Tag: centenario

7 ottobre 2018 2

Centenario della Prima Guerra Mondiale, ricordati a Pordenone i 92 caduti della provincia di Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

 

FROSINONE – “Si è svolta ieri, sabato 6 ottobre, presso la Chiesa di San Giorgio di Pordenone la Cerimonia della Consegna delle Medaglie riconosciute ai Caduti del primo Conflitto mondiale dei comuni di Ausonia, Sant’Andra del Garigliano e di Vallemaio”.

Lo si legge in una Associazione nazionale Combattenti e Reduci della provincia di Frosinone.

“Una delegazione composta da circa 45 persone, tra familiari dei caduti, quest’ultimi accompagnati dalle rappresentanze istituzionali composta dai Sindaci e dalle Amministrazioni Comunali e dall’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Provinciale di Frosinone nella persona del Segretario Provinciale Giovanni Inglese dai Presidenti delle Sezioni locali Carmine Fargnoli e Vincenzo Iannattone e soci. La cerimonia si tenuta a Pordenone organizzata dall’Associazione Nazionale Bersaglieri. Ai 92 Caduti durante la Grande Guerra, sono state riconosciute le Medaglie d’Onore, che sono state ritirate dai familiari. La cerimonia è stata organizzata dall’ Associazione Nazionale Bersaglieri di Pordenone Presidente Col. Alfredo Imbimbo in sinergia con la Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Provinciale di Frosinone Presidente Cav. Pompeo Terrezza, ha partecipato alla cerimonia l’Associazione Nazionale Carabinieri Sottosezione di Ausonia rappresentata dal Fiduciario Roberto Pontarelli e soci. L’iniziativa promossa dalla Regione Friuli Venezia Giulia, proposta dall’ANCR Frosinone ai Comuni interessati, che proprio due anni fa furono inoltrate le richieste per l’ottenimento del riconoscimento ai Caduti che si immolarono per la Patria nel raggiungimento del compimento dell’Unità d’Italia. Dopo la cerimonia molto commovente, iniziata con la deposizione delle corone di alloro al Monumento dei Caduti di Pordenone la delegazione ha proseguito il viaggio a far visita ai Sacrari Militari sul territorio dove quei valorosi nostri Soldati combatterono nelle trincee del fronte italiano. Grande soddisfazione ha espresso il Presidente Provinciale ANCR Cav. Pompeo Terrezza, per la realizzazione dell’evento di notevole importanza storica nel’ occasione del Centenario che ricade proprio quest’ anno”.

“E’ stato un lavoro lungo e faticoso – ha detto nella nota Terrezza – iniziato dalla nostra Associazione già dal 2014, un monitoraggio accurato e preciso, a partire dalla ricerca dei Caduti attraverso vari riscontri negli archivi statali e elenchi custoditi proprio nell’archivio della ANCR Frosinone terminato con l’individuazione degli eredi dei Caduti, con la conclusione di dare ancora di più un valore storico ai  Comuni della Provincia di Frosinone attraverso la Memoria e la Storia locale, divulgando alle giovani generazioni quei principi fondamentali e preziosi che sono la base di una società libera e democratica,   perché la Storia siamo noi”.

“Un ringraziamento per i familiari che hanno prestato interesse nel ricevere questa medaglia, ai Sindaci Benedetto Cardillo e Giovanni Rossi che hanno accolto con entusiasmo offrendo il maggior supporto possibile ai familiari e a tutti coloro che hanno collaborato e partecipato all’evento. Si ringrazia l’Avv.to Elisa Galasso che fin dall’inizio ha collaborato alla ricerca dei familiari dei Caduti di Sant’Andrea del Garigliano, al cerimoniere del Comune di Ausonia Luigi Altieri, ai Consigli Direttivi ANCR di Ausonia e di Sant’ Andrea del Garigliano e a quanti coloro che nel proprio piccolo hanno partecipato con una inestimabile sensibilità. “In Onore dei Caduti in Difesa della Pace””.

11 gennaio 2018 0

Centenario della Prima Guerra Mondiale e le 48 vittime di San Vittore censite

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – “Una sede locale dell’Associazione nazionale combattenti e reduci ed un censimento certosino che ha portato all’individuazione finora di 48 concittadini che persero la vita per la Patria durante la prima guerra mondiale”.

Lo si legge in una nota del Comune di San Vittore del Lazio.

