Categoria: Formia

23 marzo 2018 0

Formia, ANA denuncia: “Bagni pubblici chiusi al mercato, è mancanza di rispetto”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FORMIA – “Una delegazione di operatori e dirigenti dell’ANA Provinciale di Latina ha effettuato ieri mattina un sopralluogo nell’area del mercato settimanale del giovedì per verificare la situazione di degrado abbandono e di degrado in cui versa, ormai da alcuni mesi”.

Lo si legge in una nota di ANA Latina (Associazione Nazionale Ambulanti)

“Erano stati gli stessi operatori nelle scorse settimane a rivolgersi al Segretario Nazione della ANA ed ai Dirigenti Provinciali della Associazione affinché intervenissero.

Tuttavia prima di sollecitare il Commissario Straordinario e le Autorità competenti ad intervenire ci è sembrato utile e giusto verificare quanto da loro denunciato e constatare la effettiva gravità della situazione.

Ma nessuno si immaginava di trovare persino i bagni pubblici di un cosi grande mercato, inspiegabilmente chiusi e sigillati. Neanche un cartello di scuse che motivasse la loro chiusura. Nulla di nulla.

Era già noto lo stato di degrado in cui versavano i servizi igienici, in uno stato di incuria al punto che sono di fatto inaccessibili ed infrequentabili sia da parte degli operatori che degli utenti. Ma nulla lasciava presagire una tale decisione che ha privato uno dei più grandi mercati della Provincia di Latina dell’unico servizio a disposizione dei circa 300 operatori e degli utenti del mercato.

Chiunque ha assunto tale decisione ha mostrato una totale assenza di rispetto verso gli uni (che giungono al mercato dalle prime ore dell’alba per svolgere la loro attività di lavoro) e verso gli altri (a cui si crea un disagio nei momenti del bisogno).

E’quindi  inaccettabile che  un’area di mercato che ospita un così alto numero di operatori e che assorbe una consistente utenza da tutti i Comuni del Sud Pontino sia lasciata in uno stato di abbandono da parte della Amministrazione Comunale.

Nel panorama dei disagi e dei danni che l’ANA sta denunciando alle autorità nazionali per quanto si sta verificando in Italia nei mercati per via delle avverse condizioni climatiche, non ci aspettavamo che un Comune si comportasse così verso i commercianti ed i cittadini.

Per questa ragione l’ANA Provinciale di Latina rivolge un accorato il Commissario Prefettizio affinché risolva in tempi rapidi il problema dei servizi igienici al mercato ed informa che chiederà un incontro con lo stesso per affrontare le vari problematiche del mercato”.

20 marzo 2018 0

Pub in fiamme a Formia, incendio si propaga dalla cucina

Di admin

FORMIA – Pub in fiamme, ieri sera, in via Gianola a Formia. L’allarme è stato lanciato alle 21 circa e sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Gaeta. Arrivati prontamente sul posto, i pompieri hanno stabilito che le fiamme si erano propagate al locale partendo dalla cucina, presumibilmente per cause accidentali, iniziando così l’opera di spegnimento. Fondamentale anche il pronto intervento del proprietario stesso, prima dell’intervento dei vigili del fuoco, che ha arginato il propagarsi delle fiamme con l’ausilio di un estintore. Poi è stato visitato dagli operatori del 118 ma solamente a scopo precauzionale.

6 marzo 2018 0

Formia, minaccia la compagna. Allontanato dall’abitazione e denunciato

Di redazione

La Polizia di Stato Questura di Latina è intervenuta in una zona residenziale di Formia, a seguito di segnalazione pervenuta al centralino di soccorso pubblico 113 relativa ad una lite in famiglia. Sul posto è stato accertato che vi era stato un violento alterco tra un uomo e la compagna, la quale si era asserragliata in bagno insieme ai propri tre figli, tutti minori. Nel mentre gli agenti cercavano di ricomporre il dissidio, l’uomo ha dato in escandescenza, arrivando a minacciare di morte la donna, dopodiché si scagliava contro gli uomini in divisa, allontanandosi repentinamente dall’abitazione e facendo perdere le proprie tracce sino a quando, nella mattinata odierna, lo stesso è stato rintracciato. Nel corso delle ricerche, la donna con i tre figlioletti è stata condotta e assistita presso gli Uffici del Commissariato Distaccato di P.S. di Formia, dove ha riferito di una burrascosa relazione sentimentale con il compagno, sfociata in alcune circostanze anche in eccessi. Accertato quanto sopra, la persona è stata deferita in stato di libertà giacché responsabile di maltrattamenti in famiglia, minacce gravi, danneggiamento e resistenza a P.U.. Ulteriormente, d’intesa con la Competente A.G. è stata inoltre eseguita nei suoi confronti la misura urgente dell’allontanamento dalla casa familiare ex art. 384 bis c.p.p.. Foto d’archivio

