Tag: aiuto

14 novembre 2009 0

Dal comune, un aiuto per le famiglie con più figli

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Con un avviso pubblico rivolto alla cittadinanza il sindaco di Serrone (Fr), Maurizio Proietto, annuncia che utilizzando il fondo nazionale per le politiche per la famiglia sono stati approvati criteri e modalità per l’erogazione e l’utilizzo di contributi regionali per abbattere i costi dei servizi per le famiglie con almeno quattro figli. Tre i requisiti previsti per ottenere il contributo: essere residente da almeno tre anni; avere un nucleo familiare con almeno quattro figli minori; avere un indicatore della situazione economica equivalente del nucleo familiare (Isee) non superiore a 30 mila euro. Avranno diritto al contributo i nuclei familiari collocati in graduatoria sino al raggiungimento dello stanziamento assegnato al Distretto, con precedenza per le famiglie con maggior numero di figli minori. Le domande devono essere sottoscritte da uno degli esercenti la potestà nel nucleo familiare e presentate al Comune di Serrone redatte compilando il modello in distribuzione presso il servizio sociale. “Abbiamo voluto mettere a disposizione dei nostri cittadini – commenta il sindaco Maurizio Proietto – uno strumento che la Regione offre per consentirci di stare vicini alle famiglie numerose. In un momento di crisi economica è giusto, e importante, che le istituzioni siano in grado di cogliere ogni occasione per essere un punto di riferimento ed alleviare, per quanto possibile, le difficoltà di ciascuno. Faremo in modo che nel nostro comune sia data massima diffusione all’iniziativa in modo da poter elargire il contributo a tutte le famiglie che hanno i requisiti per richiederlo”.

11 agosto 2009 0

Manca l’acqua, da Vicalvi grido di aiuto al Prefetto

Di redazione

La continua carenza idrica a Vicalvi spinge l’assessore comunale Pio Conflitti a scivere un’accorata lettera direttamete al Prefetto di Frosinone perché prenda urgenti provvedimenti in merito. Nella missiva si legge: “Nel Comune di Vicalvi da oltre due mesi, tutti i giorni e per molte ore, viene a mancare la fornitura idrica mentre nei weekend il fenomeno è ormai una consuetudine. E’ mancata la fornitura idrica sulla maggior parte del territorio comunale a Natale e a S. Stefano, a Capodanno, a Pasqua e Lunedì dell’Angelo. In genere la fornitura viene interrotta senza alcun preavviso. Da tre giorni la carenza idrica è totale, la popolazione sta affrontando giornate di estremo disagio: senza acqua per bere, per i servizi igienici, etc. Una situazione drammatica, con la maggior parte dei cittadini che non può lavarsi e sbrigare le normali funzioni igieniche, deve acquistare l’acqua per bere, con aggravio dei costi famigliari mentre bar ed artigiani sono senza lavoro e i turisti fuggono da un territorio inospitale sotto il profilo igienico sanitario. In tanti si arrangiano, come nel secolo scorso con bidoni e tinozze o prendono l’acqua dalla sorgenti del Lago di Posta Fibreno come cento anni fa. Gli Uffici ACEA ATO 5 dicono di non ricevere telefonate dai cittadini di Vicalvi mentre in realtà i numeri sugli elenchi telefonici non sono attivi e ai fax inviati dal Comune di Vicalvi non segue risposta. Secondo il nostro parere la situazione sul territorio di Vicalvi è ormai da crisi idrica di scarsità, in base alla definizione fornita dal DPCM 04.03.1996, “la deficienza idrica (o crisi idrica) si ha allorquando in un sistema di approvvigionamento idrico l’ordinaria domanda d’acqua da parte degli utenti non può essere corrisposta, sia per eventi di siccità, inquinamento o errata gestione delle fonti di alimentazione, sia per carenze di natura infrastrutturale (inadeguatezza degli impianti)”. In questi casi deve essere attivato il Piano di gestione delle interruzione dei servizi come previsto dal disciplinare tecnico dell’ATO 5 comma 6.2. In questi due mesi di carenza idrica nessun funzionario ACEA ATO 5 si è preso cura di contattare il Comune. Non riusciamo ad avere notizie sulle cause della mancanza del flusso idrico. CHIEDO Al Prefetto un immediato intervento a salvaguardia del naturale e imprescindibile diritto dei cittadini di avere accesso all’acqua, di potersi lavare e dissetare. Di vivere condizioni igieniche da paese civile. Di attivare, tramite la Protezione civile o le altre forze di intervento del territorio tutte le procedure previste dal Manuale di Gestione per i Piani di emergenza (Disciplinare Tecnico allegato alla Convenzione con il gestore L. 36/94 e L.R. 6/96). CHIEDO Al Presidente della Provincia che siano forniti, con urgenza, dalla Segreteria tecnica STO ATO 5, al Comune di Vicalvi i dati riguardo le interruzioni del flusso idrico nel comune di Vicalvi. CHIEDO Al Comitato per la Vigilanza sull’Uso delle Risorse Idriche l’apertura di una inchiesta indifferibile, per far luce sulla recente carenza di risorsa idrica nella Provincia di Frosinone, posto che le continue e frequenti piogge hanno permesso negli ultimi mesi un’ampia disponibilità di risorsa idrica”.

