Tag: cervaro

22 novembre 2018 0

Atletico Cervaro in rampa di lancio: sorpresa o solida realtà?

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

È stata una prima parte di stagione molto intensa per l’Atletico Cervaro, ricca di soddisfazioni e vittorie, non senza qualche rammarico. Il cammino è molto lungo, si sa, ma chi ben comincia è a metà dell’opera. E questo Atletico ha davvero stupito tutti. La prima sfortunata partita in casa terminata con una sconfitta ha dato modo agli scettici di esprimere giudizi azzardati e prematuri. Ma i biancoazzurri hanno alzato la testa e stanno mostrando tutto il loro valore. Dopo 11 giornate i ragazzi di Mr. Gianni Fargnoli hanno raccolto la bellezza di 16 punti, occupando la settima posizione, a ridosso della zona alta della classifica (4 punti dalla terza). Ben 12 di questi punti sono arrivati lontani da casa, segnale di un gruppo unito, forte, che non ha paura di esprimere il proprio gioco anche lontano dai propri tifosi. Mentre è nettamente rivedibile lo score casalingo: al “Canale” i biancoazzurri hanno collezionato soltanto 4 punti. Hanno tenuto testa a squadre più blasonate, ottenendo punti su campi storicamente ostici e avversi. Come non ricordare il pareggio sul campo della Mistral Gaeta, arrivato a tempo quasi scaduto, o le belle vittorie sui campi di Monte San Biagio e di Monte San Giovanni Campano, o il più recente derby vinto a tempo scaduto ai danni del Real Cassino. Ogni partita è una battaglia, si lotta e si combatte a prescindere dal risultato. Si può vincere contro chiunque e perdere contro chiunque, ma in queste prime 11 giornate l’Atletico è sempre rimasto in partita, fino all’ultimo secondo. Il segreto è il gruppo: Mr. Fargnoli dispone di una rosa ampia, folta e ben costruita da una società solida e ben organizzata. C’è la linea degli over, i giocatori con più esperienza, i più navigati che stanno svolgendo un lavoro di unione e coesione del gruppo, dentro e fuori dal campo. E poi ci sono gli under che sono la vera splendida rivelazione di questo campionato: dal 2000 Cristian Grossi, che nonostante la giovane età sta mostrando qualità e personalità da vendere, al suo coetaneo Istrefi, in netta crescita nella ultime gare, passando per il grintoso Rufo, al preciso e ordinato D’Agnese, fino ad arrivare a Minchella, Massaccesi e De Luca, ottime alternative in corso partita. Insomma, la linfa verde dell’Atletico Cervaro sta lasciando tutti a bocca aperta. Note positive sono arrivate anche dalla Juniores di Mr. Vincitorio, che piano piano sta trovando la giusta strada per vivere da protagonista il campionato. Inoltre la sessione di mercato invernale è alle porte e il DG Aceti non nasconde di aver avuto contatti con alcuni giocatori che potranno rinforzare ulteriormente la rosa biancoazzurra. Dunque, il cammino è appena iniziato e il percorso sarà lungo e tortuoso, ma l’Atletico è in corsa per essere la vera e propria sorpresa di questo campionato di Promozione.

18 ottobre 2018 0

Calcio; Aceti, Dg di Atletico Cervaro, tuona: “Ora basta! Ci stanno mancando di rispetto”

