Categoria: Arce

17 settembre 2018 0

Spacciavano droga in attesa di un figlio, futuri genitori in manette ad Arce

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ARCE – In attesa di un bambino spacciavano droga nascondendola nel reggiseno di lei. Un  espediente che non è servito alla coppia di Arce per evitare l’arresto.

I carabinieri della locale Stazione comandati dal maresciallo Evangelista,  collaborati da quelli del Nucleo Carabinieri Cinofili di Santa Maria di Galeira (Rm). I carabinieri, a seguito di perquisizione domiciliare, nella casa del 36enne già sottoposto agli arresti domiciliari, pregiudicato per specifici reati ed la 28enne, convivente, hanno rinvenuto e sottoponevano a sequestro 9 dosi di cocaina e la somma complessiva di 690 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio, provento dell’attività di spaccio.

Le dosi di cocaina erano state messe all’interno di un pacchetto di sigarette che la donna, incinta,  aveva  nascosto nel reggiseno, ma grazie all’ausilio di personale femminile, si è proceduto alla sua perquisizione con il ritrovamento della droga. Dopo le operazioni di rito l’uomo è stato tradotto presso la Casa circondariale di Cassino, mentre la donna sottoposta al regime degli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Ermanno Amedei

10 giugno 2018 0

Droga e soldi sequestrati ad Arce, coppia di 36enni in manette

Di admin

ARCE – Questa mattina ad Arce i carabinieri della locale stazione hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare, rivenendo diverse dosi di cocaina.

In particolare, i militari all’interno di un barattolo un involucro in plastica, hanno trovato 30 grammi di cocaina suddivisa in dosi, per un valore commerciale di 2mila euro circa e diverso materiale per il confezionamento delle dosi stesse, nonché 480 euro quali provento dell’attività di spaccio. Sono scattate quindi le manette per un uomo ed una donna del luogo, che rispondo ai nomi di M. S. e L. P., entrambi 36enni e con precedenti specifici in materia di stupefacenti, in quanto resisi responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Al termine delle formalità di rito, l’uomo veniva tradotto presso la Casa circondariale di Cassino e lei sottoposta al regime degli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

22 marzo 2018 0

Causa frana, niente treni per 30 giorni tra Arpino e Arce sulla Roccasecca-Avezzano

Di admin

ARCE – “Rimarrà sospesa per circa trenta giorni la circolazione ferroviaria fra Arpino e Arce, sulla tratta Roccasecca – Avezzano, interrotta martedì mattina alle 7.30 in via precauzionale, per un movimento franoso, in prossimità di Fontana Liri, provocato dal maltempo che ha interessato il Lazio negli ultimi giorni”.

Lo si legge in una nota di Rete Ferroviaria Italiana.

“L’analisi dei tecnici di RFI ha evidenziato che gli interventi per la messa in sicurezza e il ripristino della sede ferroviaria sono particolarmente complessi.

In particolare dovrà essere realizzata una paratia di sostegno di circa 120 metri, con 240 pali affiancati e inseriti nel terreno con una trivella fino ad una profondità di circa 18 metri.

Al termine della realizzazione della palificazione si dovrà procedere al ripristino dell’armamento ferroviario e successive operazioni per la riapertura all’esercizio della linea.

Una volta ripreso il servizio ferroviario i tecnici di RFI continueranno con le opere civili di ripristino del muro di sostegno, delle opere accessorie e di idraulica.

Sulla linea Roccasecca – Avezzano, non elettrificata, nei giorni feriali circolano 12 treni e nei giorni festivi due. I treni continueranno a circolare fra Sora e Avezzano mentre fra Sora e Cassino la mobilità sarà garantita da Trenitalia con un servizio di bus sostitutivi”.

 

9 febbraio 2018 0

Camera da letto attrezzata per confezionare dosi di hashish e marijuana, arrestato 40enne ad Arce

Di admin

ARCE – Nascondeva in camera da letto Hashish e marijuana. Per questo, i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo hanno arrestato un 40enne di Arce.

