Categoria: Terracina

15 novembre 2018 0

Minaccia di dar fuoco alla casa se la ex non apre, arrestato a Terracina marito violento

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TERRACINA – Gli Agenti del Commissariato di Terracina hanno arrestato nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia S.B. 48enne di origine indiana. L’uomo, in fase di separazione dalla moglie, aveva cercato di introdursi all’interno dell’abitazione della stessa per aggredirla, così come già aveva fatto numerose volte. Le violenze a cui, negli anni di convivenza con il marito, la donna è stata sottoposta l’avevano persuasa circa tre mesi fa a rivolgersi alla Polizia di Stato. Oltre ai soprusi sulla moglie, l’uomo noncurante della presenza della figlia di 7 anni faceva vivere nel terrore l’intero nucleo familiare. Dopo la prima denuncia sporta in Commissariato dalla vittima e le continue richieste d’intervento formulate al 113, l’aguzzino aveva deciso di allontanarsi spontaneamente dall’abitazione di famiglia. Purtroppo quella che sembrava essere una nuova pagina nel corso della vita delle due sventurate vittime si è poi rivelata solo una breve pausa. L’uomo infatti, pur non coabitando più nell’abitazione di famiglia, aveva cominciato a presentarsi ad ogni ora del giorno e della notte minacciando di dare fuoco all’abitazione se non gli fosse stato aperto. I suoi raid, finalizzati a generare terrore, erano fulminei, tanto che le Volanti del Commissariato non riuscivano a coglierlo in flagranza di reato né a rintracciarlo. A questo punto veniva predisposto un servizio a tutela delle vittime, con Agenti anche in borghese, nella certezza che l’uomo si sarebbe ripresentato presso quell’abitazione. In effetti egli si presentava di buon ora, intorno alle 7 del mattino, quando, deciso ad accedere nella casa e ad aggredire la moglie, cominciava a danneggiarne il portone d’ingresso. Deciso a tutto, pronunciava frasi che tradotte da un connazionale, vicino di casa, stavano a significare che avrebbe fatto “un cimitero”. Grazie al tempestivo intervento di due equipaggi del Commissariato l’uomo veniva colto in flagranza e bloccato. La donna e la bambina in stato di shock venivano soccorse e rassicurate. Dopo le formalità di rito il cittadino indiano veniva tatto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia, imputazione per la quale annovera già precedenti specifici sempre nei confronti della moglie, quando anni addietro erano residenti in un’altra città e le sue condotte erano le medesime. In questi anni la donna, percossa con calci e pugni era finita anche in Ospedale a causa di una ferita lacero contusa che le venne suturata su una gamba quando il marito in preda ad uno dei suoi raptus l’aveva percossa con un piatto. Su disposizione dell’A.G. lo stesso verrà giudicato con rito ordinario presso il Tribunale di Latina, restando a disposizione ristretto presso la Casa Circondariale di Latina per l’udienza di convalida.

2 novembre 2018 0

Maltempo, Salvini a Terracina per i funerali delle vittime

Di admin

TERRACINA – “Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, domenica 4 novembre, sarà a Terracina per testimoniare la vicinanza alle popolazioni colpite duramente dall’eccezionale ondata di maltempo che in questa città ha provocato due morti”. Lo si legge in una nota del Viminale.

“Salvini sarà alle ore 10.00 nella Cattedrale di piazza Municipio dove assisterà alla Santa Messa.

Subito dopo si recherà in visita nei luoghi della città colpiti dalla tragedia (centro storico alto e centro storico basso, viale della Vittoria e piazzale Aldo Moro)”.

29 ottobre 2018 0

Terracina, un morto ed un ferito per la caduta di alberi sulle auto

Di admin

TERRACINA – Una tromba d’aria violentissima quella che si è abbattuta su Terracina nella centralissima via Roma. Pochi minuti di inferno sono costate una vita, quella della persona rimasta schiacciata in un’auto dal peso di un grosso pino, il ferimento di una seconda persona e danni per centinaia di migliaia di euro.

Del caso se ne stanno occupando i carabinieri della compagnia di Terracina. La situazione delle strade è a tratti tragica. L’appia è ostruita in più punti e in piiù punti si è sfiorata la tragediua come sulla Migliara 45 dove un grosso albero è caduto su una autocisterna che trasportava Gpl ma colpendo il cabinato e non la cisterna.

Intanto la protezione civile della Regione Lazio ha inviato dieci quadre per liberare le strade e mettere in sicurezza le aree più colpite. Sono decine gli alberi che si sono schiantati al suolo nella sola via Roma schiacciando auto e arrecando danni a strutture.

