Tag: aggravata

19 giugno 2018 0

In manette un 54enne e un 28enne per truffa aggravata ai danni di esercizi commerciali

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Nel corso della mattinata  odierna , personale del N.O.R.M. – Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo,  traeva in arresto  un 54enne  ( già gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio e la fede pubblica) ed  un 28enne  ( già gravato da vicende penali per  associazione a delinquere di tipo mafioso, per  reati contro il patrimonio e la fede pubblica) , entrambi residenti nel capoluogo partenopeo,  poiché colti nella  flagranza di reato  e, quindi,  ritenuti responsabili,  del reato di “truffa aggravata in concorso”

L’attività investigativa attivata dai militari operanti, con particolare riferimento alle recenti truffe commesse in danno di attività commerciali nelle province di Frosinone, Latina, Roma e Caserta, mediante  le richieste di ricarica “carte postepay”, consentiva di individuare in Pignataro Interamna, con due persone a bordo, un’ autovettura Peugeot 208 di colore nero che, nel corso di specifica attività di controllo,  risultava essere intestata ad una società di autonoleggio con sede a Vercelli e, peraltro,  senza essere stata sottoposta alla revisione e già oggetto di numerose segnalazioni inserite in banca dati FF.PP quale mezzo utilizzato per porre in atto attività illecite ed utilizzata dai due soggetti tratti in arresto. Inoltre, a seguito della predetta attività di controllo, il uno dei due, in qualità di conducente,  risultava avere la  patente di guida scaduta di validità. Ulteriori accertamenti esperiti nell’immediatezza dai militari operanti consentiva di acclarare che i due soggetti poco prima, ed in concorso tra loro, con artifizi e raggiri avevano compiuto una truffa ai danni di un titolare di una tabaccheria sita in  Cassino  mediante l’effettuazione di due ricariche di una “postepay (dell’importo complessivo di circa 600 €uro), risultata essere  in loro possesso ma intestata ad una terza persona, dandosi poi  alla fuga senza corrispondere il relativo corrispettivo in denaro.

Gli arrestati, su disposizione della competente A.G.,  sono stati trattenuti presso le Camere di sicurezza del Comando Compagnia di Cassino, in attesa del rito direttissimo che verrà eseguito entro le prossime 48ore.

La carta “postepay” rinvenuta in loro possesso, le ricevute di pagamento, l’autovettura e ed i loro telefonini  venivano contestualmente  sottoposti sotto il vincolo del sequestro

Al termine delle formalità di rito, ricorrendone i presupposti, agli stessi veniva notificato anche l’avvio del procedimento amministrativo finalizzato all’emissione della misura di prevenzione del rimpatrio con  foglio di via obbligatorio,  con divieto di ritorno nel territorio del comune di Ceprano, Castrocielo, Cassino e Pignataro Interamna  per anni tre.

Sono tuttora in corso le attività info-investigative finalizzate ad accertare le loro responsabilità in altre analoghe truffe denunciate sia in questa Provincia che in quelle limitrofe.

(

28 dicembre 2017 0

Zio e nipoti fanno a botte per soldi, denunciati per rissa aggravata

Di admin

FIUGGI – Zio e nipoti denunciati per rissa. È accaduto nel frusinate dove due fratelli e uno zio si sono picchiati per motivi legati ad una somma di danaro.

Probabilmente si erano incontrati per discutere civilmente di quella somma che una parte rivendicava dall’altra ma la conversazione è ben presto degenerata in scazzottata.

A sedare la rissa sono stati gli agenti del commissariato di Fiuggi intervenuti grazie ad una chiamata fatta al 113 da testimoni. Per due degli astanti sono state necessarie le cure ospedaliere mentre per tutti è tre è scattata la denuncia  per rissa aggravata.

9 dicembre 2017 0

Identificati e denunciati quattro giovani per “rissa aggravata” in piazza Labriola

Di redazionecassino1

Cassino – Nel mese di novembre, la centralissima Piazza Labriola, a Cassino, era stata teatro di una rissa che aveva visto coinvolti quattro giovani.

I tempestivi accertamenti degli agenti del Commissariato di Cassino, diretto dal Vice Questore Alessandro Tocco, hanno permesso di identificare i “facinorosi”, di età compresa tra i 22 ed i 29 anni: due hanno agito in trasferta dal vicino Molise, mentre due sono del luogo.

Tutti dovranno rispondere del reato di rissa aggravata.

28 luglio 2010 0

Truffa aggravata ai danni dell’Inps, denunciate otto persone

Di redazione

Nel corso di attività la guardia di Finanza di Sora direttamente coordinata dal comandante provinciale Giancostabile Salato ha denunciato, alla locale Procura della Repubblica di Cassino, otto lavoratori, per il reato di truffa aggravata ai danni dell’I.N.P.S., in quanto, al termine di accurate indagini, è stato accertato che, gli stessi, pur fruendo dell’indennità di disoccupazione o mobilità, di fatto, stavano prestando, da oltre un mese, la loro opera, in nero, a favore di un’azienda, sorana, operante nel settore tessile. Nel corso dei controlli, sono stati inoltre sequestrati, ad un cittadino italiano di origine campane, capi di abbigliamento, abilmente contraffatti, costituiti da pantaloni, camicie, maglie e scarpe delle migliori marche quali “Fay, Burberry, Armani, D & G. , Harmont & Blair ed Hogan”, che lo stesso campano stava tentando di vendere a vari avventori, per lo più turisti stranieri, che, probabilmente, erano ignari della falsità dei prodotti. La merce contraffatta è stata sequestrata ed il napoletano è stato denunciato, a piede libero, per commercio di prodotti con segni falsi. Infine, una pattuglia di finanzieri, nel corso di un controllo di un’autovettura, alla cui guida vi era un ragazzo di origini abruzzese, i militari, rinvenivano, occultata sulla persona, diverse dosi di marijuana, di crak ed eroina. Le sostanze stupefacenti venivano sequestrate ed il ragazzo denunciato per violazione alla normativa in materia di sostanze stupefacenti. L’attività svolta pone in evidenza come, anche in questo periodo estivo, sia alta l’attenzione che quotidianamente la Guardia di Finanza pone in essere per contrastare qualsiasi tipo di attività illecita, sia sotto l’aspetto penale che amministrativo, al fine di tutelare e garantire, il più possibile, il cittadino onesto ed il rispetto delle leggi.

17 aprile 2010 0

Truffa aggravata, occultamento o distruzione di documenti contabili, denunciato 47enne

Di admin

In Arce, i militari della locale Stazione, a parziale esito di attività di indagine, deferivano in stato di libertà C.D., 47enne di Colfelice per “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche” ed “occultamento o distruzione di documenti contabili”. Gli accertamenti eseguiti dai militari operanti, scaturiti dal ritrovamento di alcune targhe straniere di autoveicoli, consentivano di verificare che il predetto, Amministratore Unico e Socio di Maggioranza di una società con sede in Colfelice, aveva sottratto le scritture contabili societarie al fine di impedire la ricostruzione dei redditi e del volume di affari. Il personale operante accertava, altresì, che lo stesso percepiva illecitamente prestazioni economiche elargite dall’I.N.P.S. a titolo di indennità di disoccupazione involontaria.