Di redazionecassino1

Dal Dg Aceti dell’Atletico Cervaro riceviamo e pubblichiamo: “Quest’inizio di campionato è stato tutto sommato positivo per l’Atletico Cervaro, ma è stato senza dubbio condizionato da decisioni arbitrali scandalose che hanno condizionato partite e risultati. Nella partita in casa con Ferentino, un arbitro di Brindisi ha concesso agli ospiti due calci di punizione senza alcun senso che hanno portato il secondo ed il terzo gol degli ospiti. Perché a Cervaro viene un arbitro di Brindisi, con tutte le terne di Roma e dintorni? Nella trasferta di Gaeta in casa del Mistral, a 5 minuti dal fischio finale, il direttore di gara ha concesso un calcio di rigore molto generoso ai padroni di casa (dopo non averne concesso uno netto per l’Atletico Cervaro). Così sono volati via altri due punti. Nella trasferta di ieri a Vodice, ancora almeno tre episodi sfavorevoli: l’ennesimo rigore contro, l’ennesimo rigore non concesso e l’espulsione assurda di capitan Cappelli. Inoltre, in due trasferte in terra pontina, la terna proveniva da Latina, il che lascia pensare che qualcuno più importante di noi ci remi contro. Nelle prime 7 giornate, l’Atletico Cervaro ha collezionato 9 punti e si è piazzata in settima posizione. La classifica, senza tutti questi episodi sfavorevoli, sarebbe ben diversa. Stiamo diventando una squadra molto ostica e difficile da affrontare e il campo deve essere l’unico giudice del nostro lavoro. Non c’è domenica in cui si torna a casa senza rammarico per qualcosa che poteva essere ed invece non è stato: c’è sempre un arbitro che condiziona la partita e in un modo o nell’altro ti lascia l’amaro in bocca. Partite a tratti dominate in lungo e in largo, prestazioni singole e di squadra da incorniciare che però non sono bastate per conquistare il bottino pieno. L’Atletico Cervaro, nonostante sia una squadra ripescata, non deve essere considerata una matricola. È una società storica, ha partecipato al campionato di eccellenza anni fa e ora è ripartita da basi solide: un presidente, un direttore e una società seria, solida e organizzata, un allenatore preparato, oltre ad eccellenti calciatori. Meritiamo ed esigiamo rispetto da tutti, dalla federazione, ai dirigenti fino ad arrivare agli arbitri”.

9 ottobre 2018 0

Svaligiavano negozi a Pontecorvo, Ceprano e Cervaro: denunciati due campani

Di admin

PONTECORVO – I Carabinieri di Pontecorvo hanno denunciato due persone, un 41enne ed un 25enne , entrambi di Napoli e gravati da vicende penali  per reati contro la persona e il patrimonio, poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro dei reati di “furto aggravato e ricettazione”.

Si è arrivati all’identità dei due grazie ad una indagine che ha permesso di stabilire che nei mesi di gennaio e febbraio del 2018, hanno perpretato 4 furti commessi in danno di esercizi commerciali:

–       un negozio di telefoni cellulari sito in Pontecorvo, ove asportavano trenta telefoni, pc , tablet e la somma in contante dieuro 2.500;

–       un negozio di elettrodomestici, sito in Ceprano, ove asportavano la somma in contante di euro 500;

–       un’attività assicurativa ed un esercizio commerciale siti in Cervaro,  ove asportavano rispettivamente la somma in contante di euro 350 ed Euro 300.

11 settembre 2018 0

Rifiuti, mancato ritiro dell’umido a Cervaro: a san Giacomo monta la protesta

Di admin

CERVARO – Soltanto i residenti del Borgo San Giacomo a Cervaro si stanno organizzando per una azione decisa al fine di risolvere la questione della raccolta differenziata oramai effettuata una tantum dagli addetti al ritiro.

“La questione rifiuti così detti umidi già a Cassino sta generando non pochi problemi e qui a Cervaro sta assumendo contorni tragicomici – riferisce uno dei residenti. – Nella giornata di oggi 11 settembre solo in alcune strade del centro si è provveduto al ritiro mentre nelle campagne è diventata oramai abitudine lo smaltimento domestico o nelle letamaie o come mangime per gli animali da cortile. Ma nel nostro quartiere, a metà tra il borgo e la campagna non è data possibilità alcuna se non trattenere i rifiuti in giardino”.

Ed è proprio questa pratica di stoccaggio domestico che sta diventando rischiosa soprattutto perché potrebbe essere causa di una piccola emergenza sanitaria. Difatti i topi sono già attratti dai secchi stracolmi ed il fetore è insopportabile.

“Sicuramente il buon senso dei residenti porterà a gestire questa piccola e fastidiosa emergenza in modo serio e maturo… la stessa serietà che non hanno avuto gli amministratori nel NON COMUNICARE il mancato ritiro dei rifiuti -concludono in modo corale i residenti di Borgo San Giacomo”.