“Il Centenario di quell’immane conflitto, celebrato in tutta Italia, diventa a San Vittore del Lazio occasione per riesumare la memoria e presentare un accurato progetto che porterà gli eredi dei combattenti locali in terra friulana, per ricevere una medaglia commemorativa e partecipare ad una toccante cerimonia. Questo il sunto del convegno che l’amministrazione guidata dalla sindaca Nadia Bucci ha voluto tenere presso la Sala consiliare assieme ai vertici provinciali dell’Ancr, in primis al presidente, cavalier Pompeo Terrezza. Proprio la prima cittadina ha esordito, precisando come il lavoro di ricerca anagrafica per individuare i sanvittoresi immolatisi sulle pietraie del Carso sia stato affidato a due solerti cittadini, Renata e Giuseppe Vendittelli”.

“A loro il compito di ricostruire l’albero genealogico dei nostri caduti. Lo scopo – ha detto nella nota  la Bucci rivolgendosi ad una interessata e folta platea e dopo un accurato preambolo storico – è condurre una delegazione in Friuli a ritirare le medaglie; entro pochi mesi verremo coinvolti in questo progetto che non prevede assolutamente spese a carico delle famiglie destinatarie delle onorificenze. Ma come amministrazione stiamo seguendo anche una seconda direttrice progettuale: aprire a San Vittore una sede locale dell’Ancr che metta insieme gli intenti di ex ed attuali facenti parte di FFAA e FFOO”.

Il presidente Terrezza ha illustrato poi le finalità statutarie dell’Associazione, ripercorrendone in breve la storia fin dagli esordi con le sezioni pioniere di San Giorgio al Liri e Guarcino, assieme al Segretario Giovanni Inglese. “Scopo dichiarato – ha detto nella nota – è quello di coinvolgere anche i giovani e le scuole in un progetto che non vedrà solo la consegna di medaglie agli specifici eredi dei soldati, ma anche alla memoria per quanti dovessero essere individuati in seguito”.

A quel punto la sindaca Bucci ha letto, uno ad uno, i nomi dei soldati già individuati assieme al patronimico. La proiezione di un filmato pilota che illustrava le modalità protocollari della cerimonia di consegna delle medaglie, la messa e la benedizione ha chiuso un incontro interessantissimo, in cui la Grande storia ha incontrato la grandezza dei ‘piccoli’ uomini che la fecero.

9 gennaio 2018 0

San Vittore non dimentica la Grande Guerra, al via gli incontri per il Centenario

Di admin

 

SAN VITTORE DEL LAZIO – “Il Centenario della Grande Guerra visto da San Vittore del Lazio e celebrato con una serie di iniziative che partiranno domani sera alle 18.00, presso la Sala consiliare di via Santa Croce, con un convegno”.

Lo si legge in una nota del Comune di San Vittore del Lazio.

“L’amministrazione comunale guidata dalla Sindaca Nadia Bucci si era infatti attivata già da tempo, in sinergia con l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Frosinone, per avviare una serie di iniziative che potessero onorare non solo l’importante occasione storica, ma anche il tributo specifico che, in quei tragici frangenti che andarono dal 1914 al 1918 (1915 per l’Italia belligerante) il paese di San Vittore dovette pagare. In tal senso l’incontro storico culturale di domani avrà come scopo la presentazione del progetto “Commemorazione dei Caduti di San Vittore del Lazio”, una iniziativa a cui faranno seguito momenti celebrativi più diretti e coinvolgenti, calendarizzati per la primavera. Scopo precipuo è quello di studiare una Medaglia ricordo ed incrementare il “culto” dei luoghi “della Loro Memoria”. A tal proposito alla kermesse di domani presenzierà in veste di relatore, assieme alla stessa prima cittadina, anche il Cavalier Pompeo Terrezza, Presidente provinciale dell’Ancr”.

“A cent’anni di distanza  – ha affermato nella nota la sindaca Bucci – è d’obbligo ricordare come l’Europa, per ben 1569 giorni, dal 28 luglio 1914 fino all’11 novembre 1918, si trovò travolta da un conflitto sconvolgente. Sangue, freddo, morte fame, paesi e città attraversate da fronti, armi distruttive, intere economie piegate alle esigenze belliche. Anche il Comune di San Vittore del Lazio – prosegue la prima cittadina nella sua nota – si appresta a celebrare questa importante ricorrenza a cominciare dall’incontro di domani, durante il quel verrà illustrato un meraviglioso progetto che tutti noi ‘dobbiamo’ ai cittadini sanvittoresi che persero la vita durante e a causa della Grande Guerra”.