Categoria: Serrone

25 giugno 2018 0

Concerto della Fanfara della Legione Allievi Carabinieri di Roma a Serrone

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SERRONE (FR) – Ieri 24 giugno 2018, all’interno della suggestiva piazza Romolo Fulli di Serrone, si è tenuto un emozionante concerto della Fanfara della Legione Allievi Carabinieri di Roma.

La manifestazione, promossa dalla locale Associazione Culturale “Rocca d’Oro”, ha riscosso un’ampia partecipazione della cittadinanza.

Il complesso musicale, diretto dal Maestro Maresciallo Maggiore Danilo Di Silvestro, si è esibito all’interno di un gremitissimo e caratteristico anfiteatro eseguendo brani di assoluto rilievo.

L’esibizione del complesso musicale, sebbene limitata dalle incerte condizioni atmosferiche, ha letteralmente commosso i presenti, comprese le numerosissime autorità intervenute, che hanno ripetutamente manifestato l’apprezzamento per lo spettacolo con interminabili applausi.

La cerimonia è terminata con la consegna del premio “Rocca d’Oro”. Tra i destinatari del riconoscimento si segnalano: Mons. Vincenzo Pizzimenti, Capo del Servizio di Assistenza Spirituale del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri; Col. Fabio Cagnazzo, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Frosinone; Fanfara della Legione Allievi di Roma, premiata unitamente al Maestro Mar. Magg. Danilo Di Silvestro.

28 settembre 2016 0

Serrone – Giardino intitolato ad Antonio Roazzi, martire delle Fosse Ardeatine

Di Antonio Nardelli

Serrone – Proseguendo in un percorso complessivo che ha avviato fin dal suo insediamento, l’Amministrazione comunale di Serrone ha intitolato il giardino di via Prenestina (antistante la biblioteca comunale) al martire delle Fosse Ardeatine Antonio Roazzi.

Alla cerimonia, insieme al sindaco, Natale Nucheli, e all’assessora alla cultura, Antonietta Damizia, erano presenti il presidente Provinciale Anpi di Frosinone, Giovanni Morsillo, il parroco di La Forma, don Ramon, alcuni familiari del Roazzi e le due classi di terza media di Serrone, accompagnate dal preside Tommaso Damizia.

Per la circostanza il sindaco e l’assessora hanno ricordato il martire Antonio Roazzi, evidenziandone il valore dimostrato nel perseguire, fino alla morte, la difesa dei diritti. Nucheli e l’assessora Damizia hanno ripercorso la storia di Antonio Roazzi – soffermandosi sul suo impegno nella Resistenza romana – e hanno ricordato l’eccidio delle Fosse Ardeatine, sottolineandone l’efferatezza e concludendo l’intervento con un impegno: “Altre iniziative verranno proposte oltre a questa, perché riteniamo sia doveroso mantenere alta la memoria e vivo il ricordo della Resistenza, dei suoi eroi e dei suoi valori, che sono e saranno per sempre anche i nostri valori”.

Il Presidente dell’ANPI Frosinone Giovanni Morsillo, dopo aver ringraziato l’amministrazione di Serrone elogiandone l’impegno mostrato in più occasioni nell’onorare la memoria , ha ripercorso brevemente la storia della Resistenza, sottolineando come il territorio di Serrone abbia avuto un ruolo importante in questa pagina di storia: “Lo studio è fondamentale per poter acquisire gli strumenti necessari a poter comprendere ed orientare la propria vita- ha detto ai ragazzi- Occorre che ciascuno di noi sii impegni in prima persona per poter migliorare la società in cui viviamo., così come si sono impegnati in prima persona Antonio Roazzi e gli altri Partigiani che si sono battuti ed hanno sacrificato la loro vita per darci un paese libero e democratico”.

In tal senso va visto l’incontro che si è deciso di organizzare a scuola, in prossimità del 25 aprile insieme all’Anpi provinciale, per approfondire il tema della resistenza e del valore dei suoi martiri.

