Tag: bastano

8 agosto 2018 0

Sostieni Il Punto a Mezzogiorno, basta anche un caffè al mese

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

IL PUNTO A MEZZOGIORNO – 

Undici anni di attività, undici anni a cercare notizie, a verificarle, a proporvele in maniera tempestiva e nella forma più efficace possibile, senza giri di parole per evitare ogni condizionamento, lasciando a voi, sulla base di dati forniti dalla cronaca, la possibilità di formarvi un’idea.

Perchè è necessario pagare l’informazione

Mai un solo soldo provento da qualsiasi forma di finanziamento o contributo pubblico, una informazione a costo zero, con un minimo di supporto economico da alcune inserzioni pubblicitarie. Ma quel contributo è veramente esiguo, non sufficiente a farci crescere implementando il sistema, migliorandolo e investendo maggior tempo per la ricerca di notizie.

Per questo chiediamo a voi lettori, e non a Stato, Regioni, Province o Comuni, un contributo di qualsiasi entità esso sia. Fosse anche il valore di un caffè. Pochi euro saranno per noi fondamentali e ci permetteranno di rimanere un organo di informazione libera ed estranea alle logiche dei finanziamenti pubblici.

Per questo, chi volesse contribuire gratificando il nostro lavoro, può farlo con versamenti, lo ripetiamo, fosse anche solo di un euro, sostenendo Il Punto a Mezzogiorno con una donazione volontaria.

Grazie Il Punto a Mezzogiorno

Puoi farlo con Bonifico intestato ad Ermanno Amedei codice Iban: IT65Q0760105138282904282908

oppure con Paypal

8 ottobre 2017 0

Tre quarti bastano alla Virtus Cassino per domare Catanzaro

Di redazionecassino1

Termina con una vittoria per 76-61, la prima partita casalinga dei lupi rossoblu cassinati in questa stagione 2017-18, che permette agli uomini di coach Vettese di conquistare i primi due punti nel Campionato Nazionale di Serie B Girone D. Una Virtus durante la gara dal doppio volto, primo, terzo e quarto periodo da grande squadra volenterosa di riscatto dopo lo stop esterno contro Valmontone, ma un secondo quarto approssimativo e distratto, che infatti permetteva alla formazione calabrese di portarsi all’intervallo lungo sopra di quattro lunghezze rispetto alla società cassinate.

“Non era semplice vincere in casa e partire bene contro una squadra che aveva grande entusiasmo dopo la schiacciante vittoria contro Patti, la scorsa settimana” commenta il coach della Virtus Cassino Vettese a fine gara. “Abbiamo giocato, aldilà della vittoria, contro una squadra che ha delle qualità importanti e noi come staff tecnico, temevamo molto questa partita in vista proprio delle insidie che poteva presentare. Li abbiamo contenuti molto bene il primo quarto, quando eravamo in vantaggio per 15-2, per poi però perderci inspiegabilmente il 2° quarto dove abbiamo concesso obiettivamente troppo. Siamo caduti sempre nei nostri soliti errori, ma sicuramente siamo usciti dagli spogliatoi con un’altra faccia e con un’altra fame. Abbiamo capito che è solo facendo tutto ciò che serve per arrivare alla vittoria, che la si conquista; nel momento in cui, ognuno si mette in proprio cercando di risolvere da solo il match, allora non andremo mai da nessuna parte e faremo fatica con chiunque. Non sono, sommando il tutto, contentissimo della nostra prestazione, ma alla fine ciò che conta è il foglio rosa, e questa sera lo abbiamo portato a casa”.

La partita inizia con i due quintetti classici per entrambe le squadre: Panzini, Petrucci, Del Testa, Cena e Sergio da una parte; Pichi, Battaglia, Di Dio, Morici, Botteghi dall’altra.

