Tag: acqua

5 ottobre 2018 0

Tubo rotto in via Iannaccone a Cassino, condominio senz’acqua da tre giorni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – La rottura di un tubo che attraversa un canale in via Iannaccone a Cassino ha lasciato un intero condominio senz’acqua. Il disservizio che dura già da tre giorni potrebbe essere stato causato dai lavori di pulizia della vegetazione spontanea effettuata con mezzi meccanici sull’argine del canale.

Sarebbero una 15 le famiglie della palazzina del quartiere San Bartolomeo rimaste con i rubinetti a secco e, nonostante le segnalazioni, l’acqua continua a fuoriuscire dal tubo rotto ma nessuno interviene.

L’Acea avrebbe risposto telefonicamente agli interessati che stanno provvedendo a stabilire se il tratto cu sui deve essere effettuato l’intervento è privato o pubblico e di chi le responsabilità della rottura; almeno questo è ciò che ci ha riferito chi ha contattato la società.

27 settembre 2018 0

Rottura alla condotta idrica a Cassino, si alza colonna d’acqua

Di admin

CASSINO – Una colonna d’acqua alta circa 10 metri si è alzata questa mattina in via Riccardo Da San Germano a Cassino. Il getto è fuoriuscito dal marciapiedi sotto cui passa la condotta idrica ad alta pressione che serve i rubinetti di buona parte della città.

Non è chiaro se al causare la rottura fossero dei lavori in corso, fatto sta che il getto d’acqua è stato improvviso, violento e alto tanto da raggiungere i piani alti dei palazzi circostanti.

Si sta procedendo in questi minuti a chiudere la line per permettere ai tecnici di riparare la rottura e, quasi certamente, ciò provocherà l’interruzione idrica in diversi punti della città.

Ermanno Amedei

5 luglio 2018 0

Chiuso dal Nas un agriturismo con annesso ristorante, si cucinava con acqua da un pozzo privo di potabilità

Di redazionecassino1

LATINA – L’incessante attività di controllo dei Carabinieri del N.A.S. di Latina, impegnati quotidianamente nell’ambito della sicurezza alimentare, ha consentito recentemente, di far disporre, quale provvedimento a tutela della salute pubblica , la chiusura immediata di un AGRITURISMO (con annesso RISTORANTE ed attività di preparazione e cottura di alimenti e bevande) sito nell’ambito del territorio comunale di FORMIA (LT).

I militari del N.A.S. , nel corso di approfondita ispezione , scoprivano che la preparazione e cottura dei cibi somministrati agli avventori  avveniva utilizzando acqua, attinta da un pozzo artesiano, priva della indispensabile certificazione di potabilità emessa da laboratorio accreditato, tutto ciò contrariamente a quanto dichiarato dal titolare dell’attività, che, nella documentazione inerente le proprie procedure di autocontrollo, attestava di servirsi di acqua proveniente dall’acquedotto comunale.

Per tale grave violazione il conduttore dell’attività verrà inoltre sanzionato con una cifra pari a 2.000 euro. Il valore della struttura ristorativa chiusa supera gli 800.000 euro.

FOTO DI REPERTORIO

3 luglio 2018 0

Appunti di Viaggio – Val D’Aosta, spettacoli naturali d’acqua su un paradiso di montagna (VIDEO E FOTO)

Di admin

VAL D’AOSTA – Non solo l’imponenza del Monte Bianco o il lusso di Courmayeur, la Val d’Aosta è molto, ma molto di più e chi la vuol conoscere davvero, deve indossare scarpe comode e deve andarsela a cercare nei sui verdi boschi, superando migliaia di rigoli d’acqua che, scendono lungo le pendici provenienti dallo scioglimento delle nevi, si riversano tutti nella Dora Baltea che a giugno “ruggisce”.

Lo spettacolo della natura, nella piccola regione alpina, è assicurato in qualsiasi stagione dell’anno ma in primavera riesce a dare il meglio. La Salle e Morgex sono un suggestivo punto di partenza per escursioni di con ogni difficoltà: da quelle per famiglie con bambini piccoli, a quelle per esperti scalatori.

