Tag: annesso

5 luglio 2018 0

Chiuso dal Nas un agriturismo con annesso ristorante, si cucinava con acqua da un pozzo privo di potabilità

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – L’incessante attività di controllo dei Carabinieri del N.A.S. di Latina, impegnati quotidianamente nell’ambito della sicurezza alimentare, ha consentito recentemente, di far disporre, quale provvedimento a tutela della salute pubblica , la chiusura immediata di un AGRITURISMO (con annesso RISTORANTE ed attività di preparazione e cottura di alimenti e bevande) sito nell’ambito del territorio comunale di FORMIA (LT).

I militari del N.A.S. , nel corso di approfondita ispezione , scoprivano che la preparazione e cottura dei cibi somministrati agli avventori  avveniva utilizzando acqua, attinta da un pozzo artesiano, priva della indispensabile certificazione di potabilità emessa da laboratorio accreditato, tutto ciò contrariamente a quanto dichiarato dal titolare dell’attività, che, nella documentazione inerente le proprie procedure di autocontrollo, attestava di servirsi di acqua proveniente dall’acquedotto comunale.

Per tale grave violazione il conduttore dell’attività verrà inoltre sanzionato con una cifra pari a 2.000 euro. Il valore della struttura ristorativa chiusa supera gli 800.000 euro.

FOTO DI REPERTORIO

15 dicembre 2016 0

Misterioso pestaggio e annesso incendio, due arresti a Cassino. Indagini ancora in corso

Di admin

Cassino – Botte e fiamme a Cassino e due persone finiscono in manette.

Ieri sera, secondo quanto riferito in una nota stampa dei carabinieri, la madre di un 20enne ha chiamato i carabinieri perché suo figlio era stato brutalmente malmenato da due uomini.

I militari comandati direttamente dal colonnello Giuseppe Tuccio, hanno costatato che il giovane era stato selvaggiamente picchiato.

Il referto medico del pronto soccorso gli ha riconosciuto una prognosi di 20 giorni. Poco dopo, la stessa pattuglia ha notato nei pressi della zona dell’aggressione, l’incendio di una sorta di magazzino e due uomini che si davano alla fuga.

Immediatamente bloccati mentre i vigili del fuoco domavano l’incendio, i due sono risultati essere un 36enne ed un 27enne di Cassino entrambi con precedenti per spaccio di droga. Emanavano un forte odore di benzina, lo stesso combustibile utilizzato per innescare l’incendio.

Per questo i due sono stati tratti in arresto per incendio doloso in concorso.

Gli investigatori ipotizzano che il rogo sia stato appiccato per vendetta nei confronti del proprietario del locale che è stato probabilmente scambiato per quello che avrebbe avvertito i carabinieri dopo il pestaggio del giovane. Le indagini proseguono per stabilire il motivo del pestaggio e se fossero realmente i due gli autori dell’aggressione.

Ermanno Amedei