28 luglio 2018 0

Morte del cane Neve, il sindaco di Cervaro in procura per denunciare gli insulti

Di admin

CERVARO – Il sindaco di Cervaro Angelo D’Aliesio, ieri mattina in Procura ha Cassino ha presentato una denuncia contro gli innumerevoli insulti che gli sono stati rivolti soprattutto attraverso i social network a seguito della vicenda del cane Neve e della sua morte.

Alla querela, che ha presentato assistito dall’avvocato Sandro Salera, D’Aliesio ha allegato anche la comunicazione dell’istituto zooprofilattico Sperimentale del Lazio, che a eseguito accertamenti sul corpo del cane, che attesta l’assunzione di sostanze tossiche. Il cane, quindi, non sarebbe stato avvelenato.

Neve era quello che i residenti della località Pastenelle definivano un cane di quartiere: un meticcio di grossa taglia bianco, vagamente simile ad un Maremmano, che a novembre, probabilmente abbandonato, ha iniziato a vivere nella piazza Abate Rea. Ad occuparsi di lui quasi tutto il circondario. Accalappiato a maggio, è stato ritrovato morto in una zona impervia.

 

18 giugno 2018 0

I proprietari non ci sono e i ladri rubano la cassaforte, furto in casa a Cervaro

Di admin

CERVARO – Hanno aspettato che i proprietari si allontanassero di casa per alcuni giorni e i ladri, sicuramente più di uno, hanno fatto irruzione in una casa in via Tre Ponti a Cervaro, per rubare la cassaforte.

I malviventi non hanno peso tempo nel tentare di aprire la cassa metallica pesante circa due quintali conservata al primo piano dell’abitazione e, facendola scivolare lungo le scale, l’hanno portata al pian terreno e poi caricata su un qualche mezzo. All’interno pare vi fossero titoli, soldi e monili in oro per un valore compreso tra i 25mila e i 30 mila euro di beni non assicurati. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri della stazione di Cervaro.

23 maggio 2018 0

Cane accalappiato e morto a Cervaro, Anpana: “Vogliamo giustizia per Neve”

Di admin

 

CERVARO – “Abbiamo seguito dal primo momento l’evolversi della brutta storia di Neve, randagio ormai stanziale della zona, a dire dei residenti, pacifico e ben voluto, trovato morto ammazzato un giorno dopo che è stato accalappiato e mai arrivato al canile”.

Lo dichiara in una nota Francesco Altieri, presidente di Anpana Frosinone.

“Dopo aver raccolto diverse informazioni, ci uniamo al gruppo di cittadini ed associazioni che vogliono giustizia. Questa purtroppo non è che l’ennesima storia tragica nel Comune di Cervaro, che denota da sempre una scarsa attenzione verso i randagi; è del 2015 la nostra comunicazione notizia di reato alla Procura di Cassino per un cane trovato decapitato, proprio a Cervaro, delitto purtroppo impunito e per il quale non abbiamo ancora avuto notizie.

La Provincia di Frosinone ed il Cassinate hanno numeri da record per randagismo e le amministrazioni fanno poco o niente per controllare e prevenire il fenomeno. E’ cosa comune che i canili non vengano pagati per anni, tanto da arrivare a non prendere più in custodia i cani vaganti, questo sembra essere stato il caso di Neve”.

17 maggio 2018 0

Cane ucciso a Cervaro, denuncia ai carabinieri dei residenti: “Vogliamo la verità su Neve”

Di admin

CERVARO – Non si rassegnano al fatto che il responsabile della morte di Neve resti impunito e, per questo, alcuni residenti di Cervaro della località Pastenelle formalizzeranno questa mattina una denuncia ai carabinieri.

Neve era quello che loro definivano un cane di quartiere: un meticcio di grossa taglia bianco, vagamente simile ad un Maremmano, che a novembre, probabilmente abbandonato, ha iniziato a vivere nella piazza Abate Rea. Ad occuparsi di lui quasi tutto il circondario, compreso il proprietario di un ristorante e la mensa della vicina scuola.

“Era docilissimo e non ha mai minacciato qualcuno” assicura il gruppo di residenti che porta avanti la battaglia per la verità, “Anzi, venne aggredito da un cane padronale”. Fatto sta che a qualcuno ha dato fastidio la presenza dell’animale sulla piazza e ha fatto la segnalazione al Comune e sabato il cane è sparito perché accalappiato.

