Tag: abitativa

24 febbraio 2017 0

Emergenza abitativa; incontro in comune tra amministrazione comunale, parti sociali e famiglie

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro insieme all’assessore ai Servizi Sociali, Benedetto Leone, al presidente del consiglio comunale, Dino Secondino e all’assistente sociale, Aldo Pasquale Matera, hanno incontrato questa mattina presso la Sala Giunta, il rappresentanti sindacali dell’A.s.i.a USB, Giacomo Cresta e Rino Tarallo, per discutere dell’emergenza abitativa che coinvolge particolarmente alcune famiglie della città di Cassino. Sia l’amministrazione che le parti sociali, con il benestare dei nuclei familiari presenti all’incontro, hanno deciso di intraprendere un percorso sinergico volto alla risoluzione delle principali criticità riscontrate sull’argomento. L’incontro è stato risolto con l’impegno da parte delle due parti di lavorare sinergicamente per trovare possibili soluzioni abitative all’interno della città che possano dare permettere di risolvere le criticità che coinvolgono in particolare una decina di famiglie. “L’emergenza abitativa è forte – ha detto il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – stiamo lavorando per trovare delle soluzioni concrete. Oggi confrontandoci con i rappresentanti dell’Asia USB abbiamo individuato una serie di possibili di percorsi da intraprendere per riuscire a dare una risposta alle famiglie che vivono in condizioni davvero critiche e proibitive. Intanto ci informeremo se veramente l’Ater ha terminato la realizzazione di alcuni alloggi in città e vedremo il da farsi prima che questi vengano occupati abusivamente. Rimaniamo, comunque, a disposizione sia delle parti sociali che delle famiglie per confrontarci su questa tematica”. Ha concluso il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro.

23 agosto 2009 0

Emergenza abitativa, 39 milioni ai comuni per nuovi alloggi

Di redazione

La Giunta regionale ha stanziato oltre 39 milioni di euro per l’emergenza abitativa, finanziando, su proposta dell’assessore Mario Di Carlo, 17 progetti di recupero, acquisto o costruzione di edifici a scopo abitativo da parte di altrettanti Comuni laziali, fino a un massimo di 4 milioni di euro cadauno. Ammontano, infatti, per l’esattezza a 39.359.289,49 euro le risorse messe in campo dalla Regione per contrastare l’emergenza abitativa nel territorio del Lazio grazie al recupero o all’ampliamento del patrimonio immobiliare dei Comuni, destinato a essere messo a disposizione dei residenti che necessitano di una casa e che sono in difficoltà. “Si tratta di un provvedimento importante– ha detto il presidente Marrazzo – perché concretizza il nostro impegno sul fronte dell’emergenza abitativa in tutto il territorio regionale. Da settembre Ater e Comuni dovranno agire con grande sollecitazione affinché individuino al più presto progetti e aree ove mettere a frutto questo robusto investimento”. Sulla base delle 22 domande di finanziamento pervenute dai Comuni, solo 17 sono state ritenute ammissibili. L’importo complessivo delle richieste è stata superiore alla dotazione finanziaria complessiva e, pertanto, la Giunta – seguendo le direttive normative regionali – ha scelto di sostenere un solo progetto per Comune e di fissare un limite massimo di 4 milioni di euro di concessione per ciascuna opera. I progetti proposti riguarderanno il recupero di edifici, l’acquisto, la nuova realizzazione di strutture e l’acquisto con successiva ristrutturazione dei immobili. I Comuni beneficiari degli interventi saranno: · Anzio (Rm), per l’acquisto di immobili, con un contributo di 3.000.000 €; · Latina, per nuove costruzioni, con un contributo di 3.721.130,10 €; · Civitavecchia (Rm), nuove costruzioni, con un contributo di 1.810.500 €; · Nettuno (Rm), per nuove costruzioni, con un contributo di 3.000.000 €; · Minturno (Lt), per l’acquisto e il recupero di immobili, con un contributo di 762.993 €; · Sora (Fr), per l’acquisto e il recupero di immobili, con un contributo di 2.038225 €; · Rieti, per l’acquisto di immobili, con un contributo di 1.470.400 €; · Ceccano (Fr), per nuove costruzioni, con un contributo di 2.843.621€; · Pomezia (Rm), per il recupero di immobili, con un contributo di 7.155.000 €; · Ferentino (Fr), per l’acquisto e il recupero di immobili, con un contributo di 1.981.700 €; · Isola del Liri (Fr), per l’acquisto e il recupero di immobili, con un contributo di 1.806.890,73 €; · Ladispoli (Rm), per nuove costruzioni, con un contributo di 1.332.545 €; · Frascati (Rm), per il recupero di immobili, con un contributo di 880.000 €; · Bracciano (Rm), per nuove costruzioni, con un contributo di 1.800.000€; · Guidonia Montecelio (Rm), per l’acquisto di immobili, con un contributo di 4.000.000 €; · Colleferro (Rm), per il recupero di immobili, con un contributo di 1.300.000 €; · Monte San Giovanni Campano (Fr), per il recupero di immobili, con un contributo di 456.284 €;