Categoria: Anagni

13 Giugno 2019 0

Dal gioco delle tre campanelle alla rapina, 3 arresti e 5 denunce sull’A1 ad Anagni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ANAGNI – Gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone hanno proceduto all’arresto di tre persone per rapina aggravata commessa all’interno dell’area di servizio La Macchia Ovest di Anagni.

Per gli stessi fatti sono inoltre state denunciate a piede libero altre cinque persone.

I fatti accertati hanno visto coinvolto un gruppo di persone pregiudicate che aveva allestito in corrispondenza dell’ingresso dell’autogrill un piccolo tavolo in legno utilizzato per il cosiddetto gioco delle tre campanelle.

Mentre simulavano l’esercizio del gioco, tre di loro, successivamente individuati con certezza, aggredivano un autista di T.I.R. premendogli un oggetto contro la schiena ed impossessandosi della catenina d’oro che portava al collo e della somma di 45 euro che custodiva nel portafogli.

Subito dopo l’intero gruppo, composto da otto persone, si dava alla fuga a bordo di due autovetture, che venivano intercettate dalle pattuglie della stradale grazie alla segnalazione fatta dal derubato.

La perquisizione effettuata sui veicoli e sulle persone permetteva di rinvenire gli oggetti sottratti e gli attrezzi utilizzati per esercitare il gioco d’azzardo.

Il riconoscimento effettuato dalla vittima ed il rinvenimento degli oggetti permetteva l’arresto di tre uomini dell’età compresa tra 39 e 45 anni, tutti residenti nel napoletano e con precedenti specifici.

Al vaglio la posizione degli altri cinque soggetti, tra i quali due donne, che per il momento dovranno rispondere a piede libero di concorso in rapina. Gli arrestati sono stati condotti presso il carcere di Frosinone in attesa della convalida dell’arresto.

Indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Frosinone.

10 Giugno 2019 0

Si azzuffano alla festa Comunione e se ne vanno senza pagare il conto

Di admin

ANAGNI – I Carabinieri della Compagnia di Anagni hanno denunciato sei persone responsabili di rissa aggravata con lesioni tra cui un 46 enne, un 36 enne, un 47 enne, un 26 enne e un 40 enne, tutti residenti nella provincia di Frosinone, ed un 46 enne residente nella provincia di Roma.

Tutti dovranno rispondere di rissa e danneggiamento mentre il 36enne frusinate anche di insolvenza fraudolenta. Ieri il gruppo si trovava in un noto ristorante di Anagni per festeggiare una Comunione quando uno di loro, per futili motivi, ha colpito più volte con calci e pugni il 40enne scatenando la reazione degli altri tre presenti che imperterriti hanno continuato a picchiare il malcapitato che a sua volta ha reagito unitamente a un suo parente. Gli autori della rissa approfittando del parapiglia dopo essersi fatti dare la torta sono scappati via senza pagare il conto per le venti persone invitate. Il proprietario del ristorante ha presentato una denuncia per insolvenza fraudolenta in quanto il promotore del banchetto non ha onorato il corrispettivo di quasi 700 euro.

 

27 Maggio 2019 0

Razziatori di stazioni di servizio, otto arresti ad Anagni

Di admin

ANAGNI – Gli agenti della sottosezione polizia stradale di Frosinone hanno arrestato otto cittadini italiani per furto aggravato all’interno l’area di servizio La Macchia est nel comune di Anagni.

In particolare, i poliziotti durante un approfondito giro di perlustrazione all’interno dei parcheggi dell’area di servizio, stante i precedenti ammanchi registrati in analoghe fasce orarie denunciati in precedenza, hanno notato gli arrestati aggirarsi con fare sospetto, avvalorato dal tentativo di fuga messo in atto alla vista della pattuglia.

Con prontezza e professionalità il personale operante è riuscito a bloccare tutte le otto persone, che avevano, chi celate all’interno dei propri indumenti, chi in borse a tracolla, il materiale appena sottratto la cui provenienza veniva riconosciuta dallo stesso personale addetto all’area di servizio .