9 agosto 2009 1

Animali abbandonati, l’Anpana chiede aiuto per risalire agli autori

Di redazione

“Leggo con amaro piacere la notizia della denuncia per abbandono di animali da affezione, articolo 727 del codice penale che prevede la pena dell’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro”. A parlare è Francesco Altieri presidente provinciale dell’Anpana Frosinone che fa riferimento alla notizia dell’uomo denunciato a Castelliri dai carabibinmieri di Isola del Liri, dopo aver abbandonato il suo cane sulla strada. “L’incivile abbitudine degli abbandoni non si ferma, nemmeno davanti al rischio di tali pene. Infatti sono decine i casi di animali abbandonati che ci vengono segnalati, alcuni riusciamo a gestirli ma molti finiscono al canile o restano per strada. Quel che è peggio però è che fino ad oggi, non era mai stato possibile risalire a nessuno dei responsabili. Ecco perché sono compiaciuto che finalmente qualcuno paghi, l’amarezza c’è sempre perché si perpetra l’ennesimo abbandono. Vi invito ha seguire la questione ed aggiornarci. Puntuale l’interessamento delle amministrazioni in questo periodo che però non fanno prevenzione e controllo. Gli abbandoni, le nascite incontrollate, sono fenomeni di tutto l’anno che quindi vanno continuamente tenuti sotto controllo. Noi dal canto nostro, abbiamo anche in corso una campagna di sensibilizzazione, per ora solo nostra, cioè dell’ANPANA e della FATAA, ma in attesa di patrocinio del Comune di Cassino e della ASL. Non possiamo fare miracoli, ma se avete un problema fateci sapere al 3396590331 o frosinone@anpana.it”. Francesco Altieri Presidente e Coordinatore GEZ (Guardie EcoZoofile) ANPANA, provinciale.

7 agosto 2009 0

Dal carcere, una richiesta di aiuto

Di redazione

L’ambiente carcerario, attraverso la rivista “Ristretti orizzonti” redatta dai detenuti dell’istituto di pena di Lanciano (Ch) lancia un appello sulle problematiche legate alle strutture penitenziarie italiane che hanno superato ormai il limite della decenza. “Educhereste i vostri figli al rispetto della legalità facendoli crescere in un ambiente dove è impossibile rispettare la legge? – Così inizia l’articolo publicato dal giornale telematico – Nelle carceri italiane ci sono 43.117 posti regolamentari e quasi 64.000 detenuti. Stipati uno sull’altro. Il personale sotto organico è costretto a lavorare in condizioni di pesante disagio e tensione. In questa situazione viene meno anche la dignità e l’umanità delle persone detenute. Nelle sovraffollate carceri italiane, le persone che dovrebbero iniziare un percorso graduale di reinserimento nella società, sono invece sempre più spesso rinchiuse nelle celle a non far niente. L’articolo 27 della Costituzione italiana dice: La responsabilità penale è personale. L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non è ammessa la pena di morte. I cittadini italiani chiedono sicurezza. Hanno diritto alla sicurezza. Ma in che modo parcheggiare in celle invivibili i detenuti in attesa di nulla contribuisce alla sicurezza? Non conviene a nessuno che una persona che ha commesso un reato esca di galera forse peggiore di come ci è entrata. Se i cittadini liberi ci riflettessero più spesso, forse smetterebbero di pensare che la soluzione a ogni problema sia prevedere sempre più galera per chi viola la legge. Oggi abbiamo superato non solo la capienza regolamentare delle carceri, ma anche quella ritenuta dal Ministero della Giustizia “tollerabile”. E le previsioni parlano di aumento esponenziale di “tempo inutile”, perché manca il personale, mancano attività lavorative, mancano spazi.

2 luglio 2009 0

Pubblicità e solidarietà, “Un volto per Estasi” in aiuto dell’Abruzzo

Di redazione

Si inizia a lavorare per l’evento finale del Concorso ‘Un Volto per Estasi’ 2009 che anche quest’anno chiuderà alla grande con un concerto live che porterà a Cassino (Fr) un artista musicale noto nel panorama nazionale ed internazionale. Lo scorso anno ad incoronare la prima testimonial Estasi Profumerie è stata la bellissima e brava Anna Tatangelo, attirando in città oltre 14mila spettatori. Sicuri di coinvolgere ancora più partecipanti, Estasi Profumerie, che ha indetto il concorso, ha deciso di devolvere una parte del biglietto d’ingresso a favore dei terremotati d’Abruzzo, ancora in seria difficoltà. La nota catena di profumerie ha già inoltrato loro, nei mesi scorsi, del materiale di prima necessità contribuendo agli aiuti umanitari. È ancora molto sentita l’emergenza in un territorio non troppo lontano dal nostro, hanno dichiarato i vertici dell’azienda, per questo hanno deciso di aiutare, in un momento collettivo, chi soffre per la perdita di affetti e cose costruiti in una vita intera. Chi parteciperà al concerto, quindi, avrà anche la consapevolezza di aiutare, con un piccolo contributo, migliaia di persone. Il Concerto si svolgerà in Piazza Miranda la sera del 6 settembre 2009. I biglietti d’ingresso saranno disponibili dal mese di agosto in tutte le profumerie Estasi e potranno essere riutilizzati, nelle stesse, come buoni acquisto dopo il Concerto. Intanto le selezioni per cercare la nuova testimonial continuano: lo staff di ‘Un Volto per Estasi’ farà tappa sabato 4 luglio 2009 in provincia di Latina, a Formia presso il punto vendita della centralissima Via Vitruvio. Sabato 11 luglio 2009, invece, sarà a Fondi, via della Libertà. Per conoscere tutti i punti vendita Estasi: www.estasiprofumerie.it. I dettagli del Concorso ‘Un Volto per Estasi’ 2009: www.unvoltoperestasi.it.