Tag: cancelli

8 novembre 2017 0

Fca, Presidio della Fiom Cgil davanti i cancelli dello stabilimento di Piedimonte San Germano

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Piedimonte San Germano- Da questa mattina, la Fiom Cigl sta effettuando un presidio davanti i cancelli dello stabilimento Fca. A motivare la scelta di protesta il mancato rinnovo di 539 contratti di somministrazione che hanno visto impiegati sulla linea Giulia e Stelvio più di 800 giovani operai per circa 8 mesi. Una scelta, quella di Fca, che ha letteralmente spento l’entusiasmo dei ragazzi che lavoravano con agenzia interinali. Solo trecento, lo ricordiamo, sono stati contratti rinnovati. Ciò ha generato, tra l’altro, una reazione a catena anche nell’indotto che ha iniziato a tagliare sulla forza lavoro con inevitabili ripercussioni. Oggi la Fiom Cgil è scesa in piazza per manifestare piena solidarietà a coloro che hanno perso il posto di lavoro. L organizzazione sindacale, si legge in una nota, aveva proposto durante l’incontro dello scorso 2 novembre la rotazione di tutti i somministrati in modo da impedire che i giovani fossero usciti dal circuito aziendale. Il presidio è attivo da questa mattina, già dal primo turno. Anche nel pomeriggio le bandiere e i rappresentanti Fiom con alcuni lavoratori erano davanti lo stabilimento a far sentire la propria rabbia e a chiedere che tutti i ragazzi non confermati vengano riassunti e stabilizzati. N.C.

24 novembre 2016 0

Anche i 5 operai di Pomigliano davanti i cancelli Fca di Cassino

Di Antonio Nardelli

Anche i 5 operai della Fiat di Pomigliano sono oggi davanti I cancelli Fca di Cassino. La loro storia è nota alle cronache nazionali. Sono stati reintegrati dalla sentenza della corte d’appello del tribunale di Napoli lo scorso settembre. I cinque erano stati licenziati a seguito di una iniziativa di protesta per manifestare contro i suicidi di due operai cassaintegrati dello stabilimento di Nola. Per anni, gli operai hanno manifestato rivendicando il diritto di satira.