2 marzo 2018 0

Camorra, tesoro da 22 milioni di euro confiscati all’imprenditore Zangrillo

Di admin

FORMIA – “La Direzione Investigativa Antimafia di Roma, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale penale di Latina – Sezione Misure di Prevenzione – su proposta del Direttore della D.I.A., ha confiscato a Formia (LT) ed in altre località delle province di Latina, a Frosinone, a Napoli e ad Isernia, il patrimonio dell’imprenditore Vincenzo Zangrillo ritenuto vicino al clan dei casalesi”.

Lo si legge in una nota stampa della Dia di Roma.

“Con un passato di fabbro-carrozziere, nel corso degli anni Zagrillo ha fatto registrare un’improvvisa e quanto mai ingiustificata espansione economica, affermandosi come imprenditore in svariati settori commerciali, divenendo titolare, direttamente e/o indirettamente, di numerose società operanti nei settori del trasporto merci su strada, del commercio all’ingrosso, dello smaltimento di rifiuti, della locazione immobiliare e del commercio di autovetture. Le investigazioni della D.I.A. hanno permesso di dimostrare il nesso tra l’espansione del suo patrimonio individuale e imprenditoriale (a fronte di redditi dichiarati al fisco nettamente inferiori alle reali capacità economiche) e le attività illecite da lui commesse nel corso degli anni, tra cui spiccano il traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di rifiuti illeciti, nonché l’associazione a delinquere, il riciclaggio e il traffico internazionale di autoveicoli, reati per i quali risulta anche essere stato arrestato. Tra i beni oggetto dell’odierna confisca, nella disponibilità dello Zangrillo e del suo nucleo familiare, vi sono circa 200 mezzi (autoarticolati, autovetture, motocicli, furgoni), 150 immobili (abitazioni, uffici, opifici e magazzini), 21 ettari di terreni ubicati nelle province di Latina e Frosinone, 6 società, 21 conti correnti e rapporti bancari di varia natura, per un valore complessivo di oltre 22 milioni di euro”.

19 febbraio 2018 0

Formia, vendevano sul web divise della Guardia di finanza. Merce sequestrata e denunciate due persone

Di redazionecassino1

LATINA – In adesione all’indirizzo operativo e alle specifiche direttive impartite dal Comando Provinciale di Latina, finalizzate alla prevenzione e alla repressione anche di quei traffici illeciti che si realizzano attraverso l’uso del web, le Fiamme Gialle del Gruppo di Formia individuavano sul noto sito di annunci online “Subito.it”, una inserzione relativa alla vendita di un’uniforme del Corpo.

I Finanzieri, effettuati i dovuti riscontri sulla veridicità dell’annuncio, e monitorata la sua pubblicazione on-line, interessavano la competente Procura della Repubblica di Cassino, nella persona del P.M. Emanuele De Franco, che disponeva l’esecuzione di una perquisizione presso il domicilio dell’inserzionista. A casa di un sessantottenne formiano venivano, così, rinvenute e sequestrate le mostrine originali (riproducenti le Fiamme Gialle) che sono apposte al bavero delle giacche delle uniformi del Corpo e le prove della spedizione della divisa ad un acquirente siciliano.

La spedizione veniva, quindi, tracciata elettronicamente e l’acquirente, un siciliano di 34 anni, identificato e segnalato alla Procura di Cassino che emetteva un nuovo decreto di perquisizione a suo carico. L’uniforme venduta online, una volta a destinazione, veniva intercettata dai militari della Tenenza di Acireale (CT) che la sottoponevano a sequestro unitamente ad altra (completa di mostrine, camicie, cravatta e cinturoni) rinvenuta presso quella medesima abitazione.

Il Codice Penale e il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza contengono norme che puniscono severamente chi illegittimamente fabbrichi, detenga o commercializzi uniformi militari e segni distintivi di Corpi di polizia, tenuto conto della particolare delicatezza dei beni in questione; beni che, in un’epoca caratterizzata da una generalizzata allerta per terrorismo e da un incremento esponenziale dei tentativi di truffa, occorre viepiù tutelare, neutralizzando qualsiasi possibile fonte di loro illecito utilizzo.