I militari. I militari della locale stazione, a seguito di una perquisizione eseguita presso l’abitazione dell’uomo già noto per episodi legati allo spaccio di droga, hanno rinvenivano all’interno della camera da letto 87 grammi di hashish, 42 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi.

Dopo le formalità di rito l’uomo è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida che sarà celebrata presso il Tribunale di Cassino.

10 gennaio 2018 0

Serena Mollicone, nuovi esami del Ris sul nastro adesivo

Di admin

ARCE – Nuovi esami dei carabinieri del Ris per il caso Mollicone. L’incarico è stato conferito ieri dalla procura della Repubblica di Cassino agli esperti della polizia scientifica e il quesito riguarderebbe alcuni reperti tra i quali il nastro adesivo utilizzato per immobilizzare il corpo di Serena, la 18enne di Arce uccisa nel giugno del 2001, il cui corpo venne ritrovato nel bosco dell’Anitrella.

L’ipotesi investigativa è che la ragazza sia stata colpita nella caserma dei carabinieri di Arce nell’alloggio o in prossimità dell’alloggio dell’allora comandante di Stazione. Indagati per il delitto sono, oltre al maresciallo, al figlio e alla moglie, altri due carabinieri.

A quanto si apprende, i Ris sono chiamati nuovamente ad esaminare alcuni reperti ma in particolare i pezzi di nastro adesivo utilizzato per immobilizzare il corpo della ragazza prima che il suo o i suoi assassini se ne disfacessero.

7 dicembre 2017 0

Omicidio Mollicone, indagato altro carabiniere per l’uccisione di Serena

Di admin

ARCE – Quarto indagato per l’omicidio Serena Mollicone. Si tratta di un carabiniere in servizio nella caserma di Arce nel 2001, quando la studentessa 18enne venne uccisa e il suo corpo venne fatto ritrovare legato e imbavagliato nel bosco dell’Anitrella.

Il militare, indagato per concorso in Omicidio, è stato ascoltato questa mattina in procura a Cassino, e si è avvalso della facoltà di non rispondere. Al momento presta servizio a Cassino, ma si sta valutando la sua sospensione dal servizio.

Gli altri indagati sono il maresciallo al comando della Caserma di Arce nel 2001, il figlio e la moglie.

Ermanno Amedei

24 novembre 2017 0

XV Comunità montana Valle del Liri, grande successo per il 6° corso micologico

Di redazione

Grande successo sta riscuotendo la sesta edizione del Corso Micologico, ex novo organizzato ad Arce dalla XV Comunità Montana Valle del Liri, finalizzato al rilascio del tesserino abilitativo per la raccolta di funghi epigei. Oltre a permettere di soddisfare un obbligo normativo, è intenzione dell’ente montano offrire ai cittadini un servizio in grado di valorizzare e tutelare il nostro territorio in ogni modo, offrendo uno strumento utile per conoscere e apprezzare al meglio uno di tanti doni del nostro splendido patrimonio boschivo e naturalistico. Il presidente della XV Comunità Montana ing. Gianluca Quadrini si è dichiarato estremamente soddisfatto del successo e della partecipazione di questo corso dichiarando: ”Un ringraziamento lo rivolgo al consigliere comunitario Luigi Bianchi che ha voluto fortemente,insieme a me, l’organizzazione del corso, ai docenti del corso Prof. Franco Carnevale e Prof. Massimo Mastroianni per l’impegno, ai dipendenti della XV Comunità Montana Valle del Liri Angela Cervinia e Antonio Tasciotti che ne hanno curato l’organizzazione, nonché a tutti i partecipanti per aver risposto in maniera così numerosa. Quest’anno i corsi micologici hanno annoverato la presenta di oltre 300 corsisti e questo ci rende particolarmente orgogliosi.Valorizzare il nostro territorio e i suoi prodotti allo scopo di rafforzare il senso di appartenenza alla propria realtà sono i punti cardini del nostro modus operandi”. “L’ente montano che presiedo, attento nella valorizzazione del territorio e delle sue specificità intende dare particolarmente risalto alla conoscenza dell’ambiente e a come vivono i suoi prodotti per capirne il ruolo svolto negli ecosistemi. Per questo a breve partirà anche un nuovo corso sulla Potatura e gestione dell’uliveto e frutteto, come ci hanno richiesto in molti. Un percorso molto utile che rappresenta un ritorno alle origini e alle nostre radici che vanno preservate, oltre che ad un mestiere artigianale che va sempre più scomparendo” conclude il presidente Quadrini.

