Tag: caffe

3 dicembre 2018 0

Promozione: Belmonte vince, ma Caffè Reale e Piedimonte non mollano

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Restano saldamente in testa le due capolista del torneo di Eccellenza, la Longobarda che supera agevolmente il fanalino di coda, padroni di casa, Tibia e Peroni per 2 a 5 ed il Borussia che batte i padroni di casa del Moscuso per 0 a 2. Vittoria anche per Tordoni che si gode, dopo l’undicesima giornata, il terzo posto in solitario, dopo aver sconfitto, 2 a 0, DS Dodici. Ancora una battuta d’arresto per Collecedro che esce sconfitto dal confronto con i padroni di casa di Isotopi per 2 a 0. Nove le reti segnate nel match che vedeva opposte Caira e Atletico Pontecorvo. La formazione ospite, Caira, riesce nell’impresa di aggiudicarsi i tre punti con un 4 a 5 sulla formazione pontecorvese. Torna alla vittoria, dopo la brutta sconfitta della settimana scorsa, Cervaro con un bel 3 a 2 inflitto a Canceglie. Il prossimo turno vedrà il derby fra la capolista Longobarda e Isotopi, mentre il Borussia sarà impegnato contro l’Atletico che sulla carta risulta più agevole.

In Promozione, girone “A”, solo un punto conquistato dalla capolista Janula con il pareggio 2 a 2 nel match contro Terzo Tempo, che consente alla formazione leader del torneo di mantenere cinque lunghezze con la sua diretta inseguitrice, Amatori Aquino. La formazione della Città di San Tommaso, infatti, supera 2 a 1 Autoricambi Daniele. Nello scontro di mezza classifica, fra Niemoslive e Sordella, sono i padroni di casa a conquistare i tre punti, battendo la formazione ospite, Sordella, per 2° 1. Il prossimo turno sarà particolarmente insidioso per Aquino che dovrà scontrarsi con un Friends for Football reduce da una vittoria, nell’undicesima giornata, su Villa Santa Lucia e a caccia di punti.

Il girone “B” sembra, al momento, quello più equilibrato. Tre le formazioni in lotta per il primato in classifica, ora occupato da Belmonte reduce dalla vittoria casalinga contro Monticelli per 2 a 1. Le dirette inseguitrici, AM Piedimonte e Caffè Reale, tuttavia, non mollano. Proprio Piedimonte conquista tre punti importanti battendo i padroni di casa AM Castelnuovo per 1 a 2, mentre Caffè Reale (nella foto) supera i padroni di casa di S. Ambrogio City per 1 a 3. Sconfitta anche l’altra formazione aurunca, Real Castelnuovo, ad opera degli ospiti di Viticuso per 1 a 2 che consente alla formazione di allontanarsi, se pur di poco, dalla parte bassa della classifica del torneo.