Da non perdere i laghi alpini. Tra i più consigliati, il lago D’Arpy, il lago di Lod nel comune di Chamois, un paesino che si raggiunge solamente in cabinovia. Bello e affascinate anche il lago Miage con cui termina una coda di ghiacciaio; i tanti laghetti sul passo del Piccolo San Bernardo o quello più grande sul passo del Gran San Bernardo. Un consiglio, se pensate di “scavallare” verso Francia o Svizzera per trovare “l’erba più verde del vicino”, rischiate di rimanere delusi. Il meglio, una volta tanto, è al di qua delle Alpi. I valdostani dimostrano di saper valorizzare molto di più le loro pendici di Alpi rispetto a svizzeri, ma ancor più ai francesi.

La Thuille è un gioiello rispetto al corrispettivo francese Borg Saint Maurice. Poco più sotto di La Thuille che offre oltre a impianti sciistici attrezzatissimi per l’inverno, affascinanti ed entusiasmanti escursioni estive come il percorso che attraverso un lussureggiante bosco porta a tre cascate. Poco più sotto, nel, territorio di Pre Saint Didier, l’Orrido offre invece un salto nel vuoto con una pedana metalliche che affaccia sulla Vallata. Al fianco, un attrezzato parco avventura che, con cavi moschettoni e passerelle, si passeggia sulle cime degli alberi.

Ma Natura è scienza e scienza è spazio, come quello che si studia nell’Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta (OAVdA) e il Planetario di Lignan che sorgono a Lignan, frazione montana a oltre 1.600 metri di altitudine nel vallone di Saint-Barthélemy, a circa 16 km di strada dal borgo del Comune di Nus. Con visite diurne, per il sole, e notturne, per le stelle, guidati da ricercatori esperti, ci si sente un pò membri bell’equipaggio di Star Trek. anche questa visita da non perdere.

Per chi avesse poi la fortuna di conoscere un allevatore che pratica “l’alpeggio” e avesse così la possibilità di visitare una delle tante stalle e baite al di sopra dei “Duemila”, scoprirebbe un altro spaccato di Val D’Aosta; quello di una vita ricondotta al naturale; all’essenziale ma con le modernità per renderla agevole. L’allevamento Donnet (http://www.aziendaagricoladonnet.it/it/) circa 50 mucche valdostane produce fontina di altissima qualità in un ambiente che definire incontaminato è assolutamente insufficiente per rendere l’idea della reale incontaminazione.

Insomma, la Val d’Aosta è un gioiello che tocca al cuore e che fa immaginare una vita diversa da quelle che tutti noi viviamo ogni giorno.

Ermanno Amedei

14 giugno 2018 0

Fa spesa di vino e formaggio ma paga solamente una bottiglia d’acqua, arrestato 43enne

Di admin

CASSINO – Ha fatto la spesa di vino e formaggio ma alla cassa si è presentato con una sola bottiglia d’acqua. Il gesto del 43enne non è sfuggito al personale di sicurezza del centro commerciale Panorama di Cassino che ha chiamato i carabinieri e ha fatto arrestare l’uomo.

L’addetto alla sicurezza ha raccontato ai carabinieri intervenuti che l’uomo, residente nell’hinterland partenopeo già censito per reati contro il patrimonio, era stato notato aggirarsi tra gli espositori del supermercato ed era stato visto mentre prelevava alcune bottiglie di vino ed alcuni pezzi di formaggio, riponendoli all’interno di una borsa. Giunto poi alla cassa però pagava solo una bottiglia di acqua.

Gli accertamenti eseguiti dai militari intervenuti permettevano di constatare che effettivamente all’interno della borsa in possesso dell’uomo vi erano 5 bottiglie di vino e 3 pezzi di formaggio per un valore complessivo di 50 euro circa e, pertanto, in merito a quanto acclarato e rilevando i presupposti di  legge, l’uomo è stato tratto in arresto, poiché colto nella flagranza del reato di furto.

La merce, interamente recuperata, veniva contestualmente restituita  al Direttore dell’Ipermercato.

L’arrestato, ad espletate formalità di rito, è stato trattenuto presso la camera di sicurezza del Comando Compagnia Carabinieri, a disposizione dell’A.G.,  in attesa dell’udienza del rito direttissimo, che sarà celebrato nelle prossime 48 ore.