22 ottobre 2018 0

Incidente stradale a Terracina, ferite tre persone e una bambina

Di admin

TERRACINA – Quattro persone, tra cui una bambina di 5 anni sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto oggi pomeriggio a Terracina. Il sinistro tra due auto è stato segnalato alle 14.50 sulla via Pontina al chilometro 104+400. Sul posto, dove a scontrarsi sono state una Bmw e una Volvo sono accorse unità delle forze dell’ordine e vigili del fuoco oltre ad una ambulanza del 118. L’intervento dei vigili del fuoco si è reso necessario per collaborare, con i sanitari, a far uscire le persone ferite dalle vetture, successivamente trasportate d’urgenza in ospedale, e nel contempo a mettere in sicurezza i mezzi.

18 ottobre 2018 0

Caporalato a Terracina, arrestati due fratelli

Di admin

TERRACINA – Due fratelli di Terracina sono stati arrestati dagli agenti della questura di Latina e da quel del locale commissariato perchè accusati del reato di caporalato. Agli arresti domiciliari su ordine del Gip del tribunale di Latina sono finiti F.F. di 43 anni e A. F. di 47 anni  L’indagine ha preso avvio intorno alla metà di maggio 2018 nell’ambito del progetto “EMPACT THB. Traffico di esseri umani finalizzato allo sfruttamento del lavoro. Action Week 14 – 19 maggio 2018” coordinato dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, finalizzato a contrastare le associazioni per delinquere dedite al traffico di esseri umani, con particolare riferimento allo sfruttamento del lavoro.

Il complesso delle informazioni acquisite nel corso del controllo ispettivo all’Azienda Agricola dei due arrestati, è stato funzionale all’avvio di specifica attività investigativa. Il 16 maggio u.s., infatti, personale del commissariato ha proceduto ad un accesso presso alcuni campi coltivati a cielo aperto ed in serra, ubicati in via II° Macchia di Piano in località Borgo Hermada, riconducibili ai due fratelli , ove erano presenti 7 braccianti agricoli, tra cui un irregolare sul territorio nazionale. Nella circostanza si accertavano le condizione di sfruttamento lavorativo sia per ciò che attiene l’aspetto della manodopera clandestina, sia per quanto riguarda i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato, stante la reiterata condotta, tipica del reato in esame, desumibile dagli indici rilevatori: la sistematica retribuzione dei lavoratori in modo palesemente difforme dai contratti collettivi nazionali o comunque sproporzionata rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato; la sistematica violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie; la sussistenza di violazioni della normativa in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, tale da esporre il lavoratore a pericolo per la salute, la sicurezza o l’incolumità personale; la sottoposizione del lavoratore a condizioni di lavoro, metodi di sorveglianza, o a situazioni alloggiative particolarmente degradanti, con l’aggravante specifica: il numero di lavoratori reclutati sia superiore a tre; l’aver commesso il fatto esponendo i lavoratori a situazioni di grave pericolo, avuto riguardo alle caratteristiche delle prestazioni da svolgere e delle condizioni di lavoro. Gli ulteriori approfondimenti nell’ambito del contesto segnalato, hanno determinato la competente Autorità giudiziaria, che ha concordato con la tesi investigativa, a richiedere l’emissione dei citati provvedimenti restrittivi.

26 settembre 2018 0

Incidente stradale a Terracina, auto esce di strada e finisce nel canale

Di admin

TERRACINA – Esce di strada e finisce in un canale che costeggia l’arteria. Così una persona, nella tarda mattinata di oggi, è rimasta ferita nell’incidente stradale avvenuto a Terracina in via Capo dei Bufali in località Borgo Hermada. Il sinistro è avvenuto alle 11 circa e ha visto coinvolta la sola Renault su cui viaggiava il ferito.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ma al loro arrivo il ferito era già stato estratto dall’auto e trasprotato in ospedale. Con l‘autogru, invece, la macchina è stata recuperata e messa in sicurezza.

 

23 agosto 2018 0

Cecchini sulla Pontina a Terracina, identificati i giovani che hanno sparato a straniero

Di admin

TERRACINA – Sono stati identificati gli autori del ferimento del quarantunenne indiano attinto, nella serata del 19 agosto, da alcuni pallini mentre era in sella alla propria bicicletta sulla via Pontina a Terracina. Si tratta di quattro giovanissimi terracinesi che, dopo essersi armati di un fucile da softair di libera vendita, per movente in corso di accertamento,  al momento, secondo gli investigatori, non relazionabile a motivi razziali, etnici o religiosi, hanno fatto segno il  malcapitato di vari colpi, utilizzando verosimilmente pallini in alluminio sostituendoli a quelli innocui in plastica. Tre le ipotesi di reato contestate: lesioni personali aggravate, esplosioni pericolose e porto di armi o oggetti atti ad offendere. Il fucile, una riproduzione abbastanza fedele di un’arma da guerra, è stato sequestrato. Maggiori particolari nella conferenza stampa indetta presso il comando provinciale di latina alle ore 11.