15 novembre 2017 0

Ruba un’auto e scappa, 52enne inseguito e arrestato ad Arce

Di admin

ARCE – Questa mattina si è celebrato, presso il Tribunale di Cassino, il rito direttissimo nei confronti del 52enne del Sud Africa, arrestato dal personale del Comando Stazione Carabinieri di Arce nella serata di ieri poiché resosi responsabile dei reati di “furto e resistenza a pubblico ufficiale”. Il soggetto era stato arrestato dopo poche ore dal furto di un’autovettura e dopo un breve inseguimento. All’esito del processo, al 52enne è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere presso la Casa Circondariale di Cassino (FR).

7 novembre 2017 0

Omicidio Mollicone, secondo consulenza Serena può aver sbattuto in caserma

Di admin

ARCE – La ferita sul cranio di Serena Mollicone potrebbe essere compatibile con il segno ritrovato dagli inquirenti sulla porta all’interno della caserma dei carabinieri di Arce. E’ quanto contenuto nella relazione realizzata dal consulente incaricato dalla Procura della Repubblica di Cassino che indaga sulla morte della 18enne di Arce. La ragazza venne ritrovata cadavere nel bosco dell’Anitrella nel giugno del 2001. ad oggi risultano iscritti nel registro degli indagati Franco Mottola, maresciallo dei carabinieri, allora comandante della stazione di Arce, il figlio e la moglie. L’ipotesi investigativa è quella che la ragazza fosse presente in casa dei Mottola, un alloggio nella struttura che ospita la caserma, poco prima della sua scomparsa. I Ris che più volte hanno ispezionato l’alloggio si sono soffermati su quel segno di rottura della porta ipotizzando che potesse essere quello il punto sbattendo contro cui la ragazza possa essersi procurata la ferita allo zigomo. Una ipotesi che la relazione odierna in mano alla procura e agli avvocati delle parti, avvalora considerandola attendibile ma non certa. Il corpo di Serena riesumato nel 2016, resta a Milano ancora a disposizione degli inquirenti. Un altro tassello, quindi, per tentare di svelare il mistero che ormai regge da 18 anni.

