Tag: centro

22 Maggio 2019 0

Inaugurato ad Ariccia il terzo centro Antiviolenza della Asl Rm6

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ARICCIA – “Si è svolta questa mattina l’inaugurazione del Centro antiviolenza “Piccoli Passi”, presso il presidio “Spolverini” di Ariccia, che ha come obiettivo prioritario quello di fornire risposte immediate e qualificate alle donne vittime di violenza, accogliendole e accompagnandole lungo un percorso di protezione e di recupero della propria autonomia. Il servizio è rivolto anche alle donne non italiane, grazie alla presenza di mediatrici linguistiche e culturali e garantisce consulenza sociale, psicologica e legale. Finanziato dalla Regione Lazio e attivato dalla Asl Roma 6 e dai Distretti sociali di Albano Laziale e Velletri, viene gestito dalla cooperativa sociale Girotondo Onlus”.

Lo si legge in una nota della Asl Roma 6

“I dati sulla violenza maschile contro le donne sono drammatici, lo sappiamo bene. Ma la frequenza con cui i femminicidi e le violenze sulle donne si rincorrono ogni settimana lascia senza fiato”, spiega nella nota Lorenza Bonaccorsi, Assessora alle Pari opportunità della Regione Lazio. “E proprio per questo, la battaglia della Giunta Zingaretti e della Regione Lazio a fianco alle donne prosegue senza esitazioni. Ogni giorno lavoriamo per ampliare la rete dei servizi, i progetti di prevenzione, il dialogo nelle scuole, il sostegno agli orfani delle vittime di femminicidio. L’inaugurazione del centro antiviolenza “Piccoli passi” di Ariccia è la nona struttura che inauguro in poco più di un anno ed è un altro segno tangibile del nostro impegno. Un impegno che si unisce a quello delle associazioni, dei Comuni, delle Asl, delle Procure, delle Forze dell’ordine e di tutti i soggetti che partecipano alla rete territoriale di contrasto del fenomeno”.

“L’apertura di “Piccoli passi” rafforza nel nostro territorio la rete di accoglienza, ascolto e protezione per le vittime di violenza di genere, prevista dal Protocollo interistituzionale firmato l’8 marzo 2018 fra la Asl Roma 6, la Procura della Repubblica di Velletri, i Comuni e le Forze dell’Ordine”, ha spiegato Narciso Mostarda Direttore generale della Asl Roma 6. “Abbiamo sempre creduto nella necessità di dare risposte certe e tempestive, stando al fianco delle persone in difficoltà attraverso i nostri operatori: questa iniziativa dunque si aggiunge all’insieme di presidi già operanti nella nostra azienda sanitaria a tutela delle donne e dei minori, come i Pronto soccorsi, i Consultori familiari, i Servizi di Salute mentale in età evolutiva e i Punti unici di accesso”.

“Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto con l’apertura del centro antiviolenza “Piccoli Passi”, fortemente consapevoli dell’importanza di avere sul nostro territorio strutture che possano accogliere le vittime del terribile fenomeno della violenza sulle donne. L’inaugurazione di questa mattina è un esempio di come, con il contributo di tutti, si possono dare risposte concrete basandosi su una solida rete di protezione costituita dai diversi soggetti: istituzioni, ASL, tribunali, Forze dell’Ordine e associazioni del Terzo Settore. Ogni forma di violenza che colpisce le persone più deboli è una ferita aperta che interessa tutta la comunità in cui viviamo”, ha detto il Sindaco di Albano Laziale, Nicola Marini.

“Il centro anti violenza ‘Piccoli passi’ è un’importante risposta del territorio alla violenza di genere. La funzione di sostegno alle vittime di abusi non solo aiuta a definire il percorso di protezione e tutela della persona, riesce anche nel non lasciare sole tutte quelle donne che con fatica riescono a compiere i primi passi di svincolo da un uomo violento”, ha affermato il Sindaco di Velletri, Orlando Pocci. “La strada da percorrere è ancora lunga, episodi di violenza di genere, che il più delle volte avvengono all’interno delle mura domestiche, sono gravi e diffusi; con strutture come queste si vuole dare attenzione e contrastare la violenza contro le donne con professionisti del settore e con una disponibilità h24. Attività di prevenzione, accoglienza e supporto sono alla base di una visione seria e impegnata alla lotta alla violenza di genere”.

