Tag: bonifica

27 settembre 2017 0

Da venerdì a Gaeta interventi di bonifica del verde pubblico

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

 Partiranno questo venerdì 29 settembre gli interventi di bonifica del verde pubblico a Gaeta, secondo la programmazione definita dall’Ufficio Ambiente del Comune. Diverse zone della città saranno oggetto di lavori per la cura e la pulizia dell’ambiente, finalizzati a garantire l’igiene degli spazi pubblici, la sistemazione delle zone verdi e, più in generale, una migliore qualità della vita urbana.

I lavori consisteranno nella potatura di alberi, nel taglio dell’erba e nella pulizia complessiva dell’area destinata al verde pubblico. Nella giornata di venerdì il primo intervento interesserà la zona in Via degli Eucalipti II trav. DX , mentre  sabato 30 settembre vedrà protagoniste Piazza Castello e Piazza Commestibili.

In queste aree, nei giorni indicati, a partire dalle 7.30, fino al termine delle operazioni di pulizia, il Comando del Corpo di Polizia Locale ha istituito con apposita ordinanza il divieto di sosta con rimozione. L’Amministrazione Comunale pertanto si scusa con la cittadinanza per gli eventuali disagi causati dallo svolgimento di  tali interventi.

 

19 luglio 2010 0

Dai consorzi di bonifica un impegno per valorizzare i territori

Di admin

“La riduzione delle aree destinate in varie forme ad usi tradizionalmente riconducibili all´attività agricolo-forestale, il crescente interesse di altri settori per l´uso del suolo e delle acque (industrie, infrastrutture, tempo libero, ambiente naturale) e, sul piano istituzionale e normativo, il decentramento regionale, l´istituzione del Ministero dell´Ambiente, la legislazione di tutela paesaggistica e di salvaguardia ambientale, hanno determinato una realtà operativa e giuridico-istituzionale diversa rispetto a quella in cui la bonifica aveva avuto origine e si era sviluppata fin sul finire degli anni `60”. Così il presidente del Consiglio Regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, ha iniziato il suo intervento al convegno tenutosi oggi pomeriggio ad Ardea (RM) e promosso dall´Unione Regionale bonifiche del Lazio sul tema “Organizzazioni Professionali Agricole: rappresentanze sindacali”.

“A questo punto – ha affermato il presidente dell´Assemblea regionale – se si riconosce alla Bonifica la natura di una realtà in continuo divenire, si rende necessario adeguare la normativa vigente per rilanciare una nuova progettualità per i Consorzi di bonifica del Lazio. Ci sono sfide della Regione Lazio che vanno affrontate con un grande concorso da parte dei Consorzi di Bonifica, in primis con interventi idonei per la riduzione del rischio idrogeologico per salvare vite umane e ridurre le spese delle emergenze. Annualmente, l´Italia spende, in media, oltre un miliardo di euro per le emergenze, che vedono coinvolte circa 5mila persone. C´è la necessità, inoltre, di adeguare e potenziare le infrastrutture idrauliche di fronte alle mutate condizioni del territorio ed ai cambiamenti climatici. Bisogna trovare soluzione alle questioni inerenti la sicurezza idraulica e la qualità degli approvvigionamenti idrici fondamentali, oltre alla produzione di energia da fonti rinnovabili, fotovoltaico, biomasse, eolico. Tutto questo sarà possibile attraverso una politica consortile seria, pragmatica, trasparente, eliminando le inefficienze che incidono sulla realizzazione delle opere”. “Ai Consorzi – ha concluso Mario Abbruzzese – va garantita sempre più efficienza operativa, ma agli stessi si richiede un impegno sempre maggiore per far crescere insieme territori, imprese e l´economia stessa della regione. Vogliamo dei Consorzi siano sempre di più impegnati nella valorizzazione dell´ambiente e nella difesa idrogeologica del territorio. La Regione farà la sua parte. Una prima risposta è stata l´accordo di programma deliberato in questi giorni dalla Giunta regionale, grazie al quale saranno disponibili 120 milioni di euro per la difesa del suolo e per il programma straordinario esondazioni”.