Tag: affondo

28 aprile 2010 3

Giunta regionale senza Ciociari, l’affondo dell’IdV

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“La giunta faticosamente messa insieme dalla neo presidente Polverini comincia già a scricchiolare, sotto le pressioni dei componenti della stessa maggioranza.” Lo dichiara il consigliere regionale Vincenzo Maruccio (IdV). “La protesta dei sindaci e dei consiglieri regionali di centrodestra di Frosinone è emblematica di un malcontento di una provincia che pure è stata determinante per la vittoria elettorale di Polverini. La nostra giunta ha sempre tenuto in grande considerazione la provincia di Frosinone, con almeno due rappresentati del territorio in giunta e forti investimenti che hanno portato alla realizzazione di opere importanti come la Sora Ferentino e il nuovo ospedale del capoluogo. Il nuovo presidente – conclude Maruccio – dopo aver promesso mari e monti per carpire il consenso, cade già sui primi atti, dimostrando incoerenza e disprezzo per le province della nostra Regione, che sono un motore economico e sociale importante, senza il quale anche la politica più romanocentrica non starebbe in piedi”. “Per chi come me ha girato a lungo e con entusiasmo lungo tutta la provincia di Frosinone e ha visto lo squallore delle promesse fatte in campagna elettorale, assistere allo spettacolo di questi giorni è davvero poco edificante – gli fa eco la neo eletta IDV in Consiglio Regionale Anna Maria Tedeschi. “Dopo anni ed anni la ciociaria non è rappresentata in Giunta Regionale, con evidente caduta di attenzione che il nuovo governo regionale del Lazio avrà verso la nostra Provincia. È chiaro che il peso politico di alcuni personaggi del PDL è venuto fuori: inconsistente come le loro promesse in campagna elettorale. Quello che è avvenuto oggi, poi , aggiunge ancora di più umiliazione alla nostra terra. Più di venti sindaci del nostro territorio e addirittura il presidente della Provincia del PDL Iannarilli cacciati dalle forze dell’ordine dalla sede della Presidenza del Lazio, come documentano anche le telecamere, perché la Presidente Polverini non ha tempo per interloquire con chi l’ha votata. Con grande dispiacere siamo costretti ad ammettere che per la Ciociaria, i prossimi anni saranno davvero difficili: una gestione amministrativa litigiosa e inconsistente in provincia e una mancanza di rappresentatività in Regione. I cittadini ciociari non lo meritano di certo.”