Ermanno Amedei

22 giugno 2017 0

Arrète Castéglie 2017 mangia…bevi…balla 24 e 25 Giugno 2017 ad Arce

Di redazione

Sabato 24 e domenica 25 giugno 2017, l’antico borgo “Arrète Castèglie” situato nella città di Arce in via del Soldato Ignoto, alle spalle della chiesa parrocchiale dedicata ai Santi Pietro e Paolo, si tingerà di nuovo. Colori, suoni, profumi, sapori, pervaderanno il caratteristico vicolo facendo rivivere la cultura, le arti, gli usi e le tradizioni in cui affonda le radici la nostra storia. Su note antiche viaggiando verso sonorità moderne nasce Arrète Castéglie, evento organizzato dalla A.S.D. GRANDI ASCOLTI con il Patrocinio del Comune di Arce, che si fregia della Direzione Artistica di tre importanti esponenti del nostro panorama artistico/musicale: Domenico Colantonio, Eduardo Vessella e Giuliano Gabriele. Lo slogan della manifestazione, “mangia…bevi…balla…” fa da preludio ad un percorso, ricco e fantasioso, che farà esplorare le passate consuetudini musicali, artigianali e gastronomiche della nostra tradizione. Un tuffo tra i tramontati mestieri delle nostre terre in cui si avrà la possibilità di ammirare, in una pregevole esposizione allestita all’interno del Palazzo Comunale, strumenti musicali dalla qualità sonora e dalle finiture di alto livello, costruiti con tecnica e maestria da artigiani liutai laziali, molisani e del sud Italia. Nell’ambito del Palazzo Comunale sarà, inoltre, possibile visitare la Mostra Fotografica “Ciociaria” del fotografo arcese Romeo Fraioli che, con le sue splendide immagini, racconta gli usi e i costumi dei paesi della Ciociaria. Passeggiando tra gli antichi palazzi del borgo, ci si potrà dilettare nella vivacità del Mercato Artigianale alla ricerca dell’oggetto dei desideri, tra le tante creazioni realizzate da maestri artigiani che ci mostreranno la manualità e le tecniche del cosiddetto “fatto a mano”; tra i banchi della Fiera Agroalimentare si potranno degustare i prodotti tipici della gastronomia del nostro territorio, ottenuti seguendo le regole delle “antiche ricette”, con metodi di lavorazione, conservazione e stagionatura che garantiscono l’unicità e la qualità del prodotto; e soffermandosi tra le Osterie presenti lungo il percorso sarà possibile assaporare le prelibatezze culinarie della nostra tradizione, preparate con attenzione e cura dagli “Osti del Castello”; il tutto condito dalle melodie di artisti itineranti che animeranno fino a sera questo divertente ed emozionante viaggio. Arrète Castéglie è soprattutto musica, danza, arte e cultura: Folklab, Laboratorio di Musica Popolare, e Danza della Terra portano all’interno dell’evento i loro laboratori di musica popolare e di balli della trazione, con due prestigiosi stage a cura di esperti del settore, che si svolgeranno nei locali dell’ex mercato coperto. Domenica 25 giugno dalle 10.00 alle 13.00 “La Ciociaria incontra la Pizzica Pizzica” a cura di Franca Tarantino. Studiosa di Danze Tradizionali dell’Italia meridionale, Franca Trantino da anni si occupa di cultura popolare, dapprima spinta dalla riscoperta delle sue radici, in seguito come approfondimento degli aspetti etno coreutici e terapeutici che alcune danze del Sud dell’Italia ancora oggi conservano. Il suo laboratorio nell’ambito di Arrète Castéglie è un invito ad un viaggio nella cultura e nelle tradizioni musicali e coreutiche del Salento, attraverso la Pizzica Pizzica, la danza della festa, il ballo dei nostri nonni espressione del mondo contadino, sopravvissuto nel dopoguerra solo in alcune zone del Salento e fortunatamente arrivato fino a noi. Sempre domenica 25 giugno dalle 15.00 alle 16.30 “Pelli tese” stage di tamburo a cornice: “La Ciociaria incontra la Puglia” a cura di Giancarlo Paglialunga. Tamburellista sanguigno e voce dal timbro arcaico, parte integrante del Canzoniere Grecanico Salentino, Giancarlo Paglialunga è uno degli interpreti più importanti del panorama della musica popolare salentina. Si innamora della musica della sua terra e studia