Categoria: Esperia

12 dicembre 2018 0

Festa della Montagna ad Esperia, Delle Cese (Parco Aurunci): all’insegna di ambiente e tradizioni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ESPERIA – “Tutto pronto: sabato 15 dicembre la sezione C.A.I di Esperia in collaborazione con il Parco dei Monti Aurunci e il comune di Esperia, in occasione della Festa nazionale della Montagna, ha organizzato un’intera giornata dedicata alla cultura della montagna Aurunca ed in particolar modo di quella esperiana”.

E’ quanto si legge in una nota del Parco dei Monti Aurunci.

“Un programma ricco di eventi. In particolare ci sarà una visita guidata con la professoressa Valeria Zamparelli al Museo del Carsismo a cui seguirà, nella Cappella Lauretana, una dimostrazione dei prodotti locali, una mostra fotografica delle attività montane della sezione C. A. I., infine un momento conviviale animato dalla musica del territorio Aurunco.  Appuntamento alle ore 16 nella sezione CAI di Esperia superiore in via Guglielmo”. “Quello di sabato prossimo è un appuntamento molto importante perché oltre alla promozione delle cultura delle nostre montagne e il rispetto dell’ambiente ci sarà un ricco programma riservato alle tradizioni. L’artigianato locale, la musica popolare e l’arte culinaria. Una collaborazione con la sezione CAI e con il comune di Esperia sempre proficua e rivolta alla promozione del territorio Aurunco e alla cultura ambientale”. Lo dichiara nella nota il presidente del parco dei monti Aurunci Marco Delle Cese.
26 settembre 2018 0

Torna ad Esperia il Festival della Preistoria dal 27 al 30 settembre

Di redazionecassino1

ESPERIA – Dopo il successo dello scorso anno, che ha portato all’attenzione nazionale il sito delle orme di dinosauro di Esperia, ritorna con tante sorprese la seconda edizione del Festival della Preistoria, in programmazione dal 27 al 30 settembre.

Il Festival è interamente dedicato al sito archeologico “Orme di dinosauro”, le impronte più antiche mai rinvenute nella Regione Lazio.

Visite guidate, laboratori didattici sulla preistoria, animazioni multimediali e tanto altro ancora, fino al grande evento serale ed un ospite d’eccezione: Ambrogio Sparagna.

L’evento mira a riempire questo piccolo borgo incastonato nei Monti Aurunci di famiglie, bambini e semplici appassionati, curiosi di conoscere una storia affascinante: quella che circa 140 milioni di anni fa ha attraversato queste montagne scrivendone la storia.

Durante gli open day si scoprirà un mondo preistorico entusiasmante, tra elementi storici definiti ed altri legati a leggende e alla fantasia, così da far avvicinare la popolazione al sito archeologico ospitante più di 40 impronte. Le orme finora studiate sono di due tipologie. Una presenta 3 dita dirette in avanti, in cui sono visibili chiare tracce di unghie. L’altra tipologia consiste in impronte circolari o ellittiche con lunghezza variabile dai 30 ai 40 centimetri. Le orme sono state rinvenute quasi per caso nel 2006 da alcuni speleologi spesso in zona a perlustrare le numerose grotte dei monti Aurunci e si trovano in località San Martino, lungo la strada che conduce all’altopiano di Polleca.

Abbiamo raggiunto il sindaco Villani per l’occasione: “Ci avviamo con grande soddisfazione alla seconda edizione del Festival della Preistoria, l’iniziativa è nata per valorizzare questo patrimonio unico del nostro territorio e l’anno passato ha riscosso un successo che è andato oltre le nostre aspettative. Grazie al contributo della regione Lazio, che ha creduto nella bontà del progetto, siamo sicuri di poterci aspettare una riuscita ancora migliore quest’anno, con più visite per grandi e piccini, la proiezione del primo Jurassic Park e l’intrattenimento del maestro Ambrogio Sparagna“.

Il Festival prevede incontri durante i quali i partecipanti, accompagnati da guide esperte si lanceranno alla scoperta non solo del sito delle orme ma di tutto il borgo, svolgendosi l’evento in vari punti del centro storico. Il Museo del Carsismo, la Cappella Lauretana (vero gioiello di architettura barocca risalente al XVII secolo), i meravigliosi vicoli della “Rocca” ospiteranno questo Festival dedicato non solo al dinosauro ma alle culture e tradizioni di Esperia.

Sulle orme del dinosauro sono stati riaccesi i riflettori da Rai2 nel dicembre 2015 con un dettagliato servizio, volto a sottolineare l’importanza di questo sito non solo a livello nazionale ma in tutta Europa. Le orme in questione infatti, sono le più antiche tracce mai repertate a livello nazionale dei sauropodi, la specie più grande dei dinosauri erbivori vissuti tra il Triassico e il Cretacico superiore.

