Categoria: Pofi

26 aprile 2018 0

Tutto pronto per la sesta edizione del rally Terra di Argil,

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

POFI – Ancora qualche giorno per iscriversi alla gara, ed inizierà il conto alla rovescia per la manifestazione della piccola città dei fiori della provincia di Frosinone. Quest’anno, la competizione promossa con passione dallo staff della Rally Game staccherà il cartellino della sesta edizione. Una crescita di anno in anno, quella del rally pofano, da semplice ronde, oggi è un rally nazionale con validità per il campionato regionale rally.

Il giorno 30 aprile, scadranno i termini per iscriversi al rally, ad oggi sono vari gli equipaggi che hanno dato adesione per partecipare alla seconda gara  della stagione 2018 in provincia di Frosinone. La Rally Game, quest’anno  ha mantenuto la formula “ dei due giorni” con le due  prove il sabato sera nei pressi del centro cittadino  di Pofi, poi domenica nove i tratti in programmi con tre prove da ripetere tre volte.

Confermate i tratti nei comuni di Pofi  denominato “ Le Fontane “ di chilometri 6,600 metri e di Castro Dei Volsci  “ Ezio Palombi” di circa sette chilometri. A questi, si aggiunge la novità, il tratto cronometrato di Arnara “ Le Sterpare” di circa 6 chilometri. Proprio con l’ingresso di quest’ultima ps  la gara assumerà il memorial di altri due rallysti Benedetto D’Avelli e Giuseppe Roma.

Tra gli iscritti figurano l’emiliano Marco Cappi, il veneto Lino Acco ed una folta schiera di piloti ciociari,  non sono esclusi altri equipaggi da fuori regione con le R5. Confermato il secondo trofeo Argil  associato ai vincitori delle varie classi, oltre che la lotteria abbinata alla gara.

21 gennaio 2018 0

Pofi, donata la reliquia di San Giovanni Paolo II alla chiesa di Santa Maria Maggiore

Di redazionecassino1

Pofi – Ieri sera al termine di una suggestiva cerimonia una reliquia dei capelli di San Giovanni Paolo II è stata donata da Padre Gianfranco Grieco alla Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore. La giornata di sabato è stata particolarmente intensa per la comunità religiosa pofana caratterizzata dalla consegna del prezioso dono e dai festeggiamenti del patrono del paese San Sebastiano. Alla presenza delle autorità religiose, civili e militari tra cui il generale (R.) dell’Arma dei Carabinieri Carlo Felice Corsetti, alle 17 e 30 vi è stato un omaggio floreale alla statua del Santo ubicata in via San Giorgio proprio di fronte alla chiesa di San Rocco all’entrata del paese, poi alle 18 si è tenuta la celebrazione dei Vespri e alle 18 e 30 la celebrazione della Santa Messa Solenne, concelebrata da Padre Gianfranco Grieco, Don Giuseppe Said, Padre Vittorio Margiotti responsabile del locale convento di San Pietro e da Padre Roberto Mobilia parroco della parrocchia di San Giovanni Paolo II di Patrica, animata dalla corale “Santa Maria Maggiore” diretta dal maestro Angelo Nardoni con la partecipazione dei ragazzi della locale Scuola calcio e di tutta la comunità parrocchiale. Poi la consegna della reliquia del Santo, che come Pontefice ha guidato la Chiesa di Roma per ben ventisette anni, dal 1978 al 2005. A donarla a Don Giuseppe Said parroco di Pofi Padre Gianfranco Grieco, già capo ufficio del Pontificio Consiglio per la famiglia e giornalista del quotidiano della Santa Sede “L’Osservatore romano”, che ha seguito come inviato speciale San Giovanni Paolo II in tutti i suoi viaggi in Italia e nel mondo riportandone il pensiero e le azioni del suo lungo percorso pastorale. Tantissimi i fedeli che hanno seguito la cerimonia riempiendo in ogni spazio la capiente Chiesa di Santa Maria Maggiore.

Particolarmente emozionato Don Giuseppe Said che nella toccante omelia ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile l’evento ed in particolare Padre Gianfranco Grieco che proprio lo scorso dicembre ha festeggiato i cinquanta anni dall’ordinazione sacerdotale. “Per la comunità pofana oggi è un giorno indimenticabile con un dono che resterà per sempre nella nostra Chiesa di Santa Maria Maggiore. Grazie di cuore a Padre Gianfranco e a tutti coloro che si sono adoperati affinchè si potesse realizzare tutto ciò. Ed un grazie alla nostra comunità dei fedeli che oggi ancora una volta ha testimoniato un profondo sentimento religioso e la sua grande devozione al patrono San Sebastiano e a San Giovanni Paolo II”.