la prassi esecutiva del canto e del tamburello tradizionale attraverso l’ascolto delle fonti e la partecipazione alle occasioni più genuine della tradizione, sviluppando un suo peculiare approccio, quasi sospeso tra tradizione e modernità. In occasione di Arrète Castéglie propone uno stage d’eccezione dal titolo “Considerazioni ed approfondimenti sulle tecniche del tamburello salentino nel versante jonico. Da Tora Marzo a Pino Zimba” e sarà ospite di Giuliano Gabriele nel concerto di chiusura di domenica sera. Veniamo ora ai due imperdibili concerti serali che faranno da traino all’intero evento. Sabato 24 giugno alle ore 22.00 Sonorità Transumanti, gruppo costituitosi di recente, composto da musicisti dalle personalità poliedriche, che si affacciano nel vasto panorama della musica popolare mettendo in gioco le proprie professionalità e offrendo come loro biglietto da visita originalità e determinazione. Propongono un repertorio di ampio respiro frutto di studi, ricerche e contaminazioni varie, che spazia tra tarantelle, tammurriate, ballarelle, tarante, pizziche e canti popolari; i loro strumenti, provenienti dalla tradizione popolare locale, e non solo, e le loro voci dai timbri diversi ma ben amalgamate, regalano ritmi ed armonie trascinanti e “transumanti”. Alessio Colantonio, percussioni, Domenico Colantonio, taccarelle, percussioni povere e voce, Marco Patriarca chitarra battente, organetto e voce, Massimo Di Folco al basso elettrico, Federica Carducci voce, Maria Rita Rinna al violino, Nadia Notarodonato ai fiati, accompagnati da Valentina Nicolella alla danza, fondono la loro amicizia e la passione per la musica in una sonora alchimia trascinante e coinvolgente. Domenica 25 giugno Giuliano Gabriele. Con due dischi all’attivo, collaborazioni con alcuni dei più importanti musicisti sia in Italia che all’estero e numerosi premi in festival e rassegne musicali, tra cui il prestigioso premio Andrea Parodi, il massimo riconoscimento italiano dedicato alla World Music, vinto grazie al suo secondo lavoro discografico “Madre – The hypnotic dance’s time”, con il suo Ensemble è protagonista indiscusso della rinascita del Folk italiano nei generi World Music/ Folk Contemporaneo/ Progressive Tarantella/. La tecnica e la professionalità di Riccardo Bianchi alla batteria, il perfezionismo quasi silente di Gianfranco De Lisi al basso, le straordinarie armonie di Giovanni Aquino alla chitarra, la raffinata eleganza di Lucia Cremonesi e la magia che effonde alla viola e alla lira calabrese, il ritmo, la leggerezza e la soavità intrinseca e spontaneamente unica di Eduardo Vessella ai tamburi a cornice, la voce calda, suadente, a tratti sferzata da una velata malinconia di Giuliano Gabriele, le carismatiche melodie dei suoi organetti, il fascino della zampogna col suo suono d’altri tempi, creano un unicum estasiante. Emanano nell’aria un fresco profumo di spiritualità antica sapientemente incastrata a ritmi moderni quasi aggressivi; la musica incanta, la potenza del ritmo travolge e sconvolge, penetra dentro nel profondo e quasi rimbomba. Sprigionano forza passione energia, affascinano, ipnotizzano, creano uno stato di dipendenza quasi assoluta da loro e dalla loro musica rivisitata in chiave moderna mantenendo comunque vivo il ricordo e salde le radici. Giuliano Gabriele e il suo inebriante Ensemble saranno impreziositi dai virtuosismi passionali di Giancarlo Paglialunga, tamburellista del Canzoniere Grecanico Salentino, ospite d’eccezione della serata: tradizione e modernità si plasmano in un’atmosfera ammaliante e suggestiva, che ci accompagnerà in un entusiasmante cammino alla riscoperta delle meravigliose sonorità del Centro-Sud Italia. Due giornate ricche di musica, arte, cultura e sano divertimento a cui non potete assolutamente mancare. Arrète Castéglie mangia…bevi…balla Arce, via del Soldato Ignoto Sabato 24, dalle ore 18,00 e domenica 25 giugno dalle ore 10,00 Direzione Artistica: Domenico Colantonio/Eduardo Vessella/Giuliano Gabriele