Come si ricorda nella delibera di intitolazione: “il 24 marzo del 1944 si compì l’eccidio delle Fosse Ardeatine, come rappresaglia per un attacco partigiano compiuto da membri dei Gruppi di Azione Partigiana romani contro truppe germaniche in transito in via Rasella, attentato che aveva causato la morte di 33 militari. I tedeschi, guidati da Herbert Kappler, ufficiale delle SS, comandante della polizia tedesca a Roma, trasportarono alle Fosse Ardeatine – una cava di tufo situata tra le catacombe di San Callisto e Santa Domitilla sulla via Ardeatina – 335 fra detenuti politici (civili e militari), ebrei o semplici sospetti (scelti assieme al questore fascista Pietro Caruso) e li trucidarono”. “Per la sua efferatezza – prosegue -, l’alto numero di vittime e per le tragiche circostanze che portarono al suo compimento, l’eccidio delle Fosse Ardeatine divenne l’evento simbolo della durezza dell’occupazione nazista di Roma”. “Tra i martiri delle Fosse Ardeatine figura anche Antonio Roazzi, nato a Serrone il 17/02/1898, appartenente al Movimento Comunista d’Italia – Bandiera Rossa Roma” al quale, da oggi, Serrone ha dedicato un giardino affinché venga ricordato per sempre.

7 dicembre 2014 0

Schianto con lo scooter, grave 14enne di Serrone trasportato a Roma

Di admin

Sono gravi, ma non in pericolo di vita, le condizioni di un 14enne che, nella tarda mattinata di oggi, è rimasto coinvolto in un incidente a Serrone mentre era in sella al suo scooter. Il due ruote, per cause ancora la vaglio dei carabinieri, si è scontrato con un furgone e per in ragazzino è stato necessario chiedere l’intervento di una eliambulanza che è atterrata in prossimità del luogo dell’incidente. Il 14enne è stato trasportato al Gemelli a Roma dove è ricoverato in prognosi riservata.

1 agosto 2014 0

Gli trovano a casa 2,3 chili di marijuana, arrestato 46enne di Serrone

Di admin

Gli hanno trovato quasi due chioli e mezzo di marijuana a casa e, per questo, un 46enne di Serrone, già noto alle forze dell’ordine. È stato arrestato dai carabinieri della stazione di Piglio per detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Nel corso della perquisizione domiciliare, infatti, i militari gli hanno trovato in casa piante di Marijuana per un peso di circa 2,3 chili oltre al materiale necessario per il confezionamento.

Er. Amedei

25 ottobre 2013 0

Primo anniversario della biblioteca di Serrone, si festeggia in “Viaggio tra i suoni d’America”

Di admin

In occasione del 1° anniversario della Biblioteca di Serrone, è in programma l’evento “Viaggio tra i Suoni d’America” – dal Blues al Jazz. Lo spettacolo, che si svolgerà il 26 ottobre 2013 dalle ore 17.00 alle 20.00, a Serrone (FR), in Via Prenestina 136, presso la Delegazione, prevede l’esibizione musicale della RED MOON D. BAND, che ci accompagnerà lungo il viaggio e ci farà rivivere emozioni e storie di altri tempi. Un momento di festa condiviso, per celebrare quel sapere itinerante, tra giovani, adulti, anziani, diversamente abili, interculturalità, che nasce dalla realizzazione una serie di iniziative, ad incremento delle attività di interesse collettivo.

“I risultati ottenuti in termini di partecipazione dei cittadini e della varietà di iniziative proposte in questo primo anno di attività – afferma il Sindaco, Natale Nucheli – ripaga i grandi sforzi compiuti dall’amministrazione per allestire una biblioteca di qualità, darle una sede di pregio con arredi moderni e funzionali e un patrimonio librario importante”.

“In questo anno – aggiunge Nucheli – i cittadini di Serrone e delle sue frazioni hanno dimostrato di aver accolto nel modo migliore questo servizio e tantissimi sono stati anche i bambini e gli adolescenti che hanno trovato nel libro un compagno con cui condividere il loro tempo libero. Pertanto sarà impegno mio e della mia amministrazione continuare a promuovere e sostenere questo importante servizio”.

Tra gli obiettivi costantemente cercati, oltre la funzione del prestito, è la progettazione di attività di animazione culturale che sappiano collegare realtà ed individualità omogenee ed eterogenee, in cui la biblioteca sia luogo di incontro, di scambio e di scoperte comuni. “Leggere permette di acquisire e fare propri gli strumenti culturali per interpretare e comprendere la complessità del reale e della società – dichiara la delegata alla cultura Antonietta Damizia – la nostra biblioteca in questo primo anno di attività, ma anche nelle iniziative in programma per il prossimo futuro, si caratterizza per essere non solo strumento di diffusione di cultura, ma anche luogo di aggregazione, di confronto, di condivisione e di costruzione di identità. Pertanto sostenere le iniziative di una biblioteca in un momento in cui gli enti locali devono fare i conti con l’esiguità delle risorse a disposizione, non solo rappresenta un segnale di speranza, ma anche un investimento per il futuro”.