I fermati, tutti partenopei, annoveravano precedenti specifici, anche in riferimento ad altre aree di servizio della provincia per i quali erano stati gia’ denunciati da quest’ufficio.

22 Maggio 2019 0

Area con rifiuti pericolosi sequestrata nella Valle del Sacco

Di admin

ANAGNI – (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone ha sequestrato dei rifiuti pericolosi e non pericolosi scaricati presso un’azienda sita nel comprensorio industriale di Anagni.

In particolare il personale del N.I.P.A.A.F., unitamente a tecnici ARPA LAZIO, nel corso di un sopralluogo presso tale azienda ha rinvenuto una notevole quantità di rifiuti in evidente stato di abbandono stoccati in cumuli in modo promiscuo ed alla rinfusa, su terreno pavimentato ma in alcuni tratti deteriorato o con rotture, privi di copertura e quindi soggetti ad agenti atmosferici. Secondo Arpa Lazio i rifiuti in questione risultavano essere di tipo speciale pericoloso e speciale non pericoloso.

Tra i rifiuti rinvenuti vi erano bulk contenente olio esausto, rifiuti costituiti da sacchi neri chiusi, numerose strutture metalliche, alluminio, scarrabili non coperti pieni di sacchi di plastica ed altri rifiuti, numerose cisterne con o senza gabbia metallica, sacchi sporchi, numerose strutture metalliche/carrelli molte vuote ed altre contenenti tessuti e anime di rocche in cartone, nonché numerosi RAEE in disuso ed in evidente stato di abbandono.

I militari dunque procedevano al sequestro preventivo di quanto rinvenuto e alla denuncia del rappresentante della società per la violazione degli artt. 256 c. 2 e 137 c. 9 del D. Lgs. 152/06, proprio per aver scaricato rifiuti sul suolo e per non aver convogliato e successivamente trattato le acque meteoriche di dilavamento del piazzale dove depositati.

Continuano, dunque, i controlli del N.I.P.A.A.F. di Frosinone, finalizzati a prevenire e reprimere reati ambientali, con particolare riguardo alla Valle del Sacco, caratterizzato dai noti fenomeni d’inquinamento.

16 Maggio 2019 0

Cercano lavoratori in nero e trovano 7 etti di droga, arrestato commerciante

Di admin

ANAGNI – Nel corso di un controllo finalizzato al contrasto del lavoro nero, i militari della Guardia di Finanza della Tenenza di Anagni hanno accertato, presso un noto locale dell’anagnino per rilevare la forza lavoro presente e, nell’ambito dell’attività di istituto, all’interno di un locale magazzino, rinvenivano circa 700 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish e marjuana detenuta ai fini dello spaccio. Scattata un’accurata perquisizione, i militari della città dei Papi hanno rinvenuto anche 2 bilancini elettronici di precisione e due coltelli per il taglio della droga. Stante la flagranza di reato i finanzieri estendevano la perquisizione anche all’interno dell’autovettura e all’abitazione del giovane anagnino, rinvenendo ulteriori grammi 3 di hashish ed 520 euro, in banconote di piccolo taglio ritenute provento del traffico di sostanze stupefacenti. Al termine dell’attività, la sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro penale e messa a disposizione della locale Autorità Giudiziaria, mentre per il giovane anagnino – titolare dell’attività – veniva tratto in arresto per “produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti o psicotrope”, e “agevolazione dell’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope”.

13 Aprile 2019 0

Meccanico con il vizio dei grandi quantitativi, 60enne di Anagni arrestato con 1 kg di cocaina

Di admin

ANAGNI – Ancora un ingente quantitativo di droga ha portato agli arresti un meccanico di Anagni. I Carabinieri della Compagnia di Anagni lo hanno arrestato arresto nella flagranza di reato per la detenzione di un chilo di cocaina pura.

L’uomo ha precedenti specifici in quanto nel 2011 fu arrestato a Genova con 250 kg di hashish.