Molto toccanti le parole di Padre Gianfranco Grieco quando ha ricordato i suoi 27 anni a seguito del Santo in occasione del suo lungo e proficuo percorso pastorale. “Per me è sempre particolarmente emozionante ricordare San Giovanni Paolo II, la cui santità in realtà avevo ben percepito nel corso della mia lunga vicinanza a lui come sacerdote e come giornalista. E vedere quanta devozione vi sia nei suoi confronti da parte della comunità di Pofi così numerosa e fortemente unita nella fede  mi riempie il cuore di gioia”.

Grande gioia e commozione è stata espressa anche dal sindaco Tommaso Ciccone: “Un grazie a Padre Gianfranco che ha voluto onorare la nostra comunità religiosa e più in generale tutto il nostro paese con un preziosissimo dono che inorgoglisce tutti noi. Un grazie ovviamente a Don Giuseppe Said e a tutti coloro che hanno reso possibile che tutto ciò si realizzasse. È stato davvero emozionante vedere come sia unita la nostra comunità e come insieme si possa contribuire alla realizzazione del bene comune”.

 

 

22 dicembre 2016 0

Cane carabiniere dissotterra circa 4 chili di stupefacente, due uomini in manette

Di admin

Pofi – Circa 3 chilogrammi di hashish, 200 grammi tra cocaina ed eroina, mezzo chilogrammo di marijuana e 20 grammi di sostanza da taglio, nonché materiale per il confezionamento delle dosi sono state trovate nelle disponibilità di un 34enne e un 30enne di Pofi.

I carabinieri che hanno perquisito le abitazioni dei due, hanno trovato e sequestrato, oltre a tutta la droga, anche la somma in contati di 23mila euro frutto, quasi certamente, dell’attività di spaccio.

Ad individuare il nascondiglio dello stupefacente è stato il fiuto delle unità cinofila che ha portato i militari a scavare prima una profonda buca nel terreno recuperando buona parte della droga e poi ad aprire un tombino di ispezione delle acque reflue recuperando il resto.

 

21 novembre 2016 0

Sagra della Patata a Pofi, una giornata per festeggiare il tubero più amato

Di admin

Pofi – E’ prevista per domenica prossima (27 novembre) “La sagra della Patata” di Pofi. Una iniziativa che richiamerà nella cittadina ciociara un gran numero di buongustai.

“La sagra della Patata” si inserisce tra gli eventi tesi a valorizzare la forte vocazione agricola del territorio di Pofi. E’ organizzata dalla Pro Loco il cui presidente Angelo Mattoccia, in un comunicato stampa ha dichiarato: “Abbiamo voluto realizzare una kermesse completamente dedicata a questo particolare tubero, noto al mondo come cibo povero, ma dalla grande versatilità culinaria. In questa cornice andremo a riproporre un percorso gastronomico con circa una dozzina di prelibatezze a base di patata, dalle ricette antiche e più semplici a quelle più elaborate e prelibate. La giornata sarà un’occasione, per quanti giungeranno nel cuore del centro storico di Pofi, per visitare le bellezze storico e monumentali del nostro paese, oltre che per trascorrere una domenica all’insegna del buon gusto e della tradizione popolare”.

A partire dalle ore 11.00 e per tutta la giornata sarà attivo il percorso gastronomico, interamente dedicato alla Patata, da sempre eccellenza dei palati di tutte le generazioni. Dalle ricette più semplici ed antiche a quelle più elaborate, un eccezionale excursus culinario celebrerà questo “frutto” della terra in ricette originali ed appetitose. Non mancherà la “piacevolezza” del vino novello a bagnare questo momento di eccellenza gastronomica. Per tutti i visitatori che giungeranno a Pofi per l’evento, che si svolgerà nel centro storico della cittadina, sarà l’occasione per scoprire la bellezza di questo borgo nel cuore della Ciociaria. Particolarmente interessante sarà l’esposizione a concorso delle Patate paesane, con premio a termine della kermesse a quella più grande e a quella più particolare. Un appuntamento imperdibile per tutte le famiglie e per gli amanti del buon gusto.

5 novembre 2014 0

Maltempo nel Frusinate, scuole chiuse anche nella Valle dei Santi – aggiornato alle 23.12

Di admin

I comuni della provincia di Frosinone stanno decidendo come comportarsi con le scuole. Alcuni decideranno per una chiusura anticipata, altri per la chiusura completa. Le amministrazioni che hanno ordinato la chiusura delle scuole, al momento sono: Amaseno, Aquino, Cassino, Castro dei Volsci, Ceprano, Frosinone, Piedimonte, Pico, Pofi, Ripi, Roccasecca, San Giorgio a Liri, Sant’Elia Fiumerapido, Sant’Ambrogio, Sant’Apollinare, Sant’Andrea, Vallemaio, Villa Santa Lucia… In aggiornamento.