“Lunedì – dicono i residenti – abbiamo chiesto al canile la possibilità di riaverlo ma ci è stato detto che Neve era stato solamente accalappiato da loro e affidato a personale comunale e che nel canile non è mai entrato perché l’amministrazione di Cervaro ha grossi ritardi nei pagamenti. Ieri l’epilogo; quando ancora si cercava l’animale vivo, la sua carcassa è stata trovata abbandonata in una zona montuosa di Cervaro. Immediatamente recuperata è stata affidata ai veterinari dell’Asl perché stabiliscano cosa è accaduto a Neve e cosa ne ha causato la morte. Con la denuncia ai carabinieri, invece, si spera di arrivare ai responsabili di quella che sembra essere una “eliminazione”.

Ermanno Amedei

13 aprile 2018 0

Cervaro, Borgo S. Giacomo tra incuria e rischio incidenti: residenti dai Vigili Urbani

Di admin

CERVARO – Una delegazione dei residenti del Borgo San Giacomo si è recata ieri presso il comando dei vigili urbani nel municipio di Cervaro per denunciare nuovamente lo stato di stallo in cui versa l’area lottizzata nell’ultimo decennio.

L’azione è stata mossa dall’ennesimo incidente sventato in via De Angelis Curtis.

“Erano le prime ore della mattina di mercoledì – riferisce un residente – quando, uscendo dal mio vialetto, mi sono reso conto che una vettura guidata da una signora non accorgendosi del vialetto (non segnalato in quanto manca l’opportuna segnaletica e i dossi dissuasori – ndr) mi stava venendo addosso. Solo la fortuna ha voluto che non accadesse nulla considerato che sono riuscito prontamente ad inserire la marcia ed avanzare in direzione opposta. Chiaramente la signora alla guida si è fermata e nel chiedere scusa ha sottolineato che non vi fosse alcun segnale che indicasse il vialetto”.

Questa è una delle realtà del Borgo San Giacomo. Alcuni segnali infatti sono franati a terra l’anno scorso a causa del forte vento di Cervaro rendendo insicura la viabilità; a peggiorare la situazione si segnala anche che metà l’illuminazione notturna è fuori uso e di conseguenza metà della borgata è al buio. Il paradosso sta poi nella manutenzione del così detto verde pubblico. Ci sono delle aree destinate a parchetto ma mai dotate di giochi o panchine promesse in campagna elettorale , come ci riferisce uno dei residenti.

Infine, e qui si scivola nell’italica virtù della sopravvivenza, qualcuno in modo spontaneo ma a quanto pare non autorizzato dal comune, ha provvisto al taglio di una fascia di erba alta in previsione del caldo, delle zanzare e delle zecche che spesso si annidano nel verde incolto e possono arrecare danno alle persone ed ai propri animali d’affezione.

29 marzo 2018 0

Dopo l’articolo de Ilpuntoamezzogiorno, Acea ripara la perdita d’acqua a Cervaro

Di redazionecassino1

CERVARO – È risaputo che il mestiere di giornalista non sempre è visto di buon occhio dall’opinione pubblica, ma a volte i fatti smentiscono questa convinzione. Alcune volte, tuttavia, dalle segnalazioni che, numerose, giungono alla nostra redazione si riescono a risolvere piccoli problemi quotidiani dei cittadini e dei lettori.

È stato il caso che appena due giorni fa abbiamo segnalato sul nostro quotidiano, Ilpuntoamezzogiorno.it. relativo ad una perdita da molto tempo segnalata dai residenti di Cervaro e che creava loro non pochi problemi, disagi e anche qualche danno.

Bene. Il lettore autore della segnalazione ha voluto anche informarci che il problema è stato risolto dopo la pubblicazione del nostro articolo.

Sarà stato un caso oppure la nostra segnalazione ha avuto il ‘potere’ a risolvere il problema? Non lo sappiamo con certezza. Sappiamo tuttavia che i residenti hanno risolto l’inconveniente e di questo siamo lieti. Per una volta lo siamo ancor di più per aver contribuito a questo risultato attraverso il nostro lavoro capillare sul territorio.

La redazione