Ciò è tanto più importante di fronte alle grandi problematiche che attraversano il “mondo dei giovani”, per cui trovare i sentieri per un vivere civile nella solidarietà, rispettando le diversità, è già discorso di una qualità culturale di cui la biblioteca si dovrebbe fare portatrice anche nell’offerta delle opportunità formative. Sarà un momento e di intrattenimento e di incontro culturale con la storia dell’arte dei suoni, fatta di musica, parole ed emozioni da vivere.

20 settembre 2013 0

Domani a Serrone tante vecchie glorie per inaugurare la mostra: “Da quel 73-74 ad oggi: 40 anni di sofferenze e trionfi”

Di admin

Un tuffo nel passato indietro di 40 anni. E’ quello che, domani alle 18 Serrone presso l’Infopoint (presso la vecchia stazione), faranno i tanti tifosi biancazzurri che arriveranno a Serrone per ammirare l’esposizione “Da quel 73-74 ad oggi: 40 anni di sofferenze e trionfi”. Un evento, che si terrà presso l’Infopoint Serrone (locali ex stazione ferroviaria) e che vedrà la presenza di moltissime figure storiche biancocelesti come Bruno GIORDANO, Vincenzo D’AMICO, Pino WILSON, Massimo PISCEDDA, Fernando ORSI e Giancarlo ODDI e tanti altri (tra cui Stefano Re Cecconi, Gabriele Paparelli, Guido De Angelis, Toni Malco, etc), che non mancheranno di essere presenti ad una manifestazione che segna un quarantennio importante della storia della Lazio.

21 agosto 2013 0

Al via a Serrone cinque giorni di festa per la 55esima Sagra del Cesanese

Di admin

Cinque giorni all’insegna dell’enogastronomia e del divertimento per la 55esima Sagra del Cesanese che, come ogni anno, si svolgerà a Serrone, in località La Forma. Per il terzo anno consecutivo torna anche lo spettacolare Palio delle Botti a cui prenderanno parte diversi comuni dell’Associazione Nazionale Città del Vino.

MERCOLEDI 21 AGOSTO

Ore 17.30 il Comune di Serrone in collaborazione con il Distretto Socio Assistenziale “A” presenta Gonfiabili in piazza Pais

Ore 21.00 Spettacolo teatrale “Du’ ova de fettuccine” presentato dalla Compagnia “Atto I” nel teatro Karol Wojtyla in piazza Pais

GIOVEDI 22 AGOSTO

Ore 20.00 Apertura stand gastronomico

Ore 21.30 Serata danzante con “Patrizio e Francesca” con liscio e balli di gruppo

VENERDI 23 AGOSTO

Ore 10.30 4a edizione del “Carraro day” con gli amici del Carraro

Ore 16.00 Giochi d’acqua in piazza Ore 20.00 Apertura stand gastronomico

Ore 21.30 Spettacolo musicale con “James Porkereccio Cesanese Band“

Ore 24.00 Disco music con dj Chief

SABATO 24 AGOSTO

Ore 15.00 “Corsa delle Carrozzette” in via Merago

Ore 17.30 Giochi popolari in costume ciociaro in P.zza Francesco Pais

Ore 19.00 “Gustiamo il territorio” percorso enogastronomico di prodotti locali

Ore 20.00 Apertura stand gastronomico

Ore 21.30 Spettacolo musicale con “I Figli delle Stelle“

DOMENICA 25 AGOSTO

Ore 11.00 Presentazione squadre dei Comuni partecipanti al “Palio Nazionale delle Botti” in Piazza Pais

Ore 17.00 Corteo storico: sfilata in costume ciociaro accompagnata dalle coreografie degli sbandieratori di Cori

Ore 18.00 III Palio Nazionale delle botti ideato dalle “Città del Vino”

Ore 20.00 Apertura stand gastronomici

Ore 21.30 Spettacolo musicale con “Antonio Sorgentone Band“

Ore 23.30 Estrazione lotteria

Ore 24.00 Spettacolo pirotecnico

20 luglio 2013 0

Ruba corrente all’Enel per alimentare l’officina carrozzeria

Di redazione

Gli staccano la corrente per morosità, e lui aggira l’ostacolo, anzi, il contatore, e alimenta la sua carrozzeria rubando energia elettrica all’Enel. E’ accaduto a Serrone dove l’artigiano è stato denunciato a piede libero dai carabinieri di Piglio per furto con scasso dato che, per arrivare alla linea ha forzato la cassetta della società energetica. L’indagine svolta dai militari ha quindi inchiodato il carrozziere alle sue responsabilità e per tutelarsi si è rivolto allo studio legale Giuliano di Serrone. Er. Am.