“Il Centro si propone di restituire dignità alla donna vittima di violenza e ai suoi figli e si prefigge di costruire insieme al territorio una cultura condivisa contro ogni forma di abuso”, ha detto Paola Virgili, Presidente della cooperativa sociale Girotondo Onlus. “Fra i numerosi servizi forniti dal Centro, vi è l’assistenza telefonica h24 attraverso il numero379.1677172, collegato al Numero nazionale antiviolenza e stalking, 1522. Le operatrici del Centro sono due assistenti sociali e due psicoterapeute, affiancate da un’educatrice professionale e da un’altra psicologa. Un pool di avvocate specializzate in ambito civile e penale collaborano in maniera continuativa con il Centro per garantire assistenza legale”.

Sul portale della Asl Roma 6 (www.aslroma6.it) da oggi è presente la sezione “Stop alla violenza”, che contiene tutte le informazioni più utili sui servizi dell’azienda sanitaria attivati a supporto delle donne vittime di abusi:https://aslroma6.it/stop-alla-violenza

I Centri Antiviolenza della Asl Roma 6

“Piccoli passi”

Via delle Cerquette 2 oppure Via Chigi 48  Presso il presidio “Spolverini”, Ariccia (Roma) Tel. 379.1677172 (h24) Apertura: Lunedì, martedì e venerdì 9.00-12.00 Mercoledì e giovedì 16.00-19.00

“Marielle Franco”

Via Bachelet 13, Nettuno (Roma) Tel. 342.7962289 Apertura: Lunedì, mercoledì e giovedì 9.30-12.30 Martedì e venerdì 15.00-18.00

“Ricomincio da me”

Via Malpasso D’Acqua snc

Presso la Casa della Salute, Rocca Priora (Roma)

Tel. 379.1011191 Apertura:

Lunedì martedì e venerdì 15.00-19.00

Mercoledì, giovedì e sabato 9.00-13.00

18 Maggio 2019 0

VIDEO – Crolla palazzo di tre piani a Ceaprano, miracolati gli avventori di un bar

Di admin

CEPRANO – Una parte di un palazzo su tre piani è crollato oggi pomeriggio in pieno centro a Ceprano. Il crollo è avvenuto alle 17 circa in piazza Martiri di Via Fani vicino agli uffici della polizia locale.

Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco di Frosinone e altri soccorritori ma per fortuna non si segnalano vittime né feriti. La struttura era interessata da lavori di manutenzione, per questo era disabitata. Una tragedia sfiorata dato che sul lato opposto al crollo c’è un bar che al momento del crollo ospitava diversi clienti.

Al momento l’ipotesi più credibile è quella del cedimento strutturale ma su questo aspetto si dovrà indagare. Sul posto anche il sindaco di Ceprano Marco Galli che ha assistito ai primi momenti degli interventi per accertare che non vi fossero persone coinvolte dal crollo.

Ermanno Amedei

9 Maggio 2019 0

Inseguiti dalle corsie dell’A1 fino in centro a Pontecorvo, arrestati ladri d’auto

Di admin

PONTECORVO – Inseguiti dall’autostrada fino al centro di Pontecorvo. Momenti concitati quelli che si sono vissuti oggi nei pressi della Villa Comunale di Pontecorvo quando, in piazzale Porta Pia, è arrivata a tutta velocità un’auto inseguita da una pantera della polizia stradale della Sottosezione di Cassino.

Gli uomini del sostituto commissario Giovanni Cerilli hanno “agganciato” l’auto mentre procedeva in direzione sud sull’autostrada. Gli occupanti, per nulla intenzionati a fermarsi, hanno tentato di far perdere le loro tracce uscendo al casello di Pontecorvo e dirigendosi verso il centro tallonati dai poliziotti, sono arrivati fino in centro dove, però, sotto gli occhi dei passanti, si sono fermati tentando inutilmente di fuggire a piedi. Si tratta di due cittadini stranieri che avevano rubato l’auto e si dirigevano verso sud.