I comuni che volessero comunicare la chiusura lo possono fare via Mail ermadei@libero.it

8 settembre 2014 0

Incidente mortale a Ceprano, muore 20enne. Grave coetaneo

Di admin

Ha circa 20 anni l’ultima vittima della strada in Ciociaria. Il ragazzo di Pofi, era alla guida di una Fiat Punto e in compagnia di un coetaneo di Strangolagalli quando, percorrendo la Via Casilina a Ceprano, la loro auto si è ribalta uscendo di strada. Nulla da fare per il giovane. Il suo amico, invece, in gravi condizioni, è stato trasportato in ospedale a Frosinone e mantenuto in prognosi riservata. Appena 22ore prima, a Veroli, ieri sera un altro incidente è costato la vita ad un altro ventenne. Rmd

4 luglio 2014 0

Il tesoro di Fanella trovato a Pofi nella casa dei nonni della vittima, Ros al setacciano con georadar e mini escavatore

Di admin

Continuano le indagini a Pofi sulla proprietà di Silvio Fanella, il broker freddato ieri alla Camilluccia a Roma nel corso di un agguato. La casa è di proprietà della vittima, appartenuta ai nonni, e questa mattina è stato luogo di ritrovamento di un vero tesoro in diamanti, valuta (dollari ed euro), oltre ad orologi preziosi. Gli investigatori del Ros stanno setacciando palmo a palmo le pareti dell’abitazione ma anche le immediate pertinenze con l’ausilio di Georadar e di un mini escavatore.

15 settembre 2013 0

Uccisa a morsi dal cane, 83enne di Pofi muore per shock emorragico

Di redazione

Si chiamava Guglielma Rota la donna di 83 anni morta questa notte in ospedale a Frosinone in seguito alle gravi ferite riportate dai morsi del cane di proprietà di un parente. L’anziana, colpita dal morbo di Alzheimer, viveva a Roma e trascorreva le vacanze estive nella sua casa di Pofi con il marito. Una casa che ha un’area condominiale che condivideva con altri parenti. E’ stato lì che ieri mattina, il marito della donna ha trovato la moglie per terra con il Bull Terrier che gli si accaniva con morsi al collo. In condizioni gravissime è stata trasportata in ospedale a Frosinone e sottoposta ad un delicato intervento chirurgico ma, questa notte, Guglielma Rota ha smesso di vivere uccisa dallo shock emorragico. L’animale, microcippato e di proprietà di un parente della vittima è stato sequestrato ed affidato al padrone che lo manterrà a disposizione della magistratura che ha disposto anche l’autopsia sul corpo della 83enne. Bisogna capire se l’anziana è morta a causa dei morsi del cane o se è caduta e morta a causa di un malore procurandosi una ferita che ha attirato, solo successivamente l’attenzione del cane. Seppure è un molosso, il Bull Terrier è considerato tutt’altro che aggressivo e una situazione del genere, che vedrebbe il cane capace di una simile aggressione, coglie di sorpresa chi conosce il carattere mite dell’animale. Al momento, i carabinieri di Frosinone stanno valutando la posizione del proprietario compresso tra il dispiacere della perdita della parente e che ad ucciderla possa essere stato proprio il suo amato cane. Ermanno Amedei

15 luglio 2013 0

Si toglie la vita con la pistola sparachiodi. Imprenditore di Pofi aveva ancora cartella esattoriale in tasca

Di redazione

Si é tolto la vita con la pistola spara chiodi, di quelle usate per uccidere gli animali da macello. Roberto Nirchi, 64 anni di Pofi, imprenditore edile, era scomparso la sera le 3 luglio. Da allora lo hanno cercato ovunque ma oggi, il suo furgone bianco é stato notato nei pressi dell’abbazia di Santa Scolastica a Subiaco. I carabinieri hanno cercato nei paraggi del mezzo e, ad un centinaio di metri, hanno trovato il corpo esanime dell’uomo. In tasca aveva ancora una cartella esattoriale di alcune decine di migliaia di euro. L’imprenditore si é ucciso la sera stesa della sua scomparsa.

29 gennaio 2013 0

Frana muro di contenimento a Pofi, paura tra i residenti di Borgo Garibaldi

Di redazione

Un lungo tratto di muro di contenimento alto circa 10 metri è franato questa mattina in via Buoncammino in località Borgo Garibaldi a Pofi. L’episodio è avvenuto poco prima delle 6 di questa mattina creando spavento tra i residenti della zona che hanno visto le proprie abitazioni minacciate dalla frana. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Frosinone che hanno presidiato la zona stabilendo che nessuna casa fosse in pericolo. Danni, invece, alla linea telefonica i cui cavi sono stati strappati dalla frana. GUARDA LE ALTRE FOTO