Tag: alpino

14 maggio 2018 0

Escursionista ferito sui Monti Aurunci, salvato dal Soccorso Alpino di Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

AUSONIA – Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Lazio è intervenuto nel pomeriggio di oggi sui monti Aurunci, in provincia di Latina, per recuperare un escursionista precipitato lungo il pendio di un sentiero.

L’uomo, di 34 anni orginario di Formia ma residente a Itri, era impegnato in un’escursione quando, in un tratto impervio del sentiero, è scivolato lungo il pendio. Raggiunto da una squadra della stazione di Cassino del Soccorso Alpino è stato stabilizzato e medicalizzato dal medico della squadra. A causa del politrauma e della dinamica dell’incidente, considerato lo stato psico-fisico del paziente, è stato richiesto l’intervento dell’eliambulanza del 118 della Regione Lazio.

Il ferito è stato dunque caricato a bordo dell’elicottero tramite verricello dal tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino e trasporato all’ospedale di Latina. Sul posto, oltre ai tecnici del CNSAS Lazio, anche i sanitari del 118, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri Forestali e alcuni uomini della Protezione Civile locale.

Nella stessa giornata i tecnici della stazione del Soccorso Alpino di Cassino sono stati impegnati in altri due interventi durante una gara di trail in svolgimento poco distante dal luogo dell’incidente, sempre sui Monti Aurunci.

2 novembre 2017 Non attivi

A Cassino un appuntamento nazionale strategico del Soccorso Alpino. La maxi simulazione a Montecassino

Di redazionecassino1
Cassino –  Si terrà a Cassino, in provincia di Frosinone, da mercoledì 8 a domenica 12 novembre, il corso nazionale per Coordinatori delle Operazioni di Ricerca (COR) del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS). Al corso parteciperanno oltre 24 tecnici del CNSAS provenienti da tutta Italia, un appuntamento importante affidato dalla Scuola Nazionale Direttori delle operazioni di soccorso (SNaDos) al Soccorso Alpino del Lazio in virtù del livello di crescita e dell’impegno dimostrato dal servizio regionale laziale sia nell’attività di soccorso ordinaria che di quella legata ai drammatici eventi calamitosi che hanno interessato il nostro territorio negli ultimi mesi. Il corso, che si terrà presso il Forum Palace Hotel di Cassino oltre a diverse sessioni in aula, prevedrà un maxi simulazione di intervento in ambiente impervio a cui parteciperanno oltre 100 operatori. La SNaDos è un ente di formazione riconosciuto ufficialmente dallo Stato italiano.   Parte indispensabile di questo evento formativo sarà una simulazione di soccorso per ricerca dispersi che vedrà impegnati nella giornata di sabato 11 novembre più di 100 operatori del Soccorso Alpino e diversi mezzi. La simulazione, vista la conformazione ideale del territorio, si terrà nel territorio di Montecassino. Compito dei 24 aspiranti COR sarà quello di coordinare le squadre CNSAS impegnate nella ricerca di diverse persone disperse sul territorio.    Nel Soccorso Alpino il COR affianca il Direttore delle Operazioni di Soccorso nella gestione dell’intervento di ricerca e soccorso di persone disperse, supportandolo nelle attività̀ di coordinamento, negli aspetti decisionali ed operativi. Un ruolo strategico di alta responsabilità caratterizzato da una profonda conoscenza di tematiche quali la cartografia, il territorio e la gestione operativa delle squadre di soccorso. 
21 maggio 2017 0

Medici del Soccorso Alpino a confronto a Vicovaro: momento di alta formazione

Di admin

Vicovaro (Rm) – Sono in sei, vengono da diverse regioni d’Italia. Hanno il sogno di poter mettere le loro competenze al servizio di tutti gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico, diventando “istruttori regionali sanitari”.  A Vicovaro, in provincia di Roma, si sono dati appuntamento alcuni medici del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS). Il Corpo basa molta della sua professionalità sulla preparazione sanitaria di tutti i tecnici, che ricevono dai medici una formazione mirata per poter effettuare le manovre di soccorso in montagna e in ambiente impervio. A loro volta i sanitari del Soccorso Alpino devono affrontare un impegnativo iter formativo a cura della Scuola Medica Nazionale del CNSAS: dopo una selezione vengono formati medici e infermieri specializzati ad intervenire dove l’ambiente è estremo. A Vicovaro gli istruttori medici nazionali hanno organizzato una due giorni full immersion, tra formazione teorica in aula e formazione pratica con diverse simulazioni, per preparare al meglio gli aspirati istruttori regionali sanitari. Figure di alto livello che garantiscono che l’assistenza sanitaria portata dal Soccorso Alpino durante gli interventi sia basata su una solida formazione e protocolli unificati in tutte le regioni d’Italia.

21 gennaio 2017 0

Il Soccorso Alpino del Lazio in prima linea nell’emergenza neve

Di admin

Lazio – Roma, Cassino, Collepardo, Latina, Rieti e Viterbo: tutte le 6 stazioni del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Lazio sono impegnate con diverse squadre in Abruzzo.

Mentre continua senza sosta l’impegno dei tecnici del CNSAS provenienti da tutta Italia nell’area dell’Hotel Rigopiano, stiamo intervenendo contemporaneamente in diversi altri comuni del centro Italia.

Gli interventi dei tecnici del Soccorso Alpino del Lazio si stanno concentrando nei comuni di Isola del Gran Sasso d’Italia e Campotosto e le relative frazioni, interventi finalizzati a portare generi alimentari di prima necessità, supporto medico e conforto alla popolazione. Ieri le squadre del CNSAS del Lazio, tra i vari interventi svolti, hanno raggiunto una casa famiglia con diversi bambini disabili nella frazione di Cerchiara, portato generi alimentari nella frazione isolata di Mascioni e rifornito di gasolio una turbina, rimasta a secco vicino alla statale 80.

Le sei stazioni del Lazio stanno collaborando con i tecnici del Servizi regionali CNSAS di Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Molise, Lombardia e Abruzzo e con le altre forze in campo, coordinate dal Dipartimento di Protezione Civile nazionale.

17 novembre 2016 0

Due escursioniste si perdono sui monti Lepini, recuperate dal Soccorso Alpino

Di redazionecassino1

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) è intervenuto ieri pomeriggio per recuperare due ragazze sui monti Lepini nei pressi di Carpineto Romano (Roma). Le due escursioniste romane, V.C. di 31 anni e L.A. di 33 anni, dopo aver raggiunto la vetta del monte Erdigheta hanno deciso di non ripercorrere lo stesso sentiero effettuato all’andata. Dopo alcune ore di cammino, con il sopraggiungere del buio, si sono rese conto di aver perso l’orientamento e di non essere più in grado di ritrovare il sentiero. Il CNSAS, allertato dalle stesse escursioniste che hanno fornito le coordinate della propria posizione tramite smartphone, è intervenuto con una squadra di terra composta da 7 tecnici. Una volta raggiunte le due, constatate le buone condizioni fisiche, sono state riaccompagnate in località Pian della Faggeta dove avevano parcheggiato la propria macchina. Sul posto, oltre al Soccorso Alpino, presenti anche i militari dell’Arma dei Carabinieri.