5 giugno 2018 0

“Per evitare un mare di guai”, a Gaeta iniziativa per la sicurezza in acqua con il Comandante Generale della Guardia Costiera

Di admin

GAETA – Oggi, a Gaeta, in occasione delle Giornate del nuoto e della sicurezza in acqua denominate “Per evitare un mare di guai”, organizzate dalla Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, ha voluto portare la testimonianza degli uomini e delle donne del Corpo impegnati ogni giorno nell’attività di salvaguardia della vita umana in mare, quale uno dei principali compiti istituzionali affidati al Corpo delle Capitanerie – Guardia Costiera.

L’occasione è stata utile per raccontare alla numerosa e qualificata platea le missioni del Corpo, dall’attività di ricerca e soccorso in mare, alla tutela dell’ambiente marino e costiero, fino al controllo della filiera della pesca. Tali attività non possono prescindere dalla prevenzione, che riveste un ruolo importantissimo per il mantenimento di elevati standard di attenzione e sensibilità nell’approccio con il mare.

Al termine della mattinata, cui ha partecipato il campione di nuoto Massimiliano Rosolino, dopo vari interventi tra i quali ricordiamo quello del Presidente della F.I.N., On. Paolo Barelli e del Sindaco di Gaeta, dott. Cosmo Mitrano, il Comandante Generale, accompagnato dal Direttore Marittimo del Lazio, Capitano di Vascello Vincenzo Leone, si è recato in visita alla sede della Capitaneria di porto di Gaeta, accolto dal Comandante, Capitano di Fregata Andrea Vaiardi, dove ha incontrato il Procuratore Capo presso il Tribunale di Cassino, dott. Luciano d’Emmanuele, e ha portato il proprio saluto al personale militare e civile in servizio presso il Compartimento marittimo.

In seguito, sulla spiaggia di Serapo, si è svolta un’esercitazione complessa di ricerca e soccorso di un naufrago, che ha visto la partecipazione di un elicottero Nemo del 3° Nucleo Aereo Guardia Costiera di Pescara, di un aerosoccorritore marittimo e di alcune motovedette della locale Capitaneria che hanno assicurato anche la cornice di sicurezza dell’area dove si è svolta l’esercitazione.

L’evento proseguirà nel pomeriggio con altri interventi di settore, tra cui quello relativo alle ordinanze per la sicurezza balneare tenuto dal Comandante della Capitaneria di porto di Gaeta e terminerà nella giornata di domani, interamente dedicata alla specialità del nuoto per salvamento.

21 maggio 2018 0

Si perde nell’officina meccanica, gallinella d’acqua recuperata e rimessa in libertà

Di admin

CASSINO – Si è persa allontanandosi dal ruscello finendo in un’officina. E’ quanto accaduto oggi pomeriggio ad una gallinella d’acqua che è stata vista dimenarsi impaurita all’interno del capannone in via Pescarola.

Pensando fosse in pericolo e scambiandolo per il pulcino di una specie protetta, il proprietario ha allertato le Guardie ambientali di Cassino.

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri forestali e un veterinario della Asl che, dopo aver verificato le buone condizioni di quella che poi è stata accertata essere una gallinella d’acqua, l’hanno liberata in un vicino torrente.

18 maggio 2018 0

Acqua pubblica, prova di distensione tra Cassino e Acea

Di admin

FROSINONE – “Si è riunito in assemblea straordinaria l’OTUC dell’Ato5 con all’ordine del giorno le problematiche del servizio idrico della città di Cassino. Per la prima volta in provincia di Frosinone, ha partecipato alla seduta  anche il Garante Regionale del SII (Servizio Idrico Integrato), Paola Perisi, la quale ha avuto modo di conoscere attraverso la voce dei consumatori la situazione non solo di Cassino ma  dell’intera provincia in merito alla gestione del servizio”.

Lo si legge in una nota dell’ammnistrazione provinciale di Frosinone.

“«Sono emerse da questo incontro tante proposte – ha dichiarato alla fine della riunione Paola Perisi –  ma soprattutto la volontà di dar vita ad una collaborazione che tuteli l’utenza partendo da una corretta informazione ai cittadini».