7 febbraio 2018 0

Formia, 53enne stacca dito a morsi durante lite in stazione di servizio: denunciato

Di admin

FORMIA – Una lite tra due uomini in una stazione di servizio di Formia finisce con un dito quasi staccato con un morso. Ad evitare il peggio sono stati i carabinieri intervenuti per riportare l’ordine e denunciare per il reato di lesioni personali un 53enne di Formia.

L’uomo, nel corso della lite avvenuta per futili motivi, con un 47enne, dopo essere stato aggredito da quest’ultimo, nella fase della colluttazione lo ha morso ad un dito della mano destra procurandogli delle gravi lesioni.  Il malcapitato è stato soccorso dai sanitari del 118 accorsi sul posto e, trasportato presso il locale ospedale civile, è stato giudicato guaribile in 30 giorni.

Anche l’autore del morso, ha avuto bisogno delle cure del pronto soccorso a causa di contusioni multiple riportate durante la colluttazione.

2 febbraio 2018 0

Formia: Rapine e lesioni, due giovani vengono arrestati

Di redazione

Nella mattinata odierna gli agenti del Commissariato di PS di Formia hanno notificato la misura degli arresti domiciliari a carico di un 22enne di Formia e di un 21 enne di Pontecorvo, responsabili in concorso tra loro dei reati di rapina e lesioni personali. I due sono stati protagonisti di due distinti episodi di furto con strappo. Il primo è accaduto ai danni di un giovane formiano nei pressi di una palestra sita in Penitro di Formia. In quella circostanza una persona alta circa m. 1.80 dell’età di circa 20/25 anni, travisato da un cappuccio, chiedeva alla propria vittima di offrirgli una sigaretta. Approfittando di un attimo di distrazione, in maniera fulminea, afferrava la catena d’oro indossata dal ragazzo, staccandola e dandosi precipitosamente alla fuga. Il secondo episodio, avvenuto pochi giorni dopo, in pieno centro a Formia, precisamente in Piazza Marconi, alle 05.50, ai danni di una badante che si apprestava a prendere servizio presso i propri datori di lavoro. Anche in quella circostanza due giovani di età apparentemente intorno ai 20 anni, parzialmente travisati, avvicinavano la propria vittima e dopo averla minacciata, si impossessavano della borsa contenente 300 euro. Le indagini immediatamente partite sulla base delle descrizioni fornite dalle vittime delle rapine, hanno visto anche l’utilizzo di alcuni filmati raccolti dagli impianti di videosorveglianza posti in alcune attività della zona. Si è riusciti ad individuare una telecamera che era riuscita ad immortalare gli autori del secondo episodio sopra descritto, nel momento in cui gli autori del reato, avvistavano la loro vittima per poi seguirla e commettere la rapina. Dalla visione delle immagini si aveva una indicazione più precisa dei due malviventi e permetteva di restringere la rosa delle persone sospettate. Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, gli Agenti del Commissariato di Formia, avevano modo di controllare numerose persone e tra queste, quelle che più si avvicinavano per conformazione fisica, colore dei capelli ed età ai due giovani sospettati. La fotografie di uno di loro, con precedenti specifici per rapina, unitamente a quella di un coetaneo solito frequentarlo, venivano sottoposte alla visione delle vittime, le quali non avevano esitazione a riconoscerli come gli effettivi autori dei reati commessi ai loro danni. Le conclusioni investigative sono state sottoposte al vaglio del Sost. Procuratore De Franco del Tribunale di Cassino, il quale, valutati gli elementi forniti dalla Polizia , ha richiesto un’ordinanza restrittiva della libertà al G.I.P. di Cassino. Il provvedimento a firma del Giudice Scalera è stato eseguito nella mattinata odierna. I due episodi, per i quali gli odierni fermati sono stati posti in regime degli arresti domiciliari e controllati tramite braccialetto elettronico, si affiancano ad ulteriori tre denunce per reati analoghi, verosimilmente commessi dagli stessi nello stesso periodo e per i quali è stata opportunamente informata l’Autorità Giudiziaria. Foto d’archivio

29 gennaio 2018 0

Formia, controlli del territorio serrati della polizia, denunciati tre campani

Di redazionecassino1

Formia – All’esito dei servizi di controllo del territorio, predisposti dal sig. Questore di Latina Carmine Belfiore, gli agenti del Commissariato P.S. di Formia hanno denunziato tre pregiudicati provenienti dalla Campania per violazione del divieto di ritorno loro irrogato con provvedimento emesso dalla Questura di Latina; un giovane formiano è stato invece deferito alla Prefettura di Latina per il possesso di circa 5 grammi di hascisc.