Approccia subito ottimamente alla partita la Virtus, che piazza subito un 15-2, con le triple di Petrucci, Cena e Del Testa a decidere il parziale. Poi però, la luce difensivamente e offensivamente parlando, si spegne, e Catanzaro porta a termine un contro-parziale di 14-8, che permette ai calabresi di terminare la prima frazione, sotto solo di 7 lunghezze al mini-intervallo. Il black-out rossoblù, però, non si ferma nella seconda frazione di gioco, anzi continua a peggiorare minuto dopo minuto. Battaglia guida i suoi (19 i suoi punti a fine gara, ndr) supportato da Morici e Pichi, che con due triple permette alla Mastria Vending di vincere il secondo quarto, con una Virtus che pecca di troppa superficialità difensiva concedendo troppi rimbalzi offensivi (5, ndr) alla squadra avversaria. Finisce così, anche il 2° quarto, che permette a Catanzaro di andare all’intervallo lungo in vantaggio, sul risultato di 37-41. Al rientro dagli spogliatoi, esce una Virtus determinata e decisa nel portare a casa i due punti, con Panzini e De Ninno che tracciano la strada da seguire. Con due triple il primo, e con due importanti entrate a canestro il secondo, permettono alla Virtus di dominare in attacco, mentre l’ottima difesa, in particolare del numero 11, consentono di subire solo 6 punti ai lupi rossoblu nella terza frazione e di tornare in vantaggio al mini-intervallo tra il 3° e il 4° quarto. Battaglia, infatti, non segna più, sotto le plance Sergio e Cena la fanno da padrone, e Petrucci incomincia ad alternarne meravigliose entrate a canestro, a tiri in transizione da mandare in visibilio il pubblico.

Alla fine del terzo quarto, allora, il tabellone recita 63-47 per la Virtus Cassino.

Nel quarto periodo la Virtus, seppur concedendo troppe seconde opportunità e troppi punti concessi da palle perse, gestisce bene il vantaggio anche grazie ad ottime percentuali dal campo e all’esperienza di Carrizo e compagni, che decidono di abbassare e di alzare i ritmi nei momenti giusti della gara. Finisce così il match sul risultato di 76-61.

Questo il commento anche del DS Manzari alla fine del match: “Sono contento e soddisfatto della nostra partita, anche perché dovevamo sbloccare un trend negativo che tra preseason e Valmontone andava avanti da alcune settimane. Tuttavia, dobbiamo rimanere con i piedi per terra mantenendo quell’umiltà e quella cultura nel lavoro settimanale che ci appartiene, testimoniato anche dal nostro terzo quarto di questa sera. Le palle perse? Sì, sono obiettivamente troppe, ma come abbiamo limato l’aspetto dell’abuso del tiro dalla lunga distanza contro Valmontone, faremo tesoro dei nostri errori di questa sera per non ripeterli nella prossima sfida contro la Luiss”.

Prossimo appuntamento per i lupi rossoblù, sabato 14 ottobre alle 18.00 a Roma, contro la formazione universitaria della Luiss.

 

BPC Virtus Cassino – Mastria Vending Catanzaro 76-61 (23-16, 14-25, 26-6, 13-14)

BPC Virtus Cassino: Biagio Sergio 19 (5/8, 1/4), Lorenzo Panzini 15 (1/2, 4/5), Enzo Cena 11 (4/5, 1/3), Niccolò Petrucci 10 (1/2, 2/5), Fabrizio De ninno 9 (3/5, 1/1), Manuel Carrizo 7 (2/2, 1/1), Maurizio Del testa 5 (1/1, 1/3), Giuseppe Di poce 0 (0/1, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/1, 0/0)

Tiri liberi: 9 / 10 – Rimbalzi: 34 4 + 30 (Biagio Sergio 9) – Assist: 21 (Lorenzo Panzini, Fabrizio De ninno 6)

Mastria Vending Catanzaro: Pasquale Battaglia 19 (3/8, 3/5), Nicolas Morici 12 (5/9, 0/3), Ygor Biordi 11 (4/8, 1/2), Tommaso Di dio 7 (2/5, 0/3), Tommaso Pichi 6 (0/1, 2/5), Luca Calabretta 4 (0/1, 1/3), Matteo Botteghi 2 (1/7, 0/0), Nikola Markovic 0 (0/0, 0/1), Andrea Procopio 0 (0/0, 0/0), Daniele Dell’uomo 0 (0/0, 0/0), Mattia Dolce 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 12 – Rimbalzi: 21 9 + 12 (Matteo Botteghi 6) – Assist: 9 (Pasquale Battaglia 3)