27 novembre 2018 0

Operazione Mazzancolle e caffè a Formia, eseguite tre misure cautelari

Di admin

FORMIA – I militari della NORM della Compagnia Formia e della Stazione Carabinieri di Scauri, coordinati da Roberto Bulgarini Nomi– Sostituto procuratore dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino hanno portato a termine un’importante indagine finalizzata al contrasto al traffico di sostanze stupefacenti nel sud-pontino. Alle prime luci dell’alba, i militari hanno dato esecuzione a tre misure cautelari personali, emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari Salvatore Scalera presso il Tribunale di Cassino, a carico di tre persone residenti a Minturno che, sulla scorta dei plurimi e gravi indizi di reità raccolti dalla P.G., sono ritenuti responsabili di traffico continuato di sostanze stupefacente. In particolare, Domenico Massimiliano Castaldi, 38 enne, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, è stato associato alla casa circondariale di Cassino, D’Acunto Paola, 36 enne, è stata sottoposta alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, mentre nei confronti di D’Acunto Giuliana, 42 enne, destinataria della misura dell’obbligo di presentazione alla P.G.., è stata tratta in arresto in flagranza di reato in quanto, nel corso delle operazioni dell’esecuzione dell’ordinanza, presso la sua abitazione, sono stati rinvenuti 107 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish. Il nome dell’operazione prende spunto dal soprannome (Mazzancolle) con cui viene chiamato in paese il principale indagato, Domenico Castaldi e dalla professione esercitata in passato dallo stesso (caffè), ovvero di rappresentante di vendita di caffè. L’operazione denominata “Mazzancolle e caffè”, dal soprannome di uno degli indagati, avviata a seguito dell’arresto in flagranza di reato, operato in Marina di Minturno il 29.12.2014, a carico di Domenico Massimiliano Castaldi. In tale circostanza lo stesso fu trovato, presso la sua abitazione e nelle sue pertinenze, in possesso di circa 700 grammi di hashish, 10 di cocaina, materiale atto al taglio ed al confezionamento dello stupefacente nonché una somma ingente di denaro in contanti, nascosta insieme alle sostanze stupefacenti rinvenute, in particolare vennero trovati 222.000 Euro divisi in banconote di vario taglio, il tutto provento dell’attività di spaccio posta in essere dal Castaldi. A seguito dell’arresto si avviava pertanto un’intensa attività investigativa, protrattasi fino al mese di febbraio 2018, sviluppata mediante costanti servizi di osservazione, controllo e pedinamento accompagnati da perquisizioni personali, veicolari e locali e supportati da indagini tecniche che hanno consentito di ricostruire le dinamiche del traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed hashish tra i comuni di Minturno, Gaeta, Formia ed Itri, ove erano presenti diversi soggetti acquirenti che si rifornivano costantemente da Castaldi. Nel corso dei colloqui captati, al fine di eludere eventuali investigazioni, il linguaggio si presentava costantemente ermetico e criptico così la richiesta di stupefacente, talvolta, diventava un “cioccolata o panetto”, in riferimento all’hashish, mentre le dosi di cocaina erano indicata come “pacchi” o “cialde”, in riferimento alla professione del Castaldi. Nel corso dell’indagine, inoltre, è stata tratta in arresto in flagranza di reato, per detenzione di sostanze stupefacenti, la moglie di Domenico Castaldi, ovvero Paola D’Acunto. La stessa, infatti, in data 21 dicembre 2017, a seguito di servizi di pedinamento ed osservazione, è stata controllata a bordo della propria autovettura, in via Petrosi, in Scauri di Minturno, e trovata in possesso di 15,5 grammi di sostanza stupefacente di tipo cocaina. Successivamente, a seguito di perquisizione domiciliare i militari dell’Arma rinvenivano un ulteriore grammo e mezzo della medesima sostanza nonché vario materiale idoneo al taglio ed al confezionamento degli stupefacenti. Giuliana D’Acunto, all’esito delle indagini, risulta aver contribuito materialmente all’attività di spaccio posta in essere dalla sorella Paola. Quest’ultima infatti ha potuto contare sull’appoggio morale e materiale della sorella Giuliana, la quale ha effettuato cessioni e trasporti di sostanza stupefacente. Risulta, infine, indagato il padre di Domenico, ovvero Carlo Castaldi, 72 enne, il quale è accusato del reato di favoreggiamento reale, in quanto, a seguito dell’arresto del figlio, ha aiutato lo stesso ad assicurare il profitto dell’attività di spaccio, ovvero i 222.00 euro sequestrati, sostenendo falsamente di essere il proprietario del denaro, intentando un’azione giudiziaria per restituzione dell’ingente somma riuscendo, infine, ad ottenerla. Per tale motivo il G.I.P. del Tribunale di Cassino ha chiesto il sequestro preventivo della suddetta somma di denaro. Questa mattina, alle prime luci dell’alba, i Carabinieri del NORM della Compagnia di Formia e della Stazione di Scauri, con l’ausilio dell’unità cinofili per la ricerca delle sostanze stupefacenti, del Gruppo della Guardia di Finanza di Formia, hanno dato esecuzione all’ordinanza emessa dal Tribunale di Cassino. Presso le abitazioni degli indagati i Carabinieri hanno rinvenuto, oltre alla sostanza stupefacente presso l’abitazione di D’Acunto Giuliana, anche alcune somme di denaro che venivano sottoposte a sequestro preventivo. Come disposto dall’ordinanza, infatti, i militari dell’Arma hanno provveduto, sempre in mattinata, a sequestrare, presso i conti correnti intestati a Domenico Castaldi ed agli altri indagati, il denaro ivi depositato, in particolare la somma totale di 48.000 euro, tra contanti e denaro depositato presso i conti correnti bancari e postali.

