Tag: calci

18 aprile 2018 0

Anagni: Aggredisce i carabinieri con calci, pugni e insulti. 40enne in manette

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella serata di ieri, ad Anagni, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia, traevano in arresto per “violenza, resistenza e lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale”, un 40enne di Gorga (RM), già censito per numerosi reati contro il patrimonio. Lo stesso, sottoposto a controllo dei militari all’interno di un bar, allo scopo di sottrarsi agli accertamenti aggrediva gli operanti con calci, pugni e spintoni, rivolgendo loro frasi oltraggiose. Datosi alla fuga, il 40enne veniva raggiunto poco dopo nelle strade adiacenti e trovato in possesso di una dose di grammi 0,5 di cocaina e pertanto, segnalato anche all’Ufficio Territoriale del Governo di Frosinone per uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti. L’arresto al termine delle formalità di rito è stato condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari come disposto dall’A.G., mentre la sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro. Foto d’archivio

13 dicembre 2017 0

Calci, spintoni e minacce, la donna finisce in ospedale e il compagno 40enne denunciato dalla polizia

Di redazionecassino1

Cassino – Una voce femminile allerta il 113 del Commissariato di Cassino  per segnalare una violenta  lite con il compagno.

Lei una giovane mamma, lui un 40enne, entrambi della Città Martire, “protagonisti” dell’ennesima triste vicenda.

Calci e spintoni, nonché  minacce:  la donna finisce in ospedale per l’aggressione subita. La Squadra Volante interviene e denuncia l’uomo, che dovrà rispondere di minacce e lesioni.

La Polizia di Stato invita sempre le donne vittime di violenza  a non nascondersi dietro il muro del silenzio, ma segnalare sempre ogni tipo di abuso, sia fisico che psicologico.

Dall’inizio dell’anno la Polizia di Stato ha uno strumento in più per poter intervenire, con l’adozione del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) da parte di tutte le Questure d’Italia.

La procedura   consente agli equipaggi di Polizia, chiamati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano stati altri episodi in passato nello stesso ambito familiare.

Tutto questo attraverso una procedura che prevede la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, consentono di tracciare situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenze reiterate.

 

 

25 settembre 2017 0

Pestaggio tra mura domestiche, calci pugni e testate alla ex moglie

Di admin

TORRICE – Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Torrice hanno tratto in arresto per il reato di lesioni personali, un 50enne residente in quel centro, pregiudicato per reati specifici e contro la persona. I militari, infatti, sono intervenuti a seguito della richiesta di aiuto da parte di una donna che era stata violentemente percossa dal marito separato. L’uomo, nonostante con la vittima fossero separati oramai da tempo, non aveva mai accettato di doversi allontanare lasciando il tetto coniugale. Per tali motivazioni il marito violento, proprio in quelle mura domestiche in cui egli non avrebbe dovuto essere, si rendeva spesso protagonista di scenate di isteria e violenza. Fino, quindi, al precipitare della situazione dell’ultimo episodio al quale anche degli amici della coppia sono stati costretti ad assistere. Preso da un ennesimo momento di ira nei confronti della ex, la percuoteva ripetutamente con calci e pugni al ventre sferrandole infine una testata in pieno volto che la tramortiva. Solo l’intervento da parte degli amici in suo soccorso permetteva che la situazione non precipitasse verso conseguenze irreparabili. I militari, giunti tempestivamente sul posto immobilizzando l’uomo affinché non potesse più nuocere alla consorte.

16 agosto 2017 0

Calci e pugni alla moglie, arrestato 45enne di Sora

Di admin

SORA – La scorsa notte, i Carabinieri della Stazione di Casalvieri traevano in  arresto un 45enne della zona, incensurato, per maltrattamenti in famiglia.

In particolare l’uomo, per futili motivi, aggrediva la propria moglie colpendola più volte al volto con schiaffi e pugni, senza causarle fortunatamente gravi lesioni fisiche, ma costringendola comunque alle cure mediche presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Sora, ove le veniva riscontrato un forte stato ansioso reattivo.

Prontamente intervenuti su richiesta della donna, i militari operanti evitavano che la situazione potesse degenerare e raccolti tutti  gli elementi utili alla ricostruzione dei fatti, traevano in arresto il 45enne. L’arrestato al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino.

20 luglio 2010 0

Aggredisce i carabinieri con calci e pugni, afgano in manette

Di redazione

Ieri sera a Veroli i carabinieri hanno arrestato H.T.H. , 18 anni, afgano, residente in Roma ma, di fatto, domiciliato in in ciociaria, per “violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale”. Il giovane, ha aggredito senza motivo, con calci e pugni due militari della locale stazione impegnati in un servizio di posto di controllo i quali, poco prima , avevano invitato il giovane ad allontanarsi da quel luogo per motivi di sicurezza. I militari ,accompagnati e visitati dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale “San Benedetto” di Alatri hanno riportato una prognosi di 5 giorni s.c. per “contusioni al gomito e polso nonché nella regione dorso lombare “. L’arrestato dopo le formalità di rito, veniva trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando.

11 novembre 2009 0

Omicidio in strada, ucciso a calci e pugni da tre rom

Di redazione

Terribile fatto di sangue, la scorsa notte, ad Alba Adriatica (Te). Una discussione tra tre nomadi ed un commerciante di 37anni, iniziata in un locale e culminata in strada a calci e pugni, ha visto il 30enne, Emanuele Fadani morire sotto i colpi scagliati dai tre che si sono dileguati. I testimoni hanno quindi chiamato un’ambulanza e i carabinieri. L’uomo è deceduto durante il trasporto in ospedale. Si ignorano al momento le cause del diverbio che pare sia nato da uno scambio di battute divenuto poi litigio e poi ancora rissa. Immediate le ricerche dei carabinieri che hanno permesso di identificare i tre rom, ma rintracciarne due nei confronti dei quali la procura ha emesso un provvedimento di fermo giudiziario ipotizzando il reato di concorso in omicidio volontario. Sui sta inoltre cercando il terzo uomo.

12 agosto 2009 0

Ucciso in casa a calci e pugni per 5mila euro

Di redazione

Hanno ucciso un uomo per portar via appena 5 mila euro. E’ il bottino di una rapina messa a segno questa notte da un gruppo di malviventi a Vairano Patenora in provincia di Caserta, a pochi chilometri dal confine con la regione Lazio e con il Cassinate. L’irruzione nella casa in cui dormivano Bartolomeo Casparrino, un bidello 50enne, e sua madre, è avvenuta alle 3 del mattino. Il gruppo ha legato l’uomo ad una sedia con il nastro adesivo e lo ha fatto oggetto di percosse di ogni tipo per costringerlo a dire dove aveva nascosto il danaro. A raccontare ai malviventi dove le banconote fossero nascoste, è stata l’anziana donna nel tentativo di sottrarre il figlio a quel barbaro trattamento. Ottenuto ciò che volevano, i rapinatori sono fuggiti con 5 mila euro ma il 50enne è morto poco dopo a causa delle percosse. ermanno amedei