6 Maggio 2019 0

Frosinone, due ventenni rom in trasferta tentano furto in centro: denunciate dalla Squadra Volanti

Di redazionecassino1

 FROSINONE –  Pronto intervento degli uomini del Reparto Volanti della Questura in seguito a segnalazione di due persone sospette in un condominio: gli agenti le fermano e le denunciano per tentato furto.

Nella tarda mattinata di ieri, sulla linea di emergenza 113, giunge la segnalazione di due persone sospette all’interno di un condominio, all’altezza di via Aldo Moro, nella parte bassa del capoluogo.

L’operatore dirama prontamente la nota alle volanti presenti sul territorio, per i consueti servivi di prevenzione e contrasto dei reati predatori.

Gli agenti, giunti immediatamente sul posto, fermano le due giovani donne ancora all’interno dello stabile ed in possesso degli attrezzi del mestiere, due cacciaviti.

Dovranno rispondere, pertanto, di tentato furto.

 

 

 

12 Aprile 2019 0

Frosinone: stretta della polizia sui reati predatori in centro; furti nei supermercati: due arresti

Di redazionecassino1

FROSINONE – Durante l’ordinario controllo del territorio, intorno alle ore 20,00 della giornata di ieri 11 aprile febbraio, giunge su linea 113 richiesta di intervento nei pressi di un supermercato della zona bassa della città.

A chiamare la locale sala operativa è un dipendente dell’attività il quale segnala la presenza nei locali di due individui, un uomo e una donna, lui 37enne, lei poco più che maggiorenne, intenti a trafugare negli scaffali e celare prodotti all’interno dei propri abiti e borse al seguito.

Tempestivo l’intervento delle pattuglie del reparto volanti che individuano i due malfattori proprio all’uscita dell’esercizio commerciale; avevano occultato  diversi prodotti alimentari senza aver pagato in cassa:

Da un controllo sull’autovettura gli operatori, all’interno della stessa, rinvengono altri prodotti con marchio differente; in realtà la coppia aveva già fatto visita ad un altro supermercato della zona. Gli agenti insospettiti dalla presenza degli altri generi alimentari decidono di effettuare pertanto ulteriori accertamenti in quest’ultima attività dove constatano infatti l’avvenuta consumazione  di altri furti operata dalla stessa coppia con inconsueta destrezza..

Per i due, regolarmente coniugati, scatta l’arresto in flagranza.

29 Marzo 2019 0

Encomio solenne al carabiniere che salvò la bambina nel centro commerciale a Cassino

Di admin

ACQUAFONDATA – Durante la seduta straordinaria del Consiglio comunale di Acquafondata, mercoledì sera, il Sindaco ha inteso conferire un encomio solenne all’Appuntato TROTTA Luca, in servizio presso la locale Stazione Carabinieri.

La cerimonia si è svolta nella sala consiliare del suddetto Comune alla presenza del Prefetto di Frosinone Ignazio PORTELLI, del Questore Rosaria AMATO, del Comandante Provinciale Carabinieri di Frosinone Col. Fabio CAGNAZZO, del Comandante della Compagnia Carabinieri di Cassino Capitano Ivan MASTROMANNO, del Sindaco di Acquafondata Antonio DI MEO, del Sindaco di Viticuso EDOARDO Fabrizio, nonché i Comandanti delle Stazioni Carabinieri di Acquafondata e Vallerotonda, il Comandante della Stazione Carabinieri Forestale di Vallerotonda, una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Cassino ed una folta rappresentanza della cittadinanza.