MVP: Biagio Sergio

 

3 ottobre 2016 0

Basket: 45′ bastano al Ferentino per aver ragione dell’Eurobasket Roma

Di redazionecassino1

Dopo 45′ di battaglia la FMC Ferentino riesce a battere l’Eurobasket Roma e a vincere la prima partita della stagione. Un match davvero al cardiopalma, che apre nel migliore dei modi la stagione e regala mille emozioni: i gigliati riescono a farlo loro con il punteggio di 86-77. La FMC parte con Imbrò, Musso, Gilbert, Raymond, Gigli; l’Eurobasket risponde con Stanic, Deloach, Malaventura, Bonessio, Easley. Sono Raymond con 5 punti in un amen e Deloach con due triple a trascinare le rispettive squadre in avvio ma la FMC prova ad operare il primo break a metà primo quarto grazie alle triple di Musso e Gilbert (13-6 dopo 5′ di gioco). L’Eurobasket però reagisce immediatamente trovando due jumper dalla media di Malaventura per tornare a un solo possesso di distanza, Gigli chiude il primo quarto sul 17-12 finalizzando un bel pick and roll orchestrato da Gilbert. Nel secondo periodo entrano in partita anche Easley e Righetti, quest’ultimo timbra la parità a quota 19 con un gioco da tre punti, poco dopo Deloach porta i romani in vantaggio per la prima volta ma Gigli tiene i ciociari a contatto: 23-23 a 6′ dall’intervallo sul timeout chiamato da coach Bonora. La sospensione fa bene ai padroni di casa che vengono scossi da Bernardo Musso: per il campione d’Argentina in carica tre bombe in rapida successione che ispirano il break di 12-2 con cui la FMC vola sul 35-27. Il distacco rimane praticamente invariato prima dell’intervallo, si torna negli spogliatoi sul 40-31.

Imbrò e Gilbert sono molto ispirati in avvio di terza frazione e colpiscono ripetutamente la difesa romana, portando Ferentino fino al massimo vantaggio sul +13. L’Eurobasket però si scuote grazie ai suoi americani e poco dopo entrano nel match anche Bonessio, abile a farsi largo sotto canestro e Stanic che scalda la mano dall’arco. I romani arrivano a -4 ma Imbrò li ricaccia indietro con una tripla frontale, nelle ultime battute però è nuovamente la coppia Stanic-Bonessio a trascinare la Roma Gas & Power fino al pareggio a quota 56. Il buzzer beater di Lorenzo Benvenuti permette ai gigliati di rimanere avanti all’ultima pausa: 56-58. Musso prova a lanciare di nuovo i ciociari con due triple in fila ma gli ospiti non mollano, riacciuffano nuovamente la parità e passano anche in vantaggio, stavolta con le conclusioni pesanti di Righetti e Malaventura. Ferentino però trova risposte importanti da Marcus Gilbert che riporta avanti la sua formazione sul 69-67 a metà quarto periodo. La gara continua a vivere di botta e risposta emozionanti, è il turno di Deloach e Righetti che firmano il nuovo sorpasso capitolino (71-69) a meno di 3′ dalla fine ma Gilbert aggancia di nuovo gli avversari. Nell’ultimo minuto Easley sbaglia una schiacciata comoda e lascia a Ferentino la palla della vittoria, ma sia Musso sia Raymond sbagliano e mandano la gara all’overtime. Nel supplementare sono ancora Gilbert e Raymond a bersagliare la retina dalla lunga distanza, domando così la resistenza dell’Eurobasket e regalando alla FMC la prima vittoria stagionale (86-77).

Ferentino: Capuani n.e., Musso 21, Gigli 8, Datuowei n.e., Sabbatino, Imbrò 19, Gilbert 18, Carnovali, Aatata n.e., Bertocchi n.e., Benvenuti 2, Raymond 18. Coach: Ansaloni Eurobasket: Belloni n.e., Deloach 19, Petrucci, Malaventura 16, Fanti 2, Stanic 10, Righetti 8, Easley 12, Vangelov n.e., Bonessio 10. Coach: Bonora Parziali: 17-12, 23-19, 18-25, 15-17, 13-4 Arbitri Tirozzi, Capurro, Catani