8 agosto 2018 0

Sostieni Il Punto a Mezzogiorno, basta anche un caffè al mese

Di admin

IL PUNTO A MEZZOGIORNO – 

Undici anni di attività, undici anni a cercare notizie, a verificarle, a proporvele in maniera tempestiva e nella forma più efficace possibile, senza giri di parole per evitare ogni condizionamento, lasciando a voi, sulla base di dati forniti dalla cronaca, la possibilità di formarvi un’idea.

Perchè è necessario pagare l’informazione

Mai un solo soldo provento da qualsiasi forma di finanziamento o contributo pubblico, una informazione a costo zero, con un minimo di supporto economico da alcune inserzioni pubblicitarie. Ma quel contributo è veramente esiguo, non sufficiente a farci crescere implementando il sistema, migliorandolo e investendo maggior tempo per la ricerca di notizie.

Per questo chiediamo a voi lettori, e non a Stato, Regioni, Province o Comuni, un contributo di qualsiasi entità esso sia. Fosse anche il valore di un caffè. Pochi euro saranno per noi fondamentali e ci permetteranno di rimanere un organo di informazione libera ed estranea alle logiche dei finanziamenti pubblici.

Per questo, chi volesse contribuire gratificando il nostro lavoro, può farlo con versamenti, lo ripetiamo, fosse anche solo di un euro, sostenendo Il Punto a Mezzogiorno con una donazione volontaria.

Grazie Il Punto a Mezzogiorno

Puoi farlo con Bonifico intestato ad Ermanno Amedei codice Iban: IT65Q0760105138282904282908

oppure con Paypal

29 maggio 2018 0

Cocaina tra le cialde di caffè, arrestato a Gaeta spacciatore con 150 grammi di droga

Di admin

GAETA – Gli agenti del Commissariato di Gaeta nel primo pomeriggio di ieri ha effettuato il fermo ed il controllo di un’autovettura che procedeva a velocità sostenuta, nonostante il percorso impervio determinato dal fondo stradale dissestato. Il conducente, un giovane di 25 anni circa, di Fondi, in evidente stato di agitazione, cercava di eludere l’attenzione degli operanti, attribuendo la sua presenza in quella zona ed il suo modo di procedere alla premura di effettuare le consegne di alcune confezioni di caffè ad altrettanti clienti del luogo.

Gli operanti, ritenendo tale modo di fare assai sospetto, effettuavano un controllo e, all’interno dell’autovettura di grossa cilindrata da lui condotta, in particolare nel vano portabagagli ed in una delle diverse confezioni di cialde per caffè di varie marche, gli operanti notavano la presenza di un involucro di cellophane, al cui interno vi era una ulteriore busta trasparente e termosaldata, contenente due pietre di sostanza chiara, risultata essere stupefacente.

La sostanza, esaminata presso il laboratorio della polizia scientifica del Commissariato di Formia, è risultata essere cocaina: peraltro di ottima qualità, del peso di 150 grammi.

Il giovane identificato in P.F. nato a Fondi, classe 1993, è stato tratto in arresto e lo stupefacente, del valore di circa 15 mila euro, è stato sequestrato.

Informato il P.M. di turno presso la Procura di Cassino nella persona del dr. De Franco, l’arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione in Fondi a disposizione dell’A.G. procedente.

23 gennaio 2018 0

Si ferma per un caffè al bar e un amico le ruba l’auto: denunciato 43enne di Frosinone

Di admin

FROSINONE – Una donna sta consumando un caffè seduta al tavolino di un bar, nella parte alta di Frosinone, quando un conoscente le si avvicina e le ruba, con gesto fulmineo, le chiavi dell’auto.

In pochi istanti il ladro sale in macchina e si da alla fuga.

La malcapitata allerta la Polizia. Gli agenti della Squadra Volante immediatamente si mettono alla ricerca del veicolo e dell’autore del furto che rintracciano poco dopo. E’ un 43enne del capoluogo, per il quale scatta la denuncia.

Nel giro di poche ore il veicolo “ricercato” è stato rinvenuto.