Il riconoscimento al militare nasce dai fatti risalenti al 21 gennaio 2019, quando in Cassino, presso il Centro Commerciale “Panorama”, V. A., un bambino di circa tre anni, residente nella città Martire, a seguito di una caduta accidentale, seguita da un forte pianto, andava in apnea. I primi soccorsi venivano prestati dall’Appuntato TROTTA Luca, fuori servizio ed in compagnia della propria famiglia, il quale veniva richiamato dalle urla disperate dei genitori. Il militare interveniva in soccorso al bambino praticandogli un massaggio cardiaco esterno, in seguito dell’arresto respiratorio. Sul posto interveniva anche il personale della Sezione Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri e quello del 118, che trasportava il bimbo presso il Pronto soccorso dell’Ospedale civile di Cassino ove i sanitari lo tenevano in osservazione, fin quando non veniva dichiarato fuori pericolo, per poi essere seguito dai medici dell’Ospedale pediatrico “Bambino Gesù” di Roma, per la patologia dei cosiddetti “spasmi affettivi” per gli eventi pregressi.

28 Marzo 2019 0

Frosinone, sequestra 15 stranieri nella Curia Vescovile per estorcere danaro: arrestato 25enne ganese

Di admin

FROSINONE – La Squadra Volante della Questura, nel pomeriggio di ieri, ha tratto in arresto un 25enne ghanese, che dovrà rispondere di sequestro di persona ai fini dell’estorsione, resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Come ricostruito dagli agenti, intervenuti in seguito a segnalazione giunta sulla linea di emergenza 113, il giovane aveva sequestrato 15 persone presenti in una struttura di accoglienza, presso la Curia Vescovile, sita in Viale Volsci, nella parte bassa del capoluogo. Il gesto era finalizzato ad estorcere denaro. Ad aggravare la sua posizione anche l’atteggiamento violento mostrato all’arrivo dei poliziotti nel tentativo di dileguarsi; a seguito dell’aggressione subita due agenti rimanevano feriti.

20 Marzo 2019 0

Da Frosinone ordina di incendiare centro benessere a Brescia, arrestato 58enne

Di admin

FROSINONE – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, nelle province di Brescia (BS), Frosinone (FR), Bari (BA), Roma (RM) e Latina (LT), militari dei Comandi Provinciali Carabinieri e della Guardia di Finanza di Brescia e nonché dello S.C.I.C.O. della Guardia di Finanza di Roma e dei Comandi Provinciali Carabinieri territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’ufficio GIP del Tribunale di Brescia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 5 persone – di cui 1 straniera – responsabili a vario titolo, in concorso, di incendio (Artt. 110, 112 e 423 cp), riciclaggio (Artt. 110, 648 bis) e trasferimento fraudolento di valori (Artt. 110 e 512 bis cp).

Nello specifico sono stati sottoposti a custodia cautelare in carcere tre italiani; agli arresti domiciliari, invece, una donna rumena e un italiano.

Inoltre è stata data esecuzione a 14 decreti di perquisizione locale e personale relativi a 20 obiettivi.

L’indagine, condotta dalla Tenenza della Guardia di Finanza e dalla Compagnia dei Carabinieri di Desenzano del Grada, protrattasi nel periodo settembre 2018 – marzo 2019 e diretta in ogni fase dall’Autorità Giudiziaria, ha tratto origine dall’incendio doloso avvenuto il 10 settembre 2018 che distrusse completamente il centro benessere “Il Bello delle donne” ubicato nella zona commerciale che sorge all’intersezione delle vie La Malfa e Chiese del comune di Desenzano del Garda. Lo sviluppo investigativo, condotto dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza ciascuno per gli aspetti di rispettiva competenza, ha permesso di far emergere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei soggetti in ordine ai reati contestati.

Il mandante dell’incendio, F.L. 58enne residente in provincia di Frosinone (FR) inoltre, nel corso delle indagini, unitamente ad altro complice, effettuava diversi sopralluoghi destinati verosimilmente all’esecuzione di un “sequestro lampo” in danno di esponenti di una società toscana di custodia valori i cui caveaux avrebbero in seguito dovuto divenire teatro di una rapina.  .