I militari comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale di Frosinone e coordinati sul campo dal maggiore Camillo Meo, comandante di Compagnia di Anagni, nell’operazione odierna lo hanno trovato in possesso dell’ingente quantitativo di droga nascosta nel filtro dell’aria. Il meccanico è stato bloccato a bordo della sua autovettura . I Carabinieri della Compagnia di Anagni stanno cercando di individuare il canale di approvvigionamento dello stupefacente ed eseguendo diverse perquisizioni nella provincia di Frosinone. Il valore dello stupefacente sequestrato è di circa 200mila euro.

6 Febbraio 2019 0

La poesia “Una donna ferita” di Alessia Boni premiata a “E’ vita, è futuro”

Di admin

ANAGNI – L’istituto Dante Alighieri di Alatri ha fatto raccolta di premi a “E’ vita, è futuro”, che si è svolta domenica ad Anagni nel centro sportivo basket in occasione della “41° giornata per la Vita”.

I partecipanti sono stati i ragazzi delle classi quinte delle scuole primarie, terze della scuola secondaria di primo grado e quinte della scuola secondaria di secondo grado di Anagni e Alatri che hanno realizzato video, quadri, temi o componimenti poetici con a tema il bullismo, la violenza sulle donne e l’importanza dei nonni come fonte dei valori.

Tra questi si è distinta Alessia Boni premiata per la sua poesia “Una donna ferita”. Dello stesso istituto Alighieri sono stati premiati Telemaco Dell’uomo, Leonardo Fanfarillo, Simona Grassi, Beatrice Arcese

La premiazione è avvenuta per mano del vescovo di Anagni-Alatri Lorenzo Loppa.

31 Gennaio 2019 0

Ghiaccio killer nel frusinate, donna muore schiantandosi contro mezzo spargisale

Di admin

ANAGNI – Il ghiaccio miete vite in provincia di Frosinone. Ad Anagni, sulla via Anticolana, una donna di 59 anni è deceduta in seguito allo schianto dell’auto su cui viaggiava insieme alla figlia, con un mezzo spargisale.

La tragedia si è consumata sulla via Anticolana ad Anagni. Quasi certamente le cause vanno ricercate nel gelo che ha reso impraticabile la strada.

Altri incidenti stradali sono segnalati a Ferentino, Sora, Torrice. I vigili del fuoco di Frosinone hanno lavorato tutta la notte per rispondere alle richieste di emergenza dovute al maltempo.

Ermanno Amedei

6 Dicembre 2018 0

Si aggirava con fare sospetto fra abitazioni isolate, arrestato dai carabinieri 35enne albanese

Di redazionecassino1

ANAGNI – Nella serata di ieri, la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Anagni riceveva delle segnalazioni da parte di residenti nel comune di Piglio che avevano notato degli individui aggirarsi con fare sospetto nella zona bassa del piccolo centro. In particolare, un cittadino riferiva altresì di aver notato la rete di recinzione della propria abitazione tagliata ed un altro, rientrato in casa dopo una giornata di lavoro, di aver subito durante la sua assenza il furto in abitazione di monili in oro e dell’autovettura di proprietà. L’immediato intervento sul posto e le accurate ricerche effettuate dal personale del NORM, con l’ausilio di diverse pattuglie del suddetto Comando Compagnia, permettevano di intercettare un 35enne di origine albanese (già censito per reati contro il patrimonio), residente nell’hinterland napoletano, alla guida di un’autovettura, il quale alla vista dei militari tentava di fuggire, venendo però poco dopo bloccato. Sull’auto, priva di copertura assicurativa e revisione, e pertanto sottoposta a sequestro, gli operanti rinvenivano altresì vari arnesi atti allo scasso. Gli ulteriori accertamenti svolti sul conto dell’uomo, permettevano di appurare che lo stesso si identificava in PATRIA Blerim, classe1983, e che risultava destinatario di un Decreto di Fermo di indiziato, datato 17 settembre 2012, emesso dall’Autorità Giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere (CE) per i reati di “associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione”, “ricettazione” ed “estorsione”.

