 agosto 2013 0

Terremoto di magnitudo 2.4 tra Alvito, Gallinaro, Picinisco e San Donato Val Di Comino

Di admin

Un terremoto di magnitudo 2.4 ad una profondità di 19,5 chiloemtri è stato registrato dai sismografi dell’istituto di geofisica e vulcanologia questa notte alle 3 e 46 minuti nel disrtetto sismico Monti della Meta Le Mainarde. Il terremoto è stato localizzato tra i comuni di Alvito (Fr), Gallinaro (Fr), Picinisco (Fr), San Donato Val Di Comino (Fr), Settefrati (Fr), Opi (Aq).

24 luglio 2013 0

Ad Alvito un monumento al perdono ricordando il San Bernardino, preso a sassate nel 1443, che maledisse gli alvitani

Di redazione

Perdona, e non scagliare la pietra. Lasciala davanti al monumeto di San Bernardino ad Alvito. E’ la nuova iniziativa di Don Alberto Mariani parroco della chiesa di San Simone ad Alvito, salito alla ribalta della cronaca la scorsa primavera quando ha ideato un mese di preghiere e processioni per spezzare la maledizione che il Santo senese lanciò agli alvitani nel 1443. In quegli anni, quando Alvito era un potente Ducato che contrastava le forze della vicina Sora e dell’Abbazia di Montecassino, arrivò in piazza un predicatore in odore di santità. Don Bernardino da Siena, noto per le sue durissime prediche contro lo strozzinaggio e il gioco d’azzardo. Una predica che non piacque a qualche signorotto che gli aizzò la folla contro e finì a sassaiola. Il Santo fu costretto a scappare trovando rifugio a Vicalvi dove ne divenne patrono. Nella fuga, secondo la leggenda, si sarebbe voltato agli alvitani dicendo loro: “Non porterete mai nulla a termine”. Una maledizione all’inconcludenza, quindi, conservata nei detti popolari tramandata nei secoli, giunta fino ad oggi. “Ovviamente un Santo, in quanto tale, non può maledire – ha detto Don Alberto Mariani – La tradizione, però, legata a un santo è preziosa si rischiava di perdere. L’iniziativa è servita per creare un momento di confronto tra i giovani proprio sul perdono”. Il Perdono, quindi, è il nome dato al monumento, una grossa pietra, nel luogo ad Alvito dove San Bernardino venne preso a sassate. Come segno concreto di perdono concesso a quanti ci hanno offeso, don Alberto ha invitato a lasciare una pietra attorno al monumento, considerandola come “la pietra che non hai scagliato”. A giudicare dalle piccole pietre lasciate da ‘anonimi’ attorno o sopra il monumento, l’invito alla riconciliazione e al perdono, almeno per alcuni, è stata presa sul serio. Ermanno Amedei

6 luglio 2013 0

Maestri… in Vetrina” dal 6 luglio via alla seconda edizione

Di redazionecassino1

Cresce l’attesa ad Alvito per la seconda edizione di “Maestri… in vetrina” un evento dedicato ai giovani che fanno parte delle bande musicali e per gli appassionati. Punto centrale della manifestazione saranno le master class tenute da ben sette maestri ognuno specialista nel proprio strumento. Ogni partecipante avrà l’occasione migliorare la propria tecnica e anche di suonare con i maestri nel concerto finale.

  Sabato 6 luglio la kermesse prenderà l’avvio alle 11 con l’accoglienza dei maestri Roberta Coco, Luigi Zazzarino, Massimiliano Montanaro, Isidoro Santoro, Roberto Teori, Antonio Menegazzo, Cristiano Menegazzo. A riceverli, nella stupenda cornice del Palazzo Gallio, ci sarà il sindaco Duilio Martini. Alle 11.45 ci sarà l’inaugurazione della Mostra Storica di strumenti musicali antichi e spartiti musicali nella prestigiosa sala consiliare del palazzo ducale alvitano.   Alle 15 prenderanno l’avvio le master class, che termineranno alle 18. Tutti possono assistere alle lezioni allestite in location lungo corso Castrucci e aree limitrofe.   Infine, per concludere in bellezza una giornata davvero speciale, alle 18.30 nel piazzale dei Cappuccini si svolgerà il concerto finale diretto da Loreto Ruggieri, Antonio Menegazzo, Carlo Carafelli, Biagio Terrazza e Antonia Sarcina. Al termine saranno consegnati gli attestati di partecipazione.    L’evento è organizzato dall’associazione “Amici della musica” e dall’amministrazione comunale. Una giornata speciale nel segno della musica bandistica assolutamente da non perdere ed è anche l’occasione per visitare uno dei borghi più suggestivi della Valle di Comino.