13 luglio 2018 0

Inferno di fuoco nel fienile, in fiamme 200 balle di fieno

Di admin

TERRACINA – Fiamme altissime e bagliore visibile a distanza di chilometri, questa notte a Terracina dove, in via Migliara 56, è andato a fuoco un ammasso di 200 balle di fieno. Sul posto, per contrastare il fuoco, sono arrivati i vigili del fuoco del distaccamento di Terracina.

Giunti sul posto, gli operatori hanno iniziato le operazioni di spegnimento che sono state tutt’altro che semplici.

Le operazioni si sono protratte fino a tarda notte, quando, vinte le fiamme, è iniziato lo smassamento con le attrezzature in dotazione. Nessuna persona è rimasta ferita o intossicata.

18 maggio 2018 0

Terracina: Minacce e lancio di oggetti dalla finestra. 27enne dai domiciliari al carcere

Di redazione

Gli Agenti del Commissariato di Terracina, oggi hanno eseguito la Misura della Custodia Cautelare in Carcere a carico di M. L. 27enne terracinese. Lo stesso, era stato tratto in arresto lo scorso 10 Aprile in quanto colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso con un pregiudicato di Roma. I due nella circostanza furono trovati in possesso di oltre 3 Kg di HASHISH e quasi 2 etti di cocaina e dopo il rito di convalida sottoposti entrambi agli arresti domiciliari. Il giovane, che stava espiando la Misura cautelare presso la propria abitazione, in pochi giorni si è reso responsabile della reiterata violazione delle prescrizioni imposte e di gravi fatti costituenti reato. Più volte la Volante della Polizia è dovuta intervenire a causa dei comportamenti aggressivi di cui si è reso responsabile sia verso i familiari conviventi che nei confronti di altri condomini. Non sono mancate le minacce ed il lancio di oggetti dalla finestra che hanno preoccupato l’intero isolato. Lo stesso si rendeva altresì protagonista di gesti provocatori tra i quali il tentativo di danneggiare le tubature del gas. I gravi fatti venivano documentati dagli Agenti del Commissariato e, compendiati dai dovuti riscontri, confluivano nella relativa richiesta di Custodia Cautelare in carcere avanzata al Tribunale di Roma. Il ragazzo ad esito degli adempimenti di rito veniva ristretto presso la Casa Circondariale di Latina. Foto d’archivio

23 aprile 2018 0

Decine di alimenti sequestrati dal Nas in ristoranti di Terracina e Aprilia

Di admin

LATINA – Decine di alimenti mal conservati o senza la prescritta documentazione che ne comprovasse la provenienza, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas in alcuni ristoranti di Terracina e di Aprlia.

A Terracina (LT) a seguito di un controllo ispettivo condotto presso un Ristorante etnico, i militari comandati dal capitano Felice Egidio, hanno sequestrato oltre 70 chili di vari alimenti (prodotti carnei, preparazioni gastronomiche e pasta alimentare fresca), destinati ad essere somministrati agli eventuali avventori, rinvenuti congelati in un frigorifero a pozzetto, in promiscuità fra loro, senza alcuna protezione igienica in difformità delle procedure di autocontrollo e di tracciabilità degli alimenti.

Il valore degli alimenti sequestrati detenuti nelle precarie condizioni di igiene ammonta ad oltre 700 euro, mentre per gli illeciti rilevati il titolare del Ristorante Cinese sarà altresì sanzionato con oltre 4.500 euro di contravvenzioni.

Ad Aprilia, invece, sempre i carabinieri del Nas, nel corso di attività ispettive condotte presso un Ristorante e presso un Fast Food, sono state rinvenuti complessivamente, circa 40 chili di alimenti vari (prodotti carnei e ittici , prodotti da forno, preparati gastronomici e lattiero caseari) destinati ad essere somministrati agli eventuali avventori, per i quali i titolari delle attività ristorative non erano stati in grado di certificarne l’origine e la provenienza a riprova della loro salubrità. Per tali violazioni sulla sicurezza alimentare i militari hanno sequestrato gli alimenti rinvenuti (del valore di circa 400 euro) e hanno contestato, ai conduttori delle due attività ristorative, le sanzioni amministrative che superano complessivamente i 3.000 euro.

Foto Repertorio