24 aprile 2013 0

Il Comune di Serrone avrà presto il nome sull’uscita dell’A1

Di admin

Dopo diversi tentativi, e le solite pastoie burocratiche, stavolta l’iter per l’inserimento della dicitura “Serrone” sui tabelloni autostradali della A1 sembra andare nella direzione giusta. La Società Autostrade ha, infatti, già valutato positivamente il primo passaggio della richiesta presentata dal Comune di Serrone che si avvia ora spedita verso la commissione congiunta (Ministero/Società) che dovrà dare il via libera definitivo.

“Ci preme evidenziare – scrive il sindaco Maurizio Proietto nella sua richiesta – che, nonostante il nostro Comune disti dal casello di Colleferro meno di 10 km, il nome di Serrone non risulta presente, come non risulta presente in alcuna altra tabella dell’autostrada A1. Il nostro paese ha delle peculiarità che lo rendono particolarmente appetibile ad una moltitudine di persone che arrivano qui in modo del tutto sporadico e, pertanto, necessitano di adeguata segnaletica stradale. Tale mancanza crea frequenti disguidi e grosse difficoltà”.

Nello specifico Proietto indica la presenza sul territorio comunale del Monte Scalambra, col suo santuario della Madonna della Pace (dove un anno fa fu segnalata un’apparizione della Madonna di Medjugorie), uno dei più importanti punti di decollo per parapendio presenti nel Lazio, pista ciclabile, il sentiero naturalistico E1, la Strada del Cesanese, il museo permanente del costume teatrale, l’archivio storico intercomunale oltre a circa 250 posti letto inseriti nel circuito dei pernottamenti di chi si reca al vicino parco a tema Magicland.

“Sono fiducioso – commenta Proietto – perché stavolta finalmente ce la possiamo fare. L’iter è partito, abbiamo già superato il primo passaggio e in poco tempo avremo questo importante riconoscimento”.

18 aprile 2013 0

Il presidente del Tribunale di Frosinone Sciascia è cittadino onorario di Serrone

Di redazione

Con una cerimonia molto partecipata, e sentita, questa mattina nell’aula consiliare del Comune di Serrone è stata conferita la cittadinanza onoraria al presidente del Tribunale di Frosinone, Tommaso Sebastiano Sciascia. Di fronte al Consiglio comunale riunito al gran completo il sindaco Maurizio Proietto e la baby sindaco Sara Fulli hanno consegnato al magistrato la prestigiosa onorificenza. Dopo aver spiegato le motivazioni che hanno portato il Comune a riconoscere a Sciascia la cittadinanza onoraria (in allegato), il sindaco Proietto ne ha illustrato il lato umano e la grande attenzione rivolta anche alle problematiche occupazionali del territorio. Dal canto suo il presidente Sciascia, entusiasta del riconoscimento, ha esordito precisando che il luogo comune che “i politici sono tutti uguali” è smentito “dall’impegno e dal sacrificio con cui il sindaco Maurizio Proietto ha interpretato per dieci anni il proprio mandato, sempre attento alle esigenze del proprio territorio e della propria gente”. Il presidente Sciascia ha poi rivolto un invito ai ragazzi delle scuole presenti in aula “a studiare sempre con impegno, perché lo studio apre la mente e offre opportunità importanti”. Nel concludere il magistrato ha anche illustrato le diverse vicende che, nella vita, lo hanno portato ad avere un legame speciale con la Ciociaria: “da bambino – racconta – ho avuto per un periodo una balia ciociara poi, ad inizio carriera, sono stato nominato Pretore a Cassino, poi ho sposato una donna originaria di Ceccano, sono diventato Presidente del Tribunale di Frosinone e oggi l’onore di questa cittadinanza”. Presenti alla cerimonia anche il comandante della Compagnia carabinieri di Anagni, capitano Costantino Airoldi, e quello della stazione carabinieri di Piglio, maresciallo Domenico Serpico. “Quella di Sciascia – afferma il capitano Airoldi – è una figura importante anche per noi carabinieri visto che, come presidente del Tribunale, ha sempre svolto per noi una funzione di guida, attenta e autorevole”.