Al termine delle formalità di rito, l’uomo veniva quindi tratto in arresto poiché destinatario del suddetto provvedimento nonchè dei reati di danneggiamento e furto in abitazione e tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone.

Le ricerche dei complici protrattesi per tutta la notte davano esito negativo.

foto repertorio

28 Novembre 2018 0

“Lupo solitario” dello spaccio, 24enne albanese arrestato ad Anagni

Di admin

ANAGNI – Questa mattina i carabinieri di Anagni comandati dal maggiore Camillo Meo, nell’ambito di una articolata indagine denominata “lupo solitario” coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone, dal PM. Dott.ssa Barbara TROTTA e dal GIP Dott.ssa Ida LOGOLUSO, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Frosinone, nei confronti dell’indagato, K.B 24enne albanese, domiciliato in Anagni (FR), al quale è contestato il reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” e quello di “evasione dagli arresti domiciliari” a cui era stato sottoposto in conseguenza del suo arresto e gravemente indiziato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo “cocaina” e “hashish”. Le attività info-investigative, svolte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anagni hanno permesso di accertare una serie di cessioni di sostanze stupefacenti poste in essere autonomamente dall’indagato ad una pluralità di soggetti e di confermare come l’indagato, nel periodo in cui è stato controllato, ha vissuto e tratto profitti esclusivamente dall’attività di spaccio di droga. L’intera indagine ed il provvedimento restrittivo odierno traggono origine da una attività info investigativa iniziata nel mese di maggio scorso, nello stesso periodo in cui era al culmine l’indagine “BROTHERS” per analoghe attività illecite condotte nella Città dei Papi, conclusasi lo scorso 8 novembre con l’esecuzione di 6 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettante persone. L’indagato si era insediato in quel periodo in una abitazione posta tra i vicoli del centro storico e per le sue attività illecite intratteneva incontri fugaci nei pressi del proprio domicilio sito in via della Valle, dove occultava lo stupefacente destinato allo spaccio e materiali per il taglio e confezionamenti in dosi presso una cantina (risultata essere nella sua disponibilità), nonché nel tratto di strada compreso tra la via Vittorio Emanuele e Piazza Sant’Andrea tanto che nel giro di pochi mesi dal suo arrivo ad Anagni, il prevenuto aveva costituito un esteso e ramificato giro di “affari”, monopolizzando lo smercio di droga in quella parte del centro storico. Nel corso dell’intera indagine l’uomo era stato già arrestato il 12 giugno poiché colto nella flagranza del reato di spaccio di cocaina nei confronti di un giovane del luogo, allorquando venivano sequestrate nr. 23 dosi di cocaina, sostanza da taglio, ritagli di buste e bilancino di precisione. Dopo l’arresto l’indagato veniva sottoposto agli arresti domiciliari, ma non solo non rispettava le prescrizioni imposte (evadendo dalla misura e continuando ad avere contatti con soggetti esterni alcuni dei quali suoi “clienti”), ma continuava nella sua attività criminosa di spaccio, interrotta ulteriormente dai Carabinieri di Anagni in data 25/06/2018, con il conseguente rinvenimento di una dose di stupefacente di cocaina che aveva ceduto ad un suo connazionale. A seguito di quest’ultimo episodio, i militari della Compagnia richiedevano all’A.G. la revoca del beneficio concessogli, e il 28.06.2018 a seguito dell’applicazione della custodia cautelare in carcere, lo arrestavano nuovamente. Complessivamente, nel corso dell’indagine intrapresa al fine di arginare il fenomeno dello spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti in Anagni, sono state accertate circa 60 cessioni di varie dosi di “cocaina e hashish”, riscontrati dai sequestri operati in poco meno di due mesi (circa 30 gr. di cocaina e hashish, oltre a vario materiale e sostanze atte al confezionamento in dosi) e dalle relative segnalazioni amministrative inoltrate all’U.T.G. di Frosinone per 8 assuntori di sostanze stupefacenti.

Foto repertorio