Il luogo è meta di un vero e proprio pellegrinaggio di scienziati, speleologi e ricercatori a caccia di tracce ormai davvero preziose. Si pensa infatti che le orme trovate ad Esperia siano le stesse rinvenute in Puglia. Il che indicherebbe una migrazione dei mitologici giganti verso sud.

Qui trovi tutti gli aggiornamenti all’ evento Facebook

22 agosto 2018 0

Uccide i figli ad Esperia, si indaga sul movente e sul mistero della pistola

Di admin

ESPERIA – Una comunità frastornata, quella di Esperia, che continua a chiedersi il perché della tragedia che ha visto ieri Giovanni Paliotta uccidere nel sonno i suoi due figli Isabella e Mariano per poi togliersi la vita. Mai una denuncia per violenze domestiche o dicerie di liti in famiglia, neanche un biglietto per spiegare l’abominio.

Se una risposta a questa domanda, qualora ve ne fosse una, potrà darla solamente la moglie dell’assassino suicida, attualmente ricoverata in ospedale a Cassino sotto shock, i carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandati dal capitano Tamara Nicolai e i loro colleghi del reparto operativo di Frosinone comandati dal comandante provinciale Fabio Cagnazzo, cercheranno di scoprire perché l’uomo, seppure fosse in possesso di una pistola regolarmente detenuta, per compiere il massacro si è dotato di una calibro nove corta non censita, quindi custodita illegalmente.

Al momento le salme sono sotto sequestro nell’obitorio dell’ospedale di Cassino.

Ermanno Amedei

21 agosto 2018 1

Duplice omicidio di figli ad Esperia, Isabella e Mariano uccisi con una pistola illegalmente detenuta

Di admin

ESPERIA – Pare si tratti di un’arma illegalmente detenuta, quella usata da Giovanni Paliotta (nella foto) per uccidere i suoi due figli per poi usarla anche per suicidarsi ad Esperia.

La pistola è una calibro 9 corto e non era stata dichiarata dal proprietario. L’arma è stata sequestrata dai carabinieri della compagnia di Pontecorvo e dal reparto operativo di Frosinone che indagano sull’accaduto e servirà per effettuare esami balistici che serviranno per ricostruire la dinamica della mattanza avvenuta nella casa in piazza Consalvo.

Tre colpi sarebbero stati esplosi e ciascuno è stato mortale per le tre persone attinte. Mariano ed Isabella erano ancora a letto.

Ermanno Amedei 

21 agosto 2018 0

Duplice omicidio dei figli ad Esperia, madre salva perché fuori per una commissione

Di admin

ESPERIA – Per uccidere i figli Giovanni Paliotta ha usato una pistola calibro 22 regolarmente detenuta. Gli investigatori confermano che l’uomo, ferroviere in pensione, all’alba di oggi, per cause ancora da stabilire, ha ucciso i figli, la 19enne Elisabetta e il 27enne Mariano, nella loro camera da letto. Poi si è tolto la vita con la stessa arma. “La moglie del Paliotta – si legge nella nota degli investigatori – riusciva a sfuggire alla tragedia poiché, poco prima, era uscita di casa”, una frase che fa ipotizzare che anche la donna sarebbe potuta essere vittima della follia omicida dell’uomo.

Sul posto è intervenuto il Sostituto Procuratore della Repubblica di Cassino Roberto Bulgarini Nomi, il medico legale e la squadra rilievi del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone.

Ermanno Amedei

21 agosto 2018 0

Sterminati dalla follia ad Esperia, Isabella e Mariano uccisi dal padre mentre dormivano

Di admin

ESPERIA – La tragedia si è consumata nella centrale piazza Consalvo ad Esperia dove l’uomo Gianni Paliotta, 70enne pensionato, ha freddato i suoi due figli mentre erano ancora a letto.

Per uccidere la figlia Isabella 18enne e il figlio Mariano 25enne ha usato un’arma da fuoco su cui si sta ancora indagando così come i carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandati dal capitano Tamara Nicolai e diretti dal colonnello Fabio Cagnazzo stanno ancora indagando sulla dinamica dell’accaduto.

Pare che l’uomo avesse aspettato che la moglie uscisse di casa per un servizio. Al ritorno la donna avrebbe trovato la famiglia sterminata da un momento di follia del marito che ha ucciso anche se stesso dopo aver ucciso i figli.