Anche il Presidente dell’OTUC ATO5, l’avvocato Antonio Di Sotto, ha sottolineato l’importanza della collaborazione per la definizione di azioni a tutela dei consumatori:«Abbiamo lavorato tanto in questi mesi per poter contribuire a garantire un servizio più efficiente, che valorizzi le proposte che riguardano i nostri concittadini. Insieme alll’ATO5 e al Gestore abbiamo migliorato la nuova Carta dei Servizi, che mi auguro verrà presto recepita dall’Assemblea dei Sindaci; abbiamo approvato il regolamento sulle perdite occulte e stiamo lavorando all’aggiornamento tariffario ristabilendo un clima di collaborazione che forse negli ultimi anni si era un po’ perso».

Il Sindaco di Cassino, presente all’incontro, ha chiesto ad Acea il massimo sforzo, in termini di disponibilità, per risolvere i problemi rappresentati dai cittadini, considerata l’eccezionalità della situazione. Ha altresì chiesto che il “ristoro economico” dei 200 lt/s di acqua destinati a Cassino(circa 1 milione e 200.000 euro l’anno in termini economici) per l’emungimento dell’acqua da parte di AcquaCampania (ultimamente incrementato) sia destinato a quella Città.

Presente all’incontro anche il Presidente della Provincia, Antonio Pompeo, che ringraziando l’Otuc per il lavoro che svolge ha detto: «Abbiamo instaurato un nuovo modo di affrontare le questioni legate al servizio idrico, partendo dai cittadini. Per questo voglio ringraziare il Presidente Antonio Di Sotto, che insieme ai membri dell’organismo di tutela dei consumatori, sta portando avanti un ottimo lavoro. Non ho mai ceduto alla politica dei facili proclami, soprattutto su temi importanti come quello della gestione del servizio idrico. Preferisco, al contrario, la serietà e la concretezza. La riattivazione dell’Otuc è stato un passaggio importante che sta dando i suoi frutti e nella prossima Conferenza dei Sindaci sottoporrò all’Assemblea la richiesta di partecipazione dell’Otuc alle sedute. Condivisione e collaborazione sono elementi essenziali per poter difendere i diritti degli utenti. Insieme all’Otuc abbiamo inoltre, approvato un nuovo regolamento per le perdite occulte che sarà sottoposto nella prossima Consulta e che rappresenterà una ulteriore tutela per i cittadini/utenti».

3 maggio 2018 0

FOTO – Scomparso a Cassino, in acqua e su terra: continuano le ricerche di Luca Di Mario

Di admin

CASSINO – Sommozzatori e gruppo fluviali dei vigili del fuoco sono tornati, questa mattina a cercare Luca Di Mario, o ciò che ne resta, nel greto del fiume Rapido a Cassino. I craabinieri della locale compagnia comandata dal capitano Ivan Mastromanno, invece, hanno proseguito le ricerche lungo gli argini, o continuando a verificare segnalazioni.

L’uomo, 46 anni residente nel quartiere San Bartolomeo, è scomparso il 16 marzo scorso. La sua bicicletta è stata ritrovata il 20 aprile nel fiume dove si stanno concentrando le ricerche. Al momento, però, nonostante alle ricerche abbiano partecipato decine di persone ed anche cani molecolari, dell’uomo, a parte la bicicletta, non è stata trovata nessuna traccia.

29 marzo 2018 0

Dopo l’articolo de Ilpuntoamezzogiorno, Acea ripara la perdita d’acqua a Cervaro

Di redazionecassino1

CERVARO – È risaputo che il mestiere di giornalista non sempre è visto di buon occhio dall’opinione pubblica, ma a volte i fatti smentiscono questa convinzione. Alcune volte, tuttavia, dalle segnalazioni che, numerose, giungono alla nostra redazione si riescono a risolvere piccoli problemi quotidiani dei cittadini e dei lettori.

È stato il caso che appena due giorni fa abbiamo segnalato sul nostro quotidiano, Ilpuntoamezzogiorno.it. relativo ad una perdita da molto tempo segnalata dai residenti di Cervaro e che creava loro non pochi problemi, disagi e anche qualche danno.

Bene. Il lettore autore della segnalazione ha voluto anche informarci che il problema è stato risolto dopo la pubblicazione del nostro articolo.

Sarà stato un caso oppure la nostra segnalazione ha avuto il ‘potere’ a risolvere il problema? Non lo sappiamo con certezza. Sappiamo tuttavia che i residenti hanno risolto l’inconveniente e di questo siamo lieti. Per una volta lo siamo ancor di più per aver contribuito a questo risultato attraverso il nostro lavoro capillare sul territorio.

La redazione