2 febbraio 2017 0

Il Caffé Izzo di Anagni “incoronata” migliore miscela dell’anno

Di admin

Redazionale – Il caffè lavorato e tostato ad Anagni è stato premiato e quale miglior caffè dell’anno nel corso della Biennale Rimini Europa 2016 – 2017. Ad attribuire la “Medaglia d’oro” al Caffè Izzo è stata Wine Food Restaurants Coffee & Cocktail Bar e la notizia del premio ha raggiunto gli uffici della fabbrica Izzo in via morolense ad Anagni quando i motori della torrefazione erano accesi e nell’aria c’era il profumo di caffè tostato. Al banco bar, invece, c’erano i clienti d’oltreoceano, arrivati ad Anagni dopo un lungo viaggio,  e stavano degustando L’Espresso IZZO servito da lui: Vincenzo Izzo. “Un espresso così parla da solo – questo è  stato il commento del patron IZZO-   vanta poi un’unica miscela che viene compresa in tutte le lingue del mondo”. Un commento rapido e poi subito è tornato a parlare con i clienti spiegando con passione e trasporto i segreti di un espresso diverso dagli altri. Quali sono dunque i motivi che hanno incoronato questo espresso come il migliore nel mondo e che cosa lo rende così diverso? “Forse – risponde dopo, lo stesso Vincenzo –  una crema color nocciola che riempie lo sguardo, e solletica le papille gustative con un gusto persistente e avvolgente. Forse perché si rivela come un espresso dal sapore pieno con retrogusto ciocco lattato. O forse per il fatto che questo espresso esce goccia a goccia dalla macchina con gruppo a leva. Una macchina ideata è creata appositamente per questa miscela ed una miscela creata appositamente per quella macchina. Una combinazione tra innovazione tecnologica e gusto.  Forse conclude – sono questi i motivi che giustificano il premio uniti, e non è poco, al beneficio di un espresso che non brucia e non irrita le pareti dello stomaco, perché risultato di una tostatura scura. Una tostatura che preclude alla caffeina di nuocere al nostro sistema nervoso. Tanti particolari rendono questo espresso davvero unico e soprattutto differente”. La magia della macchina a leva, che sembra fermare il tempo per far scendere il caffè goccia a goccia nella tazza preriscaldata, ci regala la magia di una pausa di gusto.

Per info su comodato d’uso Dott.ssa Tamara Graziani – 3290617751

14 novembre 2016 0

Longobarda, Cerreto e Guaranà Caffè solitarie in vetta ai loro gironi

Di redazionecassino1

La sesta giornata nel torneo Eccellenza vede il piccolo passo falso di 03039 Sora fermata dal pareggio, a reti inviolate, nel match contro Cafè Retrò Aquino che consente alla Longobarda, con la vittoria 2 a 1 sul terreno di Real Valle, di godersi il primato solitario in classifica a quota diciotto punti. Ancora un derby a Pontecorvo fra Atletico e Tordoni, risolto a favore dei padroni di casa, Atletico, per 3 a 0. Tiffany Isotopi supera con un brillante 4 a 0 Scauri. Vince anche l’altra formazione volsca, Canceglie Sora contro Extra Vaganti Formia (nella foto) per 2 a 1. Vittoria esterna anche per Caira, 0 a 2, sul campo del fanalino Viticuso. Nel girone “A”di Promozione la vittoria esterna di Cerreto, 1 a 2, a Castrocielo consente alla capolista di consolidare il primato in classifica incrementando il suo vantaggio a tre lunghezze sulla Sangermanese fermata dal pareggio casalingo, 2 a 2, nel match che la vedeva opposta a Tecnocasa Cassino. Ancora una vittoria per AM Aquino, di misura 0 a 1, nella trasferta di San Giorgio, che consente alla formazione allenata da mister Materiale di raggiungere a quota undici punti la Sangermanese. Nel girone “B” non approfitta Labbirra del pareggio imposto alla capolista Guaranà Caffè, 2 a 2, Pignataro. Proprio Labbirra pareggia fra le mura domestiche contro Partizan Cassino. Si avvicina Collecedro che ha vita facile contro il fanalino Real Castelnuovo battuto in casa dalla formazione santangelese per 0 a 4. Successo esterno anche per Vallemaio, 0 a 3, contro Niemoslive 99. F. Pensabene