Ermanno Amedei

21 agosto 2018 0

Uccide i suoi figli e poi si suicida, ancora sangue ad Esperia

Di admin

ESPERIA – Ha ucciso i suoi due figli di 18 e 25 anni e poi si sarebbe tolto la vita. Sarebbe questa la sommaria ricostruzione del terribile fatto di sangue avvenuto questa notte ad Esperia nella centrale piazza.

L’uomo, per cause ancora da stabilire, così come da accertare ancora é la dinamica dei fatti, ha sparato contro i figli uccidendolinprima di rivolgere l’arma contro se stesso togliendosi la vita. Una vicenda che avviene a meno di un mese dal terribile fatto, sempre ad esperia, che ha visto la morte di un uomo per mano del figlio.

Ermanno Amedei

8 agosto 2018 0

Estate, via alla 35° edizione della Sagra della Marzoline e Olive di Esperia

Di admin

ESPERIA – “La Pro Loco di Esperia è pronta a dare il via alla ben trentacinquesima edizione della Sagra della Marzoline e Olive di Esperia“.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“La presidente Cardillo e il suo staff (che ormai da più di un anno lavorano incessantemente sul territorio), annunciano un’edizione ricca di Arte, Storia Tradizione e soprattutto tante prelibatezze culinarie. Non mancherà lo spettacolo musicale anch’esso volto alle tradizioni della nostra terra. Infatti ci saranno gruppi folkloristici, danzatrici popolari di TerrAmare e in fine il gran finale di Antonio Petronio con “Tarantella Tour””.

2 agosto 2018 0

Omicidio di Esperia, Mario Teoli indagato di omicidio volontario per la morte del padre

Di admin

ESPERIA – Il rapporto complicato e complesso tra Antonio Teoli 68enne e il figlio Mario di 30 anni entrambi residenti ad Esperia, è culminato in assassinio. Con un coltello e cocci, con questi oggetti, al culmine dell’ennesima lite, i due si sono colpiti ieri sera fino a quando uno dei due, il padre, non si è accasciato a terra esanime. Alle 21 circa Mario ha chiamato il 118 perché curassero le sue ferite. Per il padre, raggiunto da almeno quattro fendenti, non c’era più nulla da fare. Il suo corpo era all’esterno della casa, vicino al pozzo, lontano alcune decine di metri dalla cucina dove era cominciata la lite.

Padre e figlio erano già conosciuti dai Carabinieri della Compagnia di Pontecorvo intervenuti ieri sulla scena del delitto, più volte in passato era stato richiesto il loro intervento proprio da uno dei due, esasperato dal comportamento dell’altro e meno di un anno fa erano stati arrestati per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale ed in un’occasione lanciarono delle pietre ad una delle pattuglie intervenute.

Sarà ora il medico legale, la dottoressa Daniela Lucidi, ad indicare le ragioni della morte e stabilire l’oggetto con cui sono state inferte le ferite (sono stati sottoposti a sequestro un coltello, nonché cocci di vetro) ad Antonio Teoli a seguito del conferimento da parte del Pubblico Ministero Dott. De Franco di Cassino. Il figlio Mario è in stato di fermo per omicidio volontario, piantonato dai Carabinieri all’ospedale di Cassino, lo stesso ha riportato delle ferite da taglio all’altezza del torace ed alcuni tagli alle mani e visto lo stato di forte agitazione, i sanitari lo hanno sedato disponendone il ricovero. Sulla scena del crimine i rilievi sono stati eseguiti dai militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Frosinone.

Ermanno Amedei

2 agosto 2018 0

Omicidio ad Esperia, coltellate tra padre e figlio: la vittima è Antonio Teoli

Di admin

ESPERIA – Una notte di sangue quella appena trascorsa ad Esperia dove, in una casa sulla Strada Provinciale, durante la lite tra padre e figlio conclusa a coltellate, il genitore è rimasto a terra esanime ed il ragazzo gravemente ferito restio a consegnarsi ai carabinieri.

Tutto è cominciato poco dopo le dieci. In casa oltre ad Antonio Teoli, il padre, c’erano solo uno dei due figli, M. Teoli con cui è nata la lite. La madre è morta qualche anno fa mentre l’altro fratello non era in casa. I fendenti sono volati tra i due e cinque avrebbero attinto il genitore togliendogli la vita.

L’allarme lanciato ha fatto arrivare sul posto i carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandati dal capitano Tamara Nicolai che dopo una breve trattativa hanno convinto il giovane a consegnarsi e a farsi curare. Al momento è in stato di fermo e risponderà di ciò che nel corso delle indagini dei carabinieri gli verrà attribuito.

Ermanno Amedei