Il primo episodio è avvenuto a seguito dell’identificazione di tre individui in un quartiere periferico di Formia da parte del personale della squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato, impegnata nell’attività di prevenzione e repressione dei furti in abitazione. Le tre persone sono state sorprese nei pressi di una zona residenziale senza giustificato motivo ed incuranti del precedente provvedimento di divieto di ritorno che le aveva colpite circa due anni fa. Le persone in argomento sono state sottoposte a perquisizione personale con esito negativo e sono state quindi deferite all’A.G..

Nei loro confronti verrà proposto un provvedimento di tipo cautelare di competenza indirizzato alla Questura di provenienza.

Il secondo episodio riguarda i controlli effettuati nei luoghi della movida formiana, frequentati da una moltitudine di giovani provenienti anche dalle province limitrofe, specialmente nei fine settimana. In particolare, in Largo Paone, sono stati identificati numerosi giovani in questo fine settimana e tra questi un gruppo particolarmente vivace che si era evidenziato all’attenzione degli agenti operanti. Tra questi vi era un ventenne in stato di particolare alterazione psicomotoria, il quale è stato trovato in possesso di 4,7 grammi di hascisc posti immediatamente sotto sequestro. Il ragazzo è stato segnalato alla Prefettura di Latina, come previsto dalla normativa.

La Volante del Commissariato di Formia è inoltre intervenuta in zona di Gianola, a causa di una violenta lite in famiglia. Da quanto accertato vi era stata una violenta colluttazione tra un uomo, recentemente separatosi dalla moglie, ed il nuovo convivente della donna. Il sollecito intervento degli uomini della Polizia di Stato ha evitato che la lite degenerasse in tragedia. Infatti nel corso della violenta discussione, l’ex marito veniva ferito dal nuovo compagno della moglie, che afferrava un apri bottiglia colpendolo al collo. Fatta intervenire d’urgenza l’ambulanza, si provvedeva a tamponare la ferita, dalla quale usciva sangue copiosamente. Ascoltate le parti e ricostruita la dinamica dei fatti, i due uomini sono stati denunziati all’Autorità giudiziaria di Cassino per lesioni. Entrambi hanno riportato ferite guaribili entro i dieci giorni.

 

 

25 gennaio 2018 0

Formia, Gambero Rosso premia GretelFactory per miglior gelato d’Italia

Di admin

FORMIA – “Siamo orgogliosi e fieri di questa riconferma. Riuscire a mantenere alto il livello di qualità del nostro prodotto va di pari passo con gli altri aspetti del nostro progetto: ‘filiera Ac-corta’, fornitori del territorio, educazione alimentare e sensibilizzazione alla legalità. Mission di GretelFactory è diffondere la cultura dell’alimentazione perché il gelato, il cibo, non sono prodotti commerciali ma elementi di vita e di crescita”.

Queste le parole di Veronica Fedele, titolare di GretelFactory, la gelateria di Formia premiata ieri, per il secondo anno consecutivo, con i Tre Coni del Gambero Rosso, riconoscimento che va ai migliori gelatieri d’Italia.

13 gennaio 2018 0

Sparatoria a Formia tra carabinieri e latitante, ferito malvivente

Di admin

FORMIA. – Gli hanno intimato l’alt e lui ha estratto una pistola ma il carabiniere lo ha preceduto e gli ha sparato ferendolo ad una spalla.

E’ accaduto ieri sera a Formia In piazza Sant’Erasmo nel quartiere di Castellone dove il ferito risponde al nome di Filippo Ronga 41enne di Sant’Antimo, esponente del clan Ranucci, latitante dal 2013. I militari della compagnia di Giuliano in Campania stavano segue alcuni suoi parenti quando se lo sono trovati davanti.

Il 41enne per nulla intimidito avrebbe estratto la pistola ma prima di usarla è stato raggiunto dai colpi esplosi da un militare campano. Ferito alla spalla è stato arrestato e trasportato in ospedale a Formia dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Fermati i due suoi presunti fiancheggiatori. All’operazione hanno dato supporto i carabinieri della compagnia di Formia..

Ermanno Amedei

Foto Giuseppe Miele