Le attività investigative hanno evidenziato che F.L. avrebbe organizzato e condotto le illecite attività con la complicità degli altri 4 soggetti colpiti dalla misura cautelare: 2 di loro hanno materialmente eseguito l’incendio, mentre gli altri 2 si sono resi responsabili del trasferimento fraudolento di valori e del riciclaggio con riferimento ad ingenti somme nelle disponibilità del principale indagato.

Le indagini hanno altresì dimostrato una fiorente e attuale progettualità criminale, avente ad oggetto la reiterazione di incendi dolosi, minacce nei confronti di appartenenti alle Forze dell’Ordine e danneggiamenti a concessionari d’auto dettati da sentimenti di vendetta.

Nell’ambito di tale contesto investigativo, l’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro di 4 immobili, 2 conti correnti postali e un’autovettura Mercedes GLE 4 Matic

Le attività di pg, attualmente in corso, hanno permesso di sequestrare anche 2 armi clandestine e relativo munizionamento, un silenziatore, copioso carteggio contabile, bancario e attinente al programmato sequestro di persona in Toscana, documenti falsi e denaro contante.

12 Febbraio 2019 0

Frosinone, II edizione di “Artincentro” per lo sviluppo del centro storico

Di redazionecassino1

FROSINONE – Si aprirà giovedì 14 febbraio alle 18 la seconda edizione di ArtInCentro, organizzata dall’associazione culturale ArtQube con il patrocinio del Comune di Frosinone -assessorato al centro storico. La manifestazione, in linea di continuità con gli investimenti economici e di programmazione dell’amministrazione Ottaviani per lo sviluppo del centro storico, esplorerà il mondo delle contaminazioni contemporanee, con una serie di mostre d’arte a piazzale Vittorio Veneto. Dal 14 al 25 febbraio, esporrà le proprie opere Rocco Lancia; dal 26 febbraio all’8 marzo, spazio a DonnArte. Dal 9 al 18 marzo, sarà protagonista Rocco Alonzi, mentre dal 19 al 27 marzo sarà la volta di Isabella De Vivo e Giulia Meschino. Dal 28 marzo al 7 aprile, Paolo Fiorini; dall’8 al 14 aprile, Silvia Capoccia. Ultimo appuntamento dal 18 al 30 giugno con Annalisa Copiz e Cinzia Mastroianni.

“Sono orgogliosa di presentare questa seconda edizione di ArtInCentro con artisti che hanno formazioni diversificate, in questa piazza che è ormai diventata il “salotto” culturale e musicale della Città. Ciò che li accomuna è il piacere di partecipare e rendere partecipi degli eventi promossi da ArtQube, dal Comune di Frosinone e dall’assessorato al centro storico. La cornice dove le opere saranno esposte è sempre nella parte storica del capoluogo ciociaro ed è inclusa nel progetto Frosinone Alta”, ha dichiarato l’assessore Rossella Testa. “Torna ArtInCentro, con una seconda edizione ancora più ricca. Abbiamo voluto cercare in primis artisti contemporanei ed emergenti con nuovi linguaggi espressivi. Pittori, scultori, illustratori, fotografi alle prime armi, che illustrano idee non convenzionali, o mondi di fantasia elaborati con tecniche diverse, con lo scopo di far riflettere o semplicemente indurre al bello estetico”, ha dichiarato il curatore, Rocco Lancia.

3 Febbraio 2019 0

Incidente stradale in centro a Cassino, tre feriti in carambola di auto

Di admin

CASSINO – Incidente stradale nella tarda serata di ieri, in pieno centro a Cassino. Il sinistro è avvenuto poco dopo le 23 in piazza Garibaldi davanti alla stazione ferroviaria, all’incrocio tra viale Dante e Viale Bonomi.

A scontrarsi sono state tre auto: un’alfa, una Golf e una Peugeot. Sul posto sono accorse tre ambulanze del 118 e la squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Cassino.

Tre i feriti tutti trasportati in ospedale a Cassino, mentre le auto hanno riportato seri danni. Sulle cause dello scontro indagano le forze